IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

lunedì 28 febbraio 2011

ALDO ARPE




Da questo momento ho l'onore ed il privilegio di avere tra i nostri il grande Aldo.

Non dico nulla...solo lascio parlare attraverso le sue vignette e i suoi commenti ed articoli.

Benvenuto

Gian Luca

Ireland, Greece: brothers in arms?

By Jens Bastian

The past week provided two very different expressions of citizens’ frustrations in Greece and Ireland, the two members of the European Union at the forefront of the year-long sovereign debt crisis in the eurozone.

While Irish voters in Dublin, Cork and Limerick went to the polls, Greek citizens in Athens, Thessaloniki and Patra vented their anger by staging a week of industrial action, culminating in Wednesday’s 24-hour nationwide general strike. While people voted with their hands in one country, citizen exercised their rights with their feet and fists in the other.

In Dublin, we will now see a new government taking office. The results of the general election on Friday could not have been any clearer. More than 70 percent of the electorate cast ballots and the outcome swept the ruling coalition from power. It was the first defeat for a eurozone government since the onset of the debt crisis. The change of power in the new Dublin parliament, the Dail, produced the biggest swing in Irish politics since 1932. It’s nothing short of a democratic revolution achieved at the ballot box.

After 14 years in power, the center-right Fianna Fail has to digest its worst defeat in history. In Dublin it only won one out of 47 available seats. The anger toward the governing coalition was widespread and unrepentant. It also affected the junior partner in government, the Green Party, which lost all of its six seats and will not return to parliament.

The electoral tsunami underlines how comprehensively both parties were blamed for the property and banking crash of the past two years, leading to the humiliating IMF-EU bailout in December 2010.

The new governing coalition parties of Fine Gael (right-of-center) and Labour have a large majority in parliament. They now face the daunting task of trying to combine a renegotiation of the terms of the EU-IMF bailout with the implementation of the harsh budgetary measures needed to confront the fiscal crisis, banking sector liabilities and a deepening economic recession.

The reaction of Greeks

In contrast, the overriding majority of citizens in Greece went about their normal business and sought to get to work, despite the disruptions caused by the numerous strikes in public services and transportation. The first general strike of the year against the government’s austerity policies was a familiar replay of the events and paralysis that the previous five general strikes created during 2010. Yet again, journalists joined the walkout, forcing Greeks to turn to foreign media in order to learn about domestic affairs.

Over the course of the past months, the number of participants in demonstrations on the streets of Athens has been constantly shrinking. Meanwhile, the level of violence displayed during these rallies by a minority mob seeking to highjack them continues to be an all too familiar scene. The cause of those citizens demonstrating is not helped in the least by thugs who project an image of defiant Greece that tacitly supports violence to an international audience.

Exasperation with cuts to their income, allowances and pensions -- in particular in the public sector -- characterizes many citizens’ anger in both Greece and Ireland. This legitimate perception is based on two key assumptions that the George Papandreou government in Athens and the new coalition in Dublin have to confront. In both countries there is a pervasive feeling among most citizens that they are caught in the cogs of larger economic forces and financial players.

Neither country wants to be seen simply as taking orders from the EU or IMF. It is difficult enough for the Irish to come to terms with the steep fall from surging Celtic Tiger to class bad-boy. In both countries, the precipitous fall from prosperity to ruin has not yet reached its conclusion.

Under these circumstances we should not underestimate the fact that a change-resistant culture is alive and kicking in both countries. Resistance to structural reform is particularly strong where entrenched interests are being challenged.

Opening up so-called closed professions in Greece through legislative changes, a myriad of groups including pharmacists, lorry drivers and lawyers, continues to be resisted, including by members of Parliament across political divides, among which are many lawyers, notaries and other representatives of these liberal professions.

In Ireland, the single issue that unites both members of the outgoing government and the victorious opposition parties is defending the country’s pro-business corporate tax rate. This grand coalition in Dublin will fight “tooth and nail” to safeguard the 12.5 percent rate as non-negotiable against the perceived predators from Berlin, Paris and Brussels, who are seeking an increase in a corporate rate that is half the European Union’s average.

The corporate tax rate in Greece, currently at 25 percent, is due to fall to 20 percent in incremental steps by 2014. But this is where the commonalities between the two countries end.

In the Greek case, resisting change and watering down legislative initiatives to open up closed professions is a means to keep competition out of these sectors, prevent innovation from gaining ground and to safeguard the special interests of organized minorities.

In contrast, as controversial as the 12.5 percent Irish corporate tax rate has become for other countries in the EU, over the past decade the tax option has been used to attract investment from companies such as Google, Microsoft Corp, Dell computers, the drug producer Pfizer and financial sector firms from as far away as Hong Kong. Even firms from countries whose governments are opposed to the low corporate rate have numerous subsidiaries across the island -- for example, 250 German companies operate in Ireland.

Geography is one reason that prevents Ireland and Greece, at the continent’s opposite ends, to be the first port of call for overseas investment. But both countries have taken different paths to mitigate this constraint. Public expenditure, fiscal deficits and corporate tax rates increased in Greece during the past decade. In the Irish case, until 2010, the country showcased itself as the “Celtic Tiger” and EU poster child as regards budget deficits, public debt levels and low corporate tax rates.

Both countries are now seeking to confront their mountain of problems in consumer spending and challenges arising from government austerity measures by supporting an export-driven economic recovery. Reducing the current account deficit in Greece and improving the country’s export capacity is a major external anchor toward escaping from its worst recession on record. In the case of Ireland, it is less about regaining overseas sales then retaining high export volumes.

Export-led growth

The recovery prospects in both countries thus face huge domestic constraints and critically depend on defining an economic agenda based on export-led growth.

But in terms of foreign direct investment, export-focused companies and ease of doing business, Ireland is in a much better position than Greece. In the frontline politics of corporate taxation, including adherence to tax codes and combating tax evasion, Dublin’s point of departure relative to Athens’s is much more advantageous and appears sustainable over time.

By contrast, the policies of sectoral and professional liberalization in Greece have yet to reach their culmination, let alone unleash the competitive potential of such industries. Until this structural reform process translates into feasible gains in the real economy across Greece, Ireland will continue to be some distance ahead.

In this context, it is not necessarily essential for Ireland to successfully defend the current corporate tax rate. What the controversy with other EU competitors highlights is not so much how low or high rates should be, but the absence of a common, converging tax base across the European continent. The Irish corporate tax rate debate has, in fact, opened up a window of opportunity to discuss more broadly in what kind of tax regime the EU 27 and the eurozone’s 17 members want to conduct business in the future.

Competitiveness pact

The recent Franco-German proposal for a competitiveness pact includes the harmonization of Europe’s corporate tax base. Furthermore, the EU Commission in Brussels has tabled a plan in which companies would pay taxes in the countries where they make sales rather than where they are based and registered. Such a proposition, if adopted, would immediately and adversely affect Ireland.

In both cases, there is a rocky road ahead to travel. The Papandreou government in Athens and the incoming coalition government in Dublin have to grapple with the political acceptability of harsh austerity programs. Moreover, they must ensure their legitimacy over time, despite the measures being perceived as unfair by large parts of society in Ireland and Greece.

But Ireland may now have an advantage, which will be closely followed in Greece. As the new government takes office and seeks to renegotiate the terms and conditions of the EU-IMF bailout package, it shall discover how much leverage it has at its disposal and what flexibility the two funding institutions are willing to display. Particularly the portion of financial assistance that comes from the European Union is a major bone of contention in Dublin. The loans carry an interest rate of 5.83 percent far higher than what Greece, in similar dire straits, is currently being charged.

In that respect both countries are brothers in arms. They need greater flexibility in the conditions of financial rescue arrangements that many feel are more of a burden than a rescue package. The risks are high, including unilateral insolvency or joint default.

The course of events in Dublin and Athens is difficult to predict. Both countries will remain at the forefront of attention when charting their reform trajectories and seeking broader solutions to the ongoing eurozone crisis. The major difference between Greece and Ireland on the one side and remaining members of the eurozone on the other is that citizens in Athens and Dublin understand the distress caused by what is happening to them. Their peers in Portugal, Italy, Spain and elsewhere across the continent may find out sooner rather than later what that feels like.

* Jens Bastian is a Visiting Fellow for Southeast Europe at the University of Oxford’s St Antony’s College.

ekathimerini.com , Sunday February 27, 2011

AIUTI USA ALLA LIBIA? SI. E DI QUALSIASI GENERE

Pronti gli USA a dare “qualsiasi aiuto” all’opposizione in Libia

Gli Stati Uniti si sono dichiarati "pronti" a fornire "qualsiasi tipo di aiuto" all’opposizione libica, ha dichiarato la segretaria di Stato, Hillary Clinton, a bordo dell’aereo che l’ha portata a Ginevra, in Svizzera, per participare oggi, lunedì 28, ad una riunione del Consiglio dei Diritti Umani della ONU sul tema, ha riportato AFP.

La segretaria di Stato nordamericana ha ammesso Washington "era in contatto con numerosi libici che cercano di organizzarsi nell’est di questo paese".

"Prima deve terminare il regime, e senza spargimenti di sangue", ha detto.

"Vogliamo che (Gheddafi) se ne vada e che ritiri i suoi mercenari", ha aggiunto la Clinton.

Le sue dichiarazioni sono state espresse poco dopo che due senatori statunitensi, il repubblicano John McCain e l’indipendente Joe Lieberman, hanno stimato che gli Stati Uniti dovrebbero riconoscere il governo di transizione in Libia ed offrire aiuti agli insorgenti.

Le manifestazioni popolari contro e a favore del leader libico sono continuate in varie località.

Una grande mobilitazione ha marciato con le bandiere verdi e le foto di Gheddafi verso la capitale, Tripoli, mentre l’opposizione manifesta nella piazza centrale di Zawiyah, domandando la su rinuncia, ha riportato l’inviato speciale di Telesur, che ha ricordato che il Governo libico " ha dato l’ordine di non attaccare i manifestanti".

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha imposto sanzioni contro il Governo libico, che prevedono, in particolare, il congelamento dei Conti Correnti e dei Beni di Gheddafi e di alcuni dei suoi familiari, così come la proibizione d’uscire dal paese e l’embargo alla vendita di armi; inoltre che la Corte Penale Internazionale (CPI) de L’Aia faccia investigazioni su crimini di guerra o contro l’umanità.

Da Bengasi (a est), Telesur ha informato che l’opposizione in questa regione non vuole l’intervento straniero e cerca si formare un’unità nelle zone che sono sotto il controllo di quello che hanno chiamato "Consiglio Nazionale della Libia Libere" per "riportare la normalità nella città". (Traduzione Granma Int.)

GRANMA, 28/2/11

TRAFFICO E CERVELLO

Il traffico altera l'attività cerebrale
In caso di grave affaticamento compaiono salve di attività elettrica simile ai cosiddetti fusi alfa del sonno: un algoritmo computerizzato è in grado di individuarle

MILANO - Per il cervello 20 minuti di guida nel traffico non sono molto diversi da 20 minuti passati a zappare un campo di grano. All’elettroencefalogramma si osservano infatti le stesse alterazioni di attività elettrica: onde cerebrali alfa alternate ai cosiddetti fusi del sonno. Mentre il ritmo alfa normale (onde di 8-12 Hertz, cioè in media 10 cicli al secondo con un’ampiezza di 40-50 microvolt) si registra a riposo quando si sta a occhi chiusi e completamente rilassati, in caso di grave affaticamento compaiono salve di attività elettrica simile ai cosiddetti fusi alfa del sonno. Secondo uno studio in pubblicazione su Clinical Neurophysiology e condotto dai ricercatori tedeschi delle università di Tübingen, Regensburg e Düsseldorf in collaborazione col Dipartimento di psicologia e medicina del traffico del Federal Highway Research Institute tedesco, la comparsa di questi fusi insieme a onde alfa in una persona che sta guidando rappresenta il miglior indice di affaticamento cerebrale.
ALGORITMO - I fusi alfa sono treni di onde di 12-16 Hertz che compaiono per pochi secondi prima dello stadio 2 del sonno non REM, quello medio, e indicano che il cervello ha bisogno di riposo. Se arrivano quando stiamo guidando è meglio lasciar stare il volante e prendersi una pausa. Nello studio tedesco si sono presentati sia in laboratorio con un simulatore di guida, sia con guida reale nel traffico cittadino. I ricercatori hanno messo a punto un particolare algoritmo computerizzato in grado di individuare automaticamente la comparsa dei fusi alfa anche quando un normale elettroencefalogramma non li distingue, che sarà per ora utile negli studi clinici dell’attività cerebrale e che in futuro potrebbe magari essere integrato in un microsensore cutaneo da indossare come occhiali e collegato a un allarme da tenere sul cruscotto nei lunghi viaggi per avvertire il guidatore quando è meglio fermarsi in un autogrill.


Cesare Peccarisi, CORRIERE DELLA SERA
24 febbraio 2011

GRAMMY AWARD 2011: L'OSCAR, INSOMMA

La pellicola di Hooper conquista
la statuetta per il miglior film
e altri tre riconoscimenti
LOS ANGELES
La 83esima edizione degli Oscar non ha presentato grandi sorprese, almeno per quello che riguarda i riconoscimenti maggiori. Il premio per il miglior film della stagione è stato assegnato a «Il discorso del re». Incoronati come migliori attori protagonisti, Colin Firth che ha dato il volto al re balbuziente, Giorgio VI d’Inghilterra, e Natalie Portman, sofferente etoile ne «Il Cigno nero».

LA STAMPA, 28/2/11

Il dramma storico senza eccessi di Tom Hooper, che partiva super-favorito con 12 nomination, ha conquistato 4 riconoscimenti in tutto (tre dei maggiori): è stato premiato anche per migliore regia e per la sceneggiatura originale. Il film ha sorpreso la stessa industria cinematografica per il suo successo travolgente: con un budget di 13 milioni di dollari, manca di effetti speciali, ma il racconto dei faticosi sforzi del re per superare il suo balbettio con l’aiuto di uno stravagante logopedista, ha incantato il pubblico e finora ha già raccolto 180 milioni di dollari in tutto il mondo.

La vittoria come miglior attore era attesa per il 50enne Colin Firth: il suo ritratto del re riluttante ad assumersi i doveri del trono ha incantato tutti, non solo i critici. «Ho la sensazione che la mia carriera abbia raggiunto il picco», ha detto l’emozionatisimo attore inglese sul palco. Molto noto per le sue commedie romantiche come quelle della saga di Bridget Jones, Firth era stato candidato anche l’anno scorso per il ruolo di un professore omosessuale nel film «A single man».

Natalie Portman, incantevole protagonista del «Cigno Nero», ha vinto l’Oscar del cinema come miglior attrice. In attesa del suo primo bebè che nascerà la prossima estate, la Portman è la quinta a conquistare l’ambita statuetta con il pancione.

Ecco i premi assegnati nell’83/ma edizione degli Academy Awards:

- FILM: Il discorso del Re
- REGIA: Tom Hooper (Il discorso del Re)
- ATTORE PROTAGONISTA: Colin Firth (Il discorso del Re)
- ATTRICE PROTAGONISTA: Natalie Portman (Il cigno nero)
- ATTORE NON PROTAGONISTA: Christian Bale (The Fighter)
- ATTRICE NON PROTAGONISTA: Melissa Leo (The Fighter)
- FILM D’ANIMAZIONE: Toy Story 3
- FILM STRANIERO: In un mondo migliore (Danimarca)
- SCENEGGIATURA ORIGINALE: David Seidler (Il discorso del Re)
- SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: Aaron Sorkin (The social network)
- CORTO D’ANIMAZIONE: The Lost Thing
- FOTOGRAFIA: Wally Pfister (Inception)
- SCENOGRAFIA: Robert Stromberg e Karen ÒHara (Alice nel paese delle meraviglie)
- COLONNA SONORA ORIGINALE: Trent Reznor e Atticus Ross (The social network)
- SONORO: Lora Hirschberg, Gary A.Rizzo, Ed Novick (Inception)
- MONTAGGIO SONORO: Richard King (Inception)
- TRUCCO: Rick Baker e Dave Elsey (Wolfman)
- COSTUMI: Colleen Atwood (Alice nel paese delle meraviglie)
- CORTO DOCUMENTARIO: Strangers No More
- CORTO D’AZIONE: God of Love
- DOCUMENTARIO: Inside Job
- EFFETTI VISIVI: Paul Franklin, Chris Corbould, Andrew Lockley e Peter Bebb (Inception)
- MONTAGGIO: Angus Wall e Kirk Baxter (The social network)
- CANZONE ORIGINALE: We Belong Together (di Randy Newman per Toy Story 3)

Iran, manette ai capi dei riformisti

Stretta delle autorità a 15 giorni dalla manifestazione di Teheran «Musavi e Karrubi agli arresti»
Nuovo giro di vite delle autorità iraniane contro i capi dell’opposizione del movimento “onda verde”. Secondo il sito web Kaleme sia Mir Hossein Mussavi che Mehdi Karrubi sono stati arrestati. Il figlio di Karrubi ha confermato che il padre è stato portato via da casa da agenti delle forze di sicurezza e trasferito in una località sconosciuta. Una misura di cui avevano già parlato ieri i siti dell’opposizione, sottolineando che essa riguardava anche l’altro leader del fronte anti-governativo.

«Preoccupazione» per la sorte di Mussavi e Karrubi è stata espressa oggi dai governi di Francia e Germania, mentre alcuni siti affermano che i due sarebbero stati rinchiusi in case sotto la sorveglianza dei Guardiani della rivoluzione (Pasdaran), nei pressi di Teheran.

I due leader dell’opposizione sono praticamente agli arresti domiciliari da una quindicina di giorni. Da quando cioè i loro siti hanno diffuso appelli ai loro sostenitori perchè tornassero in piazza per la prima volta dopo oltre un anno. Il 14 febbraio migliaia di manifestanti sono tornati a manifestare ma sono stati fronteggiati da un ingente schieramento di forze anti-sommossa. Negli scontri due giovani hanno perso la vita. E per domani, 69/o compleanno di Mussavi, altri appelli a manifestare per chiedere la liberazione di Mussavi e Karrubi sono stati diffusi su Internet. Uno dei figli di Karrubi, citato d

al suo sito Sahamnews, ha detto di avere appreso da vicini di casa che il padre e la madre sono stati portati via da agenti dei servizi di sicurezza nella notte tra giovedì e venerdì. E giovedì nelle strade del centro di Teheran un ingente schieramento di polizia e miliziani islamici Basiji era tornato a farsi vedere, senza un apparente motivo.

Il procuratore generale, Gholamhossein Mohseni-Ejei, pur non confermando la notizia, ha accusato l’opposizione di essersi trasformata in un movimento «controrivoluzionario» e ha detto che i movimenti e i contatti di Mussavi e Karrubi sono «attualmente ristretti». L’alto magistrato ha anche messo in guardia gli oppositori dal tornare a manifestare domani, affermando che «chiunque violerà la legge dovrà rispondere delle sue azioni».

Il portavoce del ministero degli Esteri francese, Bernard Valero, ha espresso «preoccupazione» per la sorte di Mussavi e Karrubi. Uguale inquietudine è stata manifestata dal portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert, che ha chiesto alle autorità di Teheran di dire alle famiglie dove sono detenuti i due e di garantire loro l’accesso ad avvocati.

LA STAMPA, 28/2/11

SUZANNE ROTOLO

Addio a Suzanne Rotolo la musa di Bob Dylan
Aveva 17 anni quando nel Village incontrò il cantautore ventenne da poco arrivato a New York. Fu lei a introdurlo negli ambienti radicali e politicizzati della metropoli. E fu lei a comparire sulla copertina-icona di Freewhelin'. Ma a metà degli anni Sessanta le loro strade si divisero

dal nostro inviato ANGELO AQUARO, LA REPUBBLICA, 28/2/11

CHIEDO SCUSA PER I DUE NECROLOGI DI OGGI MA ANNIE GIRARDOT E SUZANNE ROTOLO (Copertina del disco "The freewheelin' Bob Dylan") ERANO DUE GRANDI PROTAGONISTE DI OGGIDI'.

NEW YORK - "Era la cosa più erotica che avessi mai visto. Incontrarla fu come saltare nei racconti delle Mille e una notte. Cominciammo a parlare e la mia testa cominciò a girare". La donna che mezzo secolo fa fece girare la testa a un ventenne di nome Bob Dylan è morta dopo una lunga malattia in questa New York lontana anni luce dal quel villaggio di artisti che lei stessa contibuì a costruire. Non c'è fan di Bob Dylan che non abbia fatto la sua conoscenza: Suzanne Rotolo era la ragazza che compare su quell'icona che è la copertina di Freewhelin'. Sottobraccio al suo Bob nel cuore del Village: l'immagine di un tempo felice fatto di musica e amore. E lotta.

Suze era tre anni più giovane di Robert Zimmerman quando - appena diciassettene - incontrò quel giovane chitarrista folk che sventolava il repertorio di Woody Guthrie in un bar italiano tra Mercer e West Fourth Streets. L'incontro che cambiò la storia della musica giovane e ribelle. Fu quella ragazzina a introdurre Bob da poco arrivato a New York negli ambienti più radicali e politicizzati della metropoli. Lei, la piccola attivista "italiana", la figlia di due immigrati di seconda generazione già integrati nella controcultura newyorchese: il padre illustratore, la madre giornalista dell'Unità, la versione americana del quotidiano comunista. Lei, la giovanissima intellettuale che svezzò il provinciale venuto da Duluth, Minnessota, parlandogli di Picasso e Cezanne,
cantandogli le poesie maledette di Rimbaud. E raccontandogli della tragedia del popolo nero riassunta dalla morte del piccolo Emmett Till che ispirò a Dylan una delle prime canzoni di protesta.

Bob e Suze erano i giovani principi del Village. E A Freewheelin' Time: A Memoir in Greenwich Village in the Sixties si intitola non a caso il bel libro di memorie che Suze pubblicò tre anni fa. "Freewheeling" vuol dire "a ruota libera". "Ma l'alleanza tra me e Suze" ricorderà Bob "finì per non essere esattamente una passeggiata nel bosco". Due caratteri forti. Con lei troppo ribelle per accontentarsi del ruolo di musa. E lui ricco di quel genio troppo grande per restare rinchiuso nel Village. "Lei prese una strada e io un'altra" ricorderà Dylan nelle sue Cronache. Per la verità la strada di Bob si era già incrociata con quella di Joan Baez. Ma prima di finire tra le braccia della regina del folk mister Zimmerman perse letteralmente la testa per quell'"italiana" bella e testarda. Quando nel '62 Suze seguì la madre in Italia e visse "in esilio" nell'Università per stranieri di Perugia a lei Bob dedicò disperato Tomorrow is a Long Time: domani è troppo lontano.

Poi dopo tre anni le loro strade si separarono davvero. Il suo attivismo la portò a imbarcarsi per Cuba e a difendere fino all'ultimo - e tra molte polemiche - il regime di Fidel Castro. Sposò un italiano. Continuò a vivere nel suo Village lavorando come insegnante e illustratrice. Solo per il film documentario di Martin Scorsese No Directions Home decise di parlare per la prima volta di Bob. Per poi raccontare tutto nel suo libro-confessione.
Ricorderà Dylan: "Quante notti ho trascorso sveglio a scrivere canzoni per poi mostrargliele e domandare: 'Va bene così?'". Va bene, è andata bene, è andata benissimo così.
(28 febbraio 2011)

ANNIE GIRARDOT




Addio Annie Girardot
icona del cinema, francese e mondiale
L'attrice si è spenta a Parigi a 79 anni. Da tempo affetta da morbo di Alzheimer, era stata una delle più prestigiose interpreti fra gli anni Sessanta e Settanta. Il primo grande successo con il ruolo della prostituta in "Rocco e i suoi fratelli"

di ANNA ZIPPEL, LA REPUBBLICA, 28/2/11

PARIGI - Jean Cocteau l'aveva definita "il più bel temperamento drammatico del dopoguerra". E pensare che Annie Girardot, nata a Parigi nel 1931, prima di cominciare a frequentare il conservatorio per poi passare alla Comédie Francaise avrebbe dovuto fare l'infermiera. Se n'è andata a 79 anni nella città in cui aveva visto la luce, dopo che i suoi ricordi di una vita erano già stati spazzati via dal morbo di Alzheimer che l'aveva colpita qualche anno fa.

Dopo diverse apparizioni nei cabaret e nelle riviste, la Girardot debutta nel cinema nel 1956, ma la celebrità internazionale arriva nel '60, quando Luchino Visconti le affida il ruolo della prostituta Nadia in "Rocco e i suoi fratelli", accanto ad Alain Delon e Renato Salvatori, l'attore italiano che sarebbe poi diventato suo marito e padre della figlia Giulia.

Durante la sua lunga carriera, la Girardot lavora con registi come Roger Vadim ("Il vizio e la virtù" del '63), Mario Monicelli ("I
compagni", dello stesso anno), Claude Lelouch ("Vivere per vivere" del 1967) e Marco Ferreri, con il quale dipinge per 'La donna scimmia' (1964) uno dei personaggi femminili più grotteschi, ma al tempo stesso commoventi e delicati del cinema, accanto a un Ugo Tognazzi cinico e crudele come mai; poi - ancora con Ferreri ma insieme a Michel Piccoli - il celebre "Dillinger è morto", del 1969.

Nel '65 riceve alla Mostra di Venezia la Coppa Volpi come migliore interprete femminile per il film 'Tre camere a Manhattan' di Marcel Carné; nel 1977 ottiene il César come miglior attrice per la sua interpretazione nel film "Il caso del dottor Gailland", premio che le verrà riconosciuto anche nel 2002 per il suo ruolo nel film 'La pianista' di Michael Haneke, dove duetta con Isabelle Huppert in un morboso rapporto sadomaso madre-figlia.

Ancora con Haneke, realizza nel 2005 il suo ultimo film, 'Niente da nascondere', girato poco dopo la pubblicazione della sua autobiografia intitolata 'Partir, revenir' (Partire, tornare), scritta nel 2003 forse anche con la consapevolezza che l'Alzheimer avrebbe presto cancellato ogni ricordo. Sarà poi Giulia, la figlia nata dall'amore con Renato Salvatori, a rivelare il dramma della malattia nel libro 'La Memoire de ma mere', la memoria di mia madre, e a raccontarne anche gli aspetti più crudeli in un documentario andato in onda nel 2008, in occasione della 15ª giornata mondiale dell'Alzheimer.

(28 febbraio 2011)

BLOCCATI GLI INCENTIVI PER LA GREEN ECONOMY

Sit-in di protesta al ministero
Romani insiste: 'Stop incentivi'
Associazioni ecologiste e di categoria contro l'annunciata norma che rischia di uccidere la green economy. "A rischio non solo l'ambiente, ma anche migliaia di posti di lavoro". Ma il ministro non cede

di VALERIO GUALERZI, LA REPUBBLICA

ROMA - Un sit in-conferenza stampa davanti al dicastero dello Sviluppo Economico, un tentativo (fallito) di incontrare il ministro Paolo Romani e un disperato appello al ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo perché prenda finalmente posizione con un'iniziativa forte. Sono queste le ultime carte giocate da associazioni ambientaliste e organizzazioni di categoria per cercare di salvare la neonata "green economy" italiana dalla scure del governo. Questa mattina rappresentanti di Legambiente, Greenpeace, Wwf, Fondazione per lo sviluppo sostenibile, Kyoto Club, Ises, Anev, Aper, Assoenergie futuro e Assosolare si sono date appuntamento davanti al ministero per ribadire le nefaste conseguenze del decreto sulle rinnovabili 1che il consiglio dei ministri si appresta a varare giovedì prossimo.

Un provvedimento che contiene almeno tre punti "killer":

1) Stop agli incentivi previsti dal conto energia per il fotovoltaico una volta raggiunto l'obiettivo degli 8mila MW installati. Una potenza a suo tempo ipotizzata per il 2020, ma che secondo i dati del Gestore dei servizi energetici (Gse) verrà raggiunta in realtà nel giro dei prossimi mesi. Facile capire che gli effetti sul comparto sarebbero catastrofici, con un blocco immediato da parte delle banche dei finanziamenti di nuovi impianti.

2) Taglio retroattivo del 30% per gli incentivi per l'eolico. Anche in questo caso il messaggio sarebbe fin troppo chiaro: meglio stare alla larga dagli investimenti nelle rinnovabili perché sono una zona franca dove tutto è possibile, compresi provvedimenti in grado di penalizzare anche chi ha già tirato fuori i soldi.

3) Introduzione di aste al ribasso per gli impianti oltre i 5 megawatt.

L'attesa dei manifestanti è stata però vana. L'incontro con il ministro infatti non c'è stato perché Romani era impegnato a Milano. Anche fosse stato in sede, si sarebbe trattato però probabilmente di un dialogo tra sordi, visto che il responsabile dello Sviluppo Economico intervenendo a un convegno nel capoluogo lombardo ha ribadito che "bisogna interrompere un meccanismo di incentivazione all'energia rinnovabile che è costato 20 miliardi di euro tra il 2009 e il 2010 agli italiani". "Noi - ha insistito - siamo un paese prevalentemente manifatturiero, molte aziende pagano l'alto costo dell'energia e il costo delle rinnovabili è sulle spalle dei cittadini italiani che in conto bolletta hanno pagato 20 miliardi di incentivi tra il 2009 e il 2010 in cambio del 4,5% di energia prodotta".

Motivazioni, quelle di Romani, che da tempo ambientalisti e associazioni di categoria denunciano come false 2. "Dopo aver concimato accuratamente il terreno con dosi massicce di calunnie, definendole nemiche del paesaggio, un costo insostenibile per la collettività e un ricettacolo di soldi sporchi, il governo è pronto ora a sferrare l'attacco finale a quell'insieme di norme che dopo tanti stenti ha finalmente permesso la nascita anche nel nostro paese di un'industria delle rinnovabili", denuncia Rossella Muroni di Legambiente. Un atteggiamento che gli ambientalisti denunciano come strumentale al tentativo di presentare il ritorno all'atomo come unica alternativa percorribile. "Ormai è chiaro - spiega il presidente dei Verdi Angelo Bonelli - Il governo Berlusconi ha deciso di cancellare il settore delle energie rinnovabili e del fotovoltaico per favorire gli affari delle lobbies del nucleare".

A segnalare che i tempi sono mutati, le preoccupazioni di stampo ambientalista questa mattina sono passate però paradossalmente quasi in secondo piano davanti alle motivazioni economiche. In un comunicato congiunto i promotori della protesta ricordano infatti come "ci sono 44mila famiglie tra eolico e fotovoltaico" che rischiano di trovarsi senza lavoro, con una norma che "passa sopra al volere del Parlamento". Un dato che il presidente di Assosolare Gianni Chianetta innalza a quota 120 mila posti di lavoro a rischio. Altro elemento di allarme, spiega il senatore del Pd Francesco Ferrante, è il fatto che la norma Romani provocherebbe "danni enormi in termini economici e in previsione del raggiungimento dell'obiettivo del 20% della produzione energetica da fonti rinnovabili entro il 2020" fissato dall'Unione Europea.

Il brutale stop alle rinnovabili rappresenterebbe inoltre uno sgambetto a un comparto che in questi anni ha avuto la caratteristica, unica nell'industria nazionale, di essere anticiclico. Secondo le diverse valutazioni il fatturato 2010 del settore FV dovrebbe attestarsi infatti tra 25 e 40 miliardi di euro, quindi più del 2% del Pil 2010. Inoltre, stando ai dati citati dal sito specializzato Qualenergia 3, con il raggiungimento degli 8mila MW di potenza le tasse annuali pagate dal settore (sugli utili e sul personale) ammonterebbero in totale a circa 2 miliardi di euro, mentre quelle pagate dai soggetti responsabili degli impianti sarebbero di ulteriori 0,5 miliardi di euro, a fronte di costi previsti in bolletta per circa 3,7 miliardi di euro. Un bilancio destinato a migliorare ulteriormente se si considerano le multe evitate per le minori emissioni di CO2 rese possibili dalla diffusione del fotovoltaico e i costi evitati per la cassa integrazione (chiusura di aziende e licenziamenti) che viene pagata dallo Stato.
(28 febbraio 2011)

LA RIVOLTA E' NATA GRAZIE ALLA RETE

Benedetto Vecchi, IL MANIFESTO, 26/2/11

Quella rivolta trasportata da una nuvola di dati

Una generazione cresciuta con cous-cous e Rete. È questa la rappresentazione dominante dei giovani protagonisti delle rivolte che hanno cacciato gli autocrati tunisini, egiziani e che sono in prima fila in Algeria, Libia, Bahrain. Lo stesso era stato detto durante la sollevazione «verde» in Iran. Che i giovani siano l'elemento indiscutibile dei movimenti che stanno trasformando il Maghreb è cosa certa. Verrà il tempo capire gli elementi di questa trasformazione. Così come verrà il tempo per comprendere davvero le costellazioni culturali e emotive che hanno consentito, finora, a questa nuova generazione di sfuggire alle sirene del fondamentalismo islamico. Ma al di là delle incertezze analitiche sul «vento del Maghreb», l'elemento che emerge è l'uso accorto della Rete non solo per far conoscere al mondo cosa stava accadendo, ma anche per coordinare le mobilitazioni.
Oramai, si va in Rete attraverso il computer personale, ma anche attraverso i telefoni cellulari di ultima generazione. Uno scheletro digitale della comunicazione che entra in fibrillazione ogni volta che il conflitto politico e sociale riesce a sovrastare l'indistinto rumore di fondo che domina il web.
Le notizie provenienti dal Maghreb hanno spesso avuto la forma dei cinguettii di Twitter. Quei tweets hanno provocato un aumento delle «nuvole di dati» che si addensano, diradano e si riformano continuamente attraverso Facebook o, appunto, Twitter. Ovviamente, le rivolte così come le rivoluzioni non nascono in Rete, ma sarebbe segno di miopia analitica pensare ai conflitti sociali e politici indipendentemente da come funziona Internet. Ad esempio, è nel Web che il rapporto tra azione politica e opinione pubblica mostra tutta la sua ambivalenza. L'azione politica dei movimenti ha cioè bisogno dell'opinione pubblica, ma se si limita solo a influenzarla mostra tutta la sua fragilità.

La forza dei legami deboli
Esistono ancora miliardi pagine Internet e ogni giorno se ne aggiungono migliaia. E molte di queste sono allestite e gestite da mediattivisti, movimenti sociali, sindacati indipendenti. Ma le tonalità emotive dominanti nascono nelle chat-room, su Facebook, nei messaggi istantanei di Twitter. È in questo contesto che nascono affinità elettive, piccole o grandi comunità, facendo leva su «legami deboli» che tendono a confermare consolidate «visioni» della realtà. Ed è in questo contesto che nascono le «nuvole», che in termine tecnico sono chiamate cloud, che si formano, dissolvono, riformano, costituendo il fenomeno più rilevante della Rete negli ultimi anni, al punto che sono attentamente studiati per raccogliere dati, informazioni sulle tendenze ai consumi, gli stili di vita che emergono nel Web. Dati che vengono elaborati e «formattati» per essere proposti a chi vende spazi pubblicitari. Il successo economico di Google e di Facebook sta infatti nel proporre la rielaborazione delle «le nuvole di dati» ai potenziali inserzionisti. È in questa commistione tra discussione fine a se stessa e business che i cloud attirano l'attenzione anche dei movimenti sociali.
La parola d'ordine dei movimenti sociali dell'ultimo decennio - don't hate the media, become the media, «non odiare i media, diventa media tu stesso» - deve perciò essere ricontestualizzata in questo mutato scenario. I movimenti sociali hanno infatti appreso che il consenso alle loro posizioni dentro e fuori la Rete non è dato solo dall'aumento del numero dei contatti ai loro siti, bensì dalla capacità di condizionare i cloud, modificando cioè il flusso dei dati in maniera tale che un fatto, un «evento» diventino rilevanti, sovrastando il chiacchiericcio che caratterizza i social network. Che questa sia la tendenza in atto lo attesta anche la cura con cui Wikileaks ha sviluppato i meccanismi affinché cresca - dentro e fuori la Rete - l'attenzione alla pubblicazione di «dati sensibili». Anche in questo caso, Wikileaks ha lavorato affinché nascessero gli opportuni cloud per diffondere i materiali pubblicati sul suo sito.
Ci vorrà quindi del tempo per analizzare quanto questo abbia influito nei meccanismi di formazione dell'opinione pubblica e del consenso attorno a un «punto di vista». Per il momento, vanno semmai segnalati limiti e contraddizioni del cloud. Il primo limite è quello individuato da Jason Lanier, ingegnere e pioniere delle realtà virtuali, che da alcuni anni mette in evidenza come le «nuvole dei dati» possano determinare un impoverimento delle informazioni, perché vincolate a precisi meccanismi di standardizzazione e di semplificazione. Per stare in un cloud, sostiene a ragione Lanier, bisogna aderire a uno stile enunciativo «povero».
Un cultore della materia digitale, obietterebbe, con qualche ragione, che questo non è un problema, perché un argomento si arricchisce laddove il cloud si amplifica e cresce, evocando quel «potere della folla» che tanto piace ai paladini della democrazia liberali. Un'opinione ha sempre basi fragili, ma se viene arricchita da altri contributi, sostengono studiosi come Don Tapscott e Kevin Kelly, l'iniziale debolezza diventa potenza, perché è la folla che riesce ad arricchirla.
Il problema, tuttavia, non è quante persone intervengono a sostenere ed articolare meglio un'opinione o una informazione, bensì quale capacità abbiano nel modificare cioè che è veramente significativo, quando ci si trova di fronte a un movimento sociale e dunque alla politica: la modifica, cioè, dei rapporti di forza nella società. Tutto questo per dire che un cloud, meglio l'opinione pubblica, non si riesce mai a rappresentare. Si manifesta, emerge magari con clamore, condizionando così l'operato del sovrano, ma poi si dissolve, lasciando flebili, se non effimere, tracce di sé.

La politica dell'attenzione
È questo il limite del cloud. Non la standardizzazione del messaggio, ma il suo carattere effimero. Inoltre, l'opinione pubblica non crea egemonia. Crea cioè attenzione, interesse, ma non quella capacità che Edward Said ha chiamato la spinta a far nascere un sistema di idee che modifica la realtà.
E tuttavia, altro dato interessante, l'esistenza del cloud delegittima le fonti dominanti dell'informazione e si pone come una potenziale alternativa ai media. Comunicazione povera e effimera, ma comunque capace di mettere in crisi i media mainstream. Ne sanno qualcosa gli Stati Uniti, che sono stati infatti scossi dalla «nuvola di dati» alimentata da Wikileaks.
La corsa ai ripari di Hillary Clinton, con le sue dichiarazioni a favore del Web in quanto strumento di libertà, evidenziano come un cloud può, nonostante la sua esistenza legata a precise contingenze, raggiungere una massa critica e diventare un fattore che attenta al controllo sui flussi di informazione.
L'uso della Rete da parte dei giovani del Maghreb ha messo in evidenza la fragilità, la debolezza degli apparati ideologici dei loro stati, ma ha comunque reso evidente che la circolazione delle informazioni consente di sovvertire i significati dominanti. Ma che una volta accaduto, la «nuvola di dati» perde il suo potere seduttivo e comunicativo. A quel punto il lessico politico deve ripiegare su altri e consolidati vocaboli, perché quello dell'opinione pubblica diventa semplicemente inservibile. Il problema da risolvere, dunque, è la costituzione di nuove istituzioni, di un nuovo ed egemonico sistema di idee che abbia il potere di rappresentare la realtà emersa dopo la rivolta e la cacciata dei tiranni.

sabato 26 febbraio 2011

LA LIBIA E LE SUE PRIGIONI

Home after a life in exile, the pilot tortured by Gaddafi
Catrina Stewart meets the former prisoner brutalised in a Libyan jail who returned to join his son in the fight to free Benghazi

Saturday, 26 February 2011, THE INDEPENDENT

When Attia al-Mansouri was released from a Libyan prison after 13 years, he swore he would never again set foot in a building occupied by members of Libyan leader Colonel Muammar Gaddafi's regime.

Walking through Benghazi's courthouse – now in the hands of protesters after days of bloody clashes – he believes he is close to seeing his dream of a free Libya realised. The regime of Colonel Gaddafi, who has ruled with an iron fist for 42 years, is tottering.

"I have been waiting for these days," he says, his eyes glistening. In ailing health, Mr al-Mansouri, 66, hastily returned from Jordan a few days ago, foregoing a critical operation on his chest to join the revolution in Benghazi, the eastern city that was among the first to fall to anti-regime protesters.

crack fighter pilot in his youth, Mr al-Mansouri can now do little but watch and advise from the sidelines. He has passed the mantle on to the youth, and to his son, Essam, to do the nation's bidding. Essam, 35, has been one of those in the vanguard of this revolution. In the first days of the clashes, he bought a gun for 3,500 Libyan Dinar – initially keeping the purchase from his father, who he knew would oppose it.

In a vivid portrayal of the regime's determination to suppress dissent at any cost, he describes how protesters last week marched on the central police station, and started throwing stones.

The police, he claims, opened the doors, beckoning the protesters in with handshakes, before shutting the door behind them and opening fire.

He got out – many didn't, he says – and later joined protesters attacking the military compound to which loyalist forces had retreated, using it as a base from which to fire on protesters.

Hundreds of protesters are believed to have been killed in the clashes that followed, and Essam thinks he killed four pro-government troops or African mercenaries. The turning point in the fight for the garrison came when one protester packed a car with explosives and rammed it into the front gate to breach their defences. The man was killed in the process, but it prompted the flight of the soldiers to the airport through underground tunnels.

"I'm proud of my son," says Mr al-Mansouri. "But I'm afraid for him. I have nothing except him."

Mr al-Mansouri missed seeing his son grow up. His wife was four months pregnant when he was caught up in a purge of alleged conspirators against Colonel Gaddafi in 1975.

More than 20 of his fellow Libyan air force officers were executed, but he was taken to prison, where he says he was tortured for 15 months. Guards would beat his feet and force him to run on shards of shattered lightbulbs before stringing him up by his hands.

He gingerly rubs his wrists, and for the first time in the interview, he lets out a sob, prompting a quick look of concern from his son. "I never cried. They tortured me and I never cried."

Walking through Benghazi, it is as if the floodgates have opened. Libyans embrace each other, tears streaming down their cheeks, convinced the end of the regime must be near.

But for years, many were afraid to say anything against the regime, only too aware of the possible reprisals. When Essam was only nine, he was jousting with friends, when his stick accidentally smashed a portrait of the Libyan leader. He was hauled in front of the internal security forces and military investigators, who accused him of doing it deliberately, suggesting that his jailed father had put him up to it.

A quarter of a century later, the childhood incident still rankles. But Essam holds Colonel Gaddafi responsible for much more than that. "When I came into this world, I didn't see my father. I don't have any brothers and sisters because of Gaddafi," he says.

Angry, but no longer cowed, Essam is part of an emboldened generation, inspired by the tumultuous events in neighbouring Tunisia and Egypt. The future of Libya is now in their hands, his father says. "What we couldn't do, they will do," he says.

Around the region

Iraq

Thousands marched on government buildings and clashed with security forces yesterday in an outpouring of anger that left 12 people dead – the largest and most violent anti-government protests in Iraq since unrest swept the Arab world.

In northern cities, security forces trying to push back crowds opened fire, killing nine demonstrators. In Anbar province in the west, two people were shot and killed, while in Baghdad, demonstrators threw rocks and scuffled with club-wielding troops who chased them down the street.

The protests, billed as a "Day of Rage", were fuelled by anger over corruption, unemployment and shoddy public services from the Shiite-dominated government. Shiite religious leaders discouraged people from taking part, greatly diminishing the Shiite participation and the overall crowd size.

In the Sunni enclave of Azamiyah, one of the residents said that people there did not want to attend because they feared being labelled Saddamists.

Khalil Ibrahim, one of the protesters in Baghdad, said: "We want a good life like human beings, not like animals." AP

Bahrain

Tens of thousands of anti-government protesters filled Manama yesterday to boost pressure for sweeping political concessions before possible talks to end nearly two weeks of demonstrations in the strategic Gulf island kingdom.

GUERRA ALLE DONNE DA PARTE DEI REPUBBLICANI STATUNITENSI

The War on Women
Published: February 25, 2011

EDITORIALE DEL NEW YORK TIMES

Republicans in the House of Representatives are mounting an assault on women’s health and freedom that would deny millions of women access to affordable contraception and life-saving cancer screenings and cut nutritional support for millions of newborn babies in struggling families. And this is just the beginning.

The budget bill pushed through the House last Saturday included the defunding of Planned Parenthood and myriad other cuts detrimental to women. It’s not likely to pass unchanged, but the urge to compromise may take a toll on these programs. And once the current skirmishing is over, House Republicans are likely to use any legislative vehicle at hand to continue the attack.

The egregious cuts in the House resolution include the elimination of support for Title X, the federal family planning program for low-income women that provides birth control, breast and cervical cancer screenings, and testing for H.I.V. and other sexually transmitted diseases. In the absence of Title X’s preventive care, some women would die. The Guttmacher Institute, a leading authority on reproductive health, says a rise in unintended pregnancies would result in some 400,000 more abortions a year.

An amendment offered by Representative Mike Pence, Republican of Indiana, would bar any financing of Planned Parenthood. A recent sting operation by an anti-abortion group uncovered an errant employee, who was promptly fired. That hardly warrants taking aim at an irreplaceable network of clinics, which uses no federal dollars in providing needed abortion care. It serves one in five American women at some point in her lifetime.

The House resolution would slash support for international family planning and reproductive health care. And it would reimpose the odious global “gag” rule, which forbids giving federal money to any group that even talks about abortions. That rule badly hampered family planning groups working abroad to prevent infant and maternal deaths before President Obama lifted it.

(Mr. Obama has tried to act responsibly. He has rescinded President George W. Bush’s wildly overreaching decision to grant new protections to health providers who not only will not perform abortions, but also will not offer emergency contraception to rape victims or fill routine prescriptions for contraceptives.)

In negotiations over the health care bill last year, Democrats agreed to a scheme intended to stop insurance companies from offering plans that cover abortions. Two bills in the Republican House would go even further in denying coverage to the 30 percent or so of women who have an abortion during child-bearing years.

One of the bills, offered by Representative Joe Pitts of Pennsylvania, has a provision that would allow hospitals receiving federal funds to refuse to terminate a pregnancy even when necessary to save a woman’s life.

Beyond the familiar terrain of abortion or even contraception, House Republicans would inflict harm on low-income women trying to have children or who are already mothers.

Their continuing resolution would cut by 10 percent the Special Supplemental Nutrition Program for Women, Infants and Children, better known as WIC, which serves 9.6 million low-income women, new mothers, and infants each month, and has been linked in studies to higher birth weight and lower infant mortality.

The G.O.P. bill also slices $50 million from the block grant supporting programs providing prenatal health care to 2.5 million low-income women and health care to 31 million children annually. President Obama’s budget plan for next year calls for a much more modest cut.

These are treacherous times for women’s reproductive rights and access to essential health care. House Republicans mistakenly believe they have a mandate to drastically scale back both even as abortion warfare is accelerating in the states. To stop them, President Obama’s firm leadership will be crucial. So will the rising voices of alarmed Americans.

«Des Hommes et des Dieux», César du meilleur film

UOMINI DI DIO di Beauvois la fa da padrone ai Cesars del cinema francese.

LIBERATION, 26/2/11

Grand favori des 36ème César, Des Hommes et des Dieux, de Xavier Beauvois, est reparti avec celui du Meilleur film, partageant le palmarès avec Polanski, pour The Ghost Writer et Gainsbourg, Vie Héroïque.

Nommée dans onze catégories, l'histoire des moines de Tibéhirine, enlevés et assassinés en Algérie en 1996, est repartie avec trois récompenses.

Pour Beauvois, 43 ans, ce film délivre «la parole d'intelligence» des moines: «Une parole qui dit qu'il ne faut pas avoir peur des autres, il faut juste se parler. C'est un message d'égalité, de liberté, de fraternité».

L'occasion, pour le réalisateur d'une mise au point: «Je n'ai pas envie que dans la campagne électorale qui arrive, on dise du mal des Français musulmans. J'ai envie qu'on soit avec eux, c'est la leçon de ce film», a-t-il insisté.

Son frère Luc, Michael Lonsdale, a enfin été récompensé, pour la première fois à près de 80 ans, du César du Meilleur Second rôle: «Ah petit coquin, tu en as mis du temps!» a-t-il souri.

En revanche, Lambert Wilson a raté, à 52 ans et pour la 7ème fois, le César du Meilleur acteur, décerné à Eric Esmonino pour Gainsbourg, Vie héroïque de Joann Sfar.

The Ghost Writer, dont le montage a été bouclé alors que Roman Polanski était «en taule» en Suisse, comme l'a rappelé avec émotion le cinéaste franco-polonais, repart avec quatre trophées: meilleur réalisateur pour son auteur, meilleure adaptation (d'après un roman de Robert Harris), meilleure musique pour Alexandre Desplat et meilleur montage.

Pour Polanski, 77 ans, cette soirée a sonné comme un retour parmi ses pairs après les épreuves judiciaires de l'année passée, liées à des faits vieux de près de 30 ans.

Autres grands triomphateurs de la soirée, Gainsbourg..., trois compressions dont celles de Meilleur acteur et Meilleur premier film: pour Joann Sfar, auteur de BD jusqu'ici (Le Chat du Rabbin), cette reconnaissance «l'aide à se dire qu'il est vraiment un réalisateur de cinéma».

Ouverte par l'actrice américaine Jodie Foster, qui s'exprimait en français, la fête du cinéma français a d'abord longuement ovationné, debout, Olivia de Havilland: l'actrice américaine de 94 ans, inoubliable interprète d'Autant en emporte le vent, deux fois oscarisée.

Le César du Meilleur scénario original a récompensé le Nom des gens, qui a également valu le César de la Meilleure actrice à Sara Forestier: à 26 ans, la pétulante interprète déjà césarisée pour l'Esquive en 2005 a volé la vedette à Catherine Deneuve.

L'ancien Premier ministre Lionel Jospin qui tient son propre rôle dans le film avait pris place tout sourire dans le public.

Chez les Espoirs, Leïla Bekhti, 26 ans, a été distinguée pour son rôle dans Tout ce qui brille, de Géraldine Nakache et l'acteur vénézuélien Edgar Ramirez, 33 ans, pour sa prestation dans Carlos d'Olivier Assayas.

Par ailleurs, le premier César du film d'animation a couronné L'illusionniste de Sylvain Chomet, tandis que celui du meilleur court-métrage est allé à Logorama (de François Aloux, Hervé de Crécy, Ludovic Houplain), déjà récompensé d'un Oscar en février 2010.

Après Jodie Foster, Jean Rochefort avait lancé la soirée avec gouaille, convoquant parmi les nommés pour le meilleur maître de cérémonie «Nathalie Baye, Antoine de Caunes, Félix Potin, Ricky Gervais» et même le leader libyen dont les jours sont comptés, «Mouammar Kadhafi».

Enfin le cinéaste américain Quentin Tarantino a reçu un César d'honneur des mains de Diane Kruger et Christoph Waltz, ses acteurs dans Inglorious Bastards, dont il a «promis» qu'il ne lui donnerait «pas la grosse tête» avant de s'écrier en français: «Vive le cinéma!».

SOCIETA' ITALIANE HAN VENDUTO ARMI ALLA LIBIA

Des compagnies italiennes ont vendu de l'armement à la Libye
HEURE PAR HEURE
Alors que Berlusconi a déclaré qu'«il semble que Kadhafi ne contrôle plus la situation» dans le pays, le quotidien transalpin «Corriere della Sera» chiffre ces ventes à plusieurs dizaines de millions d'euros.

LIBERATION, 26/2/11

14 heures. L'Italie a vendu à la Libye du matériel militaire - explosifs, missiles et hélicoptères - d'une valeur de dizaines de millions d'euros ces deux dernières années, rapporte ce samedi le Corriere della Sera.

Le quotidien italien cite un rapport officiel du ministère de l'Intérieur qui énumère à la fois les contrats et les négociations en cours entre la Libye et plusieurs grandes compagnies d'armément italiennes comme le géant Finmecanica.

13 heures. La Chine annonce avoir évacué près de 16.000 de ses ressortissants. Ces travailleurs ont été évacués vers la Grèce, la Tunisie, l'Egypte et Malte où ils attendent de rentrer en Chine par avion. 700 Chinois sont déjà rentrés en Chine, précise le ministère dans un communiqué.

Environ 30.000 Chinois résidant en Libye étaient employés sur des chantiers de construction de logements, dans le pétrole ou les télécoms.

12 heures. «Il semble que Kadhafi ne contrôle plus la situation en Libye», a affirmé samedi à Rome le chef du gouvernement italien Silvio Berlusconi lors d'un rassemblement politique.

11 heures. Un navire transportant 2.200 Chinois évacués de Benghazi, épicentre de la rébellion en Libye, a accosté à La Valette.

Le ferry, affrété par le gouvernement chinois, transporte aussi «13 Maltais, 20 Croates, 4 Vietnamiens et 2 Italiens».

10 heures. Les six Libyens condamnés par contumace pour leur implication dans l'attentat d'un DC-10 de la compagnie française UTA en 1989 pourraient enfin être arrêtés alors que le régime de Mouammar Kadhafi est menacé, a estimé samedi l'ex-juge antiterroriste Jean-Louis Bruguière.

6 heures. Le Vénizélos, un ferry grec affrêté par la Chine pour évacuer ses ressortissants de Libye s'est ancré samedi dans le port d'Héraklion, en Crète, et ses 2.911 passagers ont commencé à débarquer.

Venu de Benghazi, la deuxième ville libyenne, aux mains des insurgés, le bateau est le troisième des ferries grecs mobilisé par la Chine pour l'évacuation vers la Crète de quelque 15.000 de ses ressortissants, sur un total de 33.000 travaillant en Libye.

5 heures. Une trentaine de Roumains et d'autres ressortissants de l'UE évacués de Libye sont arrivés samedi matin à Bucarest à bord d'un avion militaire, a annoncé le ministère de la Défense.

Un deuxième avion reste en expectative en Malte afin d'actionner «en urgence» pour d'autres éventuelles évacuations. Une cinquantaine de Roumains avaient déjà été rapatriés vendredi matin de Libye.

4 heures. Le président vénézuélien Hugo Chavez affirme qu'il soutient le gouvernement libyen mais qu'il n'appuie pas nécessairement toutes les décisions du colonel Mouammar Kadhafi tout en souhaitant la paix pour la Libye.

2 heures. Le président Barack Obama a indiqué vendredi que des sanctions américaines avaient été imposées contre le colonel libyen Mouammar Kadhafi à la suite de la répression menée par son régime contre les manifestants, et souligné qu'elles ne visaient pas les avoirs du pays..

1 heure. Un projet de résolution du Conseil de sécurité de l'ONU avertit Mouammar Kadhafi qu'il pourrait être poursuivi pour crimes contre l'humanité, ont indiqué vendredi des diplomates.

Ce projet de résolution, qui circule parmi les quinze pays membres du Conseil réunis à propos de la crise en Libye, évoque aussi des sanctions telles qu'un embargo sur les armes, un embargo sur les voyages du colonel Kadhafi et un gel de ses avoirs, selon ces diplomates.

Le projet de résolution indique également que la Cour pénale internationale (CPI) devrait enquêter sur les violences dans le pays.

CESAR 2011: VINCE "UOMINI DI DIO", MIGLIOR REGIA A POLANSKI

I César, grande premio francese del cinema, ieri sera a mezzanotte hanno assegnato il riconoscimento per il miglior film alla tragica storia dei monaci algerini raccontata da Xaviers Beauvois con Gli uomini di Dio, con Lambert Wilson e Michael Lonsdale che si è anche aggiudicato la statuetta come miglior attore non protagonista.

La giuria presieduta da Jodie Foster ha premiato anche Eric Elmosnino come miglior attore per la sua parte nella ricostruzione della vita del cantante Serge Gainsbourg, intitolato semplicemente Gainsbourg e diretto da Joann Sfar.

A Roman Polanski il Cesar per la migliore regista, quella di The Ghost Writer, un premio che il pubblico ha salutato con una standing ovation e che ha dato occasione al regista di ringraziare tutti coloro che l'hanno sostenuto durante il periodo trascorso in carcere.

Sarah Forestier è consacrata a sorpresa miglior attrice per Les noms des gens di Michel Leclerc, che ha avuto anche il Cesar per la miglior sceneggiatura originale, sbaragliando concorrenti famose come Catherine Deneuve (Potiche) e Kristin Scott Thomas (Elle s'appellait Sarah).

MONICA SCILLIA, http://www.doppioschermo.it, 26/2/11

IL DIRITTO D'AUTORE E LA RETE

LA STAMPA, 26/2/11

Una tavola rotonda per discutere delle sorti del copyright in Rete


GIUSEPPE FUTIA

«In alcuni Paesi, per la prima volta, stiamo assistendo a nuove forme di intensa partecipazione democratica». Dalle parole del commissario dell'Agcom Nicola D'Angelo, che hanno aperto la tavola rotonda dal titolo “Un diritto d'autore per tutti”, emerge la consapevolezza del ruolo fondamentale rivestito dalla rete a livello di mobilitazione sociale. L'incontro, svoltosi a Roma presso il Senato della Repubblica, ha rappresentato l'occasione per contribuire alla consultazione pubblica aperta da Agcom, che condurrà nelle prossime settimane alla stesura del Testo Unico sui media televisivi con le modifiche apportate dal Decreto Romani.

Ad Agcom verranno dunque affidati compiti di regolamentazione del copyright, i quali tuttavia, come riconosciuto da D'Angelo stesso, a causa delle implicazioni su diritti di rilievo costituzionale dovrebbero essere appannaggio del nostro Parlamento. Secondo Marco Pierani, responsabile degli affari istituzionali di Altroconsumo, occorre inoltre una moratoria per sottoporre il testo al vaglio di una schiera di avvocati, poiché l' “enforcement” sul diritto d'autore rischia di incidere pesantemente sulle possibilità di accesso da parte degli utenti all'informazione per mezzo di Internet.

In netto contrasto le posizioni di Paolo Marzano, presidente del Comitato consultivo sul diritto d'autore, che ha sottolineato come il copyright si rivolga alla valorizzazione della cultura, poiché essa stessa ha un costo e gli autori e i produttori di contenuti devono essere remunerati per i propri sforzi creativi. La pirateria invece, afferma Marzano, distrugge questo tipo di meccanismo. Dello stesso avviso è Matteo Mille, presidente di Business Software Alliance, il quale rivela come in Italia un software su due sia “piratato”, generando un perdita di circa 1,3 miliardi di euro all'anno.


Carlo Blengino del Centro Nexa su Internet e Società del Politecnico di Torino osserva come oggi si debba tener conto di una partecipazione corale alla produzione dei contenuti in cui i consumatori, nel caso delle “mash up”, divengono co-autori che spesso non hanno la forza economica necessaria per far valere i propri diritti. Oltre a ciò, un'offerta di contenuti svincolata dalle piattaforme, i cosiddetti “walled garden”, rappresenta un presupposto fondamentale per una vera e propria trasformazione di natura culturale.


A questo proposito, Vincenzo Vita, vice presidente della Commissione cultura del Senato, ha posto l'attenzione sulla necessità di mettersi al passo con una nuova fenomenologia che coinvolge la produzione ed il consumo dei contenuti, in cui sia favorito un approccio di tipo riformista piuttosto che restrittivo. A tal fine tuttavia, sono necessarie condizioni che in Italia, anche per la mancanza di infrastrutture adeguate, sono ancora in una fase embrionale. Antonello Busetto di Confindustria Servizi innovativi rileva come soltanto il 50 percento degli italiani usi Internet e di questi uno su cinque sfrutti sistemi di pagamento online. Un consumo legale non può prescindere da sistemi di pagamento sicuri, conseguibili attraverso una politica industriale volta a favorire investimenti sulla rete fissa e quella mobile.


All'interno del dibattito sono intervenuti anche gli Internet Service Provider, spesso chiamati in causa nell'applicazione di misure restrittive e di rimozione dei contenuti online. Dino Bortolotto, presidente di AssoProvider, evidenzia come gli Isp non dovrebbero essere coinvolti su ciò che transita all'interno delle loro reti, poiché questo implicherebbe ingenti sforzi economici. Oltretutto, afferma Paolo Nuti, presidente di Aiip, è impossibile applicare un filtraggio che non si aggirabile, in quanto Internet è stata progettata per funzionare in ogni caso. Ed è anche grazie a questo elemento che oggi, in alcuni Paesi, stiamo assistendo a una transizione democratica senza precedenti.

SMOG: MEZZA ITALIA E' FUORILEGGE

LA REPUBBLICA, 9/2/11

Smog, mezza italia è fuorilegge
pochi controlli, governo fermo
Milano e Brescia hanno consumato tutta la dote annuale di eccezioni consentita dall'Unione europea per le polveri sottili. E' l'Oms ricorda che l'inquinamento urbano - determinato principalmente dal traffico - produce 8.200 morti all'anno nelle 13 principali città italiane
di ANTONIO CIANCIULLO

TRENTACINQUE giornate da bocciare su 40. Non c'è male come inizio del 2011. Le città già fuori legge in questo primo scampolo di anno sono due. Milano e Brescia hanno consumato tutta la dote annuale di eccezioni consentita dall'Unione europea per le polveri sottili e ora, oltrepassati i 35 superamenti giornalieri del tetto di PM10, vanno avanti in uno stato di totale illegalità atmosferica. Costringono i loro abitanti a respirare un'aria considerata dannosa dalla legge italiana e dalla direttiva europea.

Ma non è finita. A un passo dal limite rosso c'è un bel grappolo di città. Frosinone e Monza stanno a quota 35 sforamenti (al prossimo sono fuori dalle regole); Lucca, Bergamo, Torino e Mantova stanno rispettivamente a 32, 31, 29 e 28 giorni di superamento; e a 27 troviamo Napoli, Lecco, Como e Asti. Non è difficile prevedere che, entro Pasqua, buona parte dell'Italia si troverà in una situazione di conclamato pericolo sanitario. E' l'Organizzazione mondiale di sanità, infatti a ricordarci che l'inquinamento urbano (determinato principalmente dal traffico) produce 8.200 morti all'anno nelle 13 principali città italiane.

Un danno sanitario già conteggiato. Un danno economico che si misurerà quanto prima: la Legambiente calcola che la multa comunitaria per la violazione della direttiva dovrebbe oscillare attorno ai 700 milioni di euro l'anno. "Abbiamo già perso fin troppo tempo e dovremo pagare le sanzioni dal 2008: a fine 2010 erano fuori legge il 17% del territorio e 30 milioni di abitanti, quest'anno potrebbe andare peggio", commenta il vicedirettore di Legambiente Andrea Poggio. "Certo se intervenissimo subito con un piano credibile potremmo probabilmente ottenere un miglioramento e una diminuzione della multa, ma il progetto giace nel cassetto del Consiglio dei ministri da dicembre".

Già, solo a dicembre, dopo essersi visto bocciare per ben due volte da Bruxelles un piano di risanamento atmosferico senza respiro nazionale, il ministero dell'Ambiente aveva finalmente delineato un progetto più ampio. E' arrivato a palazzo Chigi e lì è rimasto.

Quel piano prevedeva divieti di circolazione per i veicoli più inquinanti, misure per l'adeguamento di camion, autobus e pulman, un fondo per gli interventi sul riscaldamento degli edifici pubblici. Costo: un miliardo di euro l'anno per tre anni, poco più di quello che probabilmente si pagherà come multa. Inoltre - come fa notare Legambiente - calcolando che si potrebbe incassare qualche centinaio di milioni di euro di multe per chi viola la normativa, c'è la possibilità di finanziare, a costo zero, anche un piano di mobilità sostenibile basato sul rilancio delle bici, sulla pedonalizzazione, sul servizio di autobus a chiamata.

Non sarebbe difficile, ma ci vorrebbero norme precise, progressive e costanti per incoraggiare gli acquisti da cui la collettività trae un vantaggio. Invece, al momento, è più facile comprare e usare un suv che un pannello solare per farsi la doccia.

DUELLANTI: OSCAR 2011

L'ultimo duello tra il re e Facebook

"Il discorso del re" e "The social network" sono i favoriti per le principali categorie. Il verdetto domenica al Kodak Theatre

di RITA CELI, LA REPUBBLICA, 21/2/11

TUTTO è pronto per una delle edizioni più competitive degli Oscar. Non c'è nulla di scontato tra i nomi e i titoli selezionati dai membri dell'Academy of Motion Pictures Arts and Sciences, che celebreranno il miglior cinema del 2010 domenica 27 febbraio nella fastosa cerimonia al Kodak Theatre. Il discorso del re continua a collezionare premi e con dodici candidature (tre solo per gli interpreti, Colin Firth, Helena Bonham Carter e Geoffrey Rush) rimane il favorito per la corsa agli Oscar, ma contro ogni aspettativa in molti sono pronti a scommettere su The social network, che vanta otto nomination. Un paio in meno rispetto al remake Il Grinta dei fratelli Coen, che negli ultimi anni non si perdono una candidatura, e alla pari con Inception di Christopher Nolan, le cui otto candidature sono però distribuite nelle categorie tecniche. In gara per miglior film e regia c'è poi Il cigno nero di Darren Aronofski, anche se è la protagonista Natalie Portman la più quotata sulle cinque nomination ottenute.
Seguono, nella lista dei film con più candidature, The fighter con sette, tre delle quali tra gli attori non protagonisti, e 127 ore di Danny Boyle con sei. Tra i dieci titoli in gara nella principale categoria c'è anche Toy Story 3: è la terza volta che un film d'animazione compete nella sua categoria e in quella del miglior film dell'anno (dopo La Bella e La Bestia nel 1991 e Up nel 2009). Il film della Pixar, con cinque cadidature, è tra i film più visti del 2010 e nei soli Stati Uniti ha incassato 414 milioni di dollari (in Italia ha fatto 13,6 milioni di euro).
A promettere eventuali sorprese tra le migliori attrici protagoniste la 21enne Jennifer Lawrence di di Un gelido inverno, ma è difficile che possa spuntarla sul duello tra Nicole Kidman e la super favorita in dolce attesa Natalie Portman, entrambe candidate per parti struggenti e difficili: l'australiana nel ruolo di madre straziata dal dolore in Rabbit Hole e l'israelo-americana in quello di ballerina straziata dal perfezionismo. In gara anche Annette Bening e Michelle Williams.
A "inseguire" Colin Firth tra i protagonisti maschili ci sono invece Jeff Bridges nei panni che furono di John Wayne (che nel '70 vinse il suo unico Oscar per quel ruolo) in Il Grinta, Jesse Eisenberg per il ruolo del fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, in The social network, James Franco (che presenterà la cerimonia accanto ad Anne Hathaway) per 127 ore e Javier Bardem, unico straniero, per Biutiful.
Fra i non protagonisti oltre a Geoffrey Rush e Helena Bonhan Carter per Il discorso del re e la giovanissima Heilee Steinfeld per Il Grinta, ben tre piazzamenti nelle cinquine sono stati ottenuti dal cast di The Fighter: Christian Bale, tra i favoriti, Amy Adams e Melissa Leo. Fra gli attori concorrono anche Jeremy Renner per The Town e Mark Ruffalo per I ragazzi stanno bene, mentre fra le donne l'unica vera outsider è Jacki Weaver inaspettata candidata per Animal Kingdom.
Già digerita la sconfitta dell'Italia in sede di preselezione, tra i film stranieri sono in gara il dramma del messicano Inarritu Biutiful, il danese Un mondo migliore, il greco Gogtooth, il canadese Incendies, e il franco-algerino Hors la loi di Rachid Bouchareb.
Unica presenza italiana al Kodak Theatre è Antonella Cannarozzi, candidata come miglior costumista per il film, amatissimo in America, Io sono l'amore di Luca Guadagnino, ma dovrà vedersela con Colleen Atwood per Alice in Wonderland, Jenny Beavan per Il discorso del re, Sandy Powell per The Tempest e Mary Zophres per Il Grinta.

I NUOVI MASSACRI

Giuliana Sgrena, IL MANIFESTO, 26/2/11

La collera del «nuovo» Iraq

Pesante il bilancio della «giornata della collera» indetta ieri in Iraq sull'onda delle proteste in corso in tutto il mondo arabo: almeno nove morti, tre a al Hawija, 240 chilometri a nord di Baghad e altri tre a Mosul, sempre a nord e tre in altre località del paese, decine i feriti. La collera irachena è diretta contro la mancanza di servizi, la disoccupazione e contro la corruzione del potere.
Migliaia di persone sono scese in piazza a Baghdad per occupare la loro piazza Tahrir, nonostante l'imponente schieramento delle forze di sicurezza, che avevano eretto blocchi sul ponte Jumuriya che porta alla piazza della Liberazione. Gli agenti mobilitati erano decine di migliaia, mentre era stato vietato l'accesso alle auto nel centro della capitale irachena. Ma i manifestanti non hanno rinunciato alla protesta e hanno lanciato sassi contro le forze dell'ordine.
Il premier Nuri al Maliki, al suo secondo mandato dall'ottobre scorso, ha accusato i manifestanti di essere pro-Saddam o di essere al servizio del terrorismo di al Qaeda, ma i manifestanti, che portavano bandiere irachene, hanno sconfessato la visione del premier. I manifestanti di Baghdad hanno respinto qualsiasi appartenenza ideologica sostenendo che non vogliono una rivoluzione, ma semplicemente riforme per migliorare le loro condizioni di vita e per dare un futuro ai giovani. A otto anni dall'invasione anglo-americana dell'Iraq (George W. Bush e Tony Blair avevano promesso democrazia e sviluppo) nel paese mancano infatti ancora i servizi essenziali: elettricità, acqua, alimenti, assistenza sanitaria.
Manifestanti sono scesi in piazza per le stesse rivendicazioni in tutto il paese, da Mosul a Bassora (dove 4.000 persone hanno bloccato il governatorato), passando per Kirkuk e Falluja.
La protesta avrebbe provocato le dimissioni del governatore di Bassora, richieste dal premier al Maliki. Presi di mira gli edifici delle amministrazioni comunali, i tentativi di occupazione tuttavia sono stati impediti dalle forze dell'ordine che hanno sparato sulla folla sia a Mosul (dove la sede del consiglio è stata data alle fiamme) che ad al Hawija (vicino a Kirkuk). Gli scontri sono stati estremamente violenti soprattutto al di fuori della capitale, dove le forze dell'ordine hanno reagito alla protesta con le armi. Nella provincia di Anbar sarebbero stati arrestati alcuni manifestanti accusati di appartenenza all'ex partito Baath. Alla vigilia della manifestazione le forze dell'ordine avevano minacciato che non avrebbero tollerato nessuno slogan a favore del deposto regime, ma a quanto pare non sono stati necessari simili slogan per provocare la reazione della polizia e dei miliari.
La reazione pesantemente repressiva del governo tuttavia non sembra aver indotto gli iracheni a un ripensamento, continueranno a manifestare, hanno detto in molti, finché non otterranno migliori condizioni di vita.
Per la giornata della collera era rientrato in Iraq anche il leader radicale sciita Muqtada al Sadr, che da tre anni vive in Iran, a Qom, per studi religiosi, e ha guidato la preghiera a Kufa, vicino a Najaf. Il leader sciita alla vigilia della manifestazione aveva detto che pur sostenendo le rivendicazioni della protesta tuttavia non condivideva l'idea di scendere in piazza perché occorre dare al governo (che lui appoggia) una tregua di sei mesi per avviare le riforme che portino a un miglioramento delle condizioni di vita.
La protesta che sta sconvolgendo i regimi dittatoriali arabi non poteva non giungere in Iraq, dove i motivi della protesta non mancano, ma forse occorreva questa miccia per innescare la rivolta che, pur avendo dei precedenti, ora si sta allargando a macchia d'olio. Nonostante il premier al Maliki sembri voler ignorare le ragioni della rivolta tuttavia non potrà sostenere a lungo le accuse di legami tra le masse di manifestanti e al Qaeda o Saddam Hussein. Si tratta infatti soltanto di pretesti logori che non hanno funzionato in altri paesi e difficilmente potrebbero funzionare per l'Iraq.
E in questo senso potrebbe non essere un caso l'annuncio, arrivato proprio nel giorno delle grandi proteste contro il governo, che le forze di sicurezza irachene hanno ucciso Nasruddinallah Suleiman, considerato il leader di al-Qaeda in Iraq, suo «ministro della guerra» e numero due del cosiddetto Stato islamico iracheno. Suleiman sarebbe stato il braccio destro dell'emiro dello Stato islamico, Abu Bakr al-Baghdadi.
Il leader qaedista sarebbe stato ucciso in un blitz portato a termine dai militari nella parte occidentale della provincia di al-Anbar, roccaforte sunnita con forte presenza islamista.

LE DONNE E LA NAZIONE

Tamar Pitch, IL MANIFESTO, 26/2/11

Il corpo delle donne non è della Nazione

La nazione ha molto a che fare con le donne, ma niente con la loro libertà. Per questo il senso della manifestazione del 13 febbraio, o almeno il senso che sembra esserne stato ricavato in area Pd, è problematico, se non preoccupante. Sia in alcuni interventi precedenti che in molti commenti successivi, donne e Italia, donne e nazione vengono evocate come indissolubilmente legate, così che le donne simboleggiano il vero cuore della nazione (anzi, il suo «corpo»), ciò che la salverà. E del resto che fosse in gioco non soltanto la «dignità delle donne», ma quella della nazione è stato detto esplicitamente più volte.
In questo, ahimé, non vi è nulla di nuovo. Tutti i nazionalismi hanno usato e usano questa retorica, compresi naturalmente i fascismi. Non è difficile capire perché. Le donne, i loro corpi, rappresentano e custodiscono la «tradizione», e insieme ne promettono continuità e futuro. Per questo il dominio su di loro e i loro corpi è essenziale, così come, complementarmente, l'esclusione degli «altri» (maschi) dall'accesso a questi corpi stessi. Sessismo e razzismo (e omofobia) non solo vanno insieme ma sono in certo senso presupposti e risultati della nazione.
A differenza dello stato moderno, concepito come prodotto artificiale di un patto tra individui razionali a tutela dei loro diritti, la nazione è intesa e vissuta come prodotto storico, se non addirittura naturale (in ragione dei «legami di sangue»), che si pone prima dello stato e da esso deve essere rappresentata e difesa. La nazione non è la somma di individui la cui unica caratteristica è l'essere dotati di ragione. È, in certo senso, il suo esatto contrario, ossia il prodotto organico di relazioni tra soggetti incarnati e storicamente determinati, relazioni basate sulla comunità di lingua, di storia, di tradizione: e di «sangue». Se, dal punto di vista storico, molte nazioni moderne sono piuttosto il prodotto che non il presupposto dello stato, esse vengono invece vissute come ciò che lo legittima. In linea di principio, lo stato è inclusivo: chiunque può aderire al patto. La nazione invece è esclusiva: vi si appartiene per nascita. Lo stato prescinde dai corpi, la nazione ne è costituita. Lo stato non ha un corpo (e non vive, direbbe Brecht, «in una casa con i telefoni»), la nazione invece sì.
Quali corpi, quale corpo? I corpi degli uomini, votati al sacrificio supremo per difenderla, i corpi delle donne, da cui dipende il suo futuro. Il Corpo della nazione (basta vedere l'iconografia) è invece esclusivamente femminile, così come, è ovvio, la mente è maschile. Metafore, certo, ma performanti. E pericolose. In primo luogo per la libertà femminile, che si fonda precisamente sulla possibilità e capacità di disporre di sé, della propria sessualità e fertilità. Ora, è proprio questo che è impossibile per la tenuta e la continuità della nazione: il corpo delle donne deve essere soggetto a questi imperativi (tenuta e continuità), e questi imperativi, se possono mutare di contenuto a seconda delle esigenze (fare tanti figli o non farne affatto, per esempio), lo separano dai desideri e dalla volontà della singola, per sottometterlo a quelli di chi decide per il «bene della nazione».
Può capitare, ed è capitato, che si faccia appello alle donne e se ne richieda una sorta di protagonismo per «la salvezza» (o «la dignità») della nazione. Ciò non implica, perlopiù, un effettivo liberarsi delle donne: come si è visto spesso nei casi delle lotte di liberazione nazionale. Finita la mobilitazione, alle donne si impone di nuovo di essere le custodi di ciò che rende la nazione tale, le tradizioni, i legami di sangue, e di piegare i propri desideri , in primo luogo rispetto alla sessualità, in funzione di ciò che la nazione e il suo futuro richiedono. Insomma la nazione, la patria, la comunità, l'identità culturale sono costitutivamente nemiche della libertà femminile. Per la nazione, la patria, ecc., le donne devono essere mogli fedeli e madri degli uomini. Al massimo, madri della patria, cui ricorrere in tempi bui.
Ciò che questi soggetti collettivi (nazione, patria, comunità) escludono è la singolarità. Le donne sono un tutto unico e indifferenziato, la cui soggettività è bensì incarnata, ma nel senso che essa è interamente determinata dal corpo, il quale a sua volta è letto in base alle funzioni che gli sono attribuite. Abbiamo criticato lo stato e il diritto moderno, l'idea di libertà e il paradigma politico che vi sono connessi perché si fondano su un soggetto neutro e disincarnato. Tuttavia, se stato e diritto moderni sono pur stati strumenti di emancipazione, la nazione, viceversa, è sempre stato un ostacolo per noi e per la nostra libertà.
A ben vedere, ambedue, stato e nazione, poggiano precisamente su quelle dicotomie dominanti nel pensiero europeo che abbiamo cercato di decostruire inaugurando una idea e una pratica della politica diverse: soggetto-oggetto, natura-cultura, mente-corpo. Oggi, almeno in Italia, ci ritroviamo strette tra un'ideologia dominante che definisce la libertà personale come possibilità di scelta (razionale) di una «mente» separata dal corpo, il quale può dunque (e deve) diventare una merce come tutte le altre e un'ideologia confusa (e pericolosa) in cui si mescolano la tendenza a negare la singolarità e a dissolvere le differenze in un tutto indistinto, con il rischio di ricondurre il femminile a una qualche essenza consegnata nel corpo. Un corpo decoroso, beninteso. È questo impasto indigesto di decoro e maternage ciò che ci aspetta dopo Berlusconi?

venerdì 25 febbraio 2011

CESARS 2011: LE NOMINATIONS DEL CINEMA FRANCESE

QUESTA SERA I VINCITORI

da: PREMIERE

Les nominations des César 2011 viennent tout juste de tomber. Récapitulatif complet de la sélection 2011.
Le 25 février 2011, les César seront remis au théâtre du Chatelet. La cérémonie sera présidée par Jodie Foster qui succède à Marion Cotillard , tandis qu' Antoine de Caunes remplacera Valérie Lemercier et Gad Elmaleh comme maître de cérémonie. L'Académie des César vient de dévoiler la liste officielle des nommés.

Meilleure adaptation :
Julie Bertucelli pour L'Arbre
Robert Harris et Roman Polanski pour The Ghost Writer
Eric Lartigau et Laurent de Bartillat pour L'Homme qui voulait vivre sa vie
François Ozon pour Potiche
Bertrand Tavernier , Jean Cosmos et François Olivier Rousseau pour La Princesse de Montpensier

Meilleur espoir masculin :
Pio Marmai pour D'amour et d'eau fraiche
Edgar Ramirez pour Carlos
Arthur Dupont pour Bus Palladium
Raphael Personnaz pour La Princesse de Montpensier
Grégoire Leprince Ringuet pour La Princesse de Montpensier

Meilleure espoir féminin :
Audrey Lamy pour Tout ce qui brille
Leila Bekhti pour Tout ce qui brille
Yahima Torres pour Vénus Noire
Anais Desmoustier pour D'Amour et d'eau fraîche
Léa Seydoux pour Belle Epine

Meilleur montage :
Hervé Deluze pour The Ghost Writer
Marilyne Monthieux pour Serge Gainsbourg (Une Vie Héroique)
Annette Dutertre pour Tournée
Luc Barnier pour Carlos
Marie-Julie Maille pour Des Hommes et des Dieux

Meilleure musique
Bruno Coulais pour Océans
Alexandre Desplat pour The Ghost Writer
Grégoire Hetzel pour L'Arbre
Delphine Montoulet et Tony Gatlif pour Liberté
Yarol Poupaud pour Bus Palladium
Philippe Sarde pour La Princesse de Montpensier

Meilleur son :
Philippe Barbeau Jerome Wiciak, Florence Lavallé pour Océans
Jean-Marie Bondel Thomas Desjonqueres, Dean Humphreys pour The Ghost Writer
Jean-Jacques Ferrand, Vincent Guillon et Eric Bonnard pour Des Hommes et des Dieux
Olivier Meauvezin, Severin Favriau et Stéphane Thiebaut pour Tournée
Daniel Sobrino, Jean Goudier et Cyril Holtz pour Serge Gainsbourg (Une Vie Héroique)

Meilleure photo
Christophe Beaucarne pour Tournée
Caroline Champetier pour Des Hommes et des Dieux
Pawel Edelman pour The Ghost Writer
Bruno Keyzer pour La Princesse de Montpensier
Guillaume Schiffman pour Serge Gainsbourg (Une Vie Héroique)

Meilleur Costume :
Olivier Beriot pour Adele Blanc-sec
Pascaline Chavanne pour Potiche
Alicia Crisp-Jones pour Tournée
Marielle Robaut pour Des hommes et des Dieux
Caroline de Vivaise pour La Princesse de Montpensier

Meilleur décor :
Michel Barthélémy pour Des Hommes et des Dieux
Guy-Claude François pour La Princesse de Montpensier
Albrecht Konrad pour The Ghost Writer
Christian Marti pour Serge Gainsbourg (Une Vie Héroique)
Hugues Tissandier pour Adele Blanc-sec

Meilleur Court-métrage :
Logorama
Petit Tailleur
Une pute et un poussin
Monsieur L'Abbé
Un transport en commun

Meilleur second rôle féminin
Laetitia Casta pour Serge Gainsbourg (Une Vie Héroique)
Valérie Bonneton pour Les Petits Mouchoirs
Julie Ferrier pour L'Arnacoeur
Anne Alvaro pour Le Bruit des Glaçons
Karine Viard dans Potiche

Meilleur second rôle masculin :
Niels Arestrup pour L'Homme qui voulait vivre sa vie
François Damiens pour L'Arnacoeur
Gilles Lellouche pour Les Petits Mouchoirs
Michael Lonsdale pour Des Hommes et des Dieux
Olivier Rabourdin pour Des Hommes et des Dieux

Meilleur film d'animation
Arthur 3 : la guerre des deux mondes de Luc Besson
L'homme à la Gordini de Jean-Christophe Lie
L'Illusioniste de Sylvain Chomet
Logorama de H5
Une vie de chat de Jean-Loup de Felicioli

Meilleur film documentaire :
Benda Bilili de Florent de La Tullaye
Cleveland VS Wall Street de Jean-Stéphane Bron
Entre nos mains de Marianne Otero
Océans de Jacques Perrin
Yves St Laurent Pierre Bergé L'amour fou de Pierre Thoretton

Meilleur film étranger :
Inception de Christopher Nolan (US)
The Social Network de David Fincher (US)
Invictus de Clint Eastwood (US)
Bright Star de Jane Campion (NZ)
Les Amours imaginaires de Xavier Dolan (Quebec)
Dans ses yeux de Juan Jose Campanella (Argentin)
Illegal d' Olivier Masset Depasse (Belge)

Meilleur scénario original :
Mathieu Amalric Marcello Novais Teles et Philippe di Folco pour Tournée
Bertrand Blier pour Le Bruit des glaçons
Xavier Beauvois pour Des Hommes et des Dieux
Gustave Kervern pour Mammuth
Baya Kasmi et Michel Leclerc pour Le Nom des gens

Meilleur premier film :
Simon Werner a disparu de Fabrice Gobert
L'Arnacoeur de Pascal Chaumeil
Serge Gainsbourg (Une Vie Héroïque) de Joan Sfar
Tout ce qui brille de Géraldine Nakache
Tête de Turc de Pascal Elb é

Meilleur réalisateur
Mathieu Amalric pour Tournée
Olivier Assayas pour Carlos
Xavier Beauvois pour Des Hommes et des Dieux
Bertrand Blier pour Le bruit des glaçons
Roman Polanski pour Ghost Writer

Meilleure actrice :
Isabelle Carr é pour Les Emotifs anonymes
Catherine Deneuve pour Potiche
Sarah Forestier pour Le Nom des gens
Charlotte Gainsbourg pour L'arbre
Kristin Scott Thomas pour Elle s'appelait Sarah

Meilleur acteur :
Gérard Depardieu pour Mammuth
Romain Duris pour l'Arnacoeur
Eric Elmosnino pour Serge Gainsbourg Une Vie héroïque
Jacques Gamblin pour Le Nom des gens
Lambert Wilson pour Des Hommes et des Dieux

Meilleur film
L'Arnacoeur de Pascal Chaumeil
Le Nom des gens de Michel Leclerc
The Ghost Writer de Roman Polanski
Tournée de Mathieu Amalric
Des Hommes et des Dieux de Xavier Beauvois
Serge Gainsbourg (Une Vie Héroique) de Joan Sfar
Mammuth de Benoit Delepine et Gustave Kervern

GLI USA MINACCIANO SANZIONI ALLA LIBIA

U.S. Plans Sanctions as Pressure Mounts on Libya
By HELENE COOPER and STEVEN ERLANGER
Published: February 25, 2011, THE NEW YORK TIMES

WASHINGTON — The United States moved to increase diplomatic pressure on the embattled Libyan government of Col. Muammar el-Qaddafi on Friday, suspending relations and preparing to impose unilateral sanctions because of the deadly violence the Libyan government has directed at protesters in the country.
Related in Opinion

Libya After Qaddafi
What can the world do to keep a brutalized country from falling apart?
Jay Carney, the White House press secretary, told reporters that the sanctions would be announced soon, but gave no specifics. Mr. Carney said the American embassy in Tripoli “has been shuttered” and that diplomatic and military-to-military relations were suspended. Much of the remaining embassy staff was evacuated along with other Americans on a ferry that left Tripoli for Malta on Friday after days of delay caused by bad weather.

American allies and the United Nations also moved to isolate Libya diplomatically on Friday. A senior U.N. official said the world should intervene to stop the killings and bloodshed in Libya, and France and Britain called on the international organization to approve an arms embargo and sanctions. NATO said it was ready to help to evacuate refugees.

“In brazen and continuing breach of international law, the crackdown in Libya on peaceful demonstrations is escalating alarmingly with reported mass killings, arbitrary arrests, detention and torture of prisoners,” said Navi Pillay, the United Nations High Commissioner on Human Rights, at an emergency session of the United Nations Human Rights Council in Geneva.

The Human Rights Council voted unanimously on Friday to suspend Libya’s membership in the council, but not before a junior official of the Libyan mission took the floor to announce that he and his colleagues had resigned after deciding to side with the Libyan people.

The gesture drew a standing ovation from the crowded chamber and a congratulatory handshake from the United States ambassador, Eileen Donahoe.

“The continued participation of Libya in this forum undermines the core mission of the Council and its mandate and goals,” Ambassador Donahoe said during the session.

Earlier in the day, the French foreign minister, Michèle Alliot-Marie, told French radio that “we cannot make do with speeches anymore — we need to act.” France’s president, Nicolas Sarkozy, visiting Turkey, has asked the United Nations Security Council to meet Friday in special session to discuss Libya and the efforts of Col. Muammar el-Qaddafi to hold on to power. He called on Mr. Qaddafi to resign.

Ms. Pillay said that thousands of people may have been killed in Libya, and that while she would normally call for “independent investigators,” the situation there required “more state action and intervention for protection” of civilians.

But it was far from clear what effective steps the Security Council or the United Nations could take, short of military intervention, to stop the killings in Libya.

The United Nations Security Council will discuss a proposal backed by France and Britain for actions against Libyan leaders, including a possible arms embargo and financial sanctions. No definitive move was expected until next week, and sanctions are unlikely to have any quick impact.

The European Union’s foreign policy chief, Catherine Ashton, has said the bloc should consider an arms embargo, travel restrictions and an asset freeze against Libya to try to halt the violence. Britain and Switzerland have frozen Colonel Qaddafi’s assets. But Ms. Ashton said she would wait for the Security Council’s decisions in order to coordinate any actions.

A “no-fly zone” over Libya, as some have suggested to prevent the use of military aircraft against demonstrators, would require a Security Council resolution first, diplomats said.

In Brussels, the NATO secretary general, Anders Fogh Rasmussen, called an emergency meeting on Libya after an earlier meeting Friday with NATO defense ministers in Hungary. Humanitarian assistance and the evacuation of foreign nations would be the priority, he said, adding that “NATO can act as an enabler and coordinator if and when member states will take action.”

But France said it saw no need for such a meeting. “France, which is already bringing the matter before the U.N. Security Council, does not see the need for a meeting of NATO’s council on Libya,” said the Foreign Ministry spokesman, Bernard Valero.

There was also discussion of bringing a case against Colonel Qaddafi and others in the International Criminal Court. The British prime minister, David Cameron, addressed Colonel Qaddafi in comments to reporters, saying, “The world is watching you, the world will hold you to account. International justice has a long reach and a long memory.”

Ms. Pillay said that “any official at any level ordering or carrying out atrocities and attacks can be held criminally responsible.”

Official figures say that there are fewer than 3,000 Europeans still stranded in Libya, but there were few voices in Europe calling for the European Union to provide shelter for any Libyans fleeing the violence.

The International Organization of Migration said Friday that total arrivals from Libya to Egypt, Tunisia and Niger had reached 40,000 to 50,000 people, and that many of the new ones were foreign workers. The organization asked for $11 million in further aid to deal with the migrants.

In Geneva, at the normally toothless Human Rights Council, France’s ambassador, Jean-Baptiste Mattei, denounced the “brutal, blind and revolting violence” against Libya’s people. “In the face of atrocities and massacres, France calls on the Council to adopt with broad support a resolution condemning massive and unacceptable violence being committed in Libya that could amount to crimes against humanity,” he said.

But Arab and African states had opposed suspending Libya’s membership from the 47-member Council, fearing it would set a precedent.

.....ED ECCO LE NOMINATIONS


Dodici nomination a «Il discorso del re»
ma la sorpresa è il western dei Coen
Svelati i candidati dell'83° Academy Awards. Otto segnalazioni a The social network e Inception

CORRIERE DELLA SERA, 25/2/11

E' un film inglese, Il discorso del re di Tom Hooper, a dominare le candidature alla 83esima edizione degli Academy Award. Dodici nomination a cominciare da Colin Firth nei panni di Giorgio VI (ruolo per cui è stato premiato ai Golden Globes, dove invece il film fu snobbato) e dal regista Tom Hooper. Il favoritissimo The Social Network ne ha ottenute otto, così come Inception di Christopher Nolan. La sorpresa sono le dieci candidature per The Grint dei fratelli Ehna e Joel Coen, il remake del western con John Wayne con un grandioso Jeff Bridges (già Oscar nel 2010) nei panni di Rooster Cogburn. Un film molto amato dalla critica, ma che nessuno, nelle previsioni, dava così ben piazzato. Oltre alla proverbiale allergia dell'Academy verso i film del vecchio West. Una sorpresa anche la presenza nella cinquina del miglior interprete maschile dello spagnolo Javier Bardem, il signor Cruz, già premiato a Cannes per il film di Inarruri. Da tenere d'occhio l'indipendente Winter's Bone che con un poker di nomination sembra stare all'erta per piazzare la zampata.

COME NEGLI ANNI TRENTA - Le nomination agli Oscar - che saranno consegnati il 27 febbraio al Kodak Theatre di Hollywood - sono state annunciate dal presidente dell’Academy Tom Sherak, affiancato da Mo'nique, vincitrice la scorsa edizione con il film Precious. Dieci le categorie che sono state svelate in diretta, sulle 25 in tutto. Nella categoria come miglior film ben dieci nomination come negli anni Trenta, e non più cinque come tutte le altre sezioni. Come miglior attore protagonista nomination per James Franco, che presenterà la Notte degli Oscar insieme a Anne Hathaway.

I DELUSI - Oltre al cinema italiano, che come succede ultimamente guadagna una candidatura per una categoria prestigiosa ma minore (migliori costumi a Antonella Cannarozzi per «Io sono l'amore» di Luca Guadagnino), esce deluso The tourist con la coppia Jolie-Depp. Snobbato dall'Academy anche Leonardo DiCaprio protagonista di Inception che tra le otto nomination non strappa quella del miglior attore. E neanche quella per la regia per Nolan. Delusione anche per Ryan Gosling per Blue Valentine, Andrew Garfield attore non protagonista per The Social Network, Mark Wahlberg protagonista in The Fighter e l'intensa Mila Kunis di Black Swan.

Miglior film: The Social Network, Il discorso del re,127 Hours, Black Swan, The Fighter, Inception, Il grinta , The Kids Are All Right, Toy Story 3 e Winter's Bone.

Miglior Regia: David Fincher, Darren Aronofsky, i fratelli Coen, David O' Russell e Tom Hooper

Miglior attore: Colin Firth(Il discorso del re), Javier Bardem, (Biutiful) Jeff Bridges (Il grinta), Jesse Eisenberg (The Social Network) e James Franco (127 Hours).

Miglior attrice: Natalie Portman (Il cigno nero - Black Swan), Nicole Kidman (The Rabbit Hole), Annette Benning (The Kid's are all right), Jennifer Lawrence (Winter's Bone) e Michelle Williams (Blue Valentine).

Miglior attore non protagonista Christian Bale (The Fighter) (Paramount) John Hawkes (Winter's Bone) Jeremy Renner (The Town) Mark Ruffalo in (The Kids Are All Right) Geoffrey Rush (The King's Speech)

Miglior attrice non protagonista: Amy Adams (The Fighter), Helena Bonham Carter (The King's Speech) Melissa Leo (The Fighter) Hailee Steinfeld (True Grit) Jacki Weaver (Animal Kingdom).


Miglior film straniero:Biutiful di Alejandro Gonzalez Inarritu (Messico), Dogtooth di Giorgos Lanthimos (Grecia), In un mondo migliore di Susanne Bier (Danimarca), La donna che canta di Denis Villeneuve(Canada), Outside The Law di Rachid Bouchareb (Algeria).

red. on.