IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

mercoledì 30 novembre 2011

CURTIS ELLER - SWEATSHOP FIRE

kora jazz trio

kansas Point of know return

Vinicio Capossela "Pryntyl" - Video Ufficiale

"Two Silver Trees" by Calexico

LE BOTTE DI WALL STREET

Etats-Unis : nouveaux démantèlements de camps anti-Wall Street
La police accentue sa pression sur les Indignés américains, dont le mouvement semble s'essouffler progressivement.

LIBERATION, 30/11/2011

Les autorités ont porté un nouveau coup aux anti-Wall Street en démantelant dans la nuit deux des plus gros campements anti-capitalistes des Etats-Unis à Los Angeles et Philadelphie, deux semaines après l'évacuation des manifestants new-yorkais à l'origine du mouvement.

Ces expulsions sont un nouveau coup dur pour le mouvement, qui peine à trouver un second souffle depuis son apparition à New York le 17 septembre.

«Cherche abri désespérément»

A New York, coeur symbolique du mouvement,les manifestants ont dû quitter le square Zuccotti il y a deux semaines. Ils se retrouvent encore pour des manifestations ponctuelles mais la dernière remonte au 23 novembre. Leur site internet témoigne que les manifestants "cherchent désespérément des abris et des moyens de transport".

A Oakland (Californie) ou à Portland (Oregon, Nord-Ouest), des campements de protestataires ont également été démontés à la mi-novembre.

Dans la capitale Washington en revanche, les anti-Wall Street occupent toujours deux camps de fortune non loin de la Maison Blanche, mais des rumeurs commencent à courir parmi les médias locaux et les manifestants sur une note des autorités évoquant "l'augmentation des incidents" et qui serait le signe annonciateur d'une prochaine expulsion.

Plutôt confiants, les anti-Wall Street de la capitale se préparent pourtant à passer l'hiver sous leurs tentes.

Fin de partie à Los Angeles

A Los Angeles, environ 500 personnes étaient présentes au moment de l'intervention de la police dans la nuit de mardi à mercredi, selon un photographe de l'AFP. Le démantèlement du camp est finalement intervenu 48 heures après l'expiration d'un ultimatum fixé par le maire de la ville.

Peu après minuit (08H00 GMT mercredi), les forces de l'ordre ont annoncé avec des mégaphones que le campement était désormais considéré comme illégal, et que les manifestants devaient quitter les lieux "immédiatement" sous peine d'être interpellés.

Après avoir passé des heures à se demander d'où les policers surgiraient, les anti-Wall Street ont finalement vu les forces de l'ordre sortir directement des locaux de l'hôtel de ville, pendant que leurs collègues qui cernaient les manifestants procédaient à de premières arrestations.

L'opération s'est ensuite poursuivie dans le calme et les policiers se sont mis à démonter les tentes. "Nous avons effectué au total un peu plus de 200 arrestations", a déclaré à l'AFP un porte-parole de la police, Lorenzo Quezada.

Vers 05H30 locales (13H30 GMT), le démantèlement du campement était toujours en cours, la police tentant de déloger les derniers manifestants qui s'y trouvaient. "Il y a encore quelques manifestants qui ont grimpé aux arbres. Des policiers essaient des les faire descendre", a expliqué M. Quezada. Au total, quelque 1.200 policiers ont pris part à l'opération dans la Cité des Anges.

Le rideau tombe à Philadelphie

A peu près au même moment, à l'autre bout du pays, la police a également démantelé un campement à Philadelphie (Pennsylvanie, Est). Plusieurs dizaines d'arrestations y ont eu lieu, selon un journaliste de l'AFP.

"Je pense que nos policers ont montré de la retenue dans l'opération. Nous avons été très patients", a déclaré à l'AFP le commissaire Charles Ramsey.

A Philadelphie comme à Los Angeles, les policiers étaient suivis par des camions poubelles, pour emporter les tentes, les bâches et les pancartes accumulées dans les deux campements.

Quelques échauffourées ont éclaté au cours de ces deux opérations, mais ces dernières se sont déroulées dans l'ensemble dans le calme.

I lavoratori di Blockbuster in stato di agitazione

Continua l’odissea dei 760 lavoratori impiegati presso gli oltre 120 punti vendita Blockbuster. L’azienda, posta in liquidazione dopo un lungo periodo di difficoltà ed il conseguente fallimento della casa madre americana, sta procedendo a chiudere uno ad uno i punti vendita senza nemmeno darne informazione. Nonostante gli impegni presi, l’azienda sta dimostrando di non voler coinvolgere le organizzazioni sindacali nel percorso avviato. Ceduto un punto vendita di Milano senza tener conto della ricollocazione dei lavoratori, a Napoli i dipendenti sono stati cacciati dal punto vendita.

in data:29/11/2011 LIBERAZIONE

ECCO COME OSCURARE IL PASSATO

Obscuring the Past
Intelligence Agency Destroyed Files on Former SS Members

By Klaus Wiegrefe

DER SPIEGEL, 30/11/2011

Historians conducting an internal study of ties between employees of the German foreign intelligence agency and the Third Reich have made a shocking discovery. In 2007, the BND destroyed personnel files of employees who had once been members of the SS and the Gestapo.
Preparations have already been made for Ernst Uhrlau's retirement party next Wednesday when he steps down from his post as the head of the Bundesnachrichtendienst (BND), Germany's foreign intelligence agency, on his 65th birthday. The office of the chancellor has selected a posh location in Berlin for his farewell party and Angela Merkel herself is expected to attend. Uhrlau, a member of the center-left Social Democratic Party (SPD), will be turning over his post to Gerhard Schindler, a member of the business-friendly Free Democratic Party.

At events like this, the successes of the person retiring are usually celebrated. In Uhrlau's case, topping the list are his efforts to review the problematic history of the BND's creation after World War II. It has long been known that around 10 percent of the employees at the BND and its predecessor organization once served under SS chief Heinrich Himmler in Nazi Germany. In 2011, Uhrlau appointed an independent commission of historians to research the agency's Nazi roots.
Now, only one week before Uhrlau's retirement, the commission has uncovered what is a true historical scandal. The researchers have found that the BND destroyed the personnel files of around 250 BND officials in 2007. The agency has confirmed that this happened.

The commission claims that the destroyed documents include papers on people who were "in significant intelligence positions in the SS, the SD (the intelligence agency of the SS and the Nazi Party) or the Gestapo." They added that some of the individuals had even been investigated after 1945 for possible war crimes. Historian Klaus-Dietmar Henke, spokesman for the commission, told SPIEGEL ONLINE he was "somewhat stunned" by the occurrence.

Did Agency Employees Seek to Sabotage Investigation?

The incident inevitably raises suspicions that agency employees have deliberately tried to obstruct Uhrlau's efforts to investigate the organization's history. The historical commission had not yet been appointed at the time of the documents' destruction, but Uhrlau had already announced that he planned to look into his agency's Nazi past.

It is no secret that some people within the BND are unhappy about Uhrlau's project. Some employees are fundamentally opposed to the agency shedding light on its own past. Others are worried about the reputations of their own families -- for many years, the BND deliberately recruited new staff from among the relatives of existing BND employees.

Within the BND, a working group headed by Bodo Hechelhammer is responsible for cooperation with the historical commission. The group is currently trying to shed light on the circumstances surrounding the destruction of the documents. Hechelhammer told SPIEGEL ONLINE that he regretted the loss of the documents.
There have already been several curious incidents involving the BND archives in the past. SPIEGEL recently requested access to BND documents relating to the former SS Captain Alois Brunner, who was once a close associate of Adolf Eichmann, the chief logistics organizer of the Holocaust. The agency informed SPIEGEL that the 581-page files on Brunner had been disposed of in the 1990s. That incident also appears to have been carried out behind the backs of the BND leadership.

The historical commission is now demanding that the BND consult it before any more "potentially valuable historical records" are destroyed. The historians are also insisting that the 2007 incident be thoroughly investigated. Commission spokesman Henke says the agency's reaction will be "a test of how seriously the BND is really taking the investigation into its past."

NEO NAZI

Hundreds of Confiscated Weapons
Report Indicates German Right Wing Is Well Armed

DER SPIEGEL, 30/11/2011

Revelations of a neo-Nazi terror cell in their midst have made Germans nervous. A new report detailing just how well armed right-wing extremists are in the country will do little to assuage their fears. Over 800 weapons were confiscated from radical groups in 2009 and 2010.

Germany's neo-Nazis, it would appear, are better armed than previously thought. According to a report filed this week by the German Interior Ministry in response to a parliamentary inquiry, authorities in the country confiscated 811 weapons from right-wing extremists in the two-year period from 2009 to 2010.

Included among the finds were handguns, rifles and even military-grade firearms. In addition, police seized 40 explosive devices, all manner of pepper sprays and well over 300 blades.
"The increasing number of weapons found in the possession of neo-fascists prove that the militant right is arming themselves to an alarming degree," Ulla Jelpke, the domestic affairs spokesperson for the far-left Left Party in the German parliament, told the daily Berliner Zeitung, which first reported on the new weapons statistics. "Of particular concern is the strong increase in the number of firearms."

The report came in response to a request filed with the Interior Ministry by the Left Party faction in parliament.

The news comes as Germany continues to reel from revelations that a neo-Nazi terror cell based in the eastern German town of Zwickau was responsible for a nine-victim murder spree targeting immigrants from 2000 to 2006 in addition to the killing of a police officer in 2007. While neo-Nazi violence in Germany has long been acknowledged, the discovery of the murderous trio, which had spent 14 years under cover, has come as a shock.

'Brown Army Faction'

On Wednesday, a parliamentary committee will continue looking into possible police errors made in the investigations of the crime spree. Massive criticism in recent weeks has centered on the Office for the Protection of the Constitution, Germany's domestic intelligence agency. The agency has chapters in every German state in addition to the federal agency, and critics have said that internal communication problems were a significant reason for the fact that the crime spree remained unsolved for so long.
In addition to the details about weapons finds, the Interior Ministry report also indicated that, since 2001, 13 right-wing groups had been investigated under German laws prohibiting the creation of a terrorist organization. The groups had names such as "National Movement for Eternal Loyalty to Hess," "The New NSDAP," "The German Anti-Jewish Fighting Association" and the "Brown Army Faction."

The Zwickau cell, which called itself the "National Socialist Underground," is the most recent addition to that list. In addition to the three core members -- Uwe Böhnhardt and Uwe Mundlos, both of whom were found dead in a camper van in early November, and Beate Zschäpe, who is currently in custody -- officials suspect that several more people supported the group. On Tuesday, officers arrested yet another man thought to be connected to the cell. Ralf Wohlleben, a former official with the far-right National Democratic Party of Germany (NPD), is suspected of having provided a gun and ammunition to the trio.

MINS CONGA, PERU'

Perù, la battaglia di Minas Conga
MARINA ZENOBIO 2011.11.30 IL MANIFESTO
Da giovedì scorso, il 24 novembre, nel dipartimento di Cajamarca nel nord del Perù, a 800 chilometri da Lima, migliaia di persone manifestano contro il megaprogetto nell'area di Minas Conga, dove si trova la più grande miniera d'oro del Sudamerica. Ambientalisti, dirigenti locali e semplici cittadini partecipano a uno sciopero a tempo indeterminato. Si rivolgono direttamente al presidente Ollanta Humala, eletto solo quattro mesi fa e alle prese ormai con numerose proteste sociali: chiedono che il governo intervenga e obblighi la multinazionale statunitense Newmont Mining a sospendere l'attuazione di un progetto che costerà 5 miliardi di dollari e prevede il drenaggio di quattro bellissime lagune provocando danni ambientali e la distruzione di numerose fonti d'acqua naturali.
Che non sarebbe stata una protesta pacifica si è capito fin dal primo giorno, quando ai blocchi delle strade che portano alla miniera la polizia ha risposto con la repressione. Gli scontri hanno fatto molti feriti (tra cui uno colpito da un proiettile alle gambe). Numerosi anche gli arresti: tra cui un insegnante e un commerciante che, denuncia il Frente de defensa ambiental, una delle forze che hanno promosso la protesta, sono stati presentati dalla stampa non come manifestanti ma come delinquenti comuni. Il conflitto sembra destinato a crescere. Il responsabile del dipartimento di Cajamarca, Gregorio Santos, ha invitato il presidente Ollanta Humala a recarsi nella zona interessata dal progetto per avviare un confronto con la popolazione locale. Una sfida importante per il presidente peruviano e per il suo governo che, pur confermando l'importanza che il progetto di Minas Conga riveste per lo sviluppo economico del paese, ha ammesso che per la sua messa in opera sono necessarie delle modifiche a garanzia del rispetto dell'ambiente e delle comunità che in quell'area vivono.
In questo senso è intervenuto anche Ricardo Giesecke, ministro dell'ambiente, con un rapporto - inviato al presidente del consiglio dei ministri Salomon Lerner - che richiede un'ulteriore valutazione sull'impatto ambientale che il progetto avrà sulla regione di Cajamarca. Il documento critica duramente lo studio di impatto ambientale iniziale e fa carta straccia della versione firmata dal ministro di energia e miniere, Carlos Herrera, che assicurava il nulla-osta da parte del suo omologo all'ambiente. Le critiche riguardano proprio le quattro lagune che il progetto farebbe scomparire: Perol e Mala, perché verrebbero drenate a favore dell'estrazione dell'oro, Azul e Chica, perché verrebbero utilizzate come deposito di enormi quantità di terra da riporto. La relazione precisa anche che, trattandosi di un bacino di notevole importanza, la vulnerabilità della superficie destinata al progetto richiede un approfondito e dettagliato studio idrologico e idrogeologico. E per finire denuncia che gli 86 milioni di dollari calcolati nello studio di impatto ambientale quale valore di risarcimento per le comunità locali, sarebbero a malapena sufficienti a compensare la mancanza di acqua con la costruzione di un serbatoio, senza prendere in considerazione l'insieme dei danni ambientali e sociali che la realizzazione del progetto di Minas Conca comporterà.
Certo è un conflitto complicato per Ollanta: anche perché attraversa il suo stesso governo, con il ministero dell'ambiente da una parte e quello di energia e miniere dall'altra. E non sarà l'unico, perché è in agitazione l'intero settore minerario del paese - verso il quale per i prossimi dieci anni sono previsti investimenti per 45.000 milioni di euro. In un Perù dove un terzo della popolazione vive ancora in condizioni di povertà nonostante il boom economico degli ultimi anni, la sfida è davvero grande per il neoletto presidente.

SKY ABBANDONA

IL FUTURISTA, 30/11/2011

Regole discutibili che favoriscono gli operatori già attivi sul mercato: per questo Sky dice addio alla gara per l'assegnazione gratuita di frequenze digitali televisivi. Con una nota l'emittente di Murdoch ha reso noto di aver ufficializzato la decisione «incondizionata e con effetto immediato» di ritirare la propria domanda di partecipazione alla gara al ministero dello Sviluppo Economico e alla Commissione europea.

A causa di «tempi poco chiari e regole discutibili» che sono «incompatibili con un mercato televisivo e uno scenario competitivo che è invece in rapida e costante evoluzione». Nello specifico l'emittente evidenzia che la lunghezza dei tempi che hanno caratterizzato lo svolgimento della gara «e che impatteranno inevitabilmente sull'assegnazione delle frequenze appaiono completamente inconciliabili con l'urgenza di pianificare con certezza gli investimenti che si renderebbero necessari il caso di un'eventuale assegnazione«. Non solo, proseguono da Sky, questo Beauty Contest, «nelle modalità impostate dal precedente Governo non interpreta più le reali esigenze di sviluppo e di apertura alla concorrenza di questo mercato, ma rischia concretamente di essere un elemento negativo per lo stesso». Per questo Sky ha deciso di ritirarsi con l'auspicio che questa sofferta decisione possa favorire una nuova stagione di riflessione tra tutti gli operatori e il nuovo Governo, «per un profondo ripensamento delle regole con cui ridefinire in senso competitivo il sistema televisivo italiano». Ma la decisione, fa sapere l'amministratore delegato di Sky Italia, Andrea Zappia, «non modifica, ma anzi conferma e rafforza, l'intenzione a continuare a investire nel nostro Paese e a fornire il nostro contributo alla sua crescita economica».

MIGLIOR SITO NOVEMBRE 2011

INFORMARE PER RESISTERE

http://informarexresistere.fr/##axzz1f6fIgCcj

MIGLIOR SERIE TV NOVEMBRE 2011



TERRA NOVA (MARCEL - SILVERSTEIN)
MILDRED PIERCE (TODD HAYNES)

MIGLIOR CD WORLD NOVEMBRE 2011


CHANO Y DIZZY (PONCHO SANCHEZ & TERENCE BLANCHARD)

MIGLIOR CD NEW SOUND NOVEMBRE 2011

























KINSHASA ONE TWO (DRC MUSIC)
CLUTCHING STEMS (THE LADYBUG TRANSISTOR)
AGAIN INTO EYES (S.C.U.M.)
LOS QUE QUIERAN (CALLE 13)

MIGLIOR CD LIVE-RISTAMPA-COMPILATION DI NOVEMBRE 2011






























BOX SET (THE SMITHS)
COMPLETE DISCOGRAPHY (CURTIS ELLER'S AMERICAN CIRCUS)
ALL THE PINK FLOYD REMASTERED (THE PINK FLOYD)
OUTSIDE SOCIETY (PATTI SMITH)
A FOOT IN THE DOOR: THE BEST OF (THE PINK FLOYD)
TOTAL (JOY DIVISION - NEW ORDER)
THE VERY BEST (KANSAS)
THE SINGLES COLLECTION: 1992-2011 (THE BRIAN JONESTOWN MASSACRE)
EN PARIS LIVE A FIP (LILA DOWNS Y LA MISTERIOSA)
WE CAME IN PIECES (PLACEBO)
PART LIES PART HEART PART TRUTH PART GARBAGE: 1982-2011 GREATEST HITS (R.E.M.)
INNI (SIGUR ROS)
G.M. COVERED (VARI)
THE BEST (DOOBIE BROTHERS)
GONG-OH (PAOLO CONTE)
DALLA PARTE DI RINO - TRIBUTO (VARI)
SOGNO N°1 (FABRIZIO DE ANDRE' E LONDON SYMPHONY ORCHESTRA diretta da G.WESTLEY)
MADE IN STROKE: LIVE 24/07/2011 (SLASH)
TANGO (DIEGO EL CIGALA)

MIGLIOR SPETTACOLO TEATRALE NOVEMBRE 2011


LA STORIA PIU' BELLA DEL COSMO: BERESHIT/PEP BOU (PEP BOU - JORGE WAGENSBERG)

MIGLIORI FILM NOVEMBRE 2011


































IL RAGAZZO DELLA BICICLETTA (JEAN-PIERRE E LUC DARDENNE)
TOO BIG TO FAIL (CURTIS HANSON)

e poi:
WARRIOR (GAVIN O'CONNOR)
UNA NOTTE DA LEONI 2 (TODD PHILLIPS)
I PUFFI (RAJA GOSNELL)
CAPTAIN AMERICA: THE FIRST AVENGER (JOE JOHNSTON)
LE AVVENTURE DI TINTIN (STEVEN SPIELBERG)
I TRE MOSCHETTIERI (PAUL W.S. ANDERSON)
JOHNNY ENGLISH LA RINASCITA (OLIVER PARKER)
IL BUONO IL MATTO E IL CATTIVO (KIM JEE-WON)
I GUARDIANI DEL DESTINO (GEORGE NOLFI)

MIGLIORI LIBRI DI NOVEMBRE 2011
































COME FARE A MENO DI DIO E VIVERE LIBERI (a cura di RICCARDO ZANELLO) (CONIGLIO EDITORE)
IL SOGNO DEL VILLAGGIO DEI DING (YAN LIANKE) (NOTTETEMPO)
ROSSO FLOYD (MICHELE MARI) (EINAUDI)
MALAPOLIZIA (ADRIANO CHIARELLI) (NEWTON COMPTON EDITORE)

MIGLIOR CD POP-ROCK-PUNK-HEAVY-HARD NOVEMBRE 2011














































TRAVELS IN THE DUSTLAND (THE WALKABOUTS)
BLACK RAINBOWS (BRETT ANDERSON)
KEEPER (JOHN DOE)
MAYHEM (IMELDA MAY)
PASSENGER (LISA HANNIGAN)
BACK TO NYC (POPA CHUBBY)
BIG TALK (BIG TALK)

MIGLIOR CD ITALIANO DI NOVEMBRE 2011




L'ORA DELL'ORMAI (BOBO RONDELLI)
FACCIAMO FINTA CHE SIA VERO (ADRIANO CELENTANO)

e poi:
VITAMIA (GIANMARIA TESTA)

MIGLIOR CD JAZZ-BLUES-ACID JAZZ-FOLK-ROOT-COUNTRY-MELODICO NOVEMBRE 2011





























































1890 (CURTIS ELLER'S AMERICAN CIRCUS)
DEDICATED: A SALUTE TO THE 5 ROYALES (STEVE CROPPER)
SONGBOOK VOL. 2 (RANDY NEWMAN)
FAITH IN ACTION (GONZALO RUBACALBA)
SKALA (MATHIAS EICK)
AND IF (ANAT FORT TRIO)
FESTIVAL BELL (FAIRPORT CONVENTION)
JAMES FARM (JAMES FARM)
AFRICAN JAZZ (KORA JAZZ TRIO)

Ballarò 29/11/11 CROZZA-MONTI CHIEDE L'ICI A RATZINGER. La copertina di Maurizio Crozza: Il tunnel sotteraneo ...

L'arte dei rifugiati

LA RIVISTA INTELLIGENTE, 27/11/2011

Si entra da un portone verde di fianco alla magnifica chiesa di Sant’Andrea al Quirinale. A sinistra il Bernini, a destra Seckou, Buba, Amadou, Niangue, Bamba, Jean Baptiste, Gora, Camara, Djiby, tutti giovani africani rifugiati. Estro, immaginazione e colori travasano dagli affreschi della sacrestia nelle borse, nelle collane, nei sottopiatti, realizzati riciclando la spazzatura. Vengono dal Mali, dal Senegal, dalla Guinea, dal Burkina Faso, cittadini del mondo come si definiscono tutti qui, bianchi e neri. Lavorano sodo in un ampio spazio con soffitti a volta prestato dalla parrocchia: raccolgono plastica e carta a Porta Portese o dai supermercati e la puliscono, la tagliano, la sminuzzano, la fanno rinascere ad una nuova vita. Una delle bellissime collane di Seckou (nella sua lingua “colui che conosce il Corano”) campeggia intorno al collo di Madonna che se n’è innamorata.

Io ho comprato dei sottopiatti azzurri bianchi e dorati, frutto di una collaborazione fra Buba e Amadou e il tavolo della mia cucina sembra più felice. Hanno cominciato a ferragosto e hanno già riciclato 600 chili di plastica. Quasi quasi non ce la fanno a stare dietro alle ordinazioni: 2000 segnalibri per le Nazioni Unite, 50 collane per una boutique a Piazza di Spagna. “Finora abbiamo guadagnato 1000 e 4 euro a testa”- mi dicono quasi increduli sottovoce- “E abbiamo un po’ contribuito a ripulire l’ambiente”. Hanno finalmente potuto telefonare alle famiglie per avvertirle che erano vivi, mandare soldi a casa e, grazie all’ordinazione dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, riusciranno ad aiutare altri rifugiati ancora più bisognosi di loro, magari donando coperte per i nuovi arrivi a Lampedusa. Prima dell’inizio del progetto Spiral Refugee scART erano nove persone isolate, per nulla serene, non solo perché arrivate nel nostro paese con tutti i mezzi che non possiamo nemmeno immaginare, fuggendo da fame, guerre, dittatori, aguzzini, carcerieri, scafisti, ma perché nessuno ama sentirsi un peso in un paese che lo accoglie.



E’ questo che Marichia Arese Simcik “dal nobile cuore”, come la definiscono i suoi primi nove giovani africani del progetto, ha fatto di grande per loro: “Ci ha subito detto che non poteva prometterci nulla, nè soldi, nè sicurezza, ma che avremmo imparato qualcosa. E’ per la “connaissance” che ci ha convinti a metterci al lavoro con lei per costruire questi oggetti.” La conoscenza che può servire loro per insegnare questo mestiere ad altri rifugiati a Roma o nei cosiddetti ”centri di accoglienza” sparsi in tutta Italia. Questo è uno dei tanti significati del progetto inventato da Marichia, che da anni insegna a costruire oggetti riciclando plastica, carta, stoffa, lattine, persino i fili del telefono, nei villaggi del Vietnam e del Nepal e oggi anche Roma. Oggetti che vengono venduti in tutto il mondo e il cui ricavato va a chi ha lavorato per farli, per costruire ospedali e per operazioni al cuore di bambini, che ancora oggi nascono con delle malformazioni per le conseguenze dei bombardamenti al napalm.
Il primo oggetto che ha costruito Seckou riciclando la plastica è stata una scritta: PACE.

Spiral Foundation scART Refugee
www.spiralfoundation.org
ha ottenuto il patrocinio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati UNHCR Ufficio per il Sud Europa

Maledetto novembre

Bruttissimo, questo fine mese.

LA RIVISTA INTELLIGENTE, GIORGIO CAVAGNARO, 30/11/2011

HCG RINGRAZIA PAOLA GUAZZO PER L'ARTICOLO

Il tempo di un ricordo per Mario Monicelli, e arrivano le notizie funeste della scomparsa di Lucio Magri, Vittorio De Seta e Saverio Tutino, uomini di cultura che hanno lasciato il segno, in questo tempo ignorante che ci tocca abitare, soprattutto noi in Italia.
E arriva anche il colpo, durissimo, della morte di Ken Russell, inglese, uno dei più visionari e incisivi registi del panorama internazionale.
Non sta a me ricordare la carriera straordinaria di questo cineasta potente e "maledetto".
Ricordo bene però l'inquietudine che ti accompagnava, adolescente dei primi settanta, entrando nel cinema dove si proiettava "I diavoli". I più colti ricordavano lo splendido "Donne in amore" con i giovani leoni Oliver Reed ( diventato poi l'attore-feticcio del diabolico Ken) e Glenda Jackson. Ma stavolta in sala ti aspettava l'orrore vero, la follia oscena del medioevo stregonesco e atroce, senza remore nè pudori nella rappresentazione delle più disturbanti distorsioni religiose.
Pochi anni dopo, quell'orgia di colori e di musica che è stato "Tommy", opera rock ancora insuperata uscita dalle menti in perfetta sintonia di Peter Townshend degli Who e del sulfureo Russell, complici in perfetta simbiosi creativa.
Il leone torna a ruggire col grande successo di "Stati di allucinazione" e, dopo alcuni anni più appannati, col realismo sconcertante di "Whore", storia di una prostituta magistralmente interpretata da Theresa Russell (nessuna parentela) in polemica risposta al caramelloso "Pretty Woman" che sbancava i botteghini degli anni novanta.
Un altro genio se ne va, dannato novembre.

http://www.larivistaintelligente.it/index.php?option=com_content&view=article&id=945%3Amaledetto-novembre&catid=43%3Acinema&Itemid=254

ARTICOLO 1

Articolo1: l’Italia è una Repubblica fondata… sugli infortuni sul lavoro

OLIVIERO BEHA

Mentre scrivo e voi leggete, i morti sul lavoro nel 2011 sono 611 ma il numero degli incidenti cresce “ad horas”. Il Presidente Napolitano ricorda periodicamente la Costituzione e il suo articolo 1, fondante. Lo ha fatto anche venerdì 25 scorso, giorno funesto in cui mentre parlava ci sono state altre 3 vittime, a 5 anni dal rogo alla Umbria Olii con 4 morti, la cui causa va a sentenza il 13 dicembre prossimo. La richiesta dell’accusa è di 12 anni di reclusione per omicidio colposo plurimo, l’amministratore delegato imputato aveva chiesto lui ai familiari dei morti 35 milioni di euro ritenendo che “l’incidente fosse stato provocato da un loro errore”. Il tribunale ha respinto questa richiesta.

Il 14 novembre scorso sono state rese note le motivazioni della condanna in primo grado del 15 aprile di quest’anno sul rogo della Thyssen: l’amministratore delegato si è preso 16 anni e mezzo per omicidio volontario con dolo eventuale, e con lui condanne per altri 5 dirigenti della multinazionale dell’acciaio. 7 operai morirono bruciati nella notte tra il 5 e il 6 dicembre del 2007. L’accusa era rappresentata da Raffaele Guariniello, dal 1992 Procuratore Aggiunto presso la Procura della Repubblica di Torino e probabilmente il maggior esperto del ramo in Italia. E’ sempre lui a fare da Pm nella causa alla Eternit, multinazionale dell’amianto, due anni e 66 udienze per giudicare sulla colpevolezza di due dirigenti imputati per disastro ambientale doloso e omissione di cautele sui luoghi di lavoro. La sentenza è prevista per il prossimo 13 febbraio 2012. Guariniello ha chiesto 20 anni di reclusione per ognuno degli imputati. Nel processo ci sono oltre 6 mila parti civili. Di amianto cioè di tumore alla pleura per asbestosi, ormai non muiono più soltanto lavoratori o loro familiari, bensì anche cittadini del circondario per esempio a Casale Monferrato, con un dazio di 600 morti l’anno: una spaventosa cambiale da pagare nei prossimi anni, giacché i morti finora non rendono abbastanza l’idea.
Ma forse ho reso l’idea io, e posso fermarmi qui. Proposte, sulla base di quello che sostiene Guariniello e tutti coloro i quali si occupano della gravissima questione della sicurezza sul lavoro, a rischio soprattutto al Nord dove ce n’è di più e in settori come l’agricoltura (i trattori sono una specie omicida…il numero di incidenti che li riguardano è terrificante) e al secondo posto l’edilizia (cantieri in nero, stranieri a gogò soprattutto romeni senza alcun tipo di controllo, cadaveri che spuntano senza documenti nella testimonianza dello stesso Guariniello e non solo…ecc.): intanto la suddetta Procura Nazionale proprio come l’antiMafia, che spesso non è così distante dalla situazione lavoro e rischi annessi e connessi: coordinare magistrati specificamente preparati in questo delicatissimo settore sarebbe importante e urgente. Ci auguriamo che il “Nuovo Governo” oltre a pensare alla sotto-politica si occupi anche di questo. Effettivamente come dappertutto gettare l’occhio sulla “tracciabilità” anche del lavoro, sui “misteri” dei Consigli di Amminsitrazione che poi non risultano tali se si ha la possibilità di controllare e magari non vengono avvisate le imprese dell’ora e del minuto in cui arrivano gli ispettori del lavoro…, significa dare una svolta alla situazione.

In funzione della sicurezza per i lavoratori e di un profitto ragionevole delle imprese: la trasparenza è indispensabile. A maggior ragione un ruolo decisivo lo svolgono i media, che di Napolitano solitamente fanno risuonare anche i sospiri, ma non i moniti sul lavoro nero e su morti e feriti che di “bianco” non hanno nulla. La migliore inchiesta giornalistica sul tema rimane quella di Giuliano Zincone, per “Il Corriere della Sera”, ma sono passati diversi decenni. Oggi se ne parla troppo poco, in tv praticamente per niente: tema triste, che non fa ascolto, dicono… In rete c’è il sito di Carlo Soricelli, che tiene aggiornato l’elenco delle vittime, poi il sito di Art.21 che ne ha fatto un motivo di resistenza civile, e ancora il metalmeccanico Marco Bazzoni che è arrivato in solitudine a far sentire la sua voce a Bruxelles, con relativo procedimento di infrazione contro lo Stato italiano per come aggira la normativa europea a colpi di dissennati e stravolgenti decreti “salva manager” (cfr. l’ex ministro Sacconi). Speriamo bene.

FIRMA L’APPELLO: “Non chiamatele più morti bianche”

http://www.articolo21.org/4311/notizia/articolo1-litalia-e-una-repubblica.html



Tratto da: Articolo1: l’Italia è una Repubblica fondata… sugli infortuni sul lavoro | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/11/30/articolo1-litalia-e-una-repubblica-fondata-sugli-infortuni-sul-lavoro/#ixzz1fBbeqeoa
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

Prove di Guerra Fredda

Giulietto Chiesa ci spiega la disputa sullo scudo missilistico tra Stati Uniti e Russia

- di Ares Niccolai – radiocittafujiko.it. -

Sale la tensione tra Stati Uniti e Russia, alle prese anche con le imminenti elezioni. Il presidente russo Dmitrij Medvedev, per contrastare il progetto dello scudo missilistico americano, piazzato proprio ai confini della Russia, ha minacciato di predisporre nell’enclave di Kaliningrad missili a breve raggio Iskander, in grado di colpire i siti dello scudo.

Lo scudo servirebbe a proteggere l’Europa e gli Stati Uniti da un eventuale attacco missilistico iraniano, ma va da se che limiterebbe fortemente le forze militari della Russia.

Per capire meglio le questioni che si intrecciano in questa vicenda, abbiamo chiesto di spiegarcele al giornalista Giulietto Chiesa, a lungo inviato per diverse testate a Mosca, che ci ha anche sottolineato come la possibilità di un attacco israeliano all’Iran sia una possibilità tuttaltro che remota. La Russia rischia quindi di trovarsi tra due fuochi, con Israele e Iran a sud e lo scudo missilistico statunitense in Europa orientale.

Altro argomento che abbiamo trattato con Giulietto Chiesa è quello dell’Eurogendfor, una forza di polizia sovranazionale europea con poteri amplissimi la cui costituzione è passata pressoché sotto silenzio.

Tratto da: Prove di Guerra Fredda | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/11/30/prove-di-guerra-fredda/#ixzz1fBb7YCAe
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

RISO RADIATTIVO

E’ radioattivo in migliaia di aziende. Riso di Fukushima, da caso isolato a valanga

MARIA FERDINANDA PIVA

Altro che caso isolato, il riso radioattivo di Fukushima sta diventando una valanga. Negli ultimi due giorni le autorità giapponesi hanno chiesto a oltre 4.000 aziende agricole di non mettere in vendita il loro riso: le analisi hanno accertato che è contaminato dal cesio radioattivo oltre i limiti di legge.

Ma le analisi sono appena iniziate: chissà quanto altro riso radioattivo verrà fuori. Hanno cominciato ad essere effettuate solo quando un contadino ha voluto far espressamente testare il suo riso, al quale le autorità avevano precedentemente assegnato la patente di sicurezza alimentare.

La richiesta di non commercializzare il riso comporta in teoria un’adesione volontaria (ma chi non si adeguerebbe?), e in pratica comporta che quei contadini non riceveranno nessun risarcimento.

Il Giappone mimetizza e minimizza gli effetti di Fukushima. In questo quadro, non è stata compiuta una valutazione preventiva dei suoli agricoli e della relativa contaminazione.

I contadini si sono solo sentiti dire che tutto andava ben madama la marchesa. Hanno seminato, hanno lavorato, hanno raccolto. E ora devono buttare tutto. Che carino…

Innanzitutto ieri è venuto fuori riso contaminato dal cesio radioattivo oltre i limiti di legge (fissati in 5000 becquerel al chilo) in altre cinque aziende agricole di Onami. E’ il luogo in cui un contadino ha fatto esplodere il caso inducendo le autorità ad effettuare controlli a tappeto su 5.752 campioni di riso provenienti da tutte le 154 aziende agricole del distretto.

Per ad Onami ora sono stati analizzati 864 campioni da 34 aziende (la strada è ancora lunga…); cinque aziende sono risultate appunto contaminate, con concentrazioni di cesio radioattivo fino a 1.270 becquerel al chilo.

Oggi sono emersi problemi ben più gravi. La prefettura di Fukushima ha chiesto di non vendere il proprio riso a 4.322 aziende agricole situate a Date, Nihonmatsu e Motomiya. Il quotidiano giapponese Mainichi, nel darne notizia, non specifica i livelli della contaminazione: dice solo genericamente che supera i 500 becquerel al chilo.

E poi c’è la grana dei distretti di Oguni e Tsukidate, dove le autorità hanno chiesto di ritirare dal commercio, rispettivamente, 1.900 e 1.500 chili di riso, che risultano contenere fra 580 e 1.050 becquerel di cesio radioattivo al chilo.

Gli organi di informazione in questi ultimi casi non riferiscono quanti campioni di riso sono già stati testati e quanti ancora da testare.

Tratto da: E’ radioattivo in migliaia di aziende. Riso di Fukushima, da caso isolato a valanga | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/11/30/e%e2%80%99-radioattivo-in-migliaia-di-aziende-riso-di-fukushima-da-caso-isolato-a-valanga/#ixzz1fBaiZOdg
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

TOM TOM SOCIAL

TecnoEventi TomTom
Il navigatore diventa social
Il mercato della navigazione satellitare incalzato dai telefoni con GPS e software integrato deve abbassare di continuo i prezzi. L'unica via è innovare.

L'UNITA', 29/11/2011

Autentico Eldorado dell'elettronica di consumo all'inizio del millennio, il mercato della navigazione satellitare ha subito profonde trasformazioni negli ultimi anni, incalzato dalla concorrenza crescente dei telefoni con GPS e software integrato, e per questo costretto ad una continua diminuzione dei prezzi dei dispositivi. L'unico modo per tirarsi fuori da una situazione difficile è dunque quello di puntare fortemente sull'innovazione, il che significa dotare i navigatori di tutta una serie di nuove funzionalità. Un esempio concreto di questa strategia lo sta fornando uno dei colossi del settore, TomTom, che ha recentemente presentato in Italia il suo "Go Live 1005 World", il primo navigatore sempre connesso e dotato delle versioni dedicate di Twitter, TripAdvisor ed Expedia. Nella pratica, diventa possibile rimanere in contatto con i propri amici nonché "twittare" la propria posizione e l’orario previsto di arrivo a destinazione. Inoltre, i nuovi servizi TomTom Live Search & Go - che appunto includono Expedia e TripAdvisor - oltre a consentire agli automobilisti l’accesso alle recensioni di viaggi presenti sul Web, forniscono il miglior percorso per raggiungere la destinazione selezionata. Ed è la prima volta che queste applicazioni sono realizzate specificamente per un dispositivo di navigazione portatile.

«Le persone - ha dichiarato Luca Tammaccaro, vicepresidente delle vendite per l'Italia di TomTom - desiderano poter restare sempre connesse: a casa, in ufficio così come durante il tragitto. Proprio per questo con il nuovo Go Live 1005 World forniamo agli automobilisti la possibilità di twittare e di accedere ai principali servizi di viaggio online direttamente dal proprio navigatore». Per quanto riguarda Twitter, il messaggio è pre-impostato dal conducente prima di partire, in modo da non compromettere l’attenzione alla guida. Il tempo stimato viene aggiornato automaticamente prima dell'arrivo, garantendo così una maggiore precisione. Tutte le funzionalità di Twitter sono opzionali e possono quindi essere attivate e disattivate, a seconda delle preferenze dell'utente. All’interno dei servizi Live Search & Go, la funzione Expedia permette agli utenti di confrontare i prezzi delle sistemazioni alberghiere lungo il loro tragitto. TripAdvisor, invece, fornisce agli automobilisti l’accesso a tutte le recensioni "imparziali" su ristoranti, alberghi, centri benessere e teatri.

PARMALAT

Il Fatto Quotidiano | 29 novembre 2011

Cesare Geronzi è stato condannato a 5 anni di reclusione per il caso Ciappazzi, l’azienda di acque minerali che secondo la ricostruzione dei pm di Parma l’ex patron della Parmalat Calisto Tanzi fu “costretto” a comprare a un prezzo fuori mercato. Accusato di bancarotta fraudolenta e usura, per Geronzi, all’epoca dei fatti potente numero uno di Banca di Roma, era stata chiesta una condanna a 7 anni. Tre anni e 7 mesi invece per Matteo Arpe, ex ragazzo prodigio di Unicredit. Entrambi non erano presenti in aula. Condanne dai 3 ai 4 anni per gli altri 6 imputati. Per tutti 10 anni di interdizione dall’esercizio di impresa e 5 dai pubblici uffici. Così la sentenza di primo grado del collegio giudicante presieduto da Pasquale Pantalone.

Parla di “vicenda paradossale” Matteo Arpe: “La sentenza del processo Ciappazzi riconosce la mia estraneità alla vicenda e dunque mi assolve”. Così Arpe, in una nota, ha commentato la sentenza. L’accusa aveva chiesto due anni e sei mesi riconoscendo per l’allora ad di Capitalia le attenuanti generiche. “Nello stesso tempo – ha continuato Arpe – però sarei colpevole per un finanziamento a Parmatour (l’impresa del Gruppo Parmalat che operava nel turismo ndr) al quale mi ero opposto, che è stato deliberato in mia assenza e che non avrei potuto impedire neppure ex post, come confermato dallo stesso ex ispettore della Banca d’Italia, che all’epoca dei fatti dirigeva l’ispezione proprio in Capitalia. Sotto questo aspetto la decisione pare francamente paradossale e soprattutto non meritata. Sicuramente le sentenze vanno rispettate ma è certo anche che faremo appello”.

ROVINIAMO ANCHE IL MESSICO

Messico, cemento fra mare e deserto
FULVIO GIOANETTO 2011.11.29, IL MANIFESTO
Il turismo depredatore, della cementificazione costiera e dei grandi tour operator ha avuto il primo scacco proprio nella nuova mecca del turismo green messicano. Una missione di esperti internazionali dell'Unesco, della convenzione Ramsar (per la protezione delle zone umide) e dell'Iucn visiteranno la prossima settimana il parco nazionale di Cabo Pulmo, paradiso naturalistico del nordest messicano, stretto fra gli ecosistemi desertici e il mare del Golfo di Cortes - e minacciato da un megaprogetto di speculazione edilizia. Qui infatti l'impresa spagnola Hansa Baja Investments vorrebbe costruire un centro turistico esteso su circa 3.800 ettari, con almeno 27.000 alloggi in hotel, un porto privato per 500 yacht, due campi di golf e una impresa per desalinizzare l'acqua marina.
Attraverso la società prestanome Caja de Ahorros del Mediterraneo, la transnazionale turistica già conosciuta per la lotizzazione costiera e la distruzione ambientale in Spagna, Marocco, Repubblica Dominicana e Tunisia, sta tentando dal 2008 di sviluppare questo progetto, che promuove parlando di «costruzioni ecologiche in armonia con gli ambienti desertici». E questo in un territorio che l'oceanografo francese Jacques Cousteau aveva descritto «l'acquario del mondo»: le barriere coralline del Cabo Pulmo sono uniche in tutta la costa del Pacifico orientale, con endemismi caratteristici che hanno fatto sì che quest'area fosse dichiarata patrimonio dell'umanità dall'Unesco nel 2005 e zona protetta con alta priorità dalla convenzione per le zone umide nel 2008. Settemila ettari di terre desertiche abitati da almeno venti specie di rettili (caratteristiche la vipera di cascabel, il boa del deserto e l'iguana dalla coda spinosa); settanta chilometri quadrati con le ultime barriere coralline vive sopravvissute in tutta l'America del Nord. Acque tiepide che albergano 226 specie di pesci, 154 fra molluschi e invertebrati corallini (fra cui specie di madreperla, coni e conchiglie ragno), 16 specie di coralli hermatipici, con almeno cinque specie di tartarughe, sei di delfini e tre specie di balena che frequentano, pescano o si riproducono nel parco in inverno. Questo parco naturale è conosciuto fra i biologi marini e gli esperti conservazionisti come uno dei più prolifici al mondo, perché grazie alle politiche conservazioniste e all'appoggio delle comunità locali - almeno secondo lo studio compiuto dall'Università di California a San Diego - in un decennio le popolazioni marine protette sono cresciute del 460%. Così come le popolazioni di predatori - squali tigre, toro e punta negra - cacciati per carne e pelle, prima che i pescatori abbandonassero l'attività per dedicarsi all'ecoturismo.
Un'amplia coalizione di organizzazioni non governative, gruppi ambientalisti, piccoli tour operator locali, ricercatori e biologi marini e semplici cittadini si oppone al progetto della multinazionale del turismo e ha già presentato quattro denunce giudiziarie per frenare questo progettato scempio ambientale. Si oppongono anche gli imprenditori locali e regionali che si dedicano alla promozione del kayak, delle escursioni subacquee, fotografia sottomarina, e vedono le loro attività economiche minacciate. L'opposizione è così ampia che, anche sotto la pressione mediatica, il governo statale dichiara che non interverrà nelle decisioni e il ministero federale dell'ambiente si vanta di aver bloccato il progetto. Resta il fatto che durante questa amministrazione federale nelle zone adiacenti al parco e nell'area del Parco di Cortes sono stati già autorizzati 45 progetti immobiliari analoghi, oltre alla miniera La Concordia/Paradones Amarillo, i cui scarichi stanno già intaccando le falde acquifere potabili della popolazione di Cabo Pulmo.

LA FINE DI "MI MANDA RAI3"

Ascolto negativi, sospesa «Mi manda Rai3»
Il direttore di rete Di Bella: «Lavoriamo a nuovi prodotti»

CORRIERE DELLA SERA, 29/11/2011

La direzione di Rai3 ha deciso di sospendere la programmazione di «Mi manda Raitre» condotto ultimamente da Edoardo Camurri dopo una serie di risultati di ascolto negativi. L'ultima puntata ha realizzato 738mila spettatori pari al 2.84 di share.
DI BELLA - «Desidero comunque ringraziare curatori, autori e conduttori per l'impegno profuso in questa edizione - dice in una nota il direttore di Rai3 Antonio di Bella - ma il nostro sforzo comune non è riuscito a catalizzare l'interesse del pubblico.

CONTINUA SU:
http://www.corriere.it/spettacoli/11_novembre_29/mimanda-raitre-sospesa_ead243f4-1acb-11e1-a0da-00d265bd2fc6.shtml

SIGMA TAU

Farmaceutica, Sigma-Tau-choc
In cassa integrazione 569 dipendenti
I sindacati: «Vogliono svendere al miglior offerente»
Solo due anni fa l'acquisizione dell'americana Enzon

CORRIERE DELLA SERA, FABIO SAVELLI, 29/11/2011

Uno su quattro. Su oltre 2.400 dipendenti, la richiesta di una procedura di cassa integrazione straordinaria per 569. «Un piano di risanamento per recuperare efficienza – recita la nota diffusa dall'italiana Sigma-Tau Industrie Farmaceutiche Riunite (fondata nel '57 dal chimico Claudio Cavazza scomparso poco tempo fa) – in virtù della volontà dell'azienda e degli azionisti di non delocalizzare la produzione e la ricerca». Epicentro della vertenza: la sede e lo stabilimento di Pomezia, in provincia di Roma. Un fiore all'occhiello del made in Italy (è ancora controllata dalla famiglia Cavazza) che decide di non poter più garantire una continuità aziendale se non al prezzo di una temporanea procedura di cassa integrazione per buona parte dei suoi dipendenti.
LE RAGIONI - Alla base della crisi – dicono fonti interne al gruppo (673 milioni di euro di fatturato nel 2010) – una modifica strutturale del mercato farmaceutico, tale da aver messo in ginocchio già altre multinazionali del settore. In primis l'avvenuta generalizzazione di alcuni farmaci prodotti da Sigma-Tau alla scadenza dei brevetti e soprattutto la riduzione progressiva della spesa sanitaria pubblica, che avrebbe così ridotto i margini di manovra e compresso gli utili. Soprattutto è un campanello d'allarme anche per i 400 ricercatori (in un gruppo che investe il 16% del suo fatturato in ricerca e sviluppo), anche se da Pomezia si affrettano a gettare acqua sul fuoco sostenendo che i dipendenti destinatari del periodo di cassa integrazione verranno concertati con le sigle sindacali e per ora non è dato sapere quali saranno le funzioni aziendali maggiormente interessate dal piano di riorganizzazione.

CONTINUA SU:
http://www.corriere.it/economia/11_novembre_29/sigma-tau-cassa-integrazione-savelli_8b8543dc-1aa9-11e1-a0da-00d265bd2fc6.shtml

Arriva oggi anche in Italia il cinema in streaming su Facebook

Gratis alle ore 21 sulla pagina di Cubovision, poi nuovi titoli ogni settimana

LA STAMPA, 30/11/2011

Oggi, mercoledì 30 novembre alle ore 21, sulla pagina Cubovision del più famoso social network del mondo, sarà possibile vedere gratuitamente «Il favoloso mondo di Amelie» il film di Jean-Pierre Jeunet con Audrey Tautou. È la prima volta che in Italia un film viene trasmesso in streaming su Facebook.

L’iniziativa verrà riproposta settimanalmente sempre con nuovi titoli e gli utenti potranno commentare in tempo reale le emozioni suggerite dalla pellicola proposta. I fan della pagina Cubovision potranno inoltre stabilire la programmazione scegliendo da una short list i titoli che saranno disponibili nella settimana successiva.

«Il favoloso mondo di Amelie» sarà visibile gratuitamente on demand anche nelle 48 ore successive raggiungendo dalla fan page di Facebook la sezione dedicata su www.cubovision.it.

COME TI ABBIAMO RIDOTTO LA SCUOLA

Bambini, l'inglese è a rischio
Senza docente 15 mila classi
Nessuno sa come verrà assicurato a 300 mila alunni l'insegnamento della prima lingua veicolare d'Europa. La causa della carenza di personale, secondo Flc Cgil, i tagli dell'ex ministro Gelmini. Sono rimasti solo 6.500 specialisti e i corsi per formarli procedono a rilento
di SALVO INTRAVAIA, LA REPUBBLICA, 28/11/2011

Insegnamento dell’Inglese all’elementare nel caos più totale: i maestri specialisti sono stati sacrificati sull’altare dei risparmi e i corsi di formazione per i docenti curricolari che li avrebbero dovuti sostituire procedono a rilento. Così, da quest’anno le scuole sono costrette ad arrangiarsi con quello che passa il convento e nessuno sa spiegare in che modo viene assicurato l’insegnamento dell’Inglese a 300 mila bambini. I tempi delle tre “I” (Inglese, Informatica e Impresa), che avrebbero dovuto far decollare la scuola italiana, di berlusconiana memoria sembrano lontani anni luce.

Da quest’anno, le scuole fanno fatica ad assicurare quello che in passato era un servizio consolidato. E in parecchi casi l’Inglese viene insegnato da maestri che non hanno nessuna specializzazione, ma tanta buona volontà. Basterà per colmare le differenze con gli altri partner europei sulla conoscenza delle lingue straniere? Per comprendere cosa sta accadendo quest’anno occorre fare un passo indietro. Fino al 2009, la scuola elementare italiana poteva contare su 9.299 specialisti di Inglese: maestri con un alto livello di specializzazione, spesso laureati in lingue straniere, che insegnavano esclusivamente Inglese in 7/8 classi.

Poi arrivò la Finanziaria del 2008 che avrebbe messo in ginocchio la scuola italiana con 8 miliardi di tagli in tre anni. Una delle misure per “racimolare” questi 8 miliardi era proprio il taglio degli specialisti di lingua Inglese, che sarebbero dovuti essere sostituiti con un numero equivalente di insegnanti “comuni”, ma ancora da formare con un adeguato numero di ore di corso: 340 ore.

Oggi, l’organico degli insegnanti specialisti di Inglese conta un poco più 6 mila e 500 sopravvissuti. Ma i corsi per formare i loro sostituti procedono a rilento. “La vicenda dell’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria è semplicemente scandalosa: l’ex ministro Gelmini ha tagliato in due anni gli insegnanti specialisti di lingua inglese senza prevedere piani straordinari di formazione del personale”, tuona Mimmo Pantaleo, segretario generale della Flc Cgil, che sull’argomento ha chiesto ripetutamente all’ex ministro un incontro e i dati dell’operazione, che non sono mai usciti da viale Trastevere. “Le scuole – continua Pantaleo – sono state lasciate sole ad affrontare questa situazione: da una parte la legge che impone l’insegnamento dell’inglese e dall’altra l'insufficienza del personale”.

“Altro che estensione dell’insegnamento dell’inglese: solo sterile propaganda tesa a nascondere i tagli epocali degli ultimi tre anni. La Flc Cgil, che da tempo ha sollevato questo problema, porterà all’attenzione del nuovo ministro dell’Istruzione – conclude Pantaleo – questa vicenda come una delle emergenza in cui versa la scuola italiana”. Secondo il sindacato di via Serra, i docenti formati lo scorso anno con il primo corso di formazione sono stati appena 2 mila, che non possono sopperire al taglio di quasi 3 mila specialisti.

Il conteggio è semplice. I 9.299 insegnanti di Inglese alla primaria riuscivano a coprire l’insegnamento della disciplina in quasi 70 mila classi, il resto delle classi (63 mila classi) veniva coperto con i cosiddetti “specializzati”: docenti che nel corso dell’ultimo concorso a cattedre erano riusciti ad ottenere l’idoneità anche per insegnare la lingua straniera. Questi ultimi, oltre alle altre materie, insegnavano anche la lingua straniera in due o tre classi.

CONTINUA SU:
http://www.repubblica.it/scuola/2011/11/28/news/inglese-25750770/?ref=HREC2-8

Il decennio più caldo dal 1850 "Rischio cambi irreversibili"

LA REPUBBLICA, 29/11/2011

L'allarme per l'aumento delle temperature arriva dall'Organizzazione meteorologica dell'Onu durante la 17esima Conferenza sul clima a Durban. Nuovi picchi per la concentrazione di gas serra. Allo studio la creazione entro il 2020 di un fondo per il clima da 100 miliardi di dollari l'anno per aiutare i Paesi più poveri

DURBAN - Non c'era mai stato un decennio così caldo dal 1850. Il 2011 chiude un periodo che ha fatto registrare un aumento delle temperatura tale da fa temere agli scienziati per il futuro della Terra. L'allarme arriva dall'Organizzazione meteorologica dell'Onu (Wmo) che, alla 17esima Conferenza sul clima a Durban 1, ha avvertito che ci si sta avvicinando velocemente a cambiamenti irreversibili.

"Le concentrazioni di gas serra nell'atmosfera hanno raggiunto nuovi picchi e si stanno rapidamente avvicinando a livelli coerenti con una crescita di 2/2,4 gradi Celsius della temperatura media globale", ha sottolineato il segretario generale Michel Jarraud. Secondo gli esperti, un aumento oltre la soglia dei due gradi potrebbe innescare cambiamenti irreversibili per il sistema terrestre.

Il periodo 2002-2011 ha eguagliato il record del 2001-2010 come decennio più caldo da quando sono state effettuate misurazioni accurate nel 1850. A questo si è aggiunto, nella seconda metà del 2010 fino a maggio 2011, il passaggio della Nina, il fenomeno atmosferico ciclico che si ripete ogni 3-7 anni e che ha gravi effetti sul clima. A farne le spese, stavolta, è stata l'Africa orientale, colpita da una spaventosa siccità, le isole nel Pacifico equatoriale e le regioni meridionali degli Stati Uniti, senza dimenticare le alluvioni in Africa e Asia meridionale e nell'Australia orientale. Nonostante la Nina, come il Nino, non siano causati dal cambiamento climatico, l'innalzamento della temperatura invece ha effetti sulla loro intensità e frequenza.

Secondo i dati provvisori dell'Omm la temperatura media dell'aria alla superficie per il periodo gennaio-ottobre del 2011 è di 0,41 gradi C superiore rispetto alla media annuale di 14 gradi per il periodo 1961-1990. Il 2011 risulta quindi al decimo posto ex aequo degli anni più caldi dal 1850. "È nostro compito diffondere le conoscenze scientifiche che guidano l'azione di chi decide. La nostra scienza - ha affermato Jarraud - è solida e dimostra in modo inequivocabile che il clima mondiale si sta riscaldando e che questo riscaldamento è dovuto alle attività umane".

CONTINUA SU:
http://www.repubblica.it/ambiente/2011/11/29/news/si_chiude_il_decennio_pi_caldo_dal_1850-25776867/?ref=HREC2-4

IN PENSIONE PER LAVORARE

Calzolaio, sarta, falegname, barbiere i mille mestieri dei pensionati
Con assegni mensili da 500-600 euro, e spesso anche meno, non si vive. Quindi c'è chi continua a fare quello che faceva prima e chi comincia a fare qualcosa di completamente diverso
di AGNESE ANANASSO, LA REPUBBLICA, 30/11/2011

Impara l'arte e mettila da parte... per la pensione. In tempi in cui si discute delle pensioni di domani (ammesso che i giovani di oggi riescano ad averne una), come se la cavano quelli che la pensione ce l'hanno oggi? Male. Non parliamo dei pensionati d'oro, quelli che percepiscono un assegno dall'Inps che sfonda il tetto dei 3.500 euro, come dirigenti, piloti e assistenti di volo a riposo. E nemmeno degli ex dipendenti delle compagnie telefoniche (2.000 euro al mese). E neanche degli ex impiegati dei trasporti, a 1.500 euro mensili. Scendiamo giù, ancora più giù, a livello di quelli che facevano gli artigiani o degli agricoltori o dei commercianti, che arrivano a malapena a 500-600 euro al mese, quando tutto va bene. Per scendere a 120 euro al mese nel caso di ex co.co.co. Al limite della sussistenza, un limite che porta molti anziani a continuare a lavorare... in nero. Continuando a fare magari quello che facevano prima di uscire dal mondo del lavoro, quello vero.

E così c'è chi nel box di casa si è allestito un mininegozio da barbiere con tanto di poltrona professionale - di quelle di una volta, di cuoio - e che fa barba e capelli per una manciata di euro, quelli che oggi non basterebbero nemmeno per uno shampoo. "Tagliava i capelli sotto le armi e ora lo fa ai vicini", dice uno dei condomini.

C'è E. che lavorava al comune di Roma e si era allestito, nella casa appena fuori città una piccola ma attrezzata falegnameria: aveva imparato il mestiere da piccolo e ora è diventato il suo lavoro "a tempo pieno", un modo per arrotondare la ben magra pensione da dipendente pubblico.

Tra le più "fortunate" le infermiere in pensione, che possono in qualche modo continuare a sfruttare la propria professionalità tra iniezioni a domicilio e assistenze domiciliari. "Si guadagnano circa 18 euro l'ora per un'assistenza domiciliare" spiega una signora che è stata nell'ambiente per 40 anni. "Ovviamente sono tutte in nero. Quelle "regolari" non costano molto di più: siamo sui 20-25 euro l'ora".

CONTINUA SU:
http://www.repubblica.it/economia/2011/11/30/news/pensionati-25816849/?ref=HREC1-7

MINZOLINI

Da Capri a Cortina, 1.500 euro in 5 giorni
ecco le carte che accusano Minzolini
Il rapporto della guardia di finanza alla base dell'accusa di peculato contro il direttore del Tg1 su cui deciderà il gup. Per 12 volte negli hotel più lussuosi il giornalista ha pagato per due con la carta di credito della Rai
di GOFFREDO DE MARCHIS, LA REPUBBLICA, 30/11/2011

Augusto Minzolini e Mauro Masi la chiamano "incomprensione amministrativa". Un innocuo pasticcio da 74.636,90 euro sperperati in un anno dal "direttorissimo"usando la carta di credito aziendale della Rai. Non ci siamo capiti e finiamola lì. Ma il procuratore aggiunto di Roma Alberto Caperna lo chiama peculato e il Nucleo di polizia tributaria della Capitale addirittura truffa aggravata (reato punibile con la reclusione da 1 a 5 anni). Il quadro probatorio sembra non lasciare scampo a Minzolini. All'"incomprensione amministrativa" è legata la sua sorte di direttore del Tg1. Martedì il giudice delle indagini preliminari decide sulla richiesta di rinvio a giudizio. Se dà il via libera al processo, Minzolini ha le ore contate.
L'informativa delle Fiamme gialleIn 77 pagine di informativa la Guardia di Finanza ricostruisce dettaglio per dettaglio la vicenda della carta di credito aziendale usata indebitamente dal direttore del Tg1. Un lavoro certosino, che scava nella vita privata del giornalista quando questa è stata foraggiata dai soldi pubblici della Rai. Incrocio di ricevute sequestrate a Roma e Torino, verbali di interrogatorio, corrispondenza interna: su queste basi la procura ha messo sotto indagine Minzolini per peculato escludendo la truffa. Il 6 dicembre sarà un'impresa far passare un vorticoso e invidiabile elenco di località di vacanza, spese allegre, misteriosi informatori, ristoranti e alberghi di extra lusso con i quali si potrebbe scrivere una breve guida Michelin, come un piccolo equivoco senza importanza.
"La restituzione è irrilevante "
Nel dossier si ritrovano molti particolari già conosciuti. Le mete delle trasferte del direttorissimo: week end a Capri, Barcellona, Ischia, Cortina, Cannes, Sanremo, Venezia, Marrakech, Dubai, Londra, Palma de Majorca, Amburgo, Monaco, Saturnia, Il Cairo. Il totale speso per questi viaggi e addebitato sulla carta di credito aziendale: 74.636,90 euro in poco più di un anno, dal 28 luglio 2009 al 30 novembre 2010, quando scoppia lo scandalo e la Rai ritira la carta a Minzolini. Di questa cifra il giornalista ha restituito 65.341,33 euro in 5 tranche: 2000 trattenuti sullo stipendio di febbraio 2011, 63.330,76 con tre assegni da marzo a maggio dello stesso anno, 1134 versati nel giugno scorso. Ma, precisa la polizia tributaria, ai fini del reato "è irrilevante la successiva avvenuta restituzione in cassa della somma".
Il doppio rimborso spese
Il pasticcio dunque si complica. La lettura delle carte offre infatti altri particolari inediti. Le Fiamme gialle segnalano l'ipotesi di truffa aggravata per alcuni casi in cui Minzolini ha ottenuto un doppio rimborso: quello registrato per la carta di credito e quello a forfait, "richiesto e ottenuto dallo stesso Minzolini, per un importo complessivo di 1637,16 euro". In pratica, il direttore pagava il ristorante con il denaro aziendale attraverso la carta ma chiedeva anche il rimborso della diaria. Negli alberghi più belli e nelle località più lussuose, in 12 occasioni Minzolini "ha fruito di pernottamenti per 2 persone" e dieci volte è stato giustificato dall'azienda. Il direttore si portava il lavoro a letto. Ma sull'informatore o l'informatrice che Minzolini ospitava nella sua stanza c'è il buio pesto. Nemmeno la Finanza è riuscita a saperne di più. Le "schede alloggiati", come si chiamano in gergo i verbali delle Questure che registrano le presenze in hotel sulla base dei documenti presentati alla reception, non hanno fornito alcuna risposta. L'identità della Mata Hari è destinata a rimanere un mistero.

CONTINUA SU:
http://www.repubblica.it/politica/2011/11/30/news/carte_accusa_minzolini-25821396/?ref=HREC1-6

FINMECCANICA E RACCOMANDAZIONI

di CONCHITA SANNINO, LA REPUBBLICA, 30/11/2011
"In Finmeccanica assunti parenti di politici
Dal figlio di Latorre al fratello di Giorgetti"
Parla Borgogni. ex capo delle relazioni sterne del colosso pubblico. "Dossier su Tremonti? Ero arrabbiato perché ci ha traditi ma non ci siamo inventati nulla"NAPOLI - La spavalderia ha già lasciato il posto a una modesta ammissione. Lorenzo Borgogni, l'ex vertice delle Relazioni esterne del colosso Finmeccanica, il depositario di molti segreti e forse tangenti, l'uomo che ha rischiato di finire in carcere su richiesta della Procura di Roma, premette: "Finmeccanica si è indebolita di fronte alle pressioni della politica". E risponde come può - "sono tenuto al segreto di indagine", dice - e forse anche come vuole.

Dottor Borgogni, lei è un manager di Stato che ha dirottato su un conto estero 7 milioni di euro. Da dove salta fuori questo denaro?
"Non erano tangenti, non è denaro di provenienza illecita. Tra l'altro voglio precisare che, appena convocato dai pm di Roma, l'11 gennaio 2011, fui io a mostrare questa documentazione. Quei soldi sono frutto di mie consulenze, io avevo consentito ad aziende di rinascere e di fare business, si tratta di rapporti tra privati e non c'è nulla che abbia a che vedere con un'ipotesi di corruzione".

Il pm parla di "creste". Grave per un manager di Stato.
"Non lo erano. Comunque, tornassi indietro non lo rifarei".

In un'intercettazione del maggio 2010 lei, brutalmente, ipotizza di fare dossieraggio contro l'allora ministro Tremonti.
"Non è assolutamente così. Ero arrabbiato, sì. C'era una impossibilità e una difficoltà notevole di rapporti con l'ex ministro Tremonti, che aveva bloccato la nomina di Guarguaglini a vicepresidente di Confindustria. Eravamo noi a sentirci traditi. E ci sentivamo accerchiati da questi presunti scoop. Ad esempio sulle notizie che uscivano sulla Digint. Poi noi non ci eravamo inventati proprio nulla. Io riferivo al telefono di cose che diceva tutta Roma".

Lei è al suo quarto interrogatorio, come teste, con i pm di Napoli Piscitelli, Curcio e Woodcock sul caso Finmeccanica; ma sono dodici le sue audizioni se si contano anche quelle rese per le indagini su P4 e sull'ex consigliere di Tremonti, Milanese. Intanto a Roma la sta sentendo anche il pm Ielo. Lei è un superteste o sta giocando una partita?
"Nessun gioco. Racconto fatti verificabili. Ho sempre detto che il nostro cda era espressione della politica, che nelle 18 società di primo livello di Finmeccanica, il cui azionista era il ministero del Tesoro, c'era questa interlocuzione e pressione. Mi arrivavano i curriculum, li mandavo all'ufficio del personale delle aziende. Se erano profili di ingegneri li esaminavo, se era altro dicevo "andiamoci piano". Ma avevamo le nostre regole. Su 7 membri di Cda, la politica ne poteva segnalare 2, mai il presidente. E comunque in 10 anni avrò passato qualche centinaio di curriculum: è tanto se il dieci per cento sono andati in porto".

Che cosa è stata la Finmeccanica di Guarguaglini? Un pozzo nero di tangenti?
"Guarguaglini è stato uno dei più grandi manager italiani e ha portato al successo la Finmeccanica, ha vuto la grande intuizione di trasformare la holding finanziaria in holding industriale. E tra l'altro finché c'è stato lui come amministratore ha cercato di limitare le ingerenze della politica".

Lorenzo Cola "consulente globale" della holding dice di averle portato tangenti. Una volta, le ha consegnato una busta con 350 mila euro che lei ha girato a Bonferroni, consigliere di amministrazione della holding e riferimento dell'Udc.
"Non andò così, mi creda. Ne ho parlato ai pm, sanno tutto. Ma non posso dire di più. Cola, in generale, è stato diabolico".

Altri fatti. É vero che i parenti dei potenti in Finmeccanica bussavano da destra e da sinistra? Le risulta che un figlio del senatore Pd Latorre è stato assunto in Agusta Westland?
"Sì, è così, credo ne avesse anche i titoli".

continua su:
http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2011/11/30/news/in_finmeccanica_assunti_parenti_di_politici_dal_figlio_di_latorre_al_fratello_di_giorgetti-25833619/?ref=HREC1-5

Istat, la disoccupazione sale all'8,5% E un giovane su tre senza impiego

LA REPUBBLICA, 30/11/2011

Il tasso di disoccupazione a ottobre sale all'8,5%, in aumento di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,1 punti percentuali rispetto all'anno scorso: si tratta del valore più alto da maggio 2010 (quando era all'8,7%). Lo rileva l'Istat nella diffusione dei dati provvisori, aggiungendo che il tasso di disoccupazione giovanile, tra i 15 e i 24 anni, è al 29,2%, in flessione di 0,1 punti percentuali su settembre ma in aumento di 1,5 punti su ottobre 2010. Il tasso di occupazione è pari al 56,9%, stabile nel confronto congiunturale e in aumento in termini tendenziali di 0,1 punti percentuali.

L'occupazione a ottobre è rimasta invariata rispetto a settembre mentre è aumentata dello 0,2% (+53 mila unità) rispetto a ottobre 2010. Lo rileva l'Istat sottolineando che gli occupati nel mese erano 22.913.000.

CONTINUA SU:
http://www.repubblica.it/economia/2011/11/30/news/disoccupazione-25830421/?ref=HREC1-3

Tasse/ Ultimo giorno per l'acconto Irpef. Bollette, tredicesime leggere in fumo

Mercoledì, 30 novembre 2011 AFFARI ITALIANI

Vi siete ricordati di pagare le tasse? Scade oggi 30 novembre, il termine ultimo per il versamento dell'acconto Irpef, che il governo Monti pochi giorni fa ha ridotto dal 99% all'82%, con un calo di 17 punti che in teoria dovrebbe lasciare temporaneamente nelle tasche degli italiani (fino a maggio, quando occorrerà versare il saldo) circa 3 miliardi di euro. In teoria, si badi, perché lo slittamento è stato annunciato il 23 novembre scorso e dunque in molti casi chi doveva versare aveva già calcolato il tutto sulla base della vecchia aliquota e in qualche caso aveva già iniziato a pagare.

Come ha precisato subito lo stesso Tesoro italiano, qualora sia stato già effettuato il pagamento dello stipendio o della pensione senza considerare la riduzione dell'acconto prevista, "i sostituti d'imposta restituiranno le maggiori somme trattenute nelle retribuzioni erogate nel mese di dicembre 2011" Se poi i sostituti d'imposta (ossia datori di lavoro o enti pensionistici) non siano in grado di restituire le maggiori somme trattenute nelle retribuzioni erogate nel mese di dicembre, "gli stessi dovranno comunque restituirle nelle retribuzioni del mese successivo".

Una precisazione che ha fatto ritenere molti che le tredicesime quest'anno saranno più pesanti: in realtà è vero l'opposto almeno per due motivi. Primo, come denunciato da Adusbef e Federconsumatori, perché il monte retribuzione sarà nel complesso inferiore di 800 milioni di euro (-2,2%) rispetto al 2010 (e di questi soldi quasi l'80% se ne andrà in pagamenti di tasse, bolli, canoni e rimborso di debiti pregressi, facendo presagire un Natale all'insegna dell'austerity più che di "follie" consumistiche). Secondo perché come testimoniato oggi dall'Istat, le retribuzioni contrattuali continuano a crescere meno dell'inflazione: +1,7% a ottobre su base annua, contro il +3,4% segnato lo stesso mese dall'indice dei prezzi al consumo.
Morale della favola: il divario tra salari e inflazione ha toccato i massimi dal 1997 a 1,7 punti percentuali (contro un precedente record dell'1,3%), gli Italiani sanno che i soldi "temporaneamente" in tasca ci rimarranno comunque poco e per quel poco probabilmente li utilizzeranno per effettuare pagamenti, visto anche i primi segnali di una possibile nuova "stretta" sul credito che non sembra promettere nulla di buono.

Luca Spoldi

I GIUDICI DELLA 'NDRANGHETA

"Un giudice aiutava la 'Ndrangheta". Maxiblitz da nord a sud.
Mercoledì, 30 novembre 2011 - 09:16:37 AFFARI DI FAMIGLIA
Maxiblitz contro la zona grigia della ndrangheta. Da Milano a Reggio Calabria, è scattata contro affiliati alla famiglia Valle-Lampada, ma anche contro una serie di professionisti che li aiutavano con i propri servigi. Lo rivela Radio 24.

Coinvolti anche un rappresentante delle forze dell'ordine lombardo, un politico calabrese e un magistrato. L'inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini. L'ordinanza di custodia cautelare è firmata dal gip Giuseppe Gennari.

GLI ARRESTI - Con ordine del pm Ilda Boccassini è stato arrestato il giudice del Tribunale di Reggio Calabria Vincenzo Giglio, 51 anni, presidente anche di Corte d'Assise ed esponente della corrente di sinistra di 'Magistratura democratica' accusato di reato di corruzione e di favoreggiamento personale di un esponente del clan Lampada, con l'aggravante di aver commesso questi reati "al fine di agevolare le attivita'" della 'ndrangheta.

Nella stessa inchiesta (è in corso l'esecuzione di alcuni provvedimenti cautelari) stamattina sono stati arrestati per concorso esterno in associazione mafiosa Francesco Morelli, componente del Consiglio Regionale della Calabria, eletto nella lista "Pdl-Berlusconi per Scopelliti", l'avvocato Vincenzo Minasi, difensore fra gli altri di Maria Valle. Gli arresti chiesti dal pool di Ilda Boccassini sono stati firmati dal gip Giuseppe Gennari.

Trema la Regione Lombardia: ondata di arresti per i cantieri della Brebemi

Mercoledì, 30 novembre 2011 AFFARI ITALIANI

Dieci le ordinanze di custodia cuatelare in carcere emesse dalla DDA della procura di Brescia, eseguite in queste ore dai carabinieri del comando provinciale per corruzione e traffico organizzato di rifiuti illeciti. Tra gli arrestati il vicepresidente della Regione Lombardia Franco Nicoli Cristiani e il coordinatore dello staff dell'Arpa Giuseppe Rotondaro. Colpito anche il gruppo Locatelli. Gli inquirenti avrebbero documentato una mazzetta di 100mila euro.

LA DICHIARAZIONE/ Il leghista Davide Boni, presidente del consiglio regionale, commenta con Affaritaliani.it l'arresto del suo vice, Nicoli Cristiani (Pdl): "Aspetto di conoscere maggiori dettagli, visto che la notizia l'ho appresa da Affaritaliani.it. Spero che in questa vicenda gli attori coinvolti possano dimostrare la propria estraneità ai fatti. Detto questo, la Lega Nord è sempre stata per la legalità e la trasparenza, quindi è giusto che la giustizia faccia il suo corso. L'Ufficio di Presidenza, quando si riunirà, discuterà e prenderà decisioni. In questo momento è impossibile correre in avanti e preannunciare qualunque altra cosa. Devo dire che a livello personale il caso di Nicoli Cristiani mi chocca perché ci ho lavorato insieme per due anni, recentemente, e ho lavorato insieme a lui come assessore quando eravamo in giunta. La situazione mi colpisce e non è delle più facili"

LA BIOGRAFIA/ Imprenditore da un lato, politico dall'altro. Franco Nicoli Cristiani ha sempre affiancato le due attivita', la prima come amministratore unico della 'Spas' - societa' che opera nella commercializzazione di prodotti per la medicina dello sport -, la seconda come appassionato e cultore che, a partire dalla laurea in Scienze politiche all'Universita' di Padova, l'ha portato a 'scendere in campo' a seguito di Silvio Berlusconi. Il vice presidente del Consiglio regionale lombardo, arrestato questa mattina nella sua casa di Mompiano (Brescia) con l'accusa di corruzione e traffico di rifiuti, e' stato militante di Forza Italia sin dalla prima ora, fino a collaborare con il ministero del Commercio durante il primo governo Berlusconi ed essere nominato coordinatore provinciale del partito nel 1996 (fino al 2000). Nicoli Cristiani ha assunto la carica di vice coordinatore regionale e responsabile della macro area di Brescia, Bergamo, Mantova e Cremona; siede nel consiglio regionale lombardo dal 1995 ed ha ricoperto anche la carica di assessore, in un caso all'Ambiente, in un altro al Commercio.

martedì 29 novembre 2011

FRA POCHI GIORNI LA HIT PARADE DI NOVEMBRE 2011

DA NON PERDERE

CHI SARANNO I VINCITORI DI NOVEMBRE?

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE CI RICHIEDONO LA HIT PARADE CHE, DEVO AMMETTERE, CI DIVERTIAMO TANTISSIMO A FARE ANCHE SE, E' VERO, CI METTIAMO UNA SERIETA' ED UN IMPEGNO ENORME.

ed inoltre: chi saranno i migliori del 2011? lo saprete i primi di gennaio.


LA REDAZIONE

The Smiths - There Is A Light That Never Goes Out

The Smiths - Panic

The Smiths "How Soon Is Now?"

The Smiths - Please, Please, Please, Let Me Get What I Want

The Smiths - Oscillate Wildly ♪

LADIES AND GENTLEMAN: THE SMITHS

I CONTADINI

UN NUOVO RAPPORTO INTITOLATO “L’IMPERATORE OGM E’ NUDO”
Redatto da ben 20 organizzazioni internazionali e pubblicato da Navdanya
International, fotografa con estrema chiarezza le conseguenze degli organismi
geneticamente modificati. Tutte negativeQuindici milioni di contadini sono
ostaggio degli Ogm, e 250.000 agricoltori – ridotti sul lastrico – si sono
tolti la vita negli ultimi anni. È l’agghiacciante denuncia lanciata dalla
studiosa ed attivista indiana Vandana Shiva: il 70% del commercio globale di
sementi è ormai controllato da appena tre grandi multinazionali, e gli
organismi geneticamente modificati, che dovevano aumentare le produzioni e
ridurre i pesticidi, stanno condizionando il sistema agricolo mondiale. Lo
afferma senza mezzi termini un nuovo rapporto, intitolato “L’imperatore Ogm è
nudo”, redatto da ben 20 organizzazioni internazionali e pubblicato da Navdanya
International, associazione con sede a Firenze. Presentati sin dall’inizio come
potenziale soluzione alle crisi alimentari globali, all’erosione dei suoli e
all’uso di sostanze chimiche in agricoltura, oggi gli Ogm coprono oltre un
miliardo e mezzo di ettari di terreni in 29 diverse nazioni. Ma non sembrano
aver mantenuto le promesse.
TRA LE DELUSIONI DEGLI OGM
La lotta contro i parassiti: le nuove colture hanno favorito la diffusione di
specie nocive e ancora più pericolose. In Cina, dove il cotone Bt resistente
agli insetti è largamente diffuso, i parassiti sono infatti aumentati di 12
volte dal 1997. Non solo, una ricerca del 2008 dell’International Journal of
Biotechnology ha rivelato che tutti i benefici dovuti alla coltivazione di
questo tipo di cotone erano stati annullati sia nella Repubblica Popolare che
nella vicina India dal crescente uso di pesticidi, necessari in quantità sempre
maggiori proprio per combattere questi nuovi “super-parassiti”. Stessa sorte
per i coltivatori di soia gm in Brasile ed Argentina che, dalla conversione
delle loro colture, hanno dovuto raddoppiare l’uso di erbicidi per disfarsi di
super-weeds capaci di crescere anche di un centimetro al giorno (come l’erba
infestante pigweed). E ciò senza neppure il vantaggio di avere coltivazioni più
resistenti al sole o alla siccità.
SECONDO THE GMO EMPEROR HAS NO CLOTHES
Global Citizens Report on the State of GMOs, gli Ogm hanno solamente portato
poche multinazionali ad un inquietante strapotere. Basti pensare che le sole
Monsanto, Dupont e Syngenta controllano oggi il 70% del commercio globale di
sementi. Un fatto che permette ai tre colossi biotech di stabilire (ed alzare)
i prezzi a loro piacimento. Ma che proprio per questo, secondo gli scienziati,
sta avendo conseguenze devastanti su molti degli oltre 15 milioni di
agricoltori diventati loro clienti.In Africa, Sud America e soprattutto in
India, i suicidi di contadini impossibilitati a sostenere i costi sempre più
elevati dell’agricoltura intensiva imposta dagli organismi geneticamente
modificati sono arrivati a livelli inaccettabili. Solo nel Paese asiatico,
ricorda Vandana Shiva (che presiede Navdanya International), negli ultimi 15
anni le persone che si sono tolte la vita per questo motivo hanno superato le
250mila unità: quasi una ogni mezz’ora, dal 1996 ad oggi.
OLTRE CHE GLI EFFETTI AMBIENTALI E SOCIALI
Gli studiosi temono conseguenze sulla salute, anche se ufficialmente non
ancora dimostrate. Non solo nei Paesi “poveri”, ma anche negli Usa, che 15 anni
fa lanciarono le coltivazioni ogm : oggi gli Stati Uniti ne sono il primo
produttore mondiale, con il 93% delle coltivazioni di soia, l’80% del cotone,
il 62% della colza e il 95% della barbabietola da zucchero.In Europa gli
organismi geneticamente modificati non sono ancora penetrati come nel resto del
mondo, ma manca poco: “L’Ue – spiega il rapporto – importa il 70% dei mangimi,
in massima parte soia e mais provenienti dagli Stati Uniti” e quasi sempre
geneticamente modificati. Di conseguenza
, anche dove non permessi, gli Ogm “sono potenzialmente presenti nelle farine
di mais e di soia, che figurano come ingredienti di tantissimi prodotti
alimentari”.Un fatto che non dovrebbe creare allarmismi, per Mark Buckingham
della GM’s industry’s Agriculture and Biotechnology Council, che al contrario
elogia gli enormi potenziali benefici di queste tecnologie. “Dall’India al
Sudafrica, milioni di contadini hanno già valutato l’impatto positivo che la
tecnologia degli Ogm può avere sul loro lavoro”, afferma il dottor Buckingham:
“La popolazione mondiale raggiungerà i nove miliardi entro il 2050. Un
significativo aumento dei raccolti è quindi necessario, soprattutto nei Paesi
in via di sviluppo”.Il continuo progredire della ricerca, inoltre, secondo
Buckingham potrà portare gli Ogm a fronteggiare anche sfide come quella dei
cambiamenti climatici: “Si sta sviluppando una tecnologia per la tolleranza
alla siccità, che permetterà alle colture di affrontare senza problemi periodi
di bassa umidità dei terreni”. Ogm come soluzione ai problemi ambientali? Per
Vandana Shiva, in realtà “il modello degli Ogm scoraggia i contadini nel
provare metodi di coltivazione più ecologici”, e le corporation che lo
promuovono stanno “distruggendo le alternative” al solo scopo di “perseguire il
profitto”.
Fonte : ecplanet


Tratto da: 15 milioni di contadini sono succubi degli Ogm e 250mila si sono
suicidati | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/11/29/15-
milioni-di-contadini-sono-succubi-degli-ogm-e-250mila-si-sono-
suicidati/#ixzz1f6ovUUqk
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

ECCO CHE COSA SONO LE BANCHE

Bloomberg ha svelato che la Fed ha "pompato" liquidità per 7700 miliardi di dollari (*) nel complesso, a tutte le istituzioni bancarie americane, per superare la crisi. Cioè, hanno premuto un tasto e hanno creato valore dal nulla. Lo hanno fatto di nascosto, per non allarmare i mercati. Così mi sono chiesto cosa sarebbe successo se tutti quei soldi, anziché darli alle banche, li avessero dati alla gente. In fin dei conti era la gente a non riuscire a pagare il mutuo, mica le banche.

In america ci sono più o meno 528 milioni di persone. Sono quasi 15 mila dollari a testa. Pochini. Però il ragionamento, fatto così, non fila, perché stiamo dando 15 mila dollari anche ai neonati. Allora ragioniamo sul numero di famiglie, che sono circa 115 milioni. Fanno 67 mila dollari a nucleo familiare. Già meglio. Con 67 mila dollari regalati, anzi "pompati", una famiglia può avviare un'attività in proprio, lavorare e dare lavoro, facendo ripartire il volano dell'economia.
Se poi restringiamo la "pompa" alle sole famiglie in crisi, coinvolte nei maledetti subprime, allora capite che la crisi sarebbe stata risolta in quattro e quattr'otto. Ma soprattutto: la gente ora avrebbe una casa e, molto probabilmente, un lavoro.

Già, ma così poi sarebbero fallite le banche...

E se invece delle banche, iniziassimo a salvare la gente? - Byoblu Claudio Messora Finanza Economia Politica monetaria FED Bloomberg FMI Crisi Subprime Mutui
(*): da Milano Finanza:

« Nel recente Global Financial Stability Report, il Fondo Monetario Internazionale ha aggiornato a 4.100 miliardi di dollari l’entità delle svalutazioni del totale delle istituzioni finanziarie su scala mondiale per il periodo 2007-10. Le perdite si riferiscono al totale delle istituzioni finanziarie. Limitando l’analisi alle sole banche, il Fondo stima perdite per il periodo 2009-10 di poco più di 1.600 miliardi di dollari, di cui più di un terzo nell’Eurozona (poco più di 900 miliardi di dollari ovvero quasi 700 miliardi di euro, l’8% del Pil nominale).»

Ma allora, se il totale delle istituzioni finanziarie ha perso 4100 miliardi, e per di più su scala mondiale, allora questi 7700 miliardi che la Fed ha dato alle banche nella sola america, a chi sono andati? Cioè, in parole povere: chi si è fottuto almeno 3600 miliardi di dollari?

Il Giorno della Morte della Democrazia in Europa Tratto da: Il Giorno della Morte della Democrazia in Europa

L’11 novembre è stato un giorno particolare.

Indosso un papavero rosso, come ho sempre fatto, perché ho cominciato a farlo 40 anni fa, ignorando gli strati di propaganda militarista, che era sempre presente ma che poi è stata iper-amplificata.

Questo è il giorno in cui la musica è finita per la democrazia europea. È naturalmente un errore scegliere un singolo giorno e evento come quello che ha scatenato un grande processo storico. Ma un singolo giorno può essere un simbolo, come la presa della Bastiglia.
Non l’avevo al tempo notato, ma la democrazia si è effettivamente interrotta in Inghilterra qualche anno fa, quando tutti i principali partiti politici inglesi avevano intrapreso il programma dei neo-con.

In Europa, oggi viviamo uno di questi giorni simbolici, quando il Vicepresidente della Banca Centrale Europea viene imposto ai greci dalla Germania come Primo Ministro, e l’ex commissario UE Mario Monti è imposto agli italiani, in entrambi i casi senza che gli elettori abbiano potuto dire la loro.
Quindici anni fa, come Primo Segretario dell’Ambasciata Britannica a Varsavia, il mio compito principale era quello di aiutare la Polonia a entrare nell’Unione Europea.

Ho partecipato a varie conferenze organizzate dall’UE – e alcune le ho organizzate io stesso – per favorire ciò.

Nel corso di una conferenza organizzata dalla Konrad Adenauer Foundation, c’era la fila di oratori a sotttolineare “il ruolo delle élite” nel promuovere la integrazione della Unione Europea. Era il titolo di una delle sessioni.

L’ipotesi prospettata, abbastanza apertamente, era che l’Unione Europea fosse una nobile e grande idea che era sempre stata promossa dai grandi visionari facenti parte delle élite, e che l’opinione pubblica poteva essere presa in considerazione per farla progredire, ma che non avrebbe potuto fermare il progetto.

Non avendola sentita e percepita dall’interno, non potete capire la reverenza che gli eurocrati provavano per i nomi dei padri fondatori, come Schumann, Monnet e Spinelli e una manciata di altri di cui quasi nessuno ha mai sentito parlare.
I partecipanti alle conferenze come quella in Polonia, gestita dalla Konrad Adenauer Foundation, credevano di far parte di questa élite, una specie di superuomo con una conoscenza profonda e superiore a quella della plebe ordinaria. Era una cosa eccitante per i giovani ambiziosi politici polacchi nella metà degli anni ’90.
Feci un discorso a quella conferenza in cui avvertii sui pericoli di quel modello elitista e parlai della necessità del consenso informato nella democrazia. Ciò fu considerato abbastanza pittoresco, anche se poi feci altri brutti scherzi. Io sono per principio apertamente favorevole all’integrazione europea, e totalmente per l’apertura dei confini interni dell’Europa, ma sono ancora molto attento al fatto che quelli che hanno pilotato il progetto europeo non credono davvero nella democrazia, se ciò significa che la gente comune possa dire cosa fare alle grandi menti come loro.
L’11 novembre potrebbe entrare nella storia per essere il giorno che ha aiutato la gente in Europa a capirlo.
Articolo pubblicato sul sito Come Don Chisciotte

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Link diretto:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9329

Tratto da: Il Giorno della Morte della Democrazia in Europa | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/11/28/il-giorno-della-morte-della-democrazia-in-europa/#ixzz1f6pVM7hr
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!