IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 31 maggio 2013

UN GURU PER OGNI ESIGENZA: LA SPLENDIDA ZAMPATA DEL CORVACCIO ALDO ARPE


CARNE TOSSICA


Nuovo scandalo alimentare: "Esportata carne di volatile fuori norma"

AFFARI ITALIANI, Venerdì, 31 maggio 2013 - 09:23:00
macellaio
Delle filiali di un gruppo bretone avrebbero presentato da diversi anni falsi rapporti di analisi microbiologiche per rispondere alle strette norme di alcune paesi sull'esportazione di carni di volatile. La frode riguarda seimila tonnellate di carne di volatile messe in vendita da un gruppo agroalimentare del dipartimento di Finistère in Francia.
Il valore di mercato della carne in questione si stima attorno ai tre milioni di euro. Parecchie filiali del gruppo all'origine della frode avrebbero, regolarmente e per parecchi anni, confezionati dei falsi rapporti di analisi microbiologiche al fine di soddisfare la regolamentazione molto stretta di alcuni paesi.
Queste imprese, specializzate nella produzione e nella commercializzazione dei prodotti di volatili, avrebbero anche trattato delle analisi con prodotti disinfettanti o per irradiazione. "Si tratta di prodotti non conformi alle norme di vari paesi" dove la carne viene esportata, spiegano gli accusatori, precisando che si tratta di carne separata meccanicamente (Vsm), con carni di volatile compresse con l'aiuto di mezzi meccanici.
Undici persone, tra i quali tre dirigenti, sono state ascoltate dagli inquirenti per i presunti reati di falso e truffa. Sono state effettuati anche dei prelievi sui conti correnti bancari delle persone coinvolte per un totale di 460 mila euro. Il processo comincerà il prossimo mese di settemebre.

L'ARTICOLO DI URI AVNERY: NON INTERROMPETELO!


Uri Avnery
June 1, 2013

                                                The False Torch

YA’IR LAPID, the freshman parliamentarian and Treasury Minister, has declared that from now on he will deliver all his important speeches outside the Knesset, confining his Knesset appearances to the legal minimum.

The reason: members from the opposition interrupt him. He cannot marshal his thoughts when interrupted. Since he is used to making his speeches with the help of a teleprompter, without interruptions of any kind, this bothers him.

What does that tell us about him?

During my 10 years in the Knesset, I made about a thousand speeches from the rostrum, some sort of record. It was always my fervent hope to be interrupted. The interjections enlivened the speeches, allowed me to retort, clarified points, attracted press coverage.

I was also a very frequent interrupter myself. I thoroughly enjoyed making “Zwischenrufe”, as the Germans call parliamentary interjections, saying in half a dozen words what I would otherwise have needed a whole speech to express.    

This give-and-take is the essence of parliamentary debate. It tests your quickness of mind, mastery of the subject and general alertness. Without it, Knesset debates would be just a dull exercise in wordiness.

I remember one minister who would be totally derailed by interruption. It was Ariel Sharon. Interrupted in the middle of a sentence, he became flustered and had to start anew. But he was a veteran general, and generals are not accustomed to being interrupted by lesser mortals.

So here was this (relatively) young man, a journalist and TV personality, who cannot bear his thoughts - such as they are - to be interrupted.


WHAT ARE these precious thoughts that cannot stand being interrupted?

For several months now Lapid has been the center of interest in Israeli politics. And not only in Israel. Time Magazine, doggedly remaining ridiculous after anointing Binyamin Netanyahu as Israel’s “King Bibi”, placed Lapid among the world’s 100 most influential people. So by now we should have an inkling of what Lapid really thinks.

During his extremely successful election campaign, with the help of local pollsters and American advisors, Lapid carefully selected a few themes and stuck to them.

There were three main promises:

First, to save the middle class, which, he maintained, had been downtrodden under previous governments.
 
Second, to achieve “equality of (bearing the) burden”, that is to compel ultra-orthodox youngsters to serve in the army like everybody else. Since the founding of the state, tens of thousands of these young men and women have been exempted – as have the Arab citizens, though for quite different reasons.

Third, to restart the “political process” (the term used in Israeli parlance to avoid the awful word “peace”) in order to achieve a “permanent solution” (ditto) based on two states.

As it turns out, all three promises were blatant lies.


NO ONE quite knows what the “middle class” is. But it must be assumed that they lie somewhere in the middle between the stinking rich and the abject poor. That may mean almost the entire population or at least a large part of it.

It is not easy to pin down Lapid’s social-economic proposals, since he changes them all the time. The public has already grown used to the spectacle: in the morning Lapid proposes some measure to reduce the deficit (say, by the raising of tuition fees), by noon a howl of protest engulfs the government, in the evening the proposal is quietly dropped.

However, the draft budget for the current and the next year is now almost complete. The huge deficit – for which Lapid is not to blame – will be covered by – well, the middle class.

Taxes on the rich will remain minimal. Multinationals and other big companies will pay almost no taxes at all. Services for the poor will be cut. But the brunt of the burden will be borne by the middle class indirectly – value-added and other taxes will raise Israel’s already very high cost-of-living even higher. Salaries for the middle class in Israel are lower than in almost all other developed countries.

It is clear by now that Lapid, though the main beneficiary of the huge social protests two years ago, is in fact, like Netanyahu, an ardent admirer of Ronald Reagan and Margaret Thatcher. 

All this brings to mind the  words of King Rehoboam, the son of Solomon: “My father chastised you with whips, but I will chastise you with scorpions!” (Kings I, 12:14)

The tycoons already love him.


THE MOST important member of Lapid’s party, after himself, is Jacob Perry, a person who happens to be a very rich tycoon and former chief of the Shin-Bet. Just now the report of a commission he heads has been issued, concerning the army “burden”.

Ostensibly, this is a great victory for the anti-orthodox camp. At long last, the mass exemption of the orthodox youth from army service will be abolished. Except for a few “exceptional Talmud students” - about 1800 per year – they will all serve their three years like ordinary male mortals.

But look at the report under the microscope, and a quite different picture emerges. The mass induction of orthodox youths will take place in practice only in four years or more. That, in Israeli politics, is equal to eternity – at least. By that time, after the next election, Lapid and his band may already be history.

Under the plan, orthodox men will be inducted only on reaching 21, when practically all of them are already married and have at least two children. This will make their service much too expensive for the army, which doesn’t want them in the first place. All other recruits are inducted at 18.

Also, as of today, all orthodox men who are now 21 years old or older will be freed altogether from duty.

The army’s lack of enthusiasm for the whole project can well be understood. It now appears that in the much-touted “orthodox battalion” of volunteers which is currently serving, there are only a tiny number of real orthodox soldiers. In reality, their ranks are filled by other kippah-wearing specimens.

The whole thing is an exercise in deception. In practice, there is no power in Israel that could possibly compel the masses of orthodox youth to serve against their and their rabbis' will and faith.

The only victor of the affair is Lapid’s adopted political blood-brother, Naftali Bennett. This new Minister of Economy and Religious Service, the representative of the settlers and other “national-religious” extremists, has rejected another part of the Perry report. Pupils of the religious pre-military schools, who now serve only 16 months (less than half of the time secular soldiers serve) would be compelled to serve 20 months. These “settlement yeshivot” are known as hotbeds of racism and ultra-nationalism, but their pupils don’t want to serve as long as their secular brethren. Bennett succeeded in reducing the extension to one whole month: his war-loving protégées will serve only 17 months.

This week Lapid performed a masterpiece of public relations: he threatened Netanyahu with a major cabinet crisis if his demand about a quite unimportant detail was not accepted. Netanyahu gave in and Lapid won. Hail to the victor!    


SO WHAT about Lapid, the Man of Peace?

During the election campaign, he appeared to be a man of the “center-left”. His whole bearing was that of “one of us”, the secular, liberal center of the public, which is also identified with a vague desire for peace.

Lapid mouthed the appropriate vague phrases in favor of the two-state solution. But the suspicions of his adoring devotees should have been raised by his decision to open his campaign in – of all places – Ariel “University”, the flagship of the settlers. He also proclaimed that Jerusalem would never be divided.

On the morrow of the election Lapid struck his deal of unbreakable and unshakable brotherhood with Bennett, the extreme rightist. As the classic Hebrew saying goes: “Not for nothing did the sparrow go to the raven”.

This week Lapid granted an extra 50 million shekels to Ariel “University”, a huge bribe to the settlers at a time when social services are being cut to the bone. His budget does not strike a shekel from the government’s massive support for the settlements.

In an interview with the New York Times, Lapid disclosed his plan for peace: a Palestinian state with “temporary borders” (which means in practice less than half of the West Bank, leaving them with some 11% of historical Palestine.) Also, Jerusalem would remain united under Israeli control.

Mahmoud Abbas reacted almost at once: this is absolutely unacceptable. Even the untiring John Kerry could not bring the parties together on that basis.


ALL THIS has not helped Lapid. The public, including many (if not most) of his voters have been disillusioned by their hero. This early in his new political career, he already stands revealed as a shallow individual, good-looking but untrustworthy, well-spoken but insincere. The “new politics” which he promised look suspiciously like the tired old policies - or worse.

That is far more serious than the question of Lapid’s future career, or lack of it. It is of crucial importance for Israel that a new generation of activists for peace and social justice build a new force that will be able to compete in the next elections. The searing disappointment in Lapid may, unfortunately, push young people far away from politics.

This Shining Torch (the literal meaning of Ya’ir Lapid’s name) is close to being extinguished. Let’s hope that a more serious and more sincere bearer of the torch will appear in time. But not too much time.

FACEBOOK STOPPA IL SESSISMO


Facebook dice stop al sessismo

Troppi contenuti che rivelano un odio verso le donne, fatto di immagini esplicite e parole forti. Ecco che Facebook decide di cambiare la sua politica nei confronti di commenti o gruppi sessisti.
o-FACEBOOK-RAPE-570ARTICOLOTRE-M.F.- 30 maggio 2013-Facebook dice basta allepagine misogine, ai commenti volgari sulle donne, ai gruppi che inneggiano allo stupro, con immagini di ragazze picchiate e brutalizzate.
Dice basta, è vero, ma non lo fa per buonsenso, o almeno, non solo. Sono, infatti, moltissimi gliinserzionisti pubblicitari, soprattutto i "Big Spender", come si chiamano in gergo, come Nissan e Unilever, che hanno deciso di dare un aut-aut al social di Mark Zuckerberg: sospenderanno le loro inserzioni pubblicitarie a meno che il sito non faccia qualcosa contro questa piaga misogina dilagante. Ora, dobbiamo dirlo, nemmeno i Big Spender hanno deciso di dare questo ultimatum soltanto per indignazione, ma principalmente perché spesso le loro campagne, grazie a quell'algoritmo che fa comparire le pubblicità a seconda delle preferenze dell'utente, sono appare vicino a questi post offensivi, soprattutto, nei riguardi del sesso femminile.
Facebook ha quindi deciso di rivedere, dopo troppo tempo secondo alcuni, le linee guida sulla pubblicazione di contenuti; innanzitutto rimuovendo i messaggi incriminati. Non sono stati solamente i Big Spender ad aver fatto cambiare rotta alla società di Palo Alto, ma anche le proteste di molti utenti della rete si erano fatte pressanti; come ad esempio quelle portate avanti da attivisti dei gruppi inglesi Everyday Sexism Project e l'americano WAM! hanno denunciato quanto i contenuti palesemente misogini di alcune pagine del social su Twitter, ad esempio, è nato l'hashtag #fbrape.
Ecco allora il comunicato ufficiale che ammette come si sia sottovalutato l'"hate speech" cioè l'odio mediatico che nell'avversione verso le donne ha trovato uno degli esempi più diffusi. Così, cambieranno le regole, ci sarà un controllo più minuzioso e i titolari dei contenuti saranno personalmente denunciabili assicurano.

PORNO WEB


Porno web: è allarme tra i giovani

porno webARTICOLOTRE-Redazione- 30 maggio 2013- Con il boom di siti web pornografici, sempre più frequentati da giovani e giovanissimi, gli esperti lanciano l'allarme pornodipendenza per un giovane su quattro.
È quanto emerso durante il Festival dei Saperi Educativi di Vitorchiano che si è appena concluso, organizzato dall'Istituto Progetto Uomo.
La pornodipendenza appare come un fenomeno in vertiginosa ascesa, stando ai dati della Società Italiana di Andrologia Medica e Medicina della Sessualità che ha rilevato come dal 2005 al 2010 gli utenti dei pornositi web in Italia sono passati da 5 milioni circa a 8 milioni, di cui il 10 per cento è rappresentato da minori.
A rischio sono soprattutto gli adolescenti, alla ricerca di una propria identità anche a livello sessuale e attratti per natura da tutto ciò che è sconosciuto e proibito, come ha dimostrato uno studio del 2010 curato dall'Osservatorio sui Diritti del Minore presso la Commissione Parlamentare alla Famiglia sulla crescente diffusione della frequentazione di siti web pornografici.
 La ricerca, effettuata su un campione di 500 minori tra i 14 e i 16 anni, divisi equamente tra maschi e femmine e sparsi sul territorio nazionale, ha evidenziato che il 71% dei maschi e il 46% delle femmine ha visionato film pornografici, prevalentemente scaricati da Internet; e che di questi maschi l'80% ha dichiarato di consumare abitualmente materiale pornografico, percentuale che si attesta al 77% per quanto  riguarda le ragazze.
Di questi due valori, circa il 50% sia dei maschi che delle femmine hanno dichiarato di nutrire un'attenzione costante verso i film porno, e dunque evidenziano un rischio di dipendenza. «La dipendenza da sesso non è un fenomeno nuovo – spiega lo psicologo Stefano Bovero -; si tratta di un comportamento caratterizzato da un desiderio sessuale anomalo che coinvolge l'attività del pensiero a tal punto da interferire seriamente con le normali attività quotidiane, e persino da non consentire più di perseguire altri scopi nella vita. Oggi questo disturbo è stato inserito tra le nuove dipendenze in quanto ha considerevolmente aumentato la sua, ancorchè sottovalutata e drammatica, incidenza sociale».
«La pornodipendenza, invece, appare come una particolare estensione autoerotica dello stesso aspetto compulsivo. Entrambe queste dipendenze – commenta Bovero – hanno origine in un'esasperazione dell'attenzione personale sulla corrente libidica e in una sua sostanziale scissione dalla corrente di tenerezza».

TABACCO KILLER


Tabacco: il ‘big killer’

tabaccoARTICOLOTRE-Redazione- 30 maggio 2013-Iniziò cinquant'anni fala lotta al fumo. La prima a dichiarare guerra al tabacco, l'8 giugno 1963, ful'American Heart Association, con un durissimo report nel quale si evidenziavano, per la prima volta con chiarezza, gli effetti nocivi delle sigarette per la salute e si iniziavano azioni di sensibilizzazione dell'opinione pubblica.
Nel 1964, a un anno di distanza, furono approvate negli Usa le prime leggi che prevedevano avvisi sulla pericolosità dei prodotti a base di tabacco e ne limitavano la pubblicizzazione. Negli anni '80, molti Stati (in testa il Canada) hanno messo in atto una legislazione di controllo del tabacco.
Il 28 febbraio 2005 e' entrata in vigore una convenzione quadro dell'Oms per la lotta contro il tabacco e sempre nello stesso anno molti Paesi hanno scelto di vietare il fumo nei locali chiusi pubblici e privati.
L'Italia è stata tra i primi, con la legge Sirchia. Nonostante i molti passi avanti che sono stati fatti il fumo rimane ancora oggi un "big killer", come ricorda l'Oms in occasione della giornata mondiale senza tabacco in programma per il 31 maggio.
I morti ogni anno sono sei milioni, 83mila dei quali in Italia. Nel nostro Paese la Lilt (Lega italiana per la lotta ai tumori), grazie alla presenza capillare sul territorio di 25mila volontari, darà informazioni sui danni provocati dal fumo attivo e da quello passivo e 400 ambulatori e punti prevenzione saranno aperti per visite e controlli.
L'iniziativa sarà dedicata quest'anno in particolare a liberare dal fumo parchi e aree verdi delle città.

LA GUANTANAMO BRITANNICA


Anche la Gran Bretagna ha la sua Guantanamo: Camp Bastion

La Bbc dichiara di avere le prove inconfutabili della presenza, in Afghanistan di un carcere segreto in cui vengono detenute circa ottanta persone potenzialmente innocenti.
Anche la Gran Bretagna ha la sua Guantanamo: Camp BastionARTICOLOTRE-Redazione- -30 maggio 2013-Nuovo scandalo alle porte e certo non di piccole dimensioni.
Secondo la BBC, anche il Regno Unito avrebbe la sua "Guantanamo", un carcere di massima sicurezza in cui detenere individui sulla cui posizione non è stata formalizzata nessuna accusae, tanto meno, è stato mai effettuato un processoPersone, dunque, potenzialmente innocenti.
La prigione inglese sarebbe nascosta presso Camp Bastion, la più grande base militare dell'esercito della regina in Afghanistan. Essa sorge nella provincia dell'Helmand, in un'area desertica a nord del distretto. Costruita nel 2006, copre un'area di circa venti chilometri quadrati e, al suo interno, presenta un aeroporto, un ospedale e, a quanto pare, anche una prigione ben nutrita. 
I giornalisti della BBC si dicono infatti sicuri che all'interno del luogo, vi siano almeno un'ottantina di cittadini afghani, alcuni detenuti da addirittura 14 mesi, senza motivi. La qual cosa stride con le linee guida che l'esercito britannico deve seguire, ben chiarite fin dal suo ingresso nel paese afghano sotto l'egida dell'Isaf, la missione Nato datata dicembre 2001. In queste "istruzioni", infatti, vengono autorizzate detenzioni da parte dei soldati britannici fino a 96 ore,salvo casi eccezionali, quali prigionieri che possano offrire informazioni essenziali all'esercito. Eppure, a quanto pare, dai documenti in possesso della BBC, gli interrogatori sarebbero ormai terminati da tempo e, di conseguenza, i carcerati non dovrebbero essere ancora tenuti in custodia.
Proprio per questo, otto di loro hanno presentato ricorso presso la Corte Suprema del Regno Unito, domandando di poter riottenere la propria libertà. La causa è stata già avviata, a metà aprile: la prima udienza si terrà presumibilmente a luglio e, fino ad allora, l'unica cosa che possono fare i cittadini afghani è puntare il dito contro il ministero della Difesa inglese,Hammond. Il quale, ben intesi, ha sì confermato che vi sarebbero degli individui detenuti a Camp Bastion, ma legalmente. Inoltre, un portavoce del dicastero, ha specificato che molti dei detenuti sono "sospetti assassini di soldati britannici o noti per essere coinvolti nella preparazione, nell’aiuto o nella posa di IED", le bombe artigianali che in Afghanistan vengono utilizzate dai terroristi per colpire i militari. Infine, è stato sottolineato come non si tratterebbe di una detenzione, ma di un trattenimento in attesa di consegnare gli uomini alle forze dell'ordine afghane per il processo. Peccato che il ministro stesso, nel novembre 2012, abbia vietato questo genere di trasferimenti, dopo che erano state registrate delle denunce da parte di detenuti che avevano subitotorture nelle prigioni afghane.
Questa situazione d'impasse ha creato uno scontro diplomatico: Mohammad Daud Yaar, l'ambasciatore del paese medio-orientale nel Regno Unito ha dichiarato che non trasferire i detenuti nelle carceri del proprio paese significa mettere a rischio "il principio della sovranità nazionale". A ciò ha risposto ancora il ministro Hammond, spiegando che le problematiche verificatisi con il sistema giudiziario afghano sono finalmente state risolte e presto potrà essere ripresa la pratica dei trasferimenti.

LE INDUSTRIE PIU' TOSSICHE D'EUROPA: 60 SONO ITALIANE


Non solo Ilva. 60 impianti italiani nella classifica dei più tossici d’Europa

Taranto, ma non solo. Il primato di impianto più pericoloso d'Italia lo acquista la centrale dell'Enel di Cerano, in provincia di Brindisi. Ma altre gravi condizioni d'inquinamento, pericolose per l'uomo, sono state registrate in Sardegna, Sicilia e Veneto.
Non solo Ilva. 60 impianti italiani nella classifica dei più tossici d'EuropaARTICOLOTRE-Redazione- -31 maggio 2013- Ormai, il binomio “stabilimenti industriali e malattie” riporta sempre e solo all'Ilva di Taranto. Eppure, con sorpresa e dispiacere si scopre che non è un fenomeno circoscritto e quindi facilmente combattibile, poichè in quasi tutt'Italia si muore per l'inquinamento dovuto alle fabbriche.
Scorrendo il rapporto del dicembre 2011 dell'Agenzia europea per l'ambiente, l'Eea, che riguarda l'inquinamento prodotto dagli stabilimenti industriali del nostro continente, è possibile riconoscere tra i 622 siti presi in considerazione, addirittura 60 fabbriche italiane, le quali, a pieno titolo, rientrano nella superclassifica dei luoghi più tossici del Vecchio continente.
In Italia, la fabbrica che crea più inquinamento non è l'Ilva, bensì la centrale termoelettrica a carbone dell'Enel, Federico II, di Cerano, in provincia di Brindisi. Si tratta, questo, del più grande impianto italiano di questo genere dopo quello di Civitavecchia, con i suoi 270 ettari di estensione. I 400 che la circondano, invece, sono terreni su cui è proibita la coltivazione, dal 2007. In quell'anno, infatti, il sindaco indisse un'ordinanza ad hoc, per mettere al bando l'agricoltura nei pressi della centrale. E' stata aperta anche un'inchiesta, da parte della procura di Brindisi, in merito alle emissioni che la Federico II provoca: il problema dell'inquinamento che colpisce la città sarebbe da ricercare nella polvere del combustibile che viene utilizzato all'interno della centrale. Questo avrebbe contaminato i terreni, le colture, l'acqua e l'atmosfera. Probabilmente anche la salute delle persone.
Con il suo 18esimo posto nella classifica dell'Eea, la centrale di Cerano rappresenta l'impianto più tossico d'Italia, seguito poi, al 52esimo gradino, dall'Ilva, la quale, oltre ad emettere circa 5.160.000 tonnellate di anidride carbonica all'anno, è circondata dalle centrali termoelettriche dell'Eni che, anch'esse, rientrano nella graduatoria, aggiudicandosi l'80esimo posto.
Non si salva neanche la Sardegna, dove le Raffinerie Sarde Saras di Sarroch, in mano alla famiglia Moratti, occupano il 69esimo gradino della classifica. Questa è la più grande raffineria d'Italia, un universo petrolifero costruito a ridosso delle abitazioni dei cittadini. Anche in questo caso è stato aperto un fascicolo, riguardante sia le attività dell'impresa, sia i rischi che essa può comportare sulla salute dei dipendenti e degli abitanti della zona. Inoltre, nel 2009, la Saras è stata il palcoscenico della morte di alcuni operai, e ora quattro dirigenti sono stati chiamati a rispondere in tribunale al riguardo.
Restando sull'isola, all'87esimo e al 186esimo posto della classifica Eea, ecco la centrale termoelettrica E.on di Fiume Santo, a Porto Torres, e quella“Grazie Deledda” di Portoscuso, nel Sulcis. A detta delle organizzazioni competenti, come il Wwf TzdE “Energia e Ambiente”, l'incremento in queste zone di tumori negli ultimi anni è stato impressionante. Nel Sulcis, in particolare,  ha toccato il 30% in più rispetto alla media regionale. A Porto Torres, invece, secondo il Wwf, vengono scaricate acque industriali tossiche in mare, che comportano un pericolo sia per l'ambiente che per l'uomo. Nei pressi dell'azienda, sono state rinvenute tracce superiori alla norma di sostanze contaminanti come pesticidi, diossine, solventi, mercurio.
Non dissimile la situazione in Sicilia dove ben tre aree sono state dichiarate a elevato rischio ambientale: quella del polo petrolchimico di Gela, quellosiracusano e l'area che circonda le raffinerie di Milazzo. Da uno studio condotto dall'Istituto superiore di sanità è emerso che coloro che abitano nei pressi di questi stabilimenti, hanno più probabilità di contrarre un tumore maligno, sia al colon retto, sia alla laringe, sia trachea o ai bronchi e ai polmoni.
Ultima regione che certo non può vantarsi del primato che le spetta, è ilVeneto, in cui sono state identificate numerose aree poi inserite nel rapporto dell'Agenzia. L'impianto termoelettrico Enel di Fusina, per esempio, ricopre la 108esima posizione, mente la raffineria di Porto Marghera, dell'Eni, si è posizionata al 403esimo gradino. Infine, nell'area industriale di Venezia, è presente anche un impianto dell'Ilva.