IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

sabato 30 novembre 2013

STA ARRIVANDO LA FINE DEL MONDO

EL BURRO TORPE e HABLA CON GIAN ANNUNCIANO L'ARRIVO DELLA FINE DEL MONDO. CI SARA'. NE SIAMO CERTI. FORSE. NON SO SE POTREMO RACCONTARVELO. IN QUESTI GIORNI DI FREDDO E GELO FERMI LI. IMMOBILI. DAVANTI AL NULLA. INUTILMENTE. DAVANTI AD UN OGGETTO FREDDO E SAPENDO CHE LA FINE DEL MONDO ARRIVERA'. FORSE. MAGARI RIUSCIREMO A RACCONTARVELO. MA NON DOPO. PRIMA. O PUO' DARSI DOPO. SIETE CONFUSI?

PREPARATEVI TUTTI.

A BREVE LA SORPRESA DI HCG E EBT

LA REDAZIONE

MANUELA E' UNA GRAN FIGA! IL GRANDISSIMO REPORTAGE DI SAVERIO TOMMASI


Manuela che ha messo le ali alla sua carrozzina

pubblicato il 28 novembre 2013 alle ore 17:03 di SAVERIO TOMMASI
Manuela Migliaccio è caduta da un muretto, uno di quelli alti, molto alti, mentre era in posa (sexy) per una foto. E quel giorno si è spezzata la schiena.
Oggi Manuela Migliaccio ha 29 anni e fa le piroette, si lancia con il paracadute, corre venti chilometri di seguito e guida la macchina. Manuela studia all'Università, nuota a dorso e a rana anche se preferisce lo stile libero, fuma e dice le parolacce. E fa tutto questo in carrozzina.
Quindi, se cercate un video del tipo "poverina mi fa tanto pena" avete incrociato il video sbagliato. Perché Manuela, che cadendo dal muretto ha sicuramente avuto "sfortuna", non è affatto una ragazza sfortunata. Manuela è un'atleta che macina record battendo i militari israeliani, è simpatica, autoironica e gran figa. 
E l'ultimo, ovviamente, era un commento squisitamente giornalistico.


http://youmedia.fanpage.it/video/aa/UpHsouSwhkZ08lR5

IL GRANDE PERICOLO PER ISRAELE NON E' IL NUCLEARE IRANIANO MA LA STUPIDITA' DEI LEADERS ISRAELIANI: L'ARTICOLO ECCEZIONALE DI URI AVNERY


Uri Avnery
November 30, 2013

                                                The Debacle

THE GREATEST danger to Israel is not the putative Iranian nuclear bomb. The greatest danger is the stupidity of our leaders.

This is not a uniquely Israeli phenomenon. A great many of the world’s leaders are plain stupid, and always have been. Enough to look at what happened in Europe in July 1914, when an incredible accumulation of stupid politicians and incompetent generals plunged humanity into World War I.

But lately, Binyamin Netanyahu and almost the entire Israeli political establishment have achieved a new record in foolishness.


LET US start from the end.

Iran is the great victor. It has been warmly welcomed back into the family of civilized nations. Its currency, the rial, is jumping. Its prestige and influence in the region has become paramount. Its enemies in the Muslim world, Saudi Arabia and its gulf satellites, have been humiliated. Any military strike against it by anyone, including Israel, has become unthinkable.

The image of Iran as a nation of crazy ayatollahs, fostered by Netanyahu and Ahmadinejad, has disappeared. Iran now looks like a responsible country, led by sober and shrewd leaders. 

Israel is the great loser. It has maneuvered itself into a position of total isolation. Its demands have been ignored, its traditional friends have distanced themselves. But above everything else, its relations with the US have been seriously damaged.

What Netanyahu and Co. are doing is almost unbelievable. Sitting on a very high branch, they are diligently sawing through it.

Much has been said about the total dependence of Israel on the US in almost all fields. But to grasp the immensity of the folly, one aspect in particular must be mentioned. Israel controls, in effect, the access to the US centers of power.

All nations, especially the smaller and poorer ones, know that to enter the halls of the American Sultan, in order to get aid and support, they have to bribe the doorkeeper. The bribe may be political (privileges from their ruler), economic (raw materials). diplomatic (votes in the UN), military (a base or intelligence “cooperation”), or whatever. If it is big enough, AIPAC will help to gain support from Congress.

This unparalleled asset rests solely on the perception of Israel’s unique position in the US. Netanyahu’s unmitigated defeat on US relations with Iran has badly damaged, if not destroyed, this perception. The loss is incalculable.


ISRAELI POLITICIANS, like most of their colleagues elsewhere, are not well versed in world history. They are party hacks who spend their lives in political intrigues. If they had studied history, they would not have built for themselves the trap into which they have now fallen.

I am tempted to boast that more than two years ago I wrote that any military attack on Iran, either by Israel or the US, is impossible But it was not prophesy, inspired by some unknown deity. It was not even very clever. It was just the result of a simple look at the map. The Strait of Hormuz.

Any military action against Iran was bound to lead to a major war, something in the category of Vietnam, in addition to the collapse of world oil supplies. Even if the US public had not been so war weary, in order to start such an adventure one would not only have to be a fool, but practically mad.

The military option is not “off the table” – it never was “on the table”. It was an empty pistol, and the Iranians knew this well.

The loaded weapon was the sanctions regime. It hurt the people. It convinced the supreme leader, Ali Husseini Khamenei, to completely change the regime and install a new and very different president.

The Americans realized this, and acted accordingly. Netanyahu, obsessed with the bomb, did not. Worse, he still does not.

If it is a symptom of madness to keep trying something that has failed again and again, we should start to worry about “King Bibi”.


TO SAVE itself from the image of utter failure, AIPAC has started to order its senators and congressmen to work out new sanctions to be instituted in some indefinite future.

The new leitmotif of the Israeli propaganda machine is that Iran is cheating. The Iranians just can’t do otherwise. Cheating is in their nature.

This might be effective, because it is based on deeply rooted racism. Bazaar is a Persian word, associated in the European mind with haggling and deception.

But the Israeli conviction that the Iranians are cheating is based on a more robust foundation: our own behavior. When Israel started in the 1950s to build up its own nuclear program, with the help of France, it had to deceive the whole world and did so with stunning effect.

By sheer coincidence – or perhaps not – Israel’s Channel 2 TV aired a very revealing story about this last Monday (just two days after the signing of the Geneva accord!) Its most prestigious program, “Fact”, interviewed the Israeli Hollywood producer, Arnon Milchan, a billionaire and Israeli patriot.

In the program, Milchan boasted of his work for Lakam, the Israeli intelligence agency which handled Jonathan Pollard. (Since then it has been dismantled).  Lakam specialized in scientific espionage, and Milchan did invaluable service in procuring in secret and under false pretences the materials needed for the nuclear program which produced the Israeli bombs.

Milchan hinted at his admiration for the South African apartheid regime and at Israel’s nuclear cooperation with it. At the time, a possible nuclear explosion in the Indian Ocean near South Africa mystified American scientists, and there were theories (repeated only in whispers) about an Israeli-South African nuclear device.

A third party was the Shah of Iran, who also had nuclear ambitions. It is an irony of history that Israel helped Iran to take its first atomic steps.

Israeli leaders and scientists went to very great length to hide their nuclear activities. The Dimona reactor building was disguised as a textile factory. Foreigners brought to tour Dimona were deceived by false walls, hidden floors and such.

Therefore, when our leaders speak of deception, cheating and misleading, they know what they are talking about. They respect the Persian ability to do the same, and are quite convinced that this will happen. So are practically all Israelis, and especially the media commentators.


ONE OF the more bizarre aspects of the American-Israeli crisis is the Israeli complaint that the US has had a secret diplomatic channel with Iran “behind our back”.

If there were an international prize for chutzpah, this would be a strong contender.

The “world’s only superpower” had secret communications with an important country, and only belatedly informed Israel about it. What cheek! How dare they?!

The real agreement, so it seems, was not hammered out in the many hours of negotiation in Geneva, but in these secret contacts.

Our government, by the way, did not omit to boast that it knew about this all the time from its own intelligence sources. It hinted that these were Saudi. I would rather suspect that it came from one of our numerous informants inside the US administration.

Be that as it may, the assumption is that the US is obliged to inform Israel in advance about every step it takes in the Middle East. Interesting.


PRESIDENT OBAMA has obviously decided that sanctions and military threats can only go so far. I think he is right.

A proud nation does not submit to open threats. Faced with such a challenge, a nation tends to draw together in patriotic fervor and support its leaders, disliked as they may be. We Israelis would. So would any other nation.

Obama is banking on the Iranian regime-change that has already started. A new generation, which sees on the social media what is happening around the world, wants to take part in the good life. Revolutionary fervor and ideological orthodoxy fade with time, as we Israelis know only too well. It happened in our kibbutzim, it happened in the Soviet Union, it happens in China and Cuba. Now it is also happening in Iran.


SO WHAT should we do? My advice would simply be: if you can’t beat them, join them.

Stop the Netanyahu obsession. Embrace the Geneva deal (because it is good for Israel). Call off the AIPAC bloodhounds from Capitol Hill. Support Obama. Mend the relations with the US administration. And, most importantly, send out feelers to Iran to change, ever so slowly, our mutual relations. 

History shows that yesterday’s friends may be today’s enemies, and today’s enemies can be tomorrow’s allies. It already happened once between Iran and us. Apart from ideology, there is no real clash of interests between the two nations.

We need a change of leadership, like the one Iran has begun to embark on. Unfortunately, all Israeli politicians, left and right, have joined the March of Fools. Not a single establishment voice has been raised against it. The new Labor Party leader, Yitzhak Herzog, is part of it as much as Ya’ir Lapid and Tzipi Livni.

As they say in Yiddish: The fools would have been amusing, if they had not been our fools.

MARIO: IL PEDOFILO CHE SI ODIA


Pedofilo, la testimonianza: «Perché cerco le ragazzine»

Marco, 42 anni, si racconta a Lettera43.it (audio). «Cerco il viso di angioletto e il sedere immaturo».
Il piacere però non c'è: «Questa malattia è peggio che aver ucciso qualcuno».

di Antonietta Demurtas
Avere 42 anni e desiderare di fare sesso con una bambina di 12 o una adolescente di 16. Scaricare da internet porno di ragazzine, andare a prostitute e cercare quella che ha un viso da «angioletto» e un «sedere immaturo».
Essere pedofilo, ma sentirsi morire dentro perché consapevole di essere considerato un orco. Sapere di avere una malattia e «aver paura anche solo di stare troppo vicino alla propria nipotina per paura di metterle le mani addosso». Ma, alla fine, sperare di «potere guarire e un giorno avere anche una moglie e dei figli».
PEDOFILIA, DIFFICILE CAPIRE E CONOSCERE. Marco (il nome è di fantasia) è un uomo senza voce né volto, così come tutti i pedofili: vengono alla luce solo quando commettono il reato e sono scoperti. Ma allora è già troppo tardi per capire, perché il 'mostro' non ha bisogno di altre categorie per essere descritto. Farsi raccontare la loro vita, e perché cercano le ragazzine, come si giustificano e che cosapensano di se stessi, non è facile. Loro faticano a parlare; la società fatica a capire.
Perché dare un volto all'orco vuol dire mettere in discussione non solo chi lo è, ma anche chi è sempre pronto ad accusare e mai a interrogarsi sul problema.
LA STORIA DI MARCO, INIZIATA DA BAMBINO. Di avere un problema Marco l'ha capito 15 anni fa quando, 27enne, navigando in Rete si è accorto che cercava sempre siti porno con ragazzine. Ma per capire la sua storia, racconta a Lettera43.it in un'intervista (ascolta l'audio) che ha concesso con la promessa di mantenere l'anonimato, bisogna risalire a quando di anni ne aveva sette. Andava alle scuole elementarie, con una compagna di classe, iniziò a fare dei «giochi: in realtà erano proprio delle interpretazioni di atti sessuali», racconta.

La storia con le cugine, poi più niente fino alla scoperta del web

Lei faceva la segretaria e «io il capo, ma era molto più esperta di me e mi chiedeva dei veri e propri rapporti sessuali».
Una richiesta che, a soli sette anni, non riuscì proprio a soddisfare: «Così dopo un anno mi ha lasciato perché non riuscivo a darle quello che voleva».
Iniziò allora uno stato d'animo definito come «depressione, perché non ero riuscito a soddisfarla e lei mi aveva lasciato».
IL SESSO CON LE CUGINETTE. A 10 anni Marco iniziò a concentrare le sue attenzioni su due sue cugine di 3 e 4 anni più piccole: «È iniziato come un gioco, però per me era morboso, ogni volta che le vedevo le portavo in disparte e le toccavo».
Ha avuto rapporti sessuali con loro fino a 20 anni; poi «le mie cugine si sono ribellate, sono maturate, hanno detto di no, e io ci sono rimasto molto male, ma le ho lasciate andare».
A quel punto, però, non Marco non riescì a trovare altre ragazzine. «Non sapevo come cercarle, avevo paura di essere scoperto». Così decise di «buttarsi sulla pornografia normale».
Con le coetanee ancora non riusciva ad avere rapporti: «Provavo a uscirci ma poi quando dovevo fare quel passo in più non lo facevo, mi inventavo che non potevo farlo, che tanto a lei non sarei piaciuto».
LA SCOPERTA DELLA PEDOPORNOGRAFIA. La pornografia divenne il suo unico sfogo. «Una volta comprai delle videocassette: una era olandese e c'erano rapporti sessuali tra ragazzini», ricorda. «Allora mi sono tornate in mente tutte le vecchie cose».
Un desiderio che però è rimasto dormiente fino al 1999, quando internet cambiò tutto.
«Le prime volte non c'era nessun tipo di controllo, così quando andavo sulle pagine porno comparivano anche quelle dei pedofili», ricorda Marco. «Non ho mai pagato per averle», sottolinea, «ho sempre cercato di avere quei video e quelle immagini gratis». Grazie ai programmi di file sharing «ho iniziato a scaricare filmati pedopornografici uno dietro l'altro, e mi sono accontentato».
LA PAURA DELLE DENUNCE. A parte le sue cugine, Marco dice di non aver mai tentato un approccio con altre ragazzine: «Avevo paura delle denunce e anche di essere respinto come quando avevo 7 anni».
Quando il desiderio sessuale era troppo forte, «andavo a prostitute e cercavo quelle che sembravano più giovani, a me non dicevano certo se erano minorenni, ma potrebbe essere che lo fossero. Certamente il mio tipo è sempre stato quello della ragazzina, 12-16 anni».

«Una ragazzina non dirà mai che non le basto»

Perché cercare delle bambine?
«Mi interessa un bel viso da angioletto e un sedere tondo ma immaturo». Poi c'è l'aspetto psicologico. «Non è tanto il fatto di dominare: in parte c'è, ma non è mai stato il mio sogno più grande. Semmai mi sento immaturo e voglio una persona immatura come me».
Andare con le adolescenti «è quello che cerco, perché la mia insicurezza mi porta a pensare che una ragazzina giovane che non ha esperienza non dovrebbe volere nulla più di me», spiega. «Non dirà mai che non le basto perché non riesco a fare quello o quell'altro».
L'ISTINTO TRATTENUTO. A distanza di 35 anni, Marco attribuisce tutto a quell'esperienza fatta da bambino, alle elementari.
«Quel trauma mi ha impedito di avere una vita sessuale normale», dice. Anche se «lo so che poi è tutta una mia costruzione mentale. Sono stato respinto a sette anni ed ero già una merda a quell'età. Quel blocco psicologico mi ha lasciato lì».
Ci sono stati momenti in cui ha sognato di andare all'estero a sfogare i propri istinti. «Ho avuto fantasie di partire per la Thailandia e il Brasile e fare una vacanza come dicevo io, ma per fortuna sono rimaste solo fantasie, non mi sono mai messo nelle condizioni di metterle in pratica».
LA DOMANDA: SONO UN PEDOFILO? Marco ha iniziato a chiedersi se era un pedofilo quando ha iniziato a usare internet per soddisfare i suoi desideri. «Mi accorgevo che andavo nei siti porno normali e poi quasi automaticamente cercavo i siti pedofili e da allora ho avuto subito paura. Paura di essere un pedofilo che va a violentare ragazze», dice.

«Leggevo di pedofili arrestati, ma mai di nessuno che venisse curato»

Nel 2009 i suoi movimenti su internet sono stati intercettati dalla polizia postale: perquisizione e computer sequestrato. Ora è in attesa di giudizio per condivisione di file pedopornografici.
LA MALATTIA E L'IGNORANZA. «Ho continuato a chiedermi se ero malato: sapevo di avere problemi ma non sapevo che tipo di problemi fossero o se si potessero curare. Sui giornali continuavo a leggere di pedofili arrestati, ma mai di nessuno che veniva curato».
Nessuno ha mai conosciuto i dubbi che lo tormentavano: «I miei amici non sanno nulla, non hanno mai visto che cercavo ragazzine, pensano solo che mi piacciono le ragazze un po' più giovani», racconta.
È stata proprio una delle cugine con le quali ebbe dei rapporti da ragazzo a segnalargli l'associazione specializzata nella cura di patologie compulsive Siipac, alla quale si è rivolto.
Da tre anni Marco è in cura: «Ho fatto un anno e mezzo di terapia e ora sono qui come collaboratore. Sicuramente sto meglio però ancora non riesco a fare approcci veri con ragazze della mia età. Non so come fare».
«CON LE BAMBINE? UN TEMPO SI POTEVA». Cercare le adolescenti è un'abitudine per la quale Marco talvolta trova anche giustificazioni.
«Una volta una ragazzina quando aveva le sue cose andava in sposa immediatamente, quindi potrebbe essere quasi normale, nell'ordine naturale delle cose», dice. Ma sa, in realtà, che il problema è un altro: «Sono perfettamente conscio che una ragazzina a 13 anni non può disporre di sé come una donna», ammette.

«Essere pedofili è peggio che aver ucciso qualcuno»

La sua vita, insomma, è segnata ancora da contraddizioni e ossessioni. «La vivo male, so che ho questo desiderio e che è sbagliatissimo ma continuo ad averlo».
NEGLI USA LO STIGMA È MINORE. Per quanto sempre di una malattia si tratti, Marco ci tiene a precisare «che c'è una netta differenza tra il guardare e il toccare. Solo qui in Italia è considerata la stessa cosa: negli Stati Uniti invece anche a livello linguistico si distingue chi scarica i film da chi va a violentare una ragazzina», sottolinea.
Secondo lui è ancora tutta colpa della depressione, «se riuscissi ad abbatterla e a cercare di approcciarmi in modo normale con l'altro sesso, forse...».
TERAPIE SÌ, CASTRAZIONE CHIMICA NO. Al Siipac, racconta, «prendo già delle pastiglie, ma se inventassero un farmaco che inibisce queste cose potrei anche prenderlo». Perché «so che quello che ho non è socialmente accettato quindi farei anche una cura specifica».
Ma la castrazione chimica è fuori discussione.
«È una stronzata clamorosa», denuncia Marco. «Sono pasticche che non mi farebbero funzionare l'organo sessuale, ma il problema è che il primo organo sessuale è il cervello», dice. «A quel punto un maniaco potrebbe usare degli oggetti e fare ancora più male alle vittime».
UNA CURA PER RITROVARE LA SPERANZA. Il suo desiderio più grande è stare meglio. «Ora sono migliorato, prima ero completamente solo: adesso al Siipac ho delle persone con cui parlare, almeno vedo la luce in fondo al tunnel, prima non avevo davvero speranza».
Il periodo più brutto? Quello della denuncia della polizia postale. «Guardavo tutti i palazzi per vedere quale era il più alto dal quale buttarmi», perché quella di pedofilia «è l'accusa più infamante che ti possano fare nel mondo moderno. Preferirei quasi avere ammazzato uno che avere questa accusa qui».
Sabato, 30 Novembre 2013 LETTERA 43

IMU DI TASCA NOSTRA


Imu, il Tesoro sblocca la clausola di salvaguardia

Saltano le coperture alla prima rata. Così scattano gli aumenti per Ires-Irap. E dal 2015 salgono le accise su gas, luce e alcol. Cgil: «Reintrodurre la tassa». Allarme dei Caf: rischio di errori di calcolo.

Non si è ancora spenta la polemica attorno alla quota di seconda rata Imu sulla prima casa a carico dei cittadini. Ma c'è già una nuova bufera per la copertura dello stop alla prima rata dell'imposta.
Il ministro all'Economia, Fabrizio Saccomanni, ha firmato il decreto ministeriale che fa scattare la clausola di salvaguardia posta a 'garanzia' dell'incasso per cancellare la prima rata: ciò significa nuovi aumenti delle tasse.
Il gettito doveva arrivare dalla sanatoria sui giochi online (600 milioni) e dalla maggiore Iva incassata dopo l'accelerazione dei pagamenti dei debiti della Pubblica amministrazione (altri 925 milioni).
Ma, almeno per i giochi, non sarebbe andata bene e il Tesoro è dovuto 'correre ai ripari'. Quindi, oltre agli aumenti degli acconti già previsti dal decreto Imu2 pubblicato in Gazzetta Ufficiale, scatta la clausola di Imu1: +1,5 punti percentuali per Ires-Irap (per tutti sale al 102,5, e al 130% per banche e assicurazioni) e l'aumento, ma solo dal 2015, delle accise su gas, energia elettrica e bevande alcoliche (non benzina).
RISCHIO DI ERRORI DI CALCOLO. Ed è allarme nei centri di assistenza fiscale (Caf) per il calcolo della seconda rata: l'approvazione del decreto legge che cancella solo parzialmente il versamento di dicembre sulle abitazioni principali, è arrivata infatti troppo a ridosso delle scadenze. Lo sostiene Unimpresa, secondo cui la confusione generata dalla norma che consente ai Comuni di far pagare la quota di imposta relativa all'eventuale aumento stabilito nel 2012 e nel 2013 rispetto all'aliquota ordinaria, rende estremamente probabili errori nella determinazione degli importi da pagare entro il 16 gennaio.
CAMUSSO: «RIMETTERE LA TASSA». La leader della Cgil, Susanna Camusso, ha chiesto addirittura di rimettere l'imposta e ha rilanciato l'armonizzazione delle rendite finanziarie e la patrimoniale.
Da Forza Italia, Renato Brunetta ha avvertito in un dossier che alla fine la cancellazione la pagheranno comunque i cittadini sotto forma di nuove tasse.
Lo stesso allarme è stato lanciato dalla Cgia di Mestre che, parlando proprio della clausola sulla prima rata, ha spiegato: «Per le imprese e i cittadini è probabile un ulteriore aumento del carico fiscale» su acconti Ires e accise.
PISAPIA: «IL PARLAMENTO CI RIPENSI». Intanto i sindaci guardano con attenzione al prossimo passaggio parlamentare. Piero Fassino, presidente dell'Anci, ha chiesto di «dare una soluzione a questo nodo irrisolto» del gettito non coperto. Per Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, «il primo passo indietro il governo l'ha fatto, ora ci penserà il parlamento» ad apportare modifiche.
Sabato, 30 Novembre 2013 LETTERA43

SIC TRANSIT GLORIA MUNDI

DI MASSIMO FINI
ilgazzettino.it

Hanno sbagliato due volte i Pd e i grillini a volere a tutti i costi la decadenza da senatore di Berlusconi in base alla legge Severino. Il primo errore è giuridico. La Severino prevede la decadenza del parlamentare condannato a più di due anni e tale decadenza si configura come una pena ulteriore rispetto a quella comminata dalla magistratura che potrebbe benissimo non comprendere l'interdizione dai pubblici uffici. La Severino non è quindi una norma amministrativa, è una legge penale e come tale irretroattiva se più sfavorevole al reo. Il secondo errore è politico. Perchè consente al Cavaliere di «interpretare» come diceva Montanelli «la parte che gli riesce meglio: quella della vittima». 

Non c'era alcun bisogno di affrettare i tempi dato che fra un paio di settimane la Cassazione non potrà che confermare i due anni di interdizione comminatigli, su indicazione della stessa Cassazione, dalla Corte d'Appello di Milano. In quanto alle famose 'carte americane' che lo scagionerebbero è singolare che Berlusconi le presenti solo ora quando ha avuto dieci anni di tempo per farlo. Ma quand'anche la magistratura decidesse di avviare un procedimento di revisione l'interdizione rimarrebbe fino a una molto eventuale sentenza di assoluzione.

Precisato questo le cose più gravi sono avvenute nei giorni precedenti la decadenza. E sono le dichiarazioni dello stesso Berlusconi. «Il Presidente della Repubblica non deve esitare un attimo a fare, senza che io lo richieda, un provvedimento che cancelli questa ignominia», cioè il suo affido ai servizi sociali (nemmeno Adriano Sofri si era spinto a tali livelli di impudenza). A parte che i servizi sociali se li è scelti lui, se li considera umilianti poteva decidere per i domiciliari, di una gravità inaudita è stata la contemporanea affermazione che la sua decadenza «si chiama colpo di Stato». Qui siamo all'attacco frontale alle Istituzioni dello Stato. Proviamo a seguire l'argomentare, chiamiamolo cosi', di Berlusconi nelle sue conseguenze. Se una sentenza dello Stato italiano, emessa in nome e per conto del popolo italiano, da tre giudici di primo grado, da altri tre d'Appello, di cinque della Cassazione, è, oltre che «criminale» come ha successivamente aggiunto il Cavaliere, «un colpo di Stato» vuol dire che non esiste più una magistratura legittimata ad emettere sentenze (nè vale coprirsi le pudenda affermando che non si è contro tutta la magistratura, ma solo contro una sua parte, bisogna rispettare i giudici che ci giudicano, è troppo facile, e ipocrita, rispettare i giudici che non ci giudicano). Significa la dissoluzione dello Stato, perlomeno dello Stato di diritto. E allora bisognerebbe avere la coerenza di aprire le carceri e liberare tutti i detenuti, perchè non esiste più uno Stato che ha titolo per tenerli dentro.

Il giorno prima della decadenza Berlusconi si era piegato all'umiliazione di chiedere aiuto ai Pd e ai 5 Stelle invocando rispetto per la sua persona, quando in vent'anni di tracotanza e di prepotenze non ha mai avuto rispetto per nessuno, nè per gli avversari politici («i signori della sinistra», «comunisti», «Di Pietro è un uomo che mi fa orrore», eccetera), nè per i suoi ex amici, nè per alcun altro. Quando fu linciato il suo fraterno amico Gheddafi («Raramente ho visto due uomini cosi' legati, cosi' affini, cosi' fratelli» aveva affermato il finanziere tunisino Tarak Ben Ammar) Berlusconi se la cavo' con la cinica frase: «Sic transit gloria mundi». Vale anche per lui. 

Massimo Fini
Fonte: www.ilgazzettino.it
29.11.2013

SPIE DEL PORNO

Free Image Hosting at www.ImageShack.usDI GLENN GREENWALD, RYAN GALLAGHER E RYAN GRIM 
informationclearinghouse.info 

Le attività della NSA sono servite anche a raccogliere una gran quantità di materiale su attività sessuale on-line di privati cittadini. Servirà tutto come prova nell'ambito di un progetto (che documenta visite a siti pornografici) per rovinare la reputazione di persone che, secondo la NSA, stanno divulgando materiali che possono infiammare il pubblico con discorsi incendiari. 
Li chiamano “RADICALIZERS” e sono persone che hanno avuto contatti Internet con "soggetti sospettabili o sotto-controllo". Questo è quanto risulta da un documento top-secret della NSA. Il documento, che ha fatto circolare lo “spione” Edward Snowden, rivela il caso di "sei obiettivi- i radicalizers", tutti musulmani, presi ad " esempio " di come la sorveglianza elettronica sulle persone sia usata per conoscere quei punti di vulnerabilità personale che potrebbero servire per minare la credibilità, la reputazione e l'autorità di chiunque. 

Il documento della NSA, datato 3 Ottobre 2012, fa più volte riferimento al potere che possono esercitare certe accuse quando si vuol demolire la credibilità di qualcuno. Un vecchio rapporto sulle intercettazioni delle comunicazioni " SIGINT - segnale di intelligence -" presentato sulla valutazione del potenziale degli intercettati - ( i radicalizers) indica che sono molto più vulnerabili quelle persone che svolgono la loro attività in una area in cui non godono di una particolare autorità e dove nessuno si mai interessato dei loro comportamenti privati e pubblici" . 

Tra le vulnerabilità elencate dalla NSA, che possono essere sfruttate in modo efficace, ci sono " la visualizzazione di materiale on-line sessualmente esplicito " e "l’uso di un linguaggio sessualmente esplicito e persuasivo in comunicazioni personali con ragazze molto giovani . "

Free Image Hosting at www.ImageShack.us Il direttore della National Security Agency – il "DIR.NSA" – è l’ "ideatore " del documento. Al di là della stessa NSA, i beneficiari dell’indagine sono anche i funzionari dei Dipartimenti di Giustizia e del Commercio e la Drug Enforcement Administration. 

"Senza parlare di qualcuno in particolare, non dovrebbe sorprendere il fatto che il governo USA utilizzi tutti gli strumenti legali a sua disposizione per bloccare gli sforzi di potenziali terroristi che cerchino di danneggiare la nazione e radicalizzando la violenza” ha detto Shawn Turner, direttore del Public Affairs for National Intelligence, in una e-mail di martedì scorso inviata a The Huffington Post. 

Ma Jame el Jaffer, Vice Direttore Legale della American Civil Liberties-Union, ha detto che queste rivelazioni danno adito a serie di preoccupazioni su possibili abusi. "E' importante ricordare che le attività di sorveglianza della NSA non sono generiche - l'agenzia sta raccogliendo enormi quantità di informazioni sensibili praticamente su tutti".

"Ovunque voi siate, i database dell’archivio della NSA raccolgono informazioni sulle vostre opinioni politiche, sulla vostra salute, sulle relazioni intime e sulle attività on-line " La NSA dice che non ci sarà nessun abuso di queste informazioni personali , ma questi documenti mostrano che la NSA probabilmente ha un concetto di “abuso” molto restrittivo. " 

Nessuno dei sei soggetti presenti nel documento NSA è accusato di essere coinvolto in complotti terroristici. L'agenzia ritiene che tutti i sei soggeti attualmente risiedano fuori dagli Stati Uniti, ma ne identifica uno come "persona statunitense", il che significa che o è un cittadino USA o un residente permanente. Un cittadino americano ha diritto a più tutele legali rispetto alla sorveglianza della NSA, rispetto a cittadini stranieri. 

Stewart Baker, ex consigliere generale per la NSA e di alto funzionario della Homeland Security durante l'amministrazione Bush, ha detto che l'idea di usare informazioni potenzialmente imbarazzanti per minare la credibilità di obiettivi selezionati non suona male. "Se c’è gente impegnata a reclutare chi potrà uccidere cittadini americani e noi possiamo screditarla, dobbiamo farlo"- ha detto Baker - Nel complesso, "è più giusto e forse più umano " che non mandare le bombe su quell’obiettivo, e poi questa tattica " gli butta addosso solo la verità . " 

Si può abusare di qualsiasi sistema, ha ammesso Baker, ma il fatto che la politica possa utilizzare il sistema contro gli avversari politici interni non è sufficiente per rifiutare l'utilizzo del progetto. Per gli stessi motivi si potrebbe anche mettere in discussione quasiasi tattica usata in guerra e, ad un certo punto, bisogna pur dire che noi stiamo facendo lavorare i nostri impiegati per conoscere da che parte sta la gente". 

Oltre ad analizzare il contenuto delle loro attività su internet, la NSA ha anche esaminato i loro elenchi di contatti ed accusa due degli obiettivi di aver fatto propaganda per al Qaeda, ma riporta anche che la sorveglianza sulle comunicazioni di tre anglofoni ha registrato solo" contatti terroristici minimi."

In particolare, " solo sette contatti ( 1% del totale) registrato nelle intercettazione dei tre radicalizers di lingua inglese sono stati segnati da SIGINT come >i>affiliati ad un gruppo estremista o ad un gruppo militante pakistano. Un profilo precedente sulle comunicazioni di uno [degli obiettivi ] rivela che 3 dei 213 individui con cui si era messo in contatto tra il 4 agosto e il 2 novembre 2010 erano sospetti di essere vicini al terrorismo"- si legge nel documento . 

Il documento registra che i tre obiettivi di lingua araba hanno più contatti con gli affiliati di gruppi estremisti ma non riporta se anche loro sono coinvolti in eventuali complotti terroristici . 

Invece, la NSA ritiene che le persone sotto controllo, stiano facendo propaganda-radicalizzando e divulgando idee controverse via YouTube, Facebook e altri siti di social media . Il loro pubblico , sia in lingua inglese che araba, "comprende persone che non hanno ancora idee estremiste, ma che sono sensibili al messaggio estremista "- si legge nel documento. La NSA dice che i discorsi e gli scritti dei sei individui ricevono una eco maggiore in paesi come Regno Unito, Germania, Svezia, Kenya, Pakistan, India e Arabia Saudita . 

La NSA è in possesso di imbarazzanti informazioni dichiaratamente sessuali su almeno due degli obiettivi, grazie alla sorveglianza elettronica della loro attività online . La relazione afferma che molti dati sono stati raccolti in ossequio ai programmi di sorveglianza che la FBI svolge nell'ambito della legge Foreign Intelligence Surveillance. 

Il documento aggiunge: " Le informazioni raccolte si basano in gran parte su comunicazioni di estremisti sunniti e le informazioni SIGINT provengono da fonti di prima mano con accesso diretto e sono generalmente considerate affidabili. "

Secondo il documento, la NSA ritiene che fare uso della sorveglianza elettronica per rivelare al pubblico le attività sessuali on-line può rendere più difficile per questi " radicalizers " mantenere la loro credibilità. "Concentrarsi sugli accessi a internet permette di scoprire i potenziali punti di vulnerabilità che possono essere ancora più efficaci se combinati con altre vulnerabilità che riguardano il carattere o la attendibilità del soggetto, per distorcere l'idea che il pubblico può avere del soggetto e dei suoi seguaci ". 

L'elenco ALLEGATO Riporta gli " argomenti" trattati da ogni target sorvegliato, in base ai quali la NSA lo classifica come “radicalizer” e indaga anche sulle " vulnerabilità " personali potrebbero far perdere credibilità, se diffusi. 

L'argomento che serve a selezionare il bersaglio è " i non musulmani sono una minaccia per l' Islam", e trattare questo argomento viene considerato " promiscuità online". 
Un altro obiettivo è un cittadino straniero che la NSA descrive come un " rispettato accademico", che è del parere che " una offensiva della jihad sia giustificata", questa è "promiscuità online" ma l'obiettivo viene anche descritto come uno che " pubblica articoli senza aver verificato i fatti. " 
Un terzo soggetto definito radicale viene descritto come una "nota celebrità dei media" di base in Medio Oriente, che ha sostenuto che furono "gli Stati Uniti a perpetrare l'attacco dell'11 settembre ". Come punto di vulnerabilità, si dice che faccia "una vita brillante ". 
Anche un quarto obiettivo che sostiene che "gli Stati Uniti si siamo attaccati da soli l’11 settembre ", viene definito uno che fa "uso ingannevole dei fondi pubblici. " Il documento esprime l'augurio che il rivelare informazioni personali dannose alle loro immagini possa compromettere la percezione dei loro messaggi che proclamano " devozione alla causa jihadista".

L' Huffington Post non sta ancora pubblicando i nomi e le professioni dei sei individui interessati; le accuse formulate dalla NSA sulle loro attività online non possono essere verificate . 

Il documento non indica se la NSA ha un piano per discreditare questi sei individui, né se abbia già preso contatti privati con le persone comunicando di aver acquisito informazioni su di loro o se le vuole rendere pubbliche. Nel documento non si fa nessun cenno su possibili vincoli legali o etici sull’utilizzo della sorveglianza elettronica per fini di questo genere. 

Mentre Baker e altri spingono per l'utilizzo della sorveglianza per infangare la reputazione di gente che la NSA considera "radicalizers", in passato funzionari USA hanno già utilizzato una tattica simile contro leader dei diritti civili, attivisti dei movimenti per il lavoro ecc... 

Sotto J. Edgar Hoover, l'FBI molestava gli attivisti e preparava dossier segreti sui leader politici, in particolare su Martin Luther King, Jr. 
Qunato la sorveglianza dell'FBI su esponenti politici sia stata utilizzata, non è ancora stato completamente divulgato fino ad oggi, perché i fascicoli su certe persone vengono resi noti solo dopo la loro morte, come prevede il Freedom of Information Act. Le informazioni raccolte dall'FBI spesso incentrate solo sul sesso - l'omosessualità era un'ossessione durante il periodo di Hoover - e sulle relazioni extraconiugali furono usate per ricattare i politici e per soddisfare le esigenze del bureau. 

L’attuale direttore dell'FBI James Comey recentemente ha chiesto agli agenti dell'FBI di visitare il Martin Luther King, Jr. Memorial, a Washington per capire " quali possono essere i pericoli che può causare chi con le proprie idee svolge attività di supervisione e responsabilità. "

James Bamford, un giornalista che segue la NSA sin dal 1980, ha detto che l' uso della sorveglianza su comportamenti privati imbarazzanti è proprio quello che ha portato agli ultimi scandali scoppiati negli Stati Uniti." Il funzionamento della NSA è stranamente simile alle operazioni che faceva l'FBI sotto J. Edgar Hoover nel 1960, che usava le intercettazioni per scoprire i punti deboli, come l’attività sessuale, per neutralizzare i suoi avversari. " Allora, l' idea fu del Capo dell’FBI più longevo nella storia degli Stati Uniti, oggi è stata del Capo NSA più longevo nella storia degli Stati Uniti." 

Questa polemica , ha detto Bamford, ha coinvolto anche la NSA . «Anche allora la NSA si prestò per intercettare King e altri con l’Operazione Minareto. Qualcuno poi riesaminando il comportamento della NSA lo defini “ disdicevole- per non definirlo illegale”. 

Baker ha detto che fino a prova contraria si sta abusando di questa tattica e che si dovrebbe solo aver fiducia sul potere discrezionale della NSA. " Gli abusi che hanno coinvolto Martin Luther King avvennero molto prima che nascesse Eduard Snowden e penso che ormai ne possiamo parlare come fatti storici, piuttosto che come scandali. Prima di dire : 'Siamo preoccupati per quello che fa una persona, mi piacerebbe vedere le prove che quello che dicono sia vero, ma finora, di prove, non se ne sono viste."

Jaffer ricorda anche che le lezioni della storia dovrebbero servire a far riflettere la gente se un "Presidente chiede alla NSA di screditare un avversario politico, un giornalista o un attivista per i diritti umani, usando informazioni personali carpite con sistemi di sorveglianza segreti ".

" Se la NSA ha usato questo suo potere in passato, sarebbe ingenuo credere che non vorrà usare questo suo potere, nello stesso modo, anche in futuro ." 

ARGOMENTI PER I QUALI SONO PRESI DI MIRA I RADICALIZERS :
Free Image Hosting at www.ImageShack.us Free Image Hosting at www.ImageShack.us 

DOVE HANNO MANDATO I DOCUMENTI : 

Free Image Hosting at www.ImageShack.us 

LA SORVEGLIANZA ELETTRONICA
Free Image Hosting at www.ImageShack.us Free Image Hosting at www.ImageShack.us Free Image Hosting at www.ImageShack.us 

GLENN GREENWALD, RYAN GALLAGHER E RYAN GRIM
Fonte: www.informationclearinghouse.info 
Link: http://www.informationclearinghouse.info/article36983.htm
28.11.2013 

Traduzione per ComeDonChisciotte.org a cura di Bosque Primario

BARNARD CONTRO LE EURO TASSE

FONTE: LIBREIDEE.ORG 

Serve un nuovo Comitato di Liberazione Nazionale, per respingere il “fascismo finanziario” dell’Unione Europea e imporre il ritorno della democrazia e della sovranità in Italia. Paolo Barnard (1) lo spiega “verticalizzando” il problema senza giri di parole. I “sociopatici” trattati-capestro su cui si fonda l’Ue? «Esautorano Stati, Costituzioni e Parlamenti, quindi i cittadini sovrani», che non hanno mai votato né per Maastricht né tantomeno per il Fiscal Compact. Su Bruxelles il Parlamento Europeo non ha potere, i popoli europei non possono esprimersi democraticamente né difendersi. Imposizione fiscale, taglio dei deficit, austerità imposte dal regime europeo? «Sono strumenti del fascismo finanziario Ue per l’impoverimento delle masse e conseguente scadimento della democrazia ».

L’unica soluzione, secondo Barnard, sta nell’abolizione, «per legittima difesa», del reato di evasione fiscale. Inutile aspettarsi misure di salvezza dal governo: non le adotterà mai.

«La tragedia dell’economia attuale, quella del tuo reddito, del tuo mutuo e del futuro di tuo figlio – scrive Barnard nel suo blog – è che una generazione di miserabili economisti prezzolati a suon di parcelle dal Potere ha fatto dimenticare a tutti il Dna dell’economia per l’Interesse Pubblico, quella che veramente creò la ricchezza moderna. Così ci hanno guadagnato quattro porci di speculatori, sulla pelle di milioni». Ed è successo. «Immaginate: è come se Maria De Filippi, il Gabibbo, Jovanotti e Mammuccari ci avessero fatto dimenticare che il Dna della lingua italiana sono Dante, Petrarca, Foscolo, Carducci o Pavese e Moravia – infatti è successo anche questo, e la lingua che parliamo è una cosa abominevole». Barnard cita un economista democratico di 70 anni fa, Michal Kalecki: «Basterebbe ricordare che razza di genio illuminato era costui e che cuore aveva per l’interesse della gente». Meglio si capirebbe che «la penicillina della salvezza delle nostre vite economiche è stata annientata, nascosta, con risultati orripilanti sulla vita di tutti noi».

Nel 2013, l’Italia si ritrova un governo «illegittimo», sorretto da un uomo come Napolitano, accusato di “cestinare” la Costituzione. «Il potere deve tornare ai cittadini», dice Barnard, attraverso un nuovo Cln come quello sorto nel 1943. Obiettivo, abbattere il “fascismo finanziario” di Bruxelles. Come? Con una sorta di rivolta fiscale. «Azione numero 1: Il reato di evasione fiscale è abolito. Lo decidono gli italiani per legittima difesa. Evaderemo tasse fino al raggiungimento del 9% di deficit, poiché le identità macroeconomiche dimostrano oltre ogni dubbio che il deficit dello Stato è la ricchezza di cittadini e aziende per la salvezza nazionale. O l’alza il governo (unitamente a un taglio delle tasse), o l’alziamo noi con l’evasione. Vita o morte dell’Italia è in gioco». Un appello che Barnard considera patriottico: «Nel nome della patria e della Costituzione italiana, oggi la salvezza del paese passa per l’evasione fiscale delle tasse dell’Economicidio impostoci dal fascismo tecnocratico europeo».
Serve un nuovo Comitato di Liberazione Nazionale, per respingere il “fascismo finanziario” dell’Unione Europea e imporre il ritorno della democrazia e della sovranità in Italia. 

Paolo Barnard lo spiega “verticalizzando” il problema senza giri di parole. I “sociopatici” trattati-capestro su cui si fonda l’Ue? «Esautorano Stati, Costituzioni e Parlamenti, quindi i cittadini sovrani», che non hanno mai votato né per Maastricht né tantomeno per il Fiscal Compact. Su Bruxelles il Parlamento Europeo non ha potere, i popoli europei non possono esprimersi democraticamente né difendersi.  Imposizione fiscale, taglio dei deficit, austerità imposte dal regime europeo? «Sono strumenti del fascismo finanziario Ue per l’impoverimento delle masse e conseguente scadimento della democrazia ». L’unica soluzione, secondo Barnard, sta nell’abolizione, «per legittima difesa», del reato di evasione fiscale. Inutile aspettarsi misure di salvezza dal governo: non le adotterà mai. 

«La tragedia dell’economia attuale, quella del tuo reddito, del tuo mutuo e del futuro di tuo figlio – scrive Barnard nel suo blog (2) – è che una generazione di miserabili economisti prezzolati a suon di parcelle dal Potere ha fatto dimenticare a tutti il Dna dell’economia per l’Interesse Pubblico, quella che veramente creò la ricchezza moderna. Così ci hanno guadagnato quattro porci di speculatori, sulla pelle di milioni». Ed è successo. «Immaginate: è come se Maria De Filippi, il Gabibbo, Jovanotti e Mammuccari ci avessero fatto dimenticare che il Dna della lingua italiana sono Dante, Petrarca, Foscolo, Carducci o Pavese e Moravia – infatti è successo anche questo, e la lingua che parliamo è una cosa abominevole». Barnard cita un economista democratico di 70 anni fa, Michal Kalecki: «Basterebbe ricordare che razza di genio illuminato era costui e che cuore aveva per l’interesse della gente». Meglio si capirebbe che «la penicillina della salvezza delle nostre vite economiche è stata annientata, nascosta, con risultati orripilanti sulla vita di tutti noi».

Nel 2013, l’Italia si ritrova un governo «illegittimo», sorretto da un uomo come Napolitano, accusato di “cestinare” la Costituzione. «Il potere deve tornare ai cittadini», dice Barnard, attraverso un nuovo Cln come quello sorto nel 1943. Obiettivo, abbattere il “fascismo finanziario” di Bruxelles. Come? Con una sorta di rivolta fiscale. «Azione numero 1: Il reato di evasione fiscale è abolito. Lo decidono gli italiani per legittima difesa. Evaderemo tasse fino al raggiungimento del 9% di deficit, poiché le identità macroeconomiche dimostrano oltre ogni dubbio che il deficit dello Stato è la ricchezza di cittadini e aziende per la salvezza nazionale. O l’alza il governo (unitamente a un taglio delle tasse), o l’alziamo noi con l’evasione. Vita o morte dell’Italia è in gioco». 

Un appello che Barnard considera patriottico: «Nel nome della patria e della Costituzione italiana, oggi la salvezza del paese passa per l’evasione fiscale delle tasse dell’Economicidio impostoci dal fascismo tecnocratico europeo». 

Fonte: www.libreidee.org
Link: http://www.libreidee.org/2013/11/un-comitato-di-liberazione-nazionale-contro-le-euro-tasse/
30.11.2013 

1) http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=743
2) http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=742