IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 31 gennaio 2014

NAJA SERIE WEB: PERCHE' E' NATA. ECCO IL SOGGETTO


NAJA
un’idea di Gian Luca Valentini

SOGGETTO

Quei giorni di ghiaccio e neve, di gelo e pioggia passati in un gabbiotto per fare da guardia ad una corona inerte. Fermi lì, in due. Immobili. Con la piscia che ti schizza fuori e con il taglio del vento che ti solca il volto e ti entra fin dentro le budella.
Questa è la Naja. La Naja maledetta.
L’ho scelta io, del resto. Oggi è volontaria e ho firmato perché al mio Paese non sono molte le alternative. Anzi, non ce ne sono proprio.
E mi domando il perché l’ho scelta? Perché, invece, non lasciarsi andare come fanno molti? Perché restare immobili qui quando fra poco tutto finirà?
Oggi è il due dicembre duemilatredici e mancano nove giorni alla fine del mondo.
E’ certo. Non ci sono più dubbi. Forse. Io ho diciotto anni e sono qui con un mio coetaneo. Parliamo del più e del meno e della fine del mondo che arriverà l’11/12/13 alle ore 14, 15minuti, 16 secondi e 17 attimi. Inevitabilmente. Credo. Anzi, crediamo.
Non so se potremo raccontarvelo.

Abbiamo voluto parlare di spese militari inutili, di sciocca e insulsa scaramanzia, di tempo rubato, di videosorveglianza all'esasperazione. Questa è Naja.

21 GRILLINI: LA VIGNETTA DI ALDO ARPE


SHULAMIT: L'ARTICOLO DI URI AVNERY


Uri Avnery
February 1, 2014

                                                Return, Return oh Shulamit

PETE SEEGER touched my life only once. But what a touch.

It was a few days before the 1967 Six-Day War. After almost three weeks of mounting tension, the war fever was nearing breaking point. I knew that the war was only days, perhaps hours, away.

Dina Dinur, the wife of the Holocaust-writer K. Zetnik, called to invite me to meet Pete Seeger. Dina, a huge woman, had for years gathered a small group of Jewish and Arab intellectuals who met regularly in her home to discuss peace.

The meeting took place in Tel Aviv’s Hilton hotel. It was sad, depressed, but also uplifting in a strange way. We were thinking about all the young men, ours and theirs, still alive and breathing, who were going to die in the next few days. 

We were a group of two or three dozen people, Jews and Arabs. Pete sang for us, accompanying himself on the guitar, songs about peace, humanity, rebellion. We were all deeply stirred.

I never met Pete Seeger again. But 19 years later, out of the blue, I received a postcard from him. It said in clear handwriting: “Dear Uri Avnery – Just a note of deep thanks to you for continuing to reach out, and take action. I hope next time you are in USA my family and I can get to hear you. Pete Seeger.” Then three Chinese characters and a sketch of what seems to be a banjo.


TWO DAYS before Pete passed away, we buried Shulamit Aloni. Perhaps some of those who took part in that earlier sad meeting were present this time, too.

Shula, as we called her, was one of the few leaders of the Israeli Left who made a lasting imprint on Israeli society.

Though she was five years younger than I, we belonged to the same generation, the one which fought in the 1948 war. Our lives ran on parallel lines – lines which, as we learnt at school,  can be very close but never touch.

We were both elected to the Knesset at the same time. Before that, we were active in the same field. I was the editor of a magazine that was prominent, among other things, in the fight for human rights. She was a teacher and lawyer, already famous for defending citizen’s rights in the press and on radio.

That sounds easy, but at the time it was revolutionary. Post-1948 Israel was still a country where The State was everything, citizens were there merely to serve the state, and especially the army. The collective was everything, the individual next to nothing.

Shula was preaching the opposite: the state was there to serve its citizens. Citizens have rights that cannot be taken away or diminished. This has become part of the Israeli consensus.


HOWEVER, THERE was a great difference between our situations. Shula came from the heart of the establishment, which hated my guts. She was born in a poor part of Tel Aviv, and when both her parents enlisted in the British army during World War II, she was sent to the youth village Ben Shemen, a center of Zionist indoctrination. One of her schoolmates was Shimon Peres. At the same time I was a member of the Irgun, in stark opposition to the Zionist leadership.

After Ben Shemen, Shula joined Kibbutz Alonim – hence her adopted family name – where she met and married Reuven, who became prominent as a senior government official in charge of judaizing Galilee.

Apart from writing articles and dealing with citizens’ complaints on the radio, she performed illegal wedding ceremonies. In Israel, weddings are the exclusive province of the Rabbinate, which does not recognize women’s equality.

In the Knesset she was a member of the ruling Labor Party (then called Mapai) and subject to strict party discipline. I was a one-man faction, free to do as I pleased. So I could do many things she couldn’t, such as submitting bills to allow to legalize abortions, to allow harvesting organs for transplantation, annulling the old British law against homosexual relations between consenting adults, and such.

I also demanded a total separation between the state and religion. Shula was known for her attacks on religious coercion concerning civil rights. Therefore I was utterly surprised when in one of our first conversations she strenuously objected to such separation. “I am a Zionist,” she said, “The only thing that unites all Jews around the world is the Jewish religion. That is why there can be no separation between the state and the  Jewish religion in Israel.”

From there on, her outlook widened from year to year. To my mind, she followed the inescapable logic of the Left.

From her original concentration on citizens’ rights, she moved to human rights in general. From there to the separation of state and synagogue. From there to feminism. From there to social justice. And, in the end, to peace and the fight against the occupation. Throughout she remained a Zionist.

This was no easy path. In early 1974, when she was elected to the Knesset again, this time as the leader of a small party, while I lost my seat, I took her in my car to a meeting in Haifa. On the way, which took about an hour, I told her that now, as a party leader, she must get active in the fight for peace. “Let’s divide the task between us,” she answered, “You deal with peace and I deal with civil rights.” 

But 20 years later, Shula was already a leading voice for peace, for a Palestinian state, against the occupation.


WE HAD another thing in common. Golda Meir hated our guts.

Shula could disregard the party line as long as the benevolent Levy Eshkol was prime minister. When he suddenly died and the scepter passed to Golda, the rules changed abruptly.

Golda had a domineering personality, and, as David Ben-Gurion once said about her, the only thing she was good at was hating. Shula, a young and good-looking woman, with unorthodox ideas, aroused her ire. In 1969 she removed Shula from the party list. In 1973, when Shula tried again, Golda showed the full force of her spite: at the very last minute she removed Shula again.

It was too late for Shula to go through the lengthy procedure of setting up a new party list. But a miracle happened. A group of feminists had prepared a list of their own, with all the necessary requirements already completed, but without a chance of passing the minimum threshold. It was an ideal combination: a leader without a list for a list without a leader.

During the last hours of the time allocated for the submission of the lists, I saw Shula struggling with a huge pile of papers, trying to bring some order to the hundreds of signatures. I helped her to do the job.

Thus the new party, now called Meretz, came into being and won three seats on its first attempt.


HER HOUR of glory came in 1992. Meretz won 250,667 votes and became a political force. The new Prime Minister, Yitzhak Rabin, needed her for his new government. Shula became Minister of Education, a job she coveted.

The trouble was that the 44 seats of the Labor Party and the 12 seats of Meretz were not enough. Rabin needed a religious party to form a government.

The transition from opposition fighter to cabinet minister is not always easy. It was especially hard for Shula, who was more of a preacher than a politician. Politics – as Bismarck famously remarked – is the art of the possible, and compromise came hard to Shula.

Nonetheless, right at the beginning, when Rabin decided to expel 415 radical Islamic citizens from the country, Shula voted in favor. During the protest against this outrage, my friends and I founded Gush Shalom. Shula later admitted that her support for the expulsion was an “eclipse of the sun”.

But the main trouble was to come. Shula never believed in hiding her opinions. She was totally honest. Perhaps too honest.

As Minister of Education she dispensed her opinions freely. Too freely. Every time she said what she thought about some chapter of the Bible and such, the religious coalition partners exploded.

The climax came when she announced that in all schools, the theories of Charles Darwin would replace the Biblical creation story. That was just too much. The religious demanded that Rabin remove Shula from the education ministry. Rabin was occupied with the Oslo peace process and needed the religious parties. Shula was removed from the ministry.


AT HER funeral, one of her two sons, in a brilliant eulogy, hinted darkly at the “treachery” which was the hardest moment of her life. All those present understood what he meant, though he did not elaborate.

When Rabin dismissed Shula from her beloved job as Education Minister, her party colleagues did not come to her aid. Among themselves they accused her of acting foolishly. She should have known that joining a coalition with the religious parties would demand a price. If she was not ready to shut her mouth, she should not have joined in the first place.

Meretz was the creation of Shula. Party founders are generally strong personalities, with whom it is not easy to cooperate. Shula’s party colleagues conspired against her, and eventually she was replaced as party leader by Yossi Sarid, a sharp-tongued Labor Party politician who had lately joined Meretz. In the next election, Meretz crashed from 12 seats to 3.

During the last few years, she was rarely in the public eye. I never saw her at demonstrations in the occupied territories, but she lectured incessantly to anyone, anywhere, when invited.


IN ONE of his frequent outbursts of vulgarity, Rabbi Ovadia Yosef of the Shas party said: “When Shulamit Aloni dies, there will be a feast!”

There was no feast this week. Even the Right acknowledges her contribution to Israel. The Meretz party, now with six members in the Knesset, is doing well in the polls.

The sixth chapter of the Song of Songs ends with the call: “Return, return oh Shulamite, return, return!” No chance of that. Not much chance of another Shulamit Aloni, either. They don’t make them like that anymore.

LA PRIVATIZZAZIONE DI BANKITALIA

 Italia
bacaitaliaFONTE: SENZASOSTE.IT
Tutti ricordiamo il tormentone Imu sì-Imu no, una bolla mediatica che ha accompagnato la vita politica istituzionale per metà 2013. È stato sostituto, sempre con Silvio protagonista (complimenti, anche vicino al sarcofago riesce a condizionare i nanerottoli politici di via del Nazareno) dall’altra bolla mediatica, quella della legge elettorale.
Bene, immaginate che casino succederebbe se qualcuno grosso, qualcuno di importante, volesse imporre una bella patrimoniale, di quelle toste. Già, immaginate il coro dei Roberto Speranza, uno che la parte l’ha imparata presto: “irresponsabile”, “populista” etc., e i sottili distinguo dei sindacalisti gialli Camusso e Landini sulla patrimoniale.
Il problema, non proprio leggerino, è che la proposta di una forte patrimoniale per l’Italia, sempre per il rigore dei conti pubblici, non l’ha avanzata qualche populista ma la Bundesbank. Eh sì. Era in prima pagina due giorni fa sulla Handelsblatt e su Die Welt, edizione online di entrambe le testate.


Così, mentre le prime pagine dei giornali italiani sono rigonfie di cose inutili, la banca centrale del principale paese dell’eurozona ha chiesto per noi una bella stangata (non esiste legge elettorale che risolva il problema della rappresentanza e dei processi decisionali. Ma da prima dello scioglimento del Pci i “riformisti” hanno provato questa droga del politico detta "legge elettorale", e non hanno più smesso...).
D’altronde, con un’economia paralizzata cosa credete che voglia il grande fondo estero, come garanzia, per comprare i nostri titoli? Ma i nostri patrimoni! Grandi e piccoli che siano, basta non averli alle Cayman (come lo sponsor di Renzi). Così vuole la Bundesbank.
E che rapporto c’è tra queste necessità della Bundesbank e il decreto Imu-Bankitalia presentato furbescamente alla televisione e alle camere? Se qualcuno crede che le comparsate della Boldrini servano per garantire il rispetto alle istituzioni, viva il suo Nirvana e non proceda oltre nella lettura. Sennò ascolti un dettaglio. Prima di tutto mettere l’Imu nel decreto è costruire un cavallo di Troia (absit injuria verbis) per far passare tre perle:
1) L'aumento dell'acconto Ires.
2) La “sanatoria” sul gioco d’azzardo, che è un regalone a tutte le agenzie che dovevano somme astronomiche allo Stato.
3) La sterilizzazione del potere di veto del ministero dei beni culturali e (sic) del Ministero dell’Ambiente sulle dismissioni (e vai con nuovi ecomostri).
E qui arriva la perlona contenuta nel decreto Imu che prende anche il nome del gioiello, diventando decreto Imu-Bankitalia. Cosa prevede il gioiello?
1) La legittimazione della proprietà privata dell’ente che solo nominalmente resterà pubblico (nomina del governatore, vero Re Pipino della situazione)
2) L’impossibilità del potere pubblico di poter dire alcunché sulla compravendita delle quote di Bankitalia (quindi se qualcuno o qualcosa che ha interessi che non coincidono con quello nazionale prende piede in Bankitalia, il pubblico non può porre veti. Solo per questo Napolitano meriterebbe l’impeachment, altro che...)
3) Si apre legalmente la strada ad un patto di sindacato, esplicito o occulto, dove una serie di soggetti finanziari che entrano nelle banche italiane fanno cosa gli pare di Bankitalia (guarda caso tre giorni fa qualcuno ha fatto la spesa con i titoli bancari italiani che sono andati anche a -16 in una seduta).
4) Le privatizzazioni possono essere pilotate da questo patto di sindacato ormai legittimabile da questo decreto (vedi vicenda Cassa depositi e prestiti).
5) Il patto di sindacato (cioè l'insieme delle regole volte a determinare l'assetto della proprietà di una società), possibile e sostenibile da hedge fund che hanno un portafogli largo quanto il nostro Pil, può a questo punto controllare l’oro di Bankitalia a sostegno dell’euro. Proprio come desidera la Bundesbank. E ce la vedete questa nuova Bankitalia, in mano a tutti fuorché all’Italia, opporsi nel caso alla patrimoniale come desiderata dalla Bundesbank? "Ragassi" - avrebbe detto il povero Bersani - “Sciamo in Europa..”.
A questo punto anche un elettore di centrosinistra, cioè uno che in politica fa uso di droghe nemmeno tanto leggere, capisce la verità. Che la “crescita” non esiste, non ci sarà. Ma solo un periodo di estrazione di risorse da questo paese. Fino a quando non ci sarà nulla da estrarre e i nostri giovani accetteranno salari da 250 euro il mese, competitivi con l’Ucraina che spinge per entrare in Europa a costo della guerra civile, facendosi prendere per fame. in un paese dai prezzi tedeschi causa tasse e balzelli.
Tutto questo ha un nome nei manuali di concorrenza economica. Si chiama strategia del “Beggar thy neighbour”. Ovvero: porta il tuo vicino a mendicare. Ci guadagnerai un sacco. Specie se nel paese del tuo vicino ci sarà qualche servo che dà del populista e dell’irresponsabile a chi si opppone al saccheggio.
La proposta della patrimoniale della Bundesbank è all'opposto della patrimoniale "de sinistra". Si tratta semplicemente di tassare e spedire in Germania. "Prima" deportavano uomini e ricchezze e mettevano tutto nei vagoni piombati. Ora sono solo interessati alle ricchezze, ma senza disturbare il traffico ferroviario.
Link: http://www.senzasoste.it/nazionale/la-gravissima-vicenda-della-privatizzazione-di-bankitalia
30.01.2014

CHI ERA RYKE HAMER


hamerDI CHRISTIAN RAIMO
linkiesta.it
La prima volta che ho avuto a che fare con la famiglia Hamer avrò avuto vent'anni; stavo facendo il perdigiorno universitario al cimitero acattolico a Roma. In mezzo alle tombe di Gramsci, di Keats, di Gadda, di Byron, notai – nascosta sotto una selva di oleandri – la lapide senza foto che conserva le ossa di Dirk Hamer, insieme a quella di sua madre Sigrid Gertrud Ursula: nato nel 1959 morto nel 1978, più o meno coetaneo del me di allora. Era una storia infelicemente famosa ma non la non conoscevo, anche se ero naturalmente attratto – per una specie di macabro romanticismo famigliare (mia madre che da adolescente mi raccontava la tragedia del figlio di Romy Schneider infilzato a quattordici anni dagli spunzoni di un cancello che tentava di scavalcare) o di banale melanconia dell'età – da quelli che muoiono giovani: estenuavo i pomeriggi invernali ascoltando a ripetizione i tre album che Nick Drake aveva fatto in tempo a registrare prima di morire per un'overdose di antidepressivi o discutevo per ore sulle ragioni che avevano spinto Kurt Cobain a puntarsi un fucile alla testa.
Nella foto: Dirk Hamer durante le cure / PhArchive


Il fatto è che quella di Dirk non è solo la storia crudele di un ragazzo che non fa in tempo a diventare adulto, ma è anche la saga incredibile di una famiglia: padre Geerd Ryke, madre Ursula, e quattro figli. I genitori sul finire degli anni '60 sono due giovani medici che collaborano tra loro. Lui ha trovato il modo per mantenere la famiglia, viaggiando in Germania e vendendo agli ospedali pubblici e privati alcuni suoi brevetti, come lo scalpello Hamer – una specie di microlama utile nella chirurgia plastica. È una personalità poliedrica, un medico affabile, un abilissimo promotore di se stesso: si è laureato in teologia da giovanissimo, si è sposato a 22 anni, lascia la Germania per girare in Europa in cerca di credibilità, riconoscimento, soldi. 

VACCINI KILLER PER I MILITARI


giovedì 30 gennaio 2014
A cura di Alessandro Raffa per nocensura.com 

Pochi giorni fa per la prima volta è stato CONDANNATO il Ministero della Sanità in relazione alla morte, a causa di un tumore, di un giovane militare 22enne; una sentenza storica e rivoluzionaria che infrange il muro di silenzio e omertà su una questione che nell'ambiente militare viene dibattuta da tempo.

Che migliaia di militari italiani si siano ammalati a causa dell'esposizione all'Uranio impoverito è ormai cosa nota e accertata; ma a provocare gravi problemi di salute nei militari sono anche le vaccinazioni a cui vengono sottoposti, e c'è chi ritiene che alcune patologie addebitate all'U.I. possano essere in realtà dovute ai vaccini.

Alla questione sono dedicati diversi "gruppi" Facebook, dove militari - colpiti da problemi di salute e non - familiari di vittime, ma anche medici e associazioni, dibattono e si confrontano: vi segnaliamo i gruppi gestiti da Franco Anedda, ottime fonti di documentazione: 
Uranio impoverito: un crimine di guerra usato per coprire altri crimini. e I vaccini fanno male?


Militari e vaccinazioni

Di Franco Anedda, odontoiatra cagliaritano, obiettore sulle vaccinazioni dopo che il figlio, nel 2004 è diventato diabetico a 2 anni a seguito di una vaccinazione. 

Recupero, come documento, quanto era nell’area discussioni prima che venisse abolita da FB..

Se i vaccini fanno male ai militari, a maggior ragione possono fare male ai neonati.
Forse è per questo che il riconoscimento del danno viene negato ai militari lesi ancor più ferocemente.

Riporto un brano della puntata del 3 febbraio 1999 di Striscia la notizia: illustra come la Rai nasconde le notizie scomode per chi sostiene che i vaccini non fanno male.
Ezio Greggio racconta:
[Tre anni prima il regista Alberto D'Onofrio realizzò per conto della Rai un documentario dal titolo “La sindrome del Golfo”: un reportage sui devastanti effetti dell'esposizione alle armi chimico-batteriologiche da parte dei soldati americani durante l'operazione "Desert Storm" nel '91. Questo documentario è rimasto dimenticato per oltre due anni nell'archivio di Rai Tre, che inspiegabilmente non ha mai voluto trasmetterlo. Striscia trasmette una copia del reportage di D'Onofrio. Il documentario mette in rilievo sconcertanti particolari, rivelando per esempio il fatto che proprio un vaccino somministrato dal Pentagono ai soldati americani sia in realtà la causa di possibili alterazioni genetiche.]

Qui si può scaricare il filmato:

[Questo link non è più attivo]
http://www.ngvision.org/download/144/ngv.bradipz.net/new_global_vision/disc27/ngv_ita_19960101_sindrome_del_golfo.avi

Serve l’ADSL: sono 123 MB di dolore, fin dalle prime immagini.
In Italia agli amici in divisa l’amministrazione impone ogni anno l’antinfluenzale, in più vengono massacrati con altri vaccini prima di partire in missione.
La consuetudine è fare le varie dosi in pochi giorni, per risparmiare tempo, aumentandone però la tossicità.
I medici militari sembra non abbiano considerano pericolosa tale prassi, in più usando flaconi multidose: se non li agitano bene prima di ogni prelievo, riservano a chi riceve il fondo del flacone una quantità micidiale di metalli pesanti.
Interessante l’intervista con la signora Santa Passaniti che ha perso il figlio Francesco Finessi, andata in onda su Striscia il 20/11/2007:
http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=striscia&data=2007/11/20&id=6219&categoria=servizio&from=striscia
Merita una lettura anche la seduta n° 22 della Commissione Parlamentare d’inchiesta sull’epidemia di tumori che ha colpito i militari.
http://www.senato.it/commissioni/41378/47894/sommariostenografici.htm
 
Qui striscia intervista Montinari:

http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=striscia&data=2007/11/20&id=6218&categoria=servizio&from=striscia
Bellissima pure l’inchiesta di Angelo Saso:http://www.rainews24.rai.it/ran24/rainews24_2007/inchieste/13112008_vaccini/video_ITA.asp
Alcuni articoli di stampa sull’argomento.

Hai scrittoil 9 aprile 2009 alle 23.39

Nuove notizie riportate dalla newsletter del NIV di oggi.

[La vaccinazione anti-antrace dell'esercito israeliano ha violato la convenzione di Helsinki
Dopo un inchiesta durata 18 mesi sul trial clinico nell'ambito del quale dal 1999 al 2006 un vaccino anti-antrace sviluppato in Israele è stato somministrato a oltre 700 soldati dell'esercito israeliano, la commissione d'inchiesta istituita dall'associazione medica israeliana ha pubblicato un rapporto molto critico. La pubblicazione del documento di 90 pagine è stato ostacolato dal ministero della difesa, tuttavia alla fine di marzo il rapporto è stato pubblicato su ordine della corte suprema.
(...) Più di 40 soldati hanno accusato effetti collaterali del vaccino, che andavano da reazioni cutanee di minore entità fino a iperreattività immunitaria e problemi di tipo gastro-intestinali. La commissione d'inchiesta non era tuttavia autorizzata a condurre esami medici sui soldati.
Nel rapporto della commissione si legge che il trial, intitolato Omer-2, era stato presentato ai soldati come "un progetto segreto e estremamente importante per Israele da un punto di vista strategico". Ai soldati è stato richiesto di aderire volontariamente mentre si trovavano sotto gli sguardi dei loro comandanti. In nessuna maniera è stato menzionato la possibilità di effetti collaterali derivante dal vaccino sviluppato in un istituto affiliato al ministero della difesa.
Secondo la commissione d'inchiesta non era necessario e neanche importante ricorrere alla sperimentazione di un vaccino nuovo, dato che erano disponibili milioni di dosi di un vaccino già approvato e sufficiente a proteggere i soldati da eventuali attacchi con spore di antrace.
Quindi il ministero, l'esercito israeliano e il comitato militare sulle sperimentazioni sull'uomo ha gestito male la sperimentazione e senza nessuna supervisione da parte di esperti civili in violazione della dichiarazione di Helsinki e con apparenti conflitti di interesse.
(...) Secondo il Prof Reches tutta la futura ricerca medica in ambito militare dovrebbe essere svolta sotto controllo civile e tutti i militari che hanno lamentato effetti collaterali dovrebbero essere sottoposti a controlli medici. Non è chiaro, aggiunge Reches, se i sintomi sono da imputare al vaccino, a reazioni di tipo psicosomatico oppure se si tratta di sintomi non associati in nessuna maniera alla somministrazione del vaccino.
Elinor Goshen, membro della commissione, del comitato etico dell'associazione medica israeliana e specialista in medicina nucleare ha dichiarato di non essere contraria alla sperimentazione su soldati, ma che "se lo fai lo devi fare in maniera corretta".
Il ministero della difesa afferma di "aver fatto tutto il possibile al fine di condurre il trial in maniera trasparente" e che non ostacolerebbe la richiesta dei soldati di istituire una commissione governativa di inchiesta per approfondire ulteriormente la faccenda.]

Fonte :
Judy Siegel-Itzkovich
IDF's anthrax vaccine trial "violated Helsinki Convention"
BMJ 2009;338:b1325, Published 30 March 2009, doi:10.1136/bmj.b1325
Abstract: http://www.bmj.com/cgi/content/extract/338/mar30_2/b1325

Si continua ad utilizzare i militari per sperimentare i nuovi vaccini, Gli sperimentatori violano le leggi, le norme e l’etica.
Ci si può fidare dei dati da loro raccolti senza alcun controllo?
I ricercatori rendono conto solo al loro padrone: il produttore del vaccino.
Il produttore ha un solo obbiettivo: ottenere l’acquisto del prodotto da parte del ministero della difesa.
Dato che non è possibile esporre la “cavie” all’antrace per verificare l’efficacia del vaccino, è sufficiente occultarne gli effetti dannosi per raggiungere lo scopo.
Ecco fatto!

Domenico D'Ambrosio ha scritto il 30 aprile 2009 alle 14.36
Ecco un aggiornamento sulla abominevole vicenda dell'uranio e dei vaccini sui militari ammalati e morti:
http://www.comilva.org/forum/topic.asp?TOPIC_ID=1828
http://www.comilva.org/forum/topic.asp?TOPIC_ID=1661

Citazione
[La dr.ssa Gatti già nel 2004 sapeva che i vaccini da lei esaminati contenevano molti metalli, e che gli stessi metalli erano nel corpo di mio figlio, ma non ha detto nulla per un intero anno di commissione, fino alla mia audizione, dopo la quale ammetteva, nella seduta del 19 gennaio 2006 di aver esaminato due vaccini. Riporto le sue parole: «I due vaccini da me esaminati come da rapporto che io feci allora […]». Ma in realtà i vaccini che la dottoressa aveva esaminato erano cinque, di tre dei quali non ha mai voluto darmi un referto scritto, anzi, come ho già detto, mi ha esortato per il mio bene a lasciar perdere. Successivamente la Magistratura di Bolzano, con cui c’è un procedimento penale in corso, è riuscita a venirne in possesso. Dopo che la commissione ha visto questi esami, in cui il picco di piombo nello sperma e nelle cellule staminali di Francesco era altissimo, e picchi di piombo e altri metalli pesanti tossici erano presenti anche in diversi vaccini (le famose nanoparticelle sferiche tondeggianti), non ha fatto ugualmente analizzare i vaccini. E i militari continuano a morire. ]

Copie dei referti delle analisi fatte sui vaccini e su campioni biologici del figlio della sig.ra Passaniti sono presenti qui http://www.corvelva.org/?page_id=131

Fonte: Nota di Franco Anedda su FB

Altri articoli su vaccini e militari:
Clicca sull'immagine per ingrandirla
Circa le malattie dei militari esposti a uranio impoverito, potete consultare il gruppo Vittime dell'Uranio impoverito a cura dell'Osservatorio Militare 

Vedi l'intervista a Domenico Leggiero, presidente dell'Osservatorio Militarea cura diAlessandro Raffa di nocensura.com: Uranio, 4.000 militari italiani ammalati. Intervista INTEGRALE a Leggiero (Osservatorio Militare) (durata: 23 minuti) -versione breve (8 minuti circa) 

Vedi anche: Alcuni articoli di Nocensura.com sull'Uranio impoverito - approfondisci su Google


Alessandro Raffa per nocensura.com

PAPA LUCIANI UCCISO IN 33 GIORNI POICHE' NEMICO DELLA MASSONERIA


giovedì 30 gennaio 2014
L'ultimo Papa che ha provato a contrapporsi alla massoneria fu Papa Luciani, che "casualmente" durò solamente 33 giorni; trentatre, numero caro alla massoneria... 

Ancora molte ombre avvolgono la morte di Giovanni Paolo I, alias Papa Luciani, il quale probabilmente confidava a persone sbagliate il suo desiderio: liberare la Chiesa Cattolica dalla massoneria.

Dopo anni ancora non si sa con certezza se Papa Luciani sia morte naturalmente o con qualche “aiutino”, anche perché per legge non si può effettuare l’autopsia sul corpo del più alto cittadino del Vaticano. Ma una cosa è certa. Ed è il fatto che Papa Luciani fosse quasi ossessionato dal liberare la sua Chiesa dalla presenza ingombrante di grembiuli e compassi.

La sera prima della sua morte il Papa aveva avuto un violento litigio con il Cardinale Baggio, prelato che non ha mai nascosto, né smentito la sua appartenenza alla massoneria. Luciani amava fare lunghe passeggiate, nei giardini vaticani, in compagnia del Cardinal Villot, iscritto alla Loggia di Zurigo, tessera numero 041/3.

Non esattamente il miglior confidente, visto che il Papa ripeteva spesso al Cardinale di voler liberare la Chiesa dalla massoneria, a cominciare dalla Segreteria di Stato. Un pensiero continuo questo, che assillava la mente del Papa, il quale chiedeva con insistenza ai prelati di portargli qualunque documento avessero con se e che riguardavano la massoneria.

Diversi porporati consegnarono tutto ciò che era in loro mani e che Luciani custodiva gelosamente, tenendo i documenti non nel suo ufficio, ma nella sua stanza da letto, sul termosifone. Quando venne ritrovato il corpo senza vita del Pontefice i documenti erano spariti, volatilizzati, come se non fossero mai esistiti.

Eppure c’è chi giura che la sera prima, augurando la buonanotte al Papa, i documenti erano sempre li, al loro posto. Un mistero che si continua a protrarre e che si protrarrà in attesa di un eventuale chiarimento sulla vicenda.

Fonte: http://www.infiltrato.it/inchieste/l-ultimo-papa-che-voleva-combattere-la-massoneria-albino-luciani-morto-30-giorni-dopo-la-nomina


Lo strano caso della morte di Albino Luciani
A cura di Giuseppe Ardagna
Il 26 Agosto del 1978 Albino Luciani divenne ufficialmente Vescovo di Roma (cioè fu eletto Papa) e successore di Paolo VI. In Vaticano, parecchie persone non erano contente dell’elezione di Luciani al soglio pontificio ma, forse, il più scontento di tutti era monsignor Marcinkus che fino all’ultimo istante aveva sperato nell’elezione del candidato Giuseppe Siri.
Ma chi era questo Marcinkus? Era una delle pedine fondamentali di quella partita a scacchi che da anni si giocava fra Vaticano e grandi banche e che metteva in palio la possibilità di vedere il proprio capitale aumentare sempre di più[1]. Marcinkus era il più alto in grado all’interno dello I.O.R., l’Istituto per le Opere Religiose. Egli intuì immediatamente i pericoli dell’elezione di questo pontefice che, sin dai suoi primi discorsi, aveva lasciato chiaramente intendere di voler far tornare la chiesa cattolica a quegli ideali di carità cristiana propri del primo cattolicesimo, rinunciando alle ricchezze superflue che troppo avevano distolto gli uomini di chiesa dai propri sacri compiti. Figuratevi il capo della banca vaticana come avrebbe mai potuto vedere un tipo del genere sul più alto gradino del proprio stato…
Marcinkus diceva ai suoi colleghi: «Questo Papa non è come quello di prima, vedrete che le cose cambieranno»[2].
Su due punti Luciani sembrava irremovibile: l’iscrizione degli ecclesiastici alla massoneria, e l’uso del denaro della chiesa alla stregua di una banca qualunque[3]. E l’irritazione del Papa peggiorava al solo sentire nominare personaggi come Calvi e Sindona dei quali aveva saputo qualcosa facendo discrete indagini[4].
In coincidenza con l’elezione di Luciani venne pubblicato un elenco di 131 ecclesiastici iscritti alla massoneria, buona parte dei quali, erano del Vaticano. La lista era stata diffusa da un piccolo periodico «O.P. Osservatore Politico» di quel Mino Pecorelli destinato a scomparire un anno dopo l’elezione di Albino Luciani in circostanze mai chiarite.[5] Secondo molti, O.P. era una sorta di «strumento di comunicazione» adoperato dai servizi segreti italiani per far arrivare messaggi all’ambiente politico. Pecorelli, tra l’altro, era legato a filo doppio con Gelli come lo erano Sindona e Calvi[6].
Ma, tornando alla lista ecclesiastico-massonica, questa comprendeva, fra gli altri, i nomi di: Jean Villot (Segretario di Stato, matr. 041/3, iniziato a Zurigo il 6/8/66, nome in codice Jeanni), Agostino Casaroli (capo del ministero degli Affari Esteri del Vaticano, matr. 41/076, 28/9/57, Casa), Paul Marcinkus (43/649, 21/8/67, Marpa), il vicedirettore de «L’osservatore Romano» don Virgilio Levi (241/3, 4/7/58, Vile), Roberto Tucci (direttore di Radio Vaticana, 42/58, 21/6/57, Turo).[7]

Di Albino Luciani cominciò a circolare per la curia l’immagine di uomo poco adatto all’incarico, troppo «puro di cuore», troppo semplice per la complessità dell’apparato che doveva governare.
La morte subitanea, dopo trentatre giorni di pontificato, suscitò incredulità e stupore, sentimenti accresciuti dalle titubanze del Vaticano nello spiegare il come, il quando ed il perché dell’evento. In questo modo, l’incredulità diventò prima dubbio e poi sospetto. Era morto o l’avevano ucciso?[8]
Fu detto all’inizio che Luciani era stato trovato morto con in mano il libro «l’imitazione di Cristo», successivamente il libro si trasformò in fogli di appunti, quindi in un discorso da tenere ai gesuiti ed infine, qualche versione ufficiosa volle che tra le sue mani ci fosse l’elenco delle nomine che il Papa intendeva rendere pubbliche il giorno dopo.[9]
Dapprima, l’ora della morte fu fissata verso le 23 e, quindi, posticipata alle 4 del mattino. Secondo le prime informazioni, il corpo senza vita era stato trovato da uno dei segretari personali del Papa, dopo circolò la voce che a scoprirlo fosse stata una delle suore che lo assistevano. C’erano veramente motivi per credere che qualcosa non andasse per il verso giusto.
Qualcuno insinuò che forse sarebbe stato il caso di eseguire un’autopsia e questa voce, dapprima sussurrata, arrivò ad essere gridata dalla stampa italiana e da una parte del clero. Naturalmente l’autopsia non venne mai eseguita ed i dubbi permangono ancora oggi.
Di questo argomento si occuperà approfonditamente l’inglese David Yallop, convinto della morte violenta di Giovanni Paolo I.
Il libro dello scrittore inglese passa in rassegna tutti gli elementi di quel fatidico 1978 fino a sospettare sei persone dell’omicidio di Albino Luciani: il Segretario di Stato Jean Villot, il cardinale di Chicago John Cody, il presidente dello I.O.R. Marcinkus, il banchiere Michele Sindona, il banchiere Roberto Calvi e Licio Gelli maestro venerabile della Loggia P2.[10]
Secondo Yallop, Gelli decise l’assassinio, Sindona e Calvi avevano buone ragioni per desiderare la morte del Papa ed avevano le capacità ed i mezzi per organizzarlo, Marcinkus sarebbe stato il catalizzatore dell’operazione mentre Cody (strettamente legato a Marcinkus) era assenziente in quanto Luciani era intenzionato ad esonerarlo dalla sede di Chicago perché per motivi finanziari si era attirato le attenzioni non solo della sua chiesa ma addirittura della giustizia cittadina e della corte federale. Villot, infine, avrebbe facilitato materialmente l’operazione[11].
La ricostruzione fatta da Yallop degli affari di Sindona, di Calvi, di Gelli e dello I.O.R., conduce inevitabilmente all’eliminazione del Papa.
Tuttavia la ricostruzione dello scrittore inglese pone alcuni problemi, primo fra tutti la netta sensazione che, in alcuni passi della ricostruzione, gli episodi, le date e le circostanze, tendano ad «esser fatte coincidere» troppo forzatamente.

Tuttavia il lavoro investigativo di Yallop è comunque buono e non si può non tener conto del lavoro dell’inglese soprattutto considerando il fatto che troppi sono i dubbi inerenti le ultime ore di vita del Papa.
Perché e soprattutto chi ha fatto sparire dalla camera del Papa i suoi oggetti personali? Dalla stanza di Luciani scompariranno gli occhiali, le pantofole, degli appunti ed il flacone del medicinale Efortil. La prima autorità di rango ad entrare nella stanza del defunto fu proprio Villot, accompagnato da suor Vincenza (la stessa che ogni mattina portava una tazzina di caffè al Papa) che verosimilmente fu l’autrice materiale di quella sottrazione.
Perché la donna si sarebbe adoperata con tanta solerzia per far sparire gli oggetti personali di Luciani? Perché quegli oggetti dovevano sparire?
Domande destinate a restare senza risposta anche in considerazione del fatto che la diretta interessata è passata a miglior vita.
Una curiosità per chiudere l’argomento: sulla scrivania di Luciani fu trovata una copia del settimanale «Il mondo» aperta su di un’inchiesta che il periodico stava conducendo dal titolo: «Santità...è giusto?» che trattava, sotto forma di lettera aperta al pontefice, il tema delle esportazioni e delle operazioni finanziarie della banca Vaticana. «E’ giusto...» recita l’articolo «...che il Vaticano operi sui mercati di tutto il mondo come un normale speculatore? E’ giusto che abbia una banca con la quale favorisce di fatto l’esportazione di capitali e l’evasione fiscale di italiani?»[12].


[1] Matillò R.D., L’avventura delle finanze Vaticane,Ed.Pironti, Napoli, 1988 ;
[2] Ibidem
[3] Ibidem
[4] Ibidem
[5] Ardagna G., La scoperta della lista P2 nella stampa italiana,Napoli, 2004;
[6] Ibidem
[7] Matillò R.D., L’avventura delle finanze Vaticane, Ed.Pironti, Napoli, 1988;
[8] Ibidem
[9] Ibidem
[10] Yallop D., In God’s name, Ed.Pironti, Napoli, 1992;
[11] Ibidem
[12] Ibidem


Fonte: http://www.disinformazione.it/albinoluciani.htm 

L'ESERCITO DI DISOCCUPATI


venerdì 31 gennaio 2014
Quel Ministero che recluta e stipendia studenti di infermieristica e dice no ai candidati laureatiDa nurse24.it 

Son piu' di 1.000 gli infermieri italiani che prestano servizio presso le forze armate; li troviamo in Marina Militare, Esercito Italiano, Aeronautica Militare e presso i Carabinieri.
L'esercizio della professione sanitaria infermieristica è, per legge, autonomo ed indipendente rispetto alle altre professioni sanitarie (medici, farmacisti, odontoiatri, veterinari, psicologi-psicoterapeuti, professioni sanitarie riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione) ed è vincolato al conseguimento del titolo accademico di laurea, rilasciato a seguito di un esame finale con valore abilitante alla professione ed all'iscrizione al relativo albo professionale.
Sebbene l'infermiere sia, di fatto, un pubblico ufficiale il cui titolo è valido sull'intero territorio nazionale ed è rilasciato nel rispetto della normativa europea in materia di libera circolazione delle professioni, a differenza delle restanti professioni sanitarie militari, agli infermieri titolati non è concesso l'ingresso a "nomina diretta" presso le forze armate. Il Ministero della Difesa preferisce, infatti,  formarli presso le Scuole Sottufficiali, nelle quali gli Allievi Marescialli Infermieri frequentano il  corso di laurea in infermieristica e dove, per studiare, ricevono vitto, alloggio e stipendio.

Come mai i bandi di concorso indetti dal Ministero della Difesa per reclutare infermieri non consentono la partecipazione a chi e' gia' in possesso del titolo abilitante?
Sono in molti a domandarselo, soprattutto in tempi di "spending review" e di politiche da attuare per porre rimedio postumo al fenomeno della "disoccupazione infermieristica". Volendo mettere da parte concetti cosi' impegnativi per coloro i quali dovrebbero dirigere il nostro Paese e per coloro che dovrebbero rappresentare e tutelare le professioni, ciò che appare ancor più discutibile è il fatto che presso il Ministero della Difesa volutamente non venga valutato in sede concorsuale un titolo di laurea rilasciato in nome della legge e della Repubblica italiana.

Il risultato di queste discutibili scelte dirigenziali? Presto detto, ogni anno le forze armate indiconobandi di concorso per titoli ed esami, nei quali il titolo di Laurea in Infermieristica e' tassativamente esclusoCome se non bastasse singolare è il fatto che questa procedura concorsuale discriminatoria è assolutamente disapplicata per le restanti professioni sanitarie (medici, odontoiatri, biologi, psicologi, veterinari) per le quali vengono periodicamente indetti concorsi straordinari,i cosiddetti concorsi dedicati a particolari professionalita'.

Provate a immaginare cosa potrebbe accadere presso l'Ordine dei medici se il Ministero della Difesa pubblicasse bandi di concorso nei quali gli unici ad essere esclusi fossero i medici già laureati. Ovviamente si solleverebbe un gran polverone ed è verosimile che il medesimo sarebbe piu' che giustificato.

Nel 2010, con il decreto legislativo del 15 marzo, n. 66 Codice dell'ordinamento militare, all'articolo 212 è stato stabilito che il personale infermieristico militare svolge con «autonomia professionale» le specifiche funzioni ed è articolato in conformità a quanto previsto dalla legge 1°febbraio 2006, n. 43. Ad esso viene, peraltro, attribuita la «diretta responsabilità e gestione» dell'attività di assistenza infermieristica e delle connesse funzioni, in linea con le disposizioni di legge nazionali e comunitarie.

Nonostante quanto stabilito con il decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, ad oggi in Italia, a differenza delle altre principali forze della NATO, l'infermiere militare è ancora collocato nel ruolo dei sottufficiali, in regime di completa subordinazione gerarchica rispetto a tutte le altre professioni sanitarie militari.

Malgrado l'acquisizione del titolo accademico di laurea e delle elevate competenze di autonomia professionale, nonostante l'impiego sistematico presso i servizi sanitari che richiedono piena e diretta responsabilità, ad oggi, agli infermieri militari non viene riconosciuto il diritto di poter entrare a far parte del corpo sanitario degli ufficiali delle singole forze armate, né viene riconosciuta loro la possibilità di poter partecipare ai corsi di «leadership infermieristica» organizzati dalla NATO per gli ufficiali infermieri dei Paesi membri.

I laureati in infermieristica esclusi dai bandi di concorso possono far parte quantomeno della cosiddetta "Riserva Selezionata delle Forze Armate"?
L’Istituto della Riserva Selezionata è previsto e disciplinato dal combinato disposto dell’articolo 674 del Decreto Legislativo n. 66 del 15 marzo 2010 (ex art. 4 R.D. 16 maggio 1932, n. 819 - c.d. Legge Guglielmo Marconi), integrato dal Decreto Ministeriale 15 novembre 2004, e dell’articolo 987del sopraccitato Decreto Legislativo (ex art 25 del D. Lgs. 8 maggio 2001, n. 215). La Riserva Selezionata nasce con l’esigenza delle Forze Armate italiane di disporre di un bacino di personale in possesso di particolari professionalità di interesse per la Forze Armata e non compiutamente disponibili nell’ambito della stessa. Tali professionalità potranno essere reperite sia da personale civile sia dagli Ufficiali della Forza in Congedo che appartengano alle Forze di Completamento.

L’iscrizione alla Riserva Selezionata del personale civile è subordinata alla nomina ad Ufficiale di Complemento, provvedimento che riveste carattere di eccezionalità, ai sensi del sopra citato Decreto Legislativo, previa sottoscrizione della disponibilità al richiamo alle armi sul territorio nazionale ovvero all’estero. Alla “Riserva Selezionata” possono accedere uomini e donne, di cittadinanza italiana, che rispettino i seguenti requisiti: 
  • possedere i requisiti di moralità e condotta stabiliti dall’art. 26 della Legge 1° febbraio 1989, n. 53; 
  • non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso per delitti non colposi; 
  • non abbiano prestato servizio in altra Forza Armata in qualità di Ufficiale; 
  • non prestino o abbiano prestato servizio nelle Forze di Polizia ad ordinamento Civile e nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco; 
  • non appartengano al Ruolo Normale Mobile del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana; 
  • non essere stati dichiarati obiettori di coscienza ovvero ammessi a prestare servizio civile ai sensi della Legge 8 luglio 1998, n. 230, se appartenenti a classe interessata alla chiamata di leva; 
  • non abbiano superato il 55° anno di età (articolo 1000 D.Lgs. 66/2010); 
  • non siano stati giudicati permanentemente non idonei al Servizio Militare; 
  • non siano stati dimessi d’autorità da precedenti ferme nelle Forze Armate.


Possono essere altresì iscritti gli Ufficiali di Complemento che abbiano rilasciato la dichiarazione di disponibilità al richiamo nelle Forze di Completamento, che rispondano ai requisiti già menzionati per il personale civile. Quanto sopra sembrerebbe lasciar qualche speranza alle centinaiao forse migliaia, di infermieri italiani che vorrebbero esercitare la loro professione al servizio delle nostre forze armate. Purtroppo l'annoso compito che compete a chi vuole dare notizie attendibili e documentate purtroppo anche stavolta incombe.

Anche stavolta, oltre ad essere ammessi i laureati in matematica pura, sono ammesse altresìtutte le restanti professioni sanitarie ad esclusione dei laureati in infermieristica, il cui titolo non apparirebbe elemento di specifico interesse per gli eventuali impieghi presso le forze armate italiane.

La questione appare in tutta la sua gravità se si tiene conto che la motivazione principale che ha portato all'istituzione della Riserva Selezionata e' stata quella di prevedere un reclutamento, "retribuito solo in caso di necessita", al fine di poter rimpolpare le fila dei militari con professionalita' indispensabili per far fronte ad esigenze particolari, anche contingentate o di maxi-emergenza.


Fonte: nurse24.it