IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

domenica 30 novembre 2014

IL CANNIBALISMO DI NOTIZIE. L'ARTICOLO DI GIAN LUCA VALENTINI. A GRANDE RICHIESTA





Si, è vero. Questo è il mondo in cui viviamo.

HCG fa tanti clic, è realtà. Mi scende però un groppo in gola quando penso che notizie come quelle, ad esempio, di ieri sui preti pedofili in Spagna e sulla bellissima recensione dei TV On The Radio durino solo un giorno e vengano cannibalizzate dalla nuova notizia del giorno dopo.

Siamo un popolo di fagogitatori, di cannibali di notizie.

Il nuovo spazza via il vecchio e rischiamo di mettere in secondo piano argomenti fondamentali e d'importanza più che rilevante.

Questo è, ahimè, il mondo. Questo è quanto ci tocca.

Come rimediare a tutto ciò?

Abbiamo pensato di riproporre gli articoli più importanti ma non sarebbe giusto.

Abbiamo pensato di ricordarveli su Facebook ma ne sarebbero penalizzati i nostri followers dagli altri stati europei e mondiali (ci seguono tanto dall'estero quanto dall'Italia).

Abbiamo pensato di affinare il motore di ricerca, ma, al momento, questo è quanto offre blogspot.

Questo ci intristisce.

Mi ricordo che a 10 anni andai a vedere "Per qualche dollaro in più", film che era già uscito nelle sale anni e anni prima ma che veniva riproposto o, semplicemente, stava tantissimo in sala.

Tutto sommato, bei tempi. Le cose avevano valore. Fare un film e un articolo costavano soldi e sacrificio.

Oggi scrivere un articolo come questo costa tempo e fatica.

Ed è un articolo semplice, "pop", per tutti.

Che fare, allora?

Aiutateci a migliorare il blog. A far si che articoli importanti non finiscano nel dimenticatoio.

Cercateli anche voi, ripescateli.

Digitate quanto vi occorre e vedete se fosse possibile centrare l'obiettivo. Altrimenti dateci qualsiasi suggerimento.

Tanto per dire, il video dei preti pedofili del 2012 fece oltre 3.500 clic (è il nostro record). Molti mi chiesero come cercarlo e io dissi loro come fare ma a volte mi rendo conto che sia davvero difficile.

Blogghettari, esperti, geni dell'informatica, HELP US! Aiutateci.

La memoria è importante.

L'Editore

LA FRASE DELL'ANNO E' DI ENNIO MONTESI

«Ci sedemmo dalla parte della rivoluzione popolare armata visto che tutti gli altri posti erano occupati dagli ipocriti, dai servi, dai lacchè, dagli schiavi, dai criminali governanti, dai criminali della religione e dai criminali dittatori.» Ennio Montesi

IL 12 DICEMBRE DI ALDO ARPE


CHI E' RUVI RIVLIN. L'ARTICOLO DI URI AVNERY

The Son of my Eyes 


THE PRESIDENT of Israel was aghast.

Ruvi Rivlin, who was recently elected to the high but largely ceremonial post, is far from being a leftist. On the contrary, this scion of a family that has been living in Jerusalem for seven generations, believes in a Jewish state in all the country from the Mediterranean Sea to the Jordan river.
But Rivlin is a true liberal. When he read The Poem he was shocked to the depths of his soul. Then he remembered that the writer of this masterpiece had been invited to the President's residence to read from his works. He was promptly disinvited.
For this the President was attacked from many quarters. How dare he? What about artistic freedom?
THE "POET" in question is one Amir Benayoun, a popular "oriental" folk singer. "Oriental" music, in this context, means the melodies preferred by oriental Jews, based on the Arab music of their former homelands with primitive lyrics about love and such.
The professional fortunes of Benayoun were declining, but The Poem restored them, and how! It became the center of a stormy national debate, all the media discussed it at length, even Haaretz printed it verbatim. Politicians, commentators and everyone else who respects himself or herself praised or condemned it.
The imaginary narrator of The Poem is an Arab named Ahmed, who dreams about killing Jews, especially Jewish babies.
My own translation:
Salaam Aleikum I am called Ahmed / And I live in Jerusalem / I study at the university a thing or two / Who enjoys all the worlds like me? / Today I am moderate and smiling / Tomorrow I shall ascend to heaven / I shall send to hell a Jew or two / It's true that I am just ungrateful scum / That's true, but I am not to blame, I grew up without love / The moment will come when you turn your back to me / And then I shall stick into you the sharpened axe.
I am Ahmed living in the central region / I work near a kindergarten and am responsible for gas containers / Who like me enjoys two worlds? / Today I am here and tomorrow they will not be here / Many of them, very many of them will not / It's true that I am nothing but ungrateful scum / That's true, but I am not to blame, I grew up without love / It's true that the moment will come when you turn your back to me / And then I shall stick into you the sharpened axe / It's true that I am nothing but ungrateful scum / That's true, but I am not to blame, I grew up without love
It's true that the moment will come when you turn your back to me / And then I shall shoot you straight in the back
SUBSTITUTE DAVID for Ahmed and Berlin or Paris for Jerusalem and you have a perfect anti-Semitic poem. It is totally certain that the Bundespräsident would not invite the author for tea in his residence.
But the president of Israel was attacked from all sides for canceling the invitation. The rightists attacked him for rebuffing a true patriot, many leftist do-gooders disapproved in the name of freedom of creation and universal tolerance.
When I was a nine-year old in Germany, I heard the catchy song "When Jewish blood spurts from the knife / Everything will be twice as good". If the author was still alive, would German liberals demand that he should be accorded artistic freedom?
Benayoun (39) bears an Arab name. Benayoun derives from the Arab term of endearment "Son of (my) Eyes". His first name sounds like the Arab title Amir (prince), though written differently. He was born in a Beersheba slum, his parents are immigrants from Morocco. They could be called Arab Jews, as my parents were called German Jews.
Benayoun was not a fanatic to start with. But when his brother adopted a more extreme form of the Jewish religion, he followed suit. This procedure, called "Return to the Faith”, is almost always accompanied by a rabid racism.
The poet claims that his spiritual master is the Messiah. He does not carry amulets, only a dollar bill given to him by the late (?) Rabbi of Lubavitch who, his US followers claim, is the Messiah and did not die.
Benayoun's poetic masterpiece of sheer, undiluted hatred reflects the mood of a large part of Israeli Jews at this point in time. The latest events in Jerusalem have created a climate in which racist hatred can raise its ugly head without shame.
THE CENTER of racism is the government itself. It is completely dominated by the most extreme Right – indeed, there is nothing to the right of it.
From its inauguration, it seems that this government has done nothing but enacting racist laws (apart from the Gaza war, of course). Almost every week we hear about an initiative to make yet another new law, worse than the last, if that is possible.
Just three days ago the Minister of Home Security, a minion of Avigdor Lieberman, initiated a law which would define the Arab Temple Guard as an "unlawful organization" – the equivalent of a terrorist group. This guard is employed by the Waqf (Muslim charitable association) which is in charge of the Temple Mount by international agreement (with Jordan).
The Guard cannot defend the Holy Shrines against the Israeli police, but it can warn Muslims of the approach of Jews who come to pray, which is forbidden. Removing the Guard would tighten even more the grip of Jewish fanatics and cynical politicians on the Mount.
This measure, at this precise moment, is a direct provocation. It confirms the darkest Muslim fears that Israel is about to change the status quo and turn the Mount into a Jewish prayer site.
Why would a police minister do so just now, when Jerusalem is in flames and the entire Muslim world is rallying to the defense of the Holy Shrines? Is he out of his mind?
Not at all. It is just that he must compete with other politicians in grabbing headlines. And, as Benayoun is now showing, hatred of "the Arabs" is the hottest article on the market.
Then there is the proposed law that would allow the Knesset majority to annul the Knesset membership of any deputy who "favors the armed struggle against Israel". Who decides? The Knesset majority, of course. It would act as prosecutor, judge and executioner at the same time.
This bill is clearly aimed at Haneen Zuabi, a provocative female Arab member, who has already been banned from the Knesset for half a year (except for voting).
Another measure is the annulment of residence in Jerusalem for terrorists and their families. (Arabs in annexed East Jerusalem were not accorded citizenship, but only "permanent residency". This can be revoked any time.)
This week the residence status of a local Arab was indeed revoked. He was accused of having driven another Arab to Tel Aviv, where the passenger carried out a suicide attack at a pub. This happened 13 years ago. The driver protested that he had no idea of his passenger's intentions, but was sent to prison nevertheless. Now the ministry remembered to expel him from the city.
SUCH BILLS, laws and executive actions fill the news every day.
Since its inauguration, the current Knesset has included a group of about twenty members who in other countries might be called neo-fascists. Most of them are leading Likud members, the others belong to rival coalition factions. They compete fiercely with each other. They are like 20 cats in one bag.
It seems that these members spend their days looking for ideas for even more atrocious anti-Arab measures. These make deadlines and grab public attention. The more atrocious, the bigger the headline and the longer the TV interviews. These translate into popularity within their parties and guarantee reelection.
If you have no other qualities, this alone will assure you of a successful political career.
FOR SEVERAL weeks now the center of activity has been a bill called "Basic Law: Israel the Nation-State of the Jewish People".
Israel has no constitution. From the beginning, the religious-secular controversy has prevented it.
However, the declaration of independence adopted in May 1948, which has no legal status, defined Israel as a "Jewish State" and promised complete equality to non-Jewish citizens. Later, several Basic Laws defined Israel as a "Jewish and Democratic State", giving equal status to the two components, which often seem contradictory.
The diverse versions of the new bills define Israel as a "Jewish State" only, demoting the "democratic" aspect to second-class status. They abolish the word "equality" altogether. Arabic, which is now the second official language, will lose that status. Discrimination, now practiced clandestinely, will become legal and overt.
These versions were officially adopted last Sunday by the government. However, Binyamin Netanyahu promised to produce a more moderate version before the measure comes to the final vote in the Knesset.
Netanyahu rightly fears that the current versions might set off a world-wide reaction. The "only democracy in the Middle East" would become far less democratic. Tunisia might assume this title.
As far as is known at the moment, Netanyahu's version – which will probably be adopted in the end - will restore the "Jewish and democratic" appellation, but omit the term "equality". The rights of individual non-Jewish citizens will be upheld, but not any collective rights of non-Jewish communities, concerning language, religion and education.
President Rivlin has denounced the bills squarely, much to his credit. Leading jurists have called them "superfluous", doubting that they would effect any real change. Liberal commentators have come out against them. "Moderate" coalition members have threatened to vote against them, or at least to abstain. Perhaps in the end very little will come out of the whole squabble.
But the fact that one can build a career on attacking democracy, on hatred of Israel's 1.7 million Arab citizens – more than 20% of the population – is chilling.
BY THE way, nobody has asked the seven million Jews outside Israel about their stand on the matter.
What do they think about Israel being the "nation-state of the Jewish People"? Do they believe that there is a "Jewish people”? Do they want to owe allegiance to Israel? Do they fear being accused of dual loyalty? Do they want at least to be consulted?
But what the hell, who asks them anyway?

TOMTOMROCK E BOB DYLAN

http://www.tomtomrock.it/recensioni/606-bob-dylan-the-band-the-basement-tapes-complete-sony-2014.html

L'OCCIDENTE SI FOTTE LE MINIERE AFGHANE

Le multinazionali occidentali si prendono le miniere afgane

  •  
  •  Redazione Contropiano
  •  
Le multinazionali occidentali si prendono le miniere afgane
Circa dieci investitori, la maggior parte dei quali provenienti da Stati Uniti e Gran Bretagna, stanno investendo una cifra stimata intorno ai 50 milioni di dollari nel progetto di estrazione di oro nel distretto di Dushi, della provincia di Baghlan, circa 135 chilometri a nord-ovest di Kabul, secondo Wahidullah Shahrani, ministro delle Risorse minerarie. L’unica altra miniera d’oro in Afghanistan è nella vicina provincia di Takhar.
L’accordo è il primo progetto minerario in Afghanistan sostenuto da investitori privati occidentali, cioè dalle multinazionali dei paesi che stanno da tempo occupando militarmente il paese.
Shahrani ha detto di sperare che l’accordo approvato dal Consiglio interministeriale invierà un segnale forte alle aziende minerarie globali per le opportunità di investimenti in Afghanistan, in particolare nel settore minerario.
Da decenni i geologi hanno individuato nel paese vasti giacimenti di ferro, rame, cobalto, smeraldi, oro e altri minerali pregiati. Nel mese di giugno, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha stimato in mille miliardi di dollari il valore delle riserve, ma Shahrani l’ha definita una stima prudente. Secondo il ministro afghano, infatti, le ricchezze minerarie della nazione possono essere valutate in 3000 miliardi di dollari.
Per l’Afghanistan i minerali possono essere una ricchezza reale anche se permangono gravi ostacoli, come la mancanza di investimenti a causa delle violente tensioni e quindi la mancanza di sicurezza, la mancanza di infrastrutture e il fatto che il paese non ha uno sbocco diretto sul mare.

ESSERE SCHIAVI IN GRAN BRETAGNA OGGI

Schiavi davvero. Almeno 13.000 in Gran Bretagna

Schiavi davvero. Almeno 13.000 in Gran Bretagna
Nella patria della democrazia moderna sopravvivono consistenti isolette di schiavitù. Non quella metaforica di cui si parla spesso, anche da parte nostra, per descrivere una condizione di subordinazione senza possibilità di reazione, ma legalizzata (soprattutto sul lavoro e nella condizione delle donne).
No. Qui si parla di schiavitù vera e propria. I dati pubblicati oggi dal Ministero degli Interni britannico, e diffusi dalla Bbc, parlano di una cifra oscillante tra le 10 e 13.00o persone ridotte in schiatù sul territorio del Regno Unito (quindi tra Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord).
Prevedibilmente, si tratta nelle maggior parte dei casi di donne costrette alla prostituzione, oppure di fatto prigioniere come lavoratrici domestiche. Ma anche la condizione operaia è tale, in molti casi, da rientrare in questa categoria pre-moderna. Si tratta in genere lavoratori stranieri impegnati in aziende agricole. ma il maggior numero di casi pare da rintracciare nelle società di navigazione e sulle imbarcazioni da pesca. Un vero e proprio traffico di esseri umani che coinvolge persone provenienti soprattutto da Albania, Nigeria, Vietnam e Romania, ma anche bambini e adulti nati in Gran Bretagna.
I dati resi noti oggi dal Centro per il traffico umano dell'Agenzia nazionale per la Criminalità segnalano un aumento pazzesco dei casi (probabilmente soltanto per effetto di migliori strumenti di rilevazione, centrati su un fenomeno soltanto da poco messo sotto osservazione): l'anno scorso erano stati censiti soltanto 2.744 casi.

COME T'INCULA LA CHIESA

Otto per mille alla Chiesa, lo Stato non fa spending review

  •  
  •  Francesco Fustaneo
  •  CONTROPIANO
Otto per mille alla Chiesa, lo Stato non fa spending review
La Corte dei Conti con la delib. n. 16/2014/G è intervenuta a gamba tesa sul sistema che disciplina la ripartizione delle risorse provenienti dall’otto per mille, affermando la necessità di una rinegoziazione del sostegno alle confessioni religiose.
“Grazie al meccanismo di attribuzione delle risorse” tuona la Corte dei Conti “ i beneficiari ricevono più dalla quota non espressa che da quella optata, godendo di un notevole fattore moltiplicativo, essendo irrilevante la volontà di chi rifiuta il sistema o se ne disinteressa; l’ammontare infatti è distribuito ripartendo anche le quote di chi non si è espresso in base alla percentuale degli optanti. Su ciò non vi è una adeguata informazione, benché coloro che non scelgono siano la maggioranza e si possa ragionevolmente essere indotti a ritenere che solo con un’opzione esplicita i fondi vengano assegnati. I fondi destinati alle confessioni risultano ingenti, tali da non avere riscontro in altre realtà europee, avendo superato ampiamente il miliardo di euro per anno, e sono gli unici che, nell’attuale contingenza di fortissima riduzione della spesa pubblica in ogni campo, si sono notevolmente incrementati”.
Questo meccanismo perverso dell'otto per mille Irpef, da indicare in sede di dichiarazione dei redditi, prevede che le quote non espresse, quindi non destinate dal contribuente né allo Stato né ad una delle confessioni religiose che abbia accesso ai fondi, siano comunque ripartite in proporzione alle firme ottenute, fa sì che la Chiesa cattolica faccia la parte del leone: con circa il 37% delle firme, si aggiudica l’82% dei fondi.
La Corte di Conti sottolinea poi come sia singolare che lo Stato rinunci a pubblicizzare le proprie attività espletate a promuovere la possibilità di devolvere a se stesso l’otto per mille, soprattutto in un periodo di così accentuata spending review, contrariamente a quanto fanno invece le altre confessioni religiose, che ingaggiano campagne pubblicitarie per accaparrarsi risorse sempre maggiori.
L’altra stoccata della Corte investe la Commissione paritetica Italia-Cei, istituita nel 1992 e sempre riconfermata dalla sua costituzione fino ad oggi, per due dei tre componenti della parte governativa. 
Da questa cornice esce fuori uno Stato che deliberatamente, dunque, rinuncia ad un’ingente percentuale di gettito per lasciarlo entrare invece nelle casse degli enti religiosi: mancata trasparenza delle erogazioni e assenza di verifica sui fondi erogati alle confessioni dipingono poi un quadro poco edificante per il soggetto pubblico.
Da qui si comprende il monito della Corte e la sua intimazione a rinegoziare il sostegno alle confessioni religiose.

LA MOLDAVIA AL BIVIO

La Moldavia al bivio. Scenario ucraino per Chisinau?

  •  
  •  Giovanni Di Fronzo  CONTROPIANO
La Moldavia al bivio. Scenario ucraino per Chisinau?
Oggi si gioca un’altra partita importante nell’ambito dello scontro fra potenze che segna l'inizio del XXI secolo: si tengono, infatti le elezioni nella piccola Repubblica di Moldavia, il paese più povero d’Europa secondo la Banca Mondiale, altro vaso di coccio fra i vasi di ferro, come la confinante Ucraina, con la cui storia politica recente vi sono non poche similitudini. Anche quella moldava, infatti, è un’economia che si è completamente destrutturata alla caduta dell’URSS: come settore di rilievo è rimasto quasi esclusivamente quello agricolo, mentre al comando del paese è salita un’elite finanziaria per nulla legata allo sviluppo della produzione e del mercato interni; la principale risorsa del paese, a tutt’oggi, è rappresentata niente  meno che dalle rimesse economiche inviate dai numerosi emigranti!
La forza politica egemone per molto tempo è stata il Partito Comunista della Repubblica di Moldavia, diretto erede dell’ala moldava del PCUS e facente parte del Partito della Sinistra Europea di Tsipras; tale partito dal 2001 al 2009 ha espresso il Presidente della Repubblica (eletto dal Parlamento) nella persona del Segretario Vladimir Voronin. I Governi del Partito Comunista sono stati segnati da un atteggiamento di equilibrio fra l’apertura graduale verso l’Unione Europea e l’esigenza di tenere in vita il settore agricolo locale che però è uscito stritolato da un percorso accelerato di avvicinamento al polo imperialista europeo; comunque, gli assetti fondamentali del padronato moldavo non sono stati intaccati, come ci si aspetterebbe da un governo gestito da un partito comunista, anzi il suo atteggiamento è parso più simile a quello cerchiobottista dell’ucraino Yanukovic.
Il primo momento di inasprimento dello scontro si ha nel 2009, quando il Parlamento neo-eletto va in empasse e non riesce ad eleggere il nuovo Presidente della Repubblica allorché tutti i partiti filo-imperialisti si alleano per impedire la rielezione di Voronin, nonostante il Partito Comunista sia ancora saldamente il primo partito.
Ne scaturisce una sorta di rivoluzione colorata o di piccola Maidan moldava, in cui i manifestanti, guidati dalle componenti politiche filo-occidentali, danno l’assalto al Parlamento, forzandone lo scioglimento per dare luogo a nuove elezioni. Stavolta la coalizione dei partiti filo-imperialisti, pur dovendo fronteggiare il Partito Comunista ancora in maggioranza relativa, riesce a dar vita ad un proprio Governo e ad eleggere un proprio Presidente, Timofti; l’accelerazione nell’integrazione europea, presentata come la panacea di tutti i mali da una martellante propaganda culmina con la firma di un trattato di associazione all’UE, simile a quello imposto a Poroshenko.
Il risultato principale di tale trattato è quello di distruggere il settore agricolo moldavo, che nulla può nella competizione con i colossi europei; la situazione economica precipita ulteriormente con l’imposizione di controsanzioni a tale settore da parte della Russia in conseguenza della crisi ucraina, nella quale gli avventuristi dirigenti moldavi hanno improvvidamente giocato il ruolo di falchi filo-imperialisti: quello russo, infatti, era il principale mercato di assorbimento dei prodotti moldavi.
Così gli agricoltori, assieme ad altri settori popolari, sono scesi in piazza in massa negli ultimi mesi, dando vita a grosse manifestazioni e blocchi stradali con annesse minacce di marciare nella capitale Chisinau.
Ora siamo giunti alla resa dei conti, atteggiamenti di equilibrismo non paiono più possibili dall’inasprimento della competizione globale. Da una parte ci sono il Partito Democratico, il Partito Liberal-Democratico (l’uno osservatore del Partito Socialista Europeo, l’altro membro del Partito Popolare Europeo, quindi una grande coalizione in salsa moldava) e il Partito Liberale, favorevoli all’integrazione piena nell’UE e, pertanto, espressione dell’elite padronale finanziaria e parassitaria, dall’altra parte vi sono il Partito Socialista della Repubblica di Moldavia (che non ha associazioni internazionali) e il partito Patria, favorevoli invece ad un programma di massiccio intervento dello stato in economia, alla salvaguardia dei settori produttivi, di incremento dello stato sociale e, soprattutto, di associazione del paese all’Unione Doganale, accordo di integrazione economia cui, attualmente, partecipano Russia, Bielorussia e Kazakistan e che nel 2015 diventerà Unione Euroasiatica, ampliandosi ulteriormente. In mezzo ai due schieramenti c’è il Partito Comunista, il cui programma è poco chiaro sulla politica estera, in quanto ripropone l’equilibrismo proposto durante gli otto anni di governo (non tenendo conto delle accelerazioni degli ultimi tempi) e sembra, quindi non aver abbandonato l’aspirazione all’integrazione europea: sull’accordo di associazione con l’UE si dice semplicemente che il paese “non era pronto” a firmarlo, senza esprimerne una contrarietà di principio. Secondo un sondaggio condotto dall’Institute of Public Policy, finanziato da Soros, quindi non sospettabile di voler orientare i consensi in direzione di partiti fortemente indirizzati verso un’alleanza con la Russia, come il Partito Socialista e Patria, questi ultimi e il Partito Comunista potrebbero ottenere insieme dai 53 ai 55 seggi, mentre i tre partiti favorevoli all’integrazione europea sarebbero a quota 47-50, su 101. Tuttavia, la strada per approdare ad un’alleanza fra comunisti, socialisti e Patria, la quale porterebbe a disdire il trattato di associazione con l’UE, sarebbe fortemente orientata verso la Russia come partner politico-economico privilegiato e, forse, secondo l’organizzazione rivoluzionaria ucraina Borotba (http://borotba.su/european_integration_for_the_elite-_who_will_win_the_elections_in_moldova.html), sarebbe persino in grado di intaccare lo strapotere degli oligarchi locali, appare impervia. Secondo molti analisti politici, infatti, il Partito Comunista sarebbe più orientato ad una clamorosa alleanza con i partiti filo-imperialisti; al momento, come si può leggere anche sui siti ufficiali, la dialettica fra comunisti e socialisti è molto molto aspra e non lascia per nulla intravedere una futura alleanza: sono in ballo accuse di voler modificare i regolamenti e le soglie di sbarramento in extremis a danno dei socialisti.
Se lo scenario della super-alleanza filo UE di democratici, liberali, liberal-democratici e comunisti dovesse inverarsi, il Partito Comunista scriverebbe una pagina nerissima nella storia della Sinistra Europea, che potrebbe anticipare altre pagine nere (dove per pagine nere si intende di subalternità all’imperialismo europeo) in altri paesi del continente.
Alla luce di questi eventi, quella dell’attitudine verso l’UE, riforma o rottura, si pone sempre più come una linea di demarcazione all’interno della sinistra di classe e radicale europea: atteggiamenti di equilibrismo, consapevolmente o meno, diventano sempre di più la foglia di fico della subalternità di fatto all’imperialismo europeo.
Al di là di questi risvolti, la tensione in Moldavia è palpabile, una nuova situazione di empasse sembra possibile, come non è da escludere una precipitazione “di tipo ucraino” dello scontro; anche qui la situazione è complicata dal fattore etnico, che ricalca in parte le divisioni politiche: ad una grande maggioranza di rumeni (70%), si affiancano forti minoranze di ucraini e russi; i partiti filo-imperialisti guardano maggiormente ai rumeni, mentre i partiti filo-russi si pongono anche come espressione organica delle popolazioni di etnia e cultura russa; più trasversale è il Partito Comunista.
Ulteriore fattore di tensione è rappresentato dalla questione ancora aperta della Transnistria, che ha da sempre complicato i rapporti con Mosca (e con l’Ucraina): la piccola regione a maggioranza russa al confine con l’Ucraina, si è dichiarata uno stato indipendente di fatto (inalberando, per altro, la bandiera della Moldavia Socialista) nel 1990 senza alcun riconoscimento internazionale; su di essa la Moldavia rivendica piena sovranità e, nei primi anni ’90, ha compiuto anche sanguinosi attacchi militari, provocando il dispiegamento di un contingente russo sulla frontiera con la regione indipendentista a seguito di un precario accordo ancora attualmente vigente. Dopo il referendum che ha segnato l’annessione della Crimea alla Federazione Russa, il Governo de facto della Transnistria ha chiesto di fare altrettanto, provocando l’inasprimento delle tensioni fra Chisinau e Mosca.
Staremo a vedere come evolverà questo scontro, che può rappresentare l’ennesima miccia in grado di far deflagrare un ennesimo conflitto di vaste proporzioni alla periferia dell’Unione Europea.

PODEMOS. MAH!

Voglia di governo, svolta socialdemocratica di Podemos

Voglia di governo, svolta socialdemocratica di Podemos
Il panorama politico iberico potrebbe uscire completamente terremotato dalle prossime elezioni politiche generali. Il Partito Popolare, la destra post-franchista al governo, è investito da una serie di scandali per corruzione senza precedenti, con decine di dirigenti indagati per vari reati e le dimissioni del Ministro della Salute Ana Mato perché implicata nel cosiddetto ‘caso Gürtel’. Ma se i popolari crollano nei sondaggi non va meglio per i socialisti, che non sembrano beneficiare del tracollo della destra e vengono investiti in pieno da un vero e proprio tsunami politico che per la prima volta dall’inizio degli anni ’80 sembra spazzare via il bipartitismo imposto allo Stato Spagnolo dopo l’uscita pilotata dal franchismo. Anni di durissimi e inutili sacrifici economici imposti dall’Ue e dal governo Rajoy, l’austerity e la repressione sono riusciti a scardinare un sistema politico che mostra tutti i suoi limiti. Contemporaneamente anche gli scandali che hanno coivolto la famiglia reale obbligando il vecchio e compromesso Juan Carlos ad abdicare nei confronti del figlio e l’aumento della pressione indipendentista da parte della popolazione catalana rischiano di mandare l’intero quadro in pezzi.
Ad avvantaggiarsi del terremoto sembra essere un nuovo soggetto politico, trasformatosi recentemente da movimento a partito, Podemos. Nato pochi mesi fa su iniziativa di alcuni circoli attivi negli ultimi anni sul fronte delle proteste contro le politiche economiche e sociali del governo di Madrid e di quelli regionali, e di alcuni intellettuali attivi sul fronte culturale e dei diritti civili, viene descritto spesso come ‘espressione politica del movimento degli indignados’ come se tra il magma sociale sceso in piazza sotto l’etichetta di ‘15M’ e la nuova formazione politica esistesse un legame organico. Ma non è così. Anche se alcuni importanti nuclei alla base della fondazione della nuova forza politica provengono dall’esperienza del movimento ‘15M’ non si può certo affermare che la genesi di Podemos sia stata decisa dal movimento in quanto tale, e comunque al suo interno sono confluiti gruppi di varia provenienza sociale, politica ed ideologica. A differenza del Movimento 5 Stelle in Italia, Podemos è sicuramente un soggetto politico ancorato a sinistra e dalla composizione non virtuale, ma radicato a livello territoriale e immerso in molti casi nelle lotte e nei conflitti contro sfratti, tagli al welfare e all’istruzione, per l’ambiente. 
Alle scorse europee Podemos si è presentato per la prima volta ad una competizione elettorale ottenendo un incredibile 8% dei voti e 5 europarlamentari che hanno aderito al gruppo della Sinistra Unitaria Europea dove siedono anche i rappresentanti della Lista Tsipras italiana o di Syriza in Grecia.
Un risultato già straordinario quello ottenuto a maggio dal neonato movimento che però in pochi mesi ha scalato tutte le posizioni per piazzarsi, nei sondaggi di queste settimane, in prima posizione davanti a tutte le altre forze politiche con il 28% dei voti accreditati. Un vero e proprio boom che, paradossalmente, sembra stia portando la nuova formazione verso lidi e posizioni più moderate, secondo un meccanismo abbastanza tipico delle sinistre radicali europee che più aumentano i propri voti e, avvicinandosi alla possibilità di accedere al governo, imprimono alle proprie posizioni, ai propri programmi e alla propria identità una svolta moderata. Con l’obiettivo, teoricamente tattico, di convincere quelle parti dell’elettorato centrista deluse dai partiti tradizionali a causa dell’austerity e della corruzione ma che non sarebbero mai disponibili a votare per un partito di sinistra radicale. 
E quindi più crescono le quotazioni nei sondaggi più la leadership del movimento, a partire dal giovane segretario Pablo Iglesias, accentuano una moderazione di obiettivi e proposte che di fatto ormai sembrano assai più compatibili con il quadro politico ed economico esistente rispetto alle accentuazioni radicali ed antioligarchiche di pochi mesi fa. 
Di fatto oggi Podemos può essere descritto come un partito dalle vaghe connotazioni ideologiche il cui messaggio è incentrato su obiettivi e categorie trasversali agli schieramenti politici e alle identità politiche date: principalmente la lotta contro la “casta”, i privilegi della classe politica, la corruzione, gli eccessi del neoliberismo. Una formazione il cui collante sembra essere rappresentato da una difesa della democrazia partecipativa, dell’uguaglianza delle opportunità e dalla redistribuzione della ricchezza.
Ma il programma del partito di Iglesias non include più la cancellazione del debito pubblico o l’uscita dall’Euro, misure sulle quali comunque il dibattito all’interno del movimento è sempre stato molto acceso. Un’opera relativamente rapida di revisione della propria identità politica che avvicina paradossalmente Podemos, nato teoricamente per sovvertire il quadro politico esistente e per rimpiazzare una sinistra ufficiale timida e concertativa, proprio ai partiti classici della sinistra europea socialdemocratica e socialista.
La svolta moderata è stata annunciata dal segretario pochi giorni fa, nel presentare la bozza di proposte economiche elaborate dagli economisti Juan Torres e Vicenç Navarro e diffuso tramite il cliccatissimo sito web di Podemos. Sessanta pagine, che serviranno come base di discussione con la base del partito e poi con imprenditori e agenti sociali, per la definizione del programma definitivo di una forza che non nasconde le proprie aspirazioni di governo. La cancellazione del debito pubblico, cresciuto in Spagna dal 37% del Pil del 2007 al 100% di quest'anno, non è più fra gli obiettivi del partito, che opta per "una ristrutturazione ordinata del debito o una riduzione concordata" con l'Unione Europea.
La proposta di reddito minimo universale, avanzata per le europee di maggio, che secondo stime di economisti sarebbe costata 145 miliardi di euro l'anno alle casse dello Stato, lascia il posto a un "salario vitale" indicato come "un aiuto per tutte le persone che non percepiscono nessuna entrata, contro la propria volontà". Il principio, ha spiegato Juan Torres, è "garantire un reddito" alle fasce a rischio di povertà sociale sul modello della tradizione socialdemocratica scandinava e nord europea. Un altro dei realistici dietrofront avallati dagli economisti rispetto alle proposte di Podemos a maggio, è sulla misura di anticipare l'età pensionabile a 60 anni, che resta invece ferma a 65 anni 'riformabili', rispetto ai 67 fissati dal governo di destra di Mariano Rajoy.
Fra le altre misure indicate, la riduzione della giornata lavorativa a 35 ore settimanali; la reintroduzione dell'imposta sul patrimonio; la creazione di una banca pubblica; una riforma dell'Istituto di Credito ufficiale (Ico), perché possa ottenere crediti dalla Banca centrale europea allo stesso modo di una banca pubblica, e possa facilitare l'accesso al credito di famiglie e piccole e medie imprese; la separazione della banca di depositi da quella commerciale, per ridurre i rischi per i risparmiatori; l'aumento del salario e delle pensioni minime e della spesa pubblica per educazione e sanità. Per compensare le maggiori uscite, Podemos prevede una riforma fiscale, con la creazione di nuove figure impositive, con l'obiettivo della "riduzione delle disuguaglianze sociali". Su questa linea, l'economista Vicenç Navarro ha ricordato che, dall'inizio della crisi, in Spagna sono stati tagliati 25 miliardi alle partite destinate a sanità e affari sociali, ma anche che ogni anno vanno perduti 44 miliardi di euro in evasione fiscale.

"Nello studio indichiamo le fonti di finanziamento delle riforme - ha spiegato l'economista - La Spagna è ricca, ma lo Stato non raccoglie tributi perché coloro che più hanno non pagano tasse", ha aggiunto. Investire nel welfare per riattivare i consumi e l'economia, finanziando la costruzione di asili al posto delle linee di alta velocità. Da qui la difesa di un "grande patto statale contro la povertà e l'emarginazione sociale", per "garantire l'esercizio dei diritti umani di contenuti economici di base" garantiti dalla Costituzione. E per sradicare la povertà infantile, che in Spagna affigge 2,5 milioni di bambini.
Insomma un programma economico ambizioso e relativamente radicale quello indicato da una formazione che però sembra non mettere in discussione la gabbia costituita dai trattati europei – pareggio di bilancio in particolare – e dal ferreo controllo esercitato dall’Unione Europea attraverso la Troika sui singoli paesi e soprattutto su quelli della periferia. Una gabbia che di fatto rende impossibili o inapplicabili molte delle proposte “di buon senso” socialdemocratico previste dal movimento. Un rifiuto di soluzioni radicali e di rottura con l’Unione Europea, l’Euro e i meccanismi di integrazione autoritari che di fatto rendono il programma di Podemos quantomeno velleitario e poco incisivo. 
Un atteggiamento concertativo confermato dall’economista di punto del movimento, Torres quando afferma che occorre "negoziare e dialogare, cercare alleati nelle istituzioni europee per evitare che il debito si trasformi in un cappio mortale. La ristrutturazione non dev'essere frutto di una decisione unilaterale ma del consenso". E anche le nazionalizzazioni dei settori chiave dell’economia, adombrati da alcuni membri del movimento nella prima fase, sono di fatto sparite dal discorso di Podemos. 
Nell’illusione che l’austerity che si dice di voler combattere possa essere eliminata senza rimuoverne le cause, che vanno cercate nell’architettuta di una istituzione sovrastatuale europea per sua natura antidemocratica e gerarchica di cui non si può non auspicare la rottura.
Esemplare di una crescente ambiguità semantica del movimento – necessaria per attirare voti e consensi da più parti - la recente dichiarazione di Iglesias a proposito della proposta di fuoriuscita della Spagna dalla Nato. Non perché l’Alleanza Atlantica sia al servizio di interessi nemici di quelli dei popoli dei paesi membri o di quelli aggrediti, non a partire da un allarme rispetto alla crescente tendenza alla guerra e alle enormi risorse economiche investite nelle spese militari e sottratte al welfare, ma da una constatazione quasi nazionalistica: “Da patriota non voglio vedere soldati stranieri sul nostro suolo” ha tuonato Iglesias.
E non va certo meglio sul fronte della questione nazionale con una incipiente frattura tra le sezioni del movimento attive in Catalogna o nel Paese Basco e la direzione statale incapace di delineare una posizione politica organica e strategica rispetto alle rivendicazioni nazionali “periferiche” mai così forti.

PROCESSO UVA

Processo Uva: torchiato il supertestimone Alberto Biggiogero In evidenza

  •  
  •  Adriano Chiarelli
  •  
Processo Uva: torchiato il supertestimone Alberto Biggiogero
La domanda più banale che viene da porsi ogni volta che qualcuno muore dopo un arresto è: “se non fosse stata arrestata la vittima sarebbe ancora viva?”. Posta in modo più complesso, la domanda che potrebbe inaugurare un corso di studi e approfondimenti statistici sarebbe: “è dimostrabile statisticamente la correlazione tra arresti di polizia e arresti cardiaci o è sempre un caso?”. E quanta affinità esiste tra l’applicazione perfetta dei protocolli previsti in caso di fermo e il riproporsi sempre più frequente della morte del fermato, è un caso anche quello? Il ginocchio piantato sul collo di Riccardo Magherini, ad esempio, morto a Firenze in una notte d’estate, era piegato correttamente o doveva essere collocato qualche vertebra più in giù? I manganelli che spezzarono il cuore di Federico, si spezzarono a loro volta secondo protocollo oppure no? Il fatto che nessun carabiniere sia stato sfiorato da indagini sulla morte di Stefano Cucchi, è dovuto all’applicazione perfetta dei protocolli? Misteri della fede nella divisa. Che come ogni fede non conosce dubbi ma solo assiomi.
Stando a quanto affermano i difensori dei due carabinieri e dei sei poliziotti imputati di omicidio preterintenzionale per la morte di Giuseppe Uva, la notte del 14 giugno 2008 i loro assistiti agirono correttamente e secondo protocollo. Ciononostante Giuseppe Uva andò incontro alla sua morte. E dopo sei anni e mezzo di finti processi di malasanità celebrati per evitare il vero processo, quello di malapolizia che non c’era mai stato e che finalmente è cominciato pochi mesi fa, nelle aule giudiziarie di Varese si ha sempre la sensazione di fare pochi progressi, si respira lo strano atteggiamento di chi vuole fermarsi sempre a mezzo passo dalla verità.
Ieri in aula ha parlato il supertestimone Alberto Biggiogero. Era la prima volta che veniva ascoltato ufficialmente. Il suo ultimo interrogatorio risale a quando c’era ancora il pm Agostino Abate a gestire il processo.
All’epoca Biggiogero venne convocato per fornire la sua versione sugli eventi di quella notte, ma Abate sembrò premurarsi più che altro di vagliarne l’integrità psicofisica, la sua inclinazione all’abuso di alcool e droghe, con l’obiettivo evidente di demolirne l’attendibilità. Demolire l’attendibilità dell’unica persona che era vicina a Giuseppe quella notte nella caserma di Varese, perché arrestato insieme alla vittima, significa demolire praticamente il processo. Niente supertestimone ergo niente tesi del pestaggio, degli abusi di potere, delle urla. Insomma, niente protocolli ben applicati e ben sventolati da tutti i difensori di tutti i casi di malapolizia del mondo. Anche a Ferguson, se ci facciamo caso, lo standard “ho agito secondo le regole” è valso al poliziotto sparatore la salvezza dall’incriminazione.
Alberto Biggiogero è una persona distrutta. Sono sei anni e mezzo che deve difendersi da assalti di ogni tipo, cominciando – lo ripetiamo – dalle aggressioni verbali di giudici e procuratori, passando per la malcelata ironia di certa stampa locale varesina che non manca mai occasione di sbeffeggiarlo, insultarlo, deriderlo. Prima che un teste Alberto “è un tossico”. Prima che amico di Giuseppe Uva, arrestato con lui quella notte, Alberto “è uno che abusa di alcool e psicofarmaci”. E certo, non aiutano quelle piccole contraddizioni nelle quali Alberto di tanto in tanto cade, facilmente aggredibili; né aiutano le battute che Alberto fa per difendersi dalle frecciate e sorrisini di sufficienza che a turno gli arrivano dal pm, dagli avvocati difensori, dagli imputati, dall’usciere del tribunale, dal passante d’occasione. Specularmente ad Abate che gestiva il precedente processo, anche Alberto Biggiogero è un uomo solo contro tutti anche se sul fronte opposto.
Alla luce dell’interrogatorio fiume di ieri a Varese, la speranza che il nuovo processo possa prendere una strada diversa sta già miseramente naufragando. Come si parlava prima della precaria vita del morto, della sua vita sregolata, del suo giro di amicizie equivoche, si continua a farlo anche oggi. Come in passato Abate chiese ad Alberto durante la deposizione se “avesse bisogno di droghe” rispondendo alla richiesta di un caffè da parte del testimone, anche ieri si è sentito qualcuno nei corridoi dire “forse gli serve un po’ di crack”, quando Alberto vista l’insostenibile pressione dell’aula bunker ha accusato un malore.
Nulla di nuovo. Tutto già visto. Quanto peso avranno allora gli assi portanti della testimonianza di Biggiogero, ovvero le circostanze che ha sempre riferito, in ogni sede, senza mai cadere in contraddizione? Alberto ha sempre detto di aver sentito le urla di Giuseppe in caserma. Alberto ha sempre riferito che quella sera uno dei carabinieri aveva urlato “Uva proprio te stavo cercando, adesso te la faccio pagare”. E c’è quella telefonata al 118 nella quale Alberto, in preda al panico, con l’adrenalina in corpo e non certo il crack, pregava di mandare un’ambulanza per salvare il suo amico. Il resto, ovvero i cinque minuti in meno o i cinque minuti in più rispetto a un determinato orario, il carabiniere che afferra Uva con la mano destra invece che con la sinistra, il cappello dell’altro carabiniere a terra o sul sedile passeggero, contano più di tutto il resto? Bastano piccole discrepanze dovute al perdersi della memoria di un evento accaduto sei anni e mezzo fa, rispetto a certezze acquisite già in decine di atti noti e stranoti a tutti? Evidentemente si. Evidentemente questo processo deve andare ostinatamente in una certa direzione e nulla potrà impedirlo. Ancora una volta.
Il clima è ostile e si è capito immediatamente. L’udienza di ieri era partita col presupposto dell’inattendibilità, secondo l’avvocato di Lucia Uva, Fabio Ambrosetti, e quindi il corso della deposizione sembrava già chiaro dall’inizio: “il teste Biggiogero ha sostanzialmente confermato il nucleo delle precedenti deposizioni e il processo è ancora lungo”, chiosa secco.
E Lucia: “Ho ancora fiducia nella magistratura, in particolare di questa nuova pm Daniela Borgonovo”. 

DEUTSCHLAND VS GOOGLE

Europa contro Google? Una partita (tedesca) persa In evidenza

  •  
  •  Claudio Conti
  •  CONTROPIANO
Europa contro Google? Una partita (tedesca) persa
Il recente voto del Parlamento europeo sulla necessità di dividere la ricerca dallo sfruttamento commerciale, per quanto riguarda la Rete, è un indicatore potente dei contrasti – di interesse, non ideologici – che dividono il capialismo europeo da quello anglo-statunitense.
L'assembea di Strasburgo ha approvato a larga maggioranza - 384 sì, 174 no e 56 astenuti - la risoluzione che appare neutramente intenzionata a salvagardare il principio della concorrenza anche nel mercato delle ricerche in rete. Quel che a noi utilizzatori finale e altamente inconsapevoli appare “una ficata” - ricerche gratuite, rapide , precise - è infatti il risultato di uno scontro scientifico-commerciale (la scienza finalizzata al business) che al momento vede Google in posizione di quasi monopolista, visto che controlla il 90% del settore in Europa.
CEO-Mathias-Dopfner-620x400Notevole anche il fatto che il testo votato sia una stesura bipartisan, come si dice, che vede accomunati finti socialdemocratici e autentici conservatori, tanto che il primo firmatario risulta il popolare tedesco della Cdu, Andreas Schwab, fedelissimo di Angela Merkel. La risoluzione, infatti, riprende alcuni tempi centrali di una legge tedesca, approvata nel 2013 e entrata in vigore questa estate, per la protezione degli interessi dei produttori di contenuti. Insomma: gli editori di giornali, libri, siti online, ecc. Aveva fatto impressione, in proposito, lo scorso aprile, una lettera scritta da Mathias Doepfner, il numero uno del più grande gruppo editoriale in Europa, Axel Springer, ad aprile scrisse una lettera in cui accusava il colosso californiano di voler istituire un monopolio e uno Stato sovranazionale, di favorire le proprie aziende, di essere poco trasparente.
Tutte accuse vere, ma in pesante contrasto con le contemporanee trattative per un trattato di libero commercio tra le due sponde dell'Atlantico (Ttip), tanto da far sospettare che la Germania non sia proprio entusiasta di poter perdere la centralità acquisita nel sistema economico continentale a favore di concorrenti assai più potenti e globalizzati come quelli statunitensi.
Di fatto, la risoluzione votata da Strasburgo chiede la divisione sistematica di ogni “motore di ricerca” dai servizi commerciali possibili in base ai risultati delle ricerche, per "prevenire ogni abuso nel marketing dei servizi interconnessi agli operatori dei motori di ricerca". E' noto infatti che ogni volta cerchiamo qualcosa tramite Google o Yahoo o altri “motori” la nostra richiesta viene recepita, filtrata, schedata; va a comporre un puzzle da cui emerge, in progress, il nostro “profilo”. Ovvero il complesso di interessi, preferenze, opinioni, comportamenti, in ogni campo possibile, compresi quelli che pubblicamente – nei contatti fisici interpresonali – preferiamo sottacere o negare. In definitiva, la nostra vera identità.
A chi e a cosa serve il nostro “profilo”. In seconda battuta ai servizi di sicurezza del paese di cittadinanza (basta che la polizia chieda a Google o altri motori la nostra “scheda”). Ma serve soprattutto ai proprietari del “motori”, che possono rivenderlo alle multinazionali della pubblicità per impostare campagne mirate. È uno “spreco”, dal punto di vita capitalistico, condurre campagne generiche, senza un target ben preciso e ben delimitato. Si spendono inutilmente soldi per produrre spot e slogan inefficaci, e per diffonderli su mezzi di comunicazione magari non utilizzati da chi potrebbe essere interessato a quel prodotto. Il “profilo” semplifica tutto. Si possono fare campagne sapendo che ci si rivolge esattamente a quel tipo di potenziali compratori; soprattutto, si può “solleticare” l'interesse sapendo quali e quanti sono i punti deboli di quel tipo di target.
Il successo planetario di Google, il suo fatturato inconcepibile, la sua capitalizzazione di borsa, dipende dunque da una ricerca scientifica per il business. Di così alto livello da aver spianato ogni possibile concorrente o quasi (i cinesi hanno risposto con Baidu, che però ha solo il 16% delle ricerche globali, contro il 70% di Mountain View).
Non solo. In questo modo qualsiasi contenuto messo online viene memorizzato istantaneamente e messo a disposizione di chiunque gratuitamente. Il che distrugge o limita fortemente il business dei produttori di contenuti, che vorrebbe esser pagati per il lavoro che hanno fatto (o fatto fare). Di qui l'alzata di testa di Springer, la legge tedesca, il voto di Strasburgo. Il quale, pur non essendo “vincolante” per la Commissione europea (nello schema istituzionale dell'Unione, ricordiamo, il Parlamento non conta un tubo, visto che non possiede il potere legislativo, contravvenendo allo schema liberal-democratico chiesto invece ai “diversi dall'Occidente”), resta comunque un pesante segnale politico di frizione tra interessi europei e statunitensi. A cominciare dalle rispettive multinazionali.
Questo voto ha messo immediatamente a nudo anche la contrapposizione tra “governo” europeo e Parlamento, visto che quasi tutti i commissari interpellati si sono mostrati freddi o apertamente contrari alla risoluzione. Ed ha anche diviso i governi nazionali tra loro (Merkel e Hoolande sono ovviamente favorevoli, Renzi e Cameron contrari), quindi tra “indipendentisti europei” e “filoamericani”. Ci sarà rimasto male Carlo De Benedetti, patron del gruppo Repubblica-L'Espresso, che ha creato insieme a Mediaset il mostriciattolo Renzi, e si era pubblicamente speso per il sostegno a Spinger e gli altri editori europei (“la concorrenza europea è messa a rischio dalla trasformazione dei motori di ricerca nelle porte d'ingresso principali della rete").
Lo stesso commissario europeo alla concorrenza, Margrethe Vestager, ha fatto capire che la Commissione se ne fregherà altamente: "è importante notare che l'applicazione della legge dell'antitrust Ue deve restare indipendente dalla politica. Inoltre è obbligo della Commissione rispettare i diritti di tutte le parti e restare neutrale e giusta: questi sono valori cruciali della legge sulla concorrenza". Inutile soffermarsi sulla contraddittorietà delle singole frasi (una “legge indipendente dalla politica” è come un urlo sottovoce; e il “rispetto di tutte le parti” fa a cazzotti col principio che una parte possa aver ragione e un'altra torto), perché la Commissione andrà avanti per la sua strada, come indicato dal suo vero faro di riferimento: gli interessi del capitale multinazionale. Ovvero apolide, con unica priorità la dimensione del fatturato o della capitalizzazione.
La questione, proprio per il suo carattere “universale”, non riguarda però solo Google. Anche Facebook, Twitter e altri social network “gratuiti” per il singolo consumatore, funzionano nello stesso modo: traggono profitto direttamente dalla vendita di servizi pubblicitari o dei “profili” dei propri utenti (che andrebbero a questo punto chiamati “consumati”, anziché consumatori). Oltre ad essere altrettante efficientissime macchine per l'autoschedatura al servizio – on demand – delle polizie nazionali. Chiedere a Edward Snowden per conferma...
Dal punto di vista del “principio della concorrenza”, infatti, la domanda è tutta un'altra: Google (o Facebook, in altro modo) abusa della sua posizione dominante?
La questione è complicata dal fatto che, diversamente dai settori dell'economia “pesante”, gli investimenti necessari per avere successo in Rete sono notevolmente più bassi. Quindi, argomentano i filo-Google, la regolamentazione in proposito dovrebbe essere molto più limitata, visto che nessuno – nella Rete – può davvero impedire ad altri di affermarsi. E vengono portati esempi di altri prodotti che si sono affermati “con poco”, come Instagram e WhatsApp. Che a loro volta sono rapidamente diventati dei quasi monopoli nella propria “specialità”. Siamo nella classica situazione-limite, per cui il principio della concorrenza entra in conflitto con quello dell'efficienza. I vari “monopolisti digitali”, infatti, sono diventati tali per aver raggiunto il massimo dell'efficienza nei rispettivi campi. Se si usa WhatsApp per messaggiare non si raggiungerà chi usa un altro prodotto, quindi la messaggistica diventa veramente universale solo se usiamo tutti lo stesso sistema. È l'equivalente di un “monopolio naturale”, ma nel mondo virtuale.
Nel virtuale, comunque, il “dominio monopolistico” sembra durare meno. Microsoft, per esempio, dopo quasi 40 anni sta faticando a mantenee lo stesso modello di business (ogni pc prodotto va caricato con Windows). E Facebook sta erodendo parte dei profitti pubblicitari della stessa Google. Qui, insomma, quando entrano nel mercato “prodotti” più innovativi, si crea molto rapidamente un nuovo universo di consumatori-consumatiche scaccia il vecchio monopolio con un altro. Ma quasi senza “concorrenza”, in ogni caso. O meglio: la concorrenza si sposta dalla competizione fra prodotti simili (esempio: due browser di navigazione) alla creazione di un prodotto che azzera quelli precedenti, imponendo un nuovo standard universale. Ma proprio questa dinamica spiazza irreparabilmente la possibilità di regolare la concorrenza per via legislativa, aprendo la strada a un monopolismo “temporaneo”. In nome del “libero mercato”, per sommo – ma apparente – paradosso.
Per i “produttori di contenuti”, sia in forma tradizionale come Springer, sia in forma “innovativa” come quelli online, si è aperto da tempo un futuro assai gramo, in cui la merce prodotto con una certa fatica e qualche costo – lo sappiamo bene anche noi, che “produciamo” informazione in forma gratuita – non restituisce il profitto atteso, ma prospettive di perdite crescenti. D'altro canto, senza produzione di contenuti, che diavolo mai metterebbe a disposizione Google? Mentre Facebook o WhatsApp o Twitter, infatti, sono pure piattaforme di scambio di contenuti “autoprodotti” da utenti generici (quasi sempre insignificanti al di fuori di ristretti gruppi, a costo zero e di utilità in genere nulla o molto limitata), Google consente invece l'accesso a informazioni anche di grande utilità. Diciamola così: la crescita delle aziende che producono le piattaforme entra in conflitto con la crescita delle aziende che producono contenuti “certificati”, di interesse universale. Detta ancora altrimenti: l'aumento della comunicazione entra in contraddizione con la possibilità di crescita del sapere. A meno di non prevedere – il che richiede una normativa cogente di estensione planetaria – una remunerazione certa per i produttori di contenuti certificati (singoli, aziende, università, editori, ecc).
Fuori da questo vincolo, insomma, la competizione fra “il modello Google” e la normativa europea è un puro scontro tra imperialismi economici. Con il Vecchio Continente a fare la parte degli “arretrati” davanti a “ggiòvani” rampanti. L'esempio di Uber – il servizio che minaccia di smantellare radicalmente il business storico dei taxi, sostituendo i “professionisti” con chiunque possieda un'auto, abbia qualche minuto libero e bisogno di guadagnare qualche spicciolo – ci sembra quasi autoevidente.
E se davvero a decidere le sorti dello scontro sono i margini di profitto sul fatturato, allora per aziende come Springer (700 milioni l'anno) sarà impossibile contrastare gente come Google (14 miliardi).
E infatti la reazione di Google è stata quasi devastante: gli editori che vogliono comparire su Google News - con tanto di link e snippet - sono stati invitati a recedere esplicitamente dalle restrizioni imposte dalla legge tedesca. Come dire: se non ti metto io in comunicazione col mercato globale, il tuo business resta un fatterello locale. È insomma l'affermazione che il valore economico del link è superiore a quello della merce-informazione. Anche se i costi di produzione sono infinitamente minori.
Se ne deve essere accorto anche il gruppo Spinger, che riceve il 60% dei ricavi dal mercato digitale. Scendere a patti, insomma, è la scelta più probabile. Con buona pace del “sacro principio della concorrenza”.

LE MANI DEGLI USA SUL GOLFO DEL MESSICO

golfo
DI THE SAKER
Ridicolo come titolo non è vero? Vi piaceBehsi tratta solo di una piccola variazione di un Titolo della BBC di oggi:  Comandante Nato avverte che la Russia potrebbe avere il pieno controllo di tutto il Mar Nero
Ecco un estratto dall' articolo:
Un alto esponente dell'esercito russo, il Gen. Valerii Gerasimovha lanciato un avvertimento sul fatto che la "militarizzazione" della penisola della Florida, potrebbe servire agli USA per esercitare il controllo su tutto il Golfo del Messico.


Un alto esponente della NATO, il Gen. Philip Breedloveha lanciato un avvertimento sul fatto che la "militarizzazione" della penisola di Crimeapotrebbe essere utilizzata dalla Russia per esercitare il controllo su tutto il Mar Nero.
Quindi c'è qualche differenzaOvviamente noTranne una: L'Eccezionalismo Americanonaturalmente. Se poi vogliamo rifletterci sopra, vediamo che c'è un'altra differenzagli Stati Uniti e la NATO hanno appena provato a prendere il controllo della Crimea con la rivoluzione colorata di Maidan, mentre la Russia non ha cercato di prendere il controllo della FloridaQuesto, naturalmente, potrebbe far venire in mente anche un'altra domanda
se USA e NATO hanno il sospetto che la Russia potrebbe utilizzare la penisola di Crimea per controllare tutto il Mar Neroallora sarebbe molto irragionevole, da parte nostra, chiedere che cosa - esattamente - speravano di riuscire a ottenere USA e NATO, se fossero riuscite a prendere il controllo della Crimea?
Ma fare una domanda di questo genere ènaturalmenteassolutamente ridicolo perché non rispetta i canoni della strabiliante ipocrisia  dei media corporativi occidentali. Un esempio ? Si fa così
USA nel Golfo del Messico      ?    Buono
USA nel Mar Nero                    ?    Anche buono
Russia nel Mar Nero                ?    Male.
Russia nel Golfo del Messico  ?    Impensabile.

E il peggio in queste asserzioni non sta nella superbia imperiale o nell'arroganza degli Stati Uniti, ma nell'asservimento della volontà degli europei allo Zio Sam
Tutti lo sannoma fanno finta di non accorgersene.

Eppure, ci dovrà essere qualche motivo per cui il Gen. Breedlove ha fatto questa osservazioneOh sì, Certo che c'è. La Crimeainfattidarà alla Russia il controllo totale del Mar Nero e non solo. La Russia vi farà stazionare almeno un incrociatore lanciamissilidiversi sottomarini d'attacco con motori diesel ultra-moderni (ideali per tutti i tipi di operazioni navali sia in acquemarroni che verdi), alcuni  bombardieri 
supersonici di medio raggioarmati con  missili cruisebatterie di artiglieria e missili costieri-cruiseoltre ad equipaggiamenti per attacchi velocianti- sottomarini, aerei ad ala fissaecc. 
Si può pensare che la Crimea diventi come una inaffondabile mega-piattaformaUn po' come la Florida.

The Saker 

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l'autore della traduzione Bosque Primario.