IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 30 gennaio 2015

SEI SIONISTA? DI URI AVNERY

Zionists All 


MANY TIMES people ask me: "Are you a Zionist?"

My stock answer is: "Depends on what you mean by Zionism."

This is quite sincere. The term Zionism can mean many different things. Like the term socialism, for example. Francois Hollande is a socialist. So was Joe Stalin. Any resemblance?
WHEN I was young, there was a joke making the rounds in Germany: "A Zionist is a Jew who asks a second Jew for money in order to settle a third Jew in Palestine." My father was such a Zionist. That was before the Nazis came to power, or course. I suspect that this definition applies nowadays to many American Zionists.
Theodor Herzl, the founder of the Zionist movement, did not really want to go to Zion, a hill in Jerusalem. He did not like Palestine at all. In the first draft of the Zionist Bible, Der Judenstaat, he proposed Patagonia as the preferred site of the Jewish state, because of its mild climate. Also, because it was sparsely populated after a genocidal campaign by Argentina.
When the movement turned towards Zion, Zionism still meant many different things to different people. Some wanted the country to become merely a spiritual center of the Jews. Others wanted it to become a socialist Utopia. Others wanted it to become a nationalist bastion based on military force.
The renewal of the Hebrew language, which has become such an integral part of our lives, was not a part of the Zionist project at all. Herzl, whose initial ambition was to become a great German writer, thought that we would speak German. Others would have preferred Yiddish. The fanatical desire to rejuvenate Hebrew came from below.
Even the desire to found a Jewish State was not unanimous. Some ardent Zionists, like Martin Buber, dreamed of a bi-national state, half Arab, half Jewish. "Practical" Zionists wanted to fulfill the Zionist dream by patient settlement in the country, "Revisionist" Zionists wanted to achieve at once an international "charter".
Religious Zionists want a state based on and dominated by the Jewish religion. National-religious Zionists believe that God has sent the Jews into "exile" because of their sins, and wanted to compel God by their deeds to send the Messiah now. Atheist Zionists declare the Jews are a nation, not a religion, and want nothing to do with the Jewish faith.
And so on.
SO WHAT does Zionism mean nowadays? The word is bandied about in Israel without much thought. Almost every party wants to be seen as Zionist and brands its adversaries as anti-Zionist – a deadly accusation in Israeli politics. Only small minorities at the edges decline the honor. Communists on one side, ultra-Orthodox on another. (These believe that it is a great sin to go back to the Land of Israel in large numbers without God's express permission.)
For many Israelis, Zionism means nothing more than Israeli patriotism. If you want Israel to exist as a "Jewish state" (whatever that means) you are a Zionist. Also, you have to believe that Israel is a part of the world-wide "Jewish people" and its leader, a kind of command-center. In up-to-date terminology: "the Nation-State of the Jewish people".
In a deeper sense, Zionism may mean the profound belief that all the world's Jews will eventually come to Israel, either by their own free will or driven here by anti-Semitism. The inevitable victory of anti-Semitism in each and every country is taken for granted. Therefore any real or imagined anti-Semitic wave – like the present one in France – is greeted with secret satisfaction ("We told you so").
WHERE DO I stand?
A few years before the foundation of the State of Israel, a group of young people in this country, mostly artists and writers, declared that they were not Jews, but Hebrews. They were nicknamed "the Canaanites".
Their gospel was that the Hebrew-speaking young people in this country were not a part of the world-wide Jewish community, but a separate new Hebrew nation. They wanted nothing to do with the Jews. Some of their announcements sounded positively anti-Semitic. They conceived the Hebrew nation as a continuation – after a brief interval of a few thousand years - of the original pre-Biblical Canaanite people. Hence the nickname.
Four years later I founded another group, nicknamed the "Struggle-Group". We also proclaimed that we were a new Hebrew nation. But contrary to the Canaanites we acknowledged that this new nation was a part of the Jewish people, much as the Australians, for example, are a part of Anglo-Saxon culture.
We also contradicted the Canaanites on one other crucial element of doctrine. The Canaanites denied the existence of an Arab nation or nations. We not only recognized Arab nationalism, but declared that the Arab nation was the natural ally of the Hebrew nation in the creation of a new Semitic Region.
Soon after, Israel was founded. 40 years ago, in a libel case, I was asked by the judge to define my attitude towards Zionism.
In response I invented the term "post-Zionism". The Zionist movement, I testified, is a historic movement with incredible achievements – a totally new society, an ancient-new language, a new culture, a new economy, new social models like the kibbutz and the moshav. But Zionism also performed grievous wrongs, especially to the Arab Palestinian people.
However, I said, this is history. With the creation of the State of Israel, Zionism has fulfilled its role. Israeli patriotism must replace it. Like scaffolding that is dismantled once the new building is finished, Zionism has outlived its usefulness and should be discarded.
This is my belief today, too.
THE WHOLE question has come up again now because of the decision of the new combined election list of the Labor Party and Tzipi Livni's group to call itself officially "the Zionist Camp".
On the pragmatic level, this is a clever move. The Rightist parties almost always accuse the Left of being unpatriotic, even traitorous, a fifth column. In our case, the Left is being accused of being anti-Zionist. So it makes sense for a new combined list to call itself Zionist. Not "a" Zionist party, but "the" Zionist party.
(By the same logic, a very moderate French party once called itself the "Radical Party", the word “democratic” has appeared in the official names of several communist countries and the German fascists called themselves "National-Socialists".) Being sure of their hard-core adherents, they hope the misnomer will attract votes on the fringes.
One negative practical aspect of the name of the Labor list is that it automatically excludes the Arab citizens. For Arabs everywhere, Zionism is the synonym of evil. Zionism took away their country, Zionism expelled the Arab Palestinians and carried out the Naqba, Zionism today discriminates against the Arab citizens of Israel in all spheres of life.
However, very few Arab citizens voted in the recent past for the Labor Party anyhow, and these don't care either way about Zionism as a name. All Arab political forces in the country, including the Communist Hadash party which has a number of Jewish members, united this week in a common Arab list, and are expected to harvest almost all the Arab votes.
(This, by the way, is one of the ironies of Israeli politics. The "Israel Our Home" party of Avigdor Lieberman, which some consider fascist, wanted to evict the Arabs from the Knesset. Noting that none of the three Arab lists achieved 3.25% of the votes, they enacted a law that raised the threshold for entering the Knesset to this level. As a result, all the Arab parties, which detest each other, united in a common list that may reach 10% and more.
Apart from the Orthodox, this will be the only self-styled anti-Zionist party. Everybody else, from the far-right national-religious Jewish Home party to the far-left Meretz, declare themselves staunch Zionists.
So it's quite a coup that Herzog and Livni ran away with the coveted label.

ANCORA A GRANDE RICHIESTE: HIIIIT PAAARAADEEE 2014!!! GRAZIE A TUTTI/E

MIGLIOR CD RACCOLTA (BEST) E TRIBUTO ESTERO 2014

LA BANDE A RENAUD (VARI)
NOTHING HAS CHANGED (DAVID BOWIE)
ALPHA MIKE FOXTROT RARE TRACKS 1994 - 2014 (WILCO)
CHUBBED UP: THE SINGLES COLLECTION (SLEAFORD MODS)
LOST ON THE RIVER THE NEW BASEMENT TAPES (BOB DYLAN & THE BAND)
HAS GOD SEEN MY SHADOW? AN ANTHOLOGY 1989 - 2011 (MARK LANEGAN)
THE ART OF MCCARTNEY (VARI)
ECHO OF MILES SCATTERED TRACKS ACROSS THE PATH THE ORIGINALS (SOUNDGARDEN)
VIBRATE (RUFUS WAINWRIGHT)
13 TALES FROM URBAN BOHEMIA (THE DANDY WARHOLS)
IN DUB (KILLING JOKE)
HIGH LAND HARD RAIN (AZTEC CAMERA)
DEMOLICIOUS (GREEN DAY)
THE BEST OF (THE HOUSEMARTINS)
AKELS & SOCKETS (THE JEFFREY LEE PIERCE SESSION PROJECT)
RARE AND UNREALEASED TRACKS '73 - '76 (THE DICTATORS)
DU MOND AUTOUR (LOUISE ATTAQUE)
LOOKING INTO YOU: A TRIBUTE TO JACKSON BROWNE (VARI)
NASHVILLE OUTLAWS: A TRIBUTE TO MOTLEY CRUE (VARI)
LOVE HAS MANY FACES. A QUARTET, A BALLET, WAITING TO BE DANCED (JONI MITCHELL)
THE CLASSIC (JOAN AS A POLICEWOMAN)
BROTHERHOOD (THE HOLLIES BROTHERS)
TRAINSONG - GUITAR COMPOSITION 1967 - 2010 (MICHAEL CHAPMAN)
STRANGE BREAKS AND MISTER THING (VARI)


MIGLIOR CD COVER ESTERO 2014

MERCI SERGE REGGIANI (ISABELLE BOULAY)
A LETTER HOME (NEIL YOUNG)
CHICO & THE GYPSIES & INTERNATIONAL FRIENDS (CHICO & THE GYPSIES)
ITS THE GIRLS (BETTE MIDLER)
LOU (JOSEPH ARTHUR)
NOSTALGIA (ANNIE LENNOX)
SKE-DAT-DE-DAT (DR JOHN)
GETS LOADED (HOLLIS BROWN)

MIGLIOR CD LIVE ESTERO 2014

MIGLIOR CD LIVE DELL'ANNO (PRECISAZIONE: IN REALTA' SAREBBE ANCHE MIGLIOR CD DELL'ANNO PER TUTTI NOI DI HCG MA E' UN LIVE E QUINDI ABBIAMO DECISO DI NON METTERLO FRA LE VERE NOVITA'):

LA CIGALE (DEROIT)

E POI:

ALL MY FRIENDS: CELEBRATE THE SONGS & VOICE OF GREGG ALLMAN (VARI)
LIVE IN BERLIN (DEPECHE MODE)
LIVE IN DUBLIN (LEONARD COHEN)
JACKSON BROWNE (JACKSON BROWNE)
ON STAGE (JOHNNY HALLYDAY)
BERCY (JOHNNY HALLYDAY)
BLACK CITY TOUR LIVE (INDOCHINE)
THE MIDNIGHT RAMBLE SESSIONS VOL. III (THE LEVON HELM BAND)
HER GREATEST PERFORMANCES LIVE (WHITNEY HOUSTON)
TAKES NEW YORK - LIVE AT THE IRIDIUM (ROCK CANDY FUNK PARTY)
ACOUSTIC AT THE RYMAN (BAND OF HORSES)
EXPANDED - LIVE AT THE BARBICAN (THESE NEW PURITANS)


MIGLIOR EP 2014

EP 1 - 2 (PIXIES)
NO BELLS ON SUNDAY (MARK LANEGAN)
STRANGE WEATHEN (ANNA CALVI)

MIGLIOR CD WORLD – REGGAE –LATIN 2014

EVE (ANGELIQUE KIDJO)
LINYERA (DANIEL MELINGO)
VOUS ETES ICI (SAULE)
RAIZ (LILA DOWNS & NINA PASTORI & SOLEDAD)
MAGNETICA (QUANTIC)
MARIACHI EL BRONX III (MARIACHI EL BRONX)
ALLONS VOIR (LA RUE KETANOU)
THIS IS WHAT I DO (BOY GEORGE)
SANTALEGRIA (LA TROBA KUNG FU)
AMID THE NOISE AND HASTE (SOJA)
FAYA (JOE DRISCOLL & SEKOU KOUYATE)
LE PETIT BAL PERDU (SANSEVERINO)

MIGLIOR COLONNA SONORA DA FILM 2014

BOYHOOD
THE WOLF OF WALL STREET
ALABAMA MONROE
I GUARDIANI DELLA GALASSIA
NYMPHOMANIAC 1 e 2
YVES SAINT LAURENT



MIGLIOR COLONNA SONORA PER SERIE TV 2014

TRUE DETECTIVE (T-BONE BURNETT)
LES REVENANTS (MOGWAI)

e poi:

PARENTHOOD
MISFITS 5
SHERLOCK 1, 2, 3

MIGLIOR SIGLA PER SERIE TV 2014

FAR FROM ANY ROAD (THE HANDSOME FAMILY) (TRUE DETECTIVE)
MAIN TITLE (MOGWAI) (LES REVENANTS)
WHEN WE WERE YOUNG (LUCY SCHWARTZ) (PARENTHOOD)



MIGLIOR CD SINGER – SONGWRITING – FOLK – COUNTRY 2014

1. SUKIERAE (TWEEDY)
2. MY FAVOURITE FADED FANTASY (DAMIEN RICE)
3. MUSIC FROM THE MOTION PICTURE (10.000 MANIACS)
4. NATALIE MERCHANT (NATALIE MERCHANT)
5. INSPIRE' DE FAITS REELS (BENABAR)
6. POPULAR PROBLEMS (LEONARD COHEN)
7. STAY GOLD (FIRST AID KIT)
8. CROZ (DAVID CROSBY)
9. IMMORTEL (CHARLELIE COUTURE)
10. SARGENT PLACE (SPAIN)
11. STORYTONE (NEIL YOUNG)
12. HAVEN'T GOT THE BLUES (LONDON WAINWRIGHT III)
13. SHAKEN (MAGGIE BJORKLUND)
14. FAVOURITE WAITRESS (THE FELICE BROTHERS)
15. TELL 'EM I'M GONE (YUSUF)
16. MUTINEERS (DAVID GRAY)
17. REMEDY (OLD CROW MEDICINE SHOW)
18. SOMEWHERE UNDER WONDERLAND (COUNTING CROWS)
19. ANOTHER GENERATION OF SLAVES (GREG ASHLEY)
20. HENDRA (BEN WATT)
21. FIRST MIND (NICK MULVEY)
22. WAY OUT WEATHER (STEVE GUNN)
23. SOUTHERN COMFORT (REGINA CARTER)
24. UPSIDE DOWN MOUNTAINS (CONOR OBEST)
25. IN CONFLICT (OWEN PALLETT)
26. PLAIN SPOKEN (JOHN MELLENCAMP)
27. A NEW TESTAMENT (CHRISTOPHER OWENS)
28. THE EARLS OF LEICESTER (THE EARLS OF LEICESTER)
29. MAN AGAINST MACHINE (GARTH BROOKS)
30. BROTHERS AND SISTERS OF THE ETERNAL SON (DAMIEN JURADO)



MIGLIOR CD JAZZ – BLUES – SOUL 2014

1. GOING BACK HOME (WILCO JOHNSON & ROGER DALTREY)
2. COMMON GROUND (DAVE & PHIL ALVIN)
3. LAST DANCE (CHARLIE HADEN & KEITH JARRETT)
4. TERMS OF MY SURRENDER (JOHN HIATT)
5. HOZIER (HOZIER)
6. GIVE THE PEOPLE WHAT THEY WANT (SHARON JONES & THE DAP KINGS)
7. STEP BACK (JOHNNY WINTER)
8. GUITAR IN THE SPACE AGE (BILL FRISELL)
9. ENGLISH OCEANS (DRIVE-BY-TRUCKERS)
10. EXTENDED CIRCLE (TORD GUSTAVSEN QUARTET)
11. JERICHO ROAD (ERIC BIBB)
12. INNER FIRE (THE SOUL JAZZ ORCHESTRA)
13. EMERGENCY SITUATION (ROD PIAZZA AND THE MIGHTY FLYERS)
14. DIFFERENT SHADOWS OF BLUES (JOE BONAMASSA)
15. FEELING GOOD (JOAN CHOMORRO & ANDREE MOTIS)
16. JUICE (MEDESKI/SCOFIELD/MARON/WOOD)
17. LATHE OF HEAVEN (MARK TURNER QUARTET)
18. BED OF STONE (ASA)
19. BLOODY RAIN (SARAH JANE MORRIS)
20. ALL RISE A JOYFUL ELEGY FOR FATS WALLER (JASON MORAN)
21. HOLLY (NICK WATERHOUSE)
22. MEHLIANA TAMING TOE (BRAD MEHLDAU)
23. THE TOUGHT OF YOU (OTIS BROWN III)
24. THE LAST TRANSMISSION (THE HELIOCENTRICS & MELVIN VAN PEEBLES)
25. RAGGED AND DIRTY (DEVON ALLMAN)
26. SLOWLY ROLLING CAMERA (SLOWLY ROLLING CAMERA)
27. FAR AS I CAN SEE (MATT SCHOFIELD)
28. THE ART OF CONVERSATION (DAVE HOLLAND & KENNY BARRON)
29.BLUESAMERICANA (KEB'MO')
30. IKEBE SHAKEDOWN (IKEBE SHAKEDOWN)
31. THE PEDRITO MARTINEZ GROUP (THE PEDRITO MARTINEZ GROUP)
32. CAUSTIC LOVE (PAOLO NUTINI)
33. LIVING TEAR TO TEAR (SUGAR RAY AND THE BLUETONES)
34. I'M FEELING LUCKY: THE BLUES ACCORDING TO (POPA CHUBBY)
35. GOIN' HOME (THE KENNY WAYNE SHEPHERD BAND)
36. ALBUMIN (CELEBRATION)
37. COUNTERFEIT BLUES (CORB LUND)
38. THE SON OF BLUESMAN (LUCKY PETERSON)
39. WORK WITH YOU BABY (BLACK MAGIC JOHNSON)
40. HYENA (RED SNAPPER)
41. YOU'RE DEAD (FLYING LOTUS)
42. SOMETIMES AWAKE (CHARLES PASI)
43. SECRET EVIL (JESSICA HERNANDEZ & THE DELTAS)
44. HUNTER (MORGAN JAMES)
45. JAZZ RACINE HAITI (JACQUES SCHWARZ BAND)

MIGLIOR COFANETTO - LIVE - RACCOLTA - RISTAMPA JAZZ - BLUES - SOUL 2014

1. THE WAY TO PLAY (BILL EVANS)
2. HAMBURG 72 (JARRETT - HADEN - MOTIAN)
3. LIVE FROM MONTREAL INTERNATIONAL JAZZ FESTIVAL 1990 (CHARLIE HADEN - JIM HALL)
4. TAKES NEW YORK: LIVE AT THE IRIDIUM (ROCK CANDY FUNK PARTY)
5. FOR POPS: A TRIBUTE TO MUDDY WATERS (MORGANFIELD - WILSON)
6. LAURA MVULA WITH METROPOLE ORKEST AT ABBEY ROAD STUDIOS (LAURA MVULA)
7. SINGS THE GREAT DIVA CLASSICS (ARETHA FRANKLIN)
8. BROTHERHOOD OF BREATH - TRAVELLING SOMEWHERE (CHRIS MCGREGOR'S)
9. BLUES BOSS BOOK (KENNY BLUES BOSS WAYNE)
10. LIVE (GARY CLARK JR.)
11. LIVE IN CONCERT (MANU KATCHE')
12. MIDNIGHT MELODIES (CYRUS CHESTNUT)
13. LAURA NYRO (BILLY CHILDS)


MIGLIOR CD NEW SOUND - ELETTRONICA - DANCE - FUNKY 2014

1. THE OTHER I (2:54)
2. SPECTRE (LAIBACH)
3. WONDER WHERE WE LAND (SBTRKT)
4. SOMEDAY WORLD (BRIAN ENO & KARL HYDE)
5. THE NIHILIST (LIAM FINN)
6. MANIPULATOR (TY SEAGALL)
7. SOLEIL DEDANS (ARTHUR H)
8. GOLD NIGHTS (WHITE HEX)
9. MATTERS OF MIND: BODY AND SOUL (CLAN OF XYMOX)
10. DIZZY HEIGHTS (NEIL FINN)
11. WHILE 1 IS LESS THAN 2 (DEADMAU5)
12. GHOSTS OF DOWNLOAD (BLONDIE)
13. BIG MUSIC (SIMPLE MINDS)
14. RAVE TAPES (MOGWAI)
15. TYRANNY (JULIAN CASABLANCAS & THE VOIDZ)
16. NOT ART (BIG SCARY)
17. THE FAUNS (THE FAUNS)
18. WHEATHER HOUSE (PHIL SELWAY)
19. LET'S GO EXTINCT (FANFARLO)
20. SINGLES (FUTURE ISLANDS)

MIGLIOR CD RAP – HIP HOP –TRIP HOP 2014

1. DIVIDE AND EXIT (SLEAFORD MODS)
2. BLANK PROJECT (NENEH CHERRY)
3. FUNAMBOLE (GRAND CORPS MALADE)
4. VIBES (THEOPHILUS LONDON)
5. ANIMAL AMBITION: AN UNTAMED DESIRE TO WIN (50 CENT)
6. VIEUX FREIRE: PART 2 (FAUVE)
7. MANSLAUGHTER (BODY COUNT)
8. ADRIAN THAWS (TRICKY)
9. CORLEONE (LACRIM)
10. PINATA (FREDDIE GIBBS AND MADLIP)


MIGLIOR CD ROCK - HARD - POP - HEAVY - R'N'R - FUNKY 2014

1.  WHAT HAVE WE BECOME (PAUL HEATON & JACQUI ABBOTT)
2.  GIVE MY LOVE TO LONDON (MARIANNE FAITHFULL)
3.  LA PETITE MORT (JAMES)
4.  INDIE CINDY (THE PIXIES)
5.  SADNECESSARY (MILKY CHANCE)
6.  LAZARETTO (JACK WHITE)
7.  AVONMORE (BRYAN FERRY)
8.  PE'AHI (THE RAVEONETTES)
9.  PHANTOM RADIO (MARK LANEGAN BAND)
10. PLAYLAND (JOHNNY MARR)
11. RESTER VIVANT (JOHNNY HALLYDAY)
12. FUTUROLOGY (MANIC STREET PREACHERS)
13. THE BEST DAY (THURSTON MOORE)
14. LES TERRIENS (TETES RAIDES)
15. THE WHITE PIXEL APE ... (SHAKA PONK)
16. SONIC HIGH WAYS (FOO FIGHTERS)
17. MONUMENTS TO AN ELEGY (SMASHING PUMPKINS)
18. HIGH HOPES (BRUCE SPRINGSTEEN)
19. ATLAS (REAL ESTATE)
20. REVELATION (THE BRIAN JONESTOWN MASSACRE)
21. WORLD PEACE IS NONE OF YOUR BUSINESS (MORRISSEY)
22. HOUR OF THE DOWN (LA SERA)
23. METEORITES (ECHO & THE BUNNYMEN)
24. 34 KARAT GOLD: SONGS FROM THE VAULT (STEVIE NICKS)
25. V FOR VASELINES (THE VASELINES)
26. HUNGRY GHOSTS (OK GO)
27. TRANSGENDER DISPHORIA BLUES (AGAINST ME!)
28. ANIMAL HEART (NINA PERSSON)
29. CHROME (EUGENE MCGUINNESS)
30. SHELTER (ALCEST)


MIGLIOR CD RACCOLTA ITALIA 2014

I SUCCESSI (TONY SANTAGATA)
COLLECTION (ALBERTO CAMERINI)

MIGLIOR CD JAZZ ITALIA 2014

STORIES (ENRICO PIERANUNZI)
aQustico (LUCA AQUINO)

PREMIO SPECIALE CD 2014

HEROS (EDDY MITCHELL)
PARIS (ZAZ)

MIGLIOR CD LIVE - RACCOLTA JAZZ ITALIA 2014

I 30 (PAOLO FRESU)

MIGLIOR PERFORMING VIDEO ART 2014

THE THIRD AND THE SEVENTH (ALEX ROMAN)

MIGLIOR SPETTACOLO TEATRALE ITALIA 2014

EVA E IL CONTE GADOSKY (ANDREA GADO)

MIGLIOR MOSTRA ITALIANA DEL 2014

L'ORIENTE DI PIER PAOLO PASOLINI – GENOVA

MIGLIOR FUMETTO ITALIA 2014

UNASTORIA (GIPI) (COCCOLINO PRESS)

MIGLIOR FUMETTO ESTERO 2014

1. DUE MOSTRI (DAVID MCKEE) (LAPIS EDIZIONI)
2. ABBIAMO PERSO LA GUERRA NON LA BATTAGLIA (MICHEL GONDRY) (BAO)
3. MP: THE MANHATTAN PROJECTS VOL. 1 (JONATHAN HICKMAN E NICK PITARRA) (PANINI)
MIGLIOR LIBRO ROMANZO ITALIANO 2014

1. ANIME NERE (GIOACCHINO CRIACO) (RUBATTINO EDITORE)
2. MILIONI DI MILIONI (MARCO MALVALDI) (SELLERIO EDITORE)
3. LA MIA BICICLETTA (MARGHERITA HACK)

MIGLIOR LIBRO STORICO ITALIA 2014

CONTRANIMA (PATRIZIA SOMMELLA)

MIGLIOR LIBRO INCHIESTA ITALIA 2014

1. LA VITA TI SIA LIEVE (ALESSANDRA BALLERINI) (MELAMPO)
1. CHIESA E PEDOFILIA: IL CASO ITALIANO (FEDERICO TULLI) (L'ASINO D'ORO)
1. GESU' ERA RICCO: CONTRO COMUNIONE E LIBERAZIONE (SAVERIO TOMMASI) (ALIBERTI)

MIGLIOR LIBRO PER RAGAZZI ITALIA 2014

IN GRECIA, TERRA DI MITI ED EROI (GIUSEPPE ZANETTO ) (FELTRINELLI KIDS)

MIGLIOR LIBRO ALTERNATIVO ITALIA 2014

IL CACIOCAVALLO DI BRONZO. ROMANZO SUONATO E CANTATO (PEPPE VOLTARELLI) (STAMPA ALTERNATIVA)

MIGLIOR LIBRO ROMANZO ESTERO 2014

1. LA TRASMIGRAZIONE DEI CORPI (YURI HERRERA) (FELTRINELLI)
2. IL SENSO DELLA FINE (JULIAN BARNES) (EINAUDI)
3. COLPO DI SPUGNA (JIM THOMPSON) (FANUCCI EDITORE)
3. LE BUGIE DI HOLLYWOOD (DAVID AMBROSE) (MERIDIANO ZERO)
3. VENIVAMO TUTTE PER MARE (JULIE OTSUKA) (BOLLATI BORINGHIERI)


MIGLIOR LIBRO PER RAGAZZI ESTERO 2014

RAGAZZI NON SIETE SPECIALI (DAVID MCCULLOGH JR) (GARZANTI)
TRASH (ANDY MULLIGAN) (RIZZOLI)

MIGLIOR LIBRO STORICO ESTERO 2014

GLI ULTIMI GIORNI DI MARILYN MONROE (KEITH BADMAN) (RIZZOLI)
LA VITA IMMORTALE DI HENRIETTA LACKS (REBECCA SKLOOT) (ADELPHI)

MIGLIOR LIBRO D'INCHIESTA ESTERO 2014

ANTICATECHISMO (KARLHEINZ DESCNER) (MASSARI)

MIGLIOR DOCUMENTARIO ITALIANO 2014

FELICE CHI E' DIVERSO (GIANNI AMELIO)
THE DARK SIDE OF THE SUN (CARLO SHALOM HINTERMANN)
MATERIA OSCURA (MASSIMO D'ANOLFI E VALENTINA PARENTI)

MIGLIOR DOCUMENTARIO ESTERO 2014

ALLA RICERCA DI VIVIAN MEIER (JOHN MALOOF E CHARLIE SISKEL)
FREDA LA SEGRETARIA DEI BEATLES (RYAN WHITE)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO 2014

NOT ANYMORE: THE STORY OF REDUCTION (MATTHEW VANDYKE)


MIGLIOR LIVE MUSICALE IN DVD 2014

LA CIGALE (DETROIT)

E POI:

LIVE AT THE SSE HYDRO GLASGOW (SIMPLE MINDS)
ALIVE IN BERLIN (DEPECHE MODE)

PREMIO SPECIALE DVD LIVE COMEDY RIEDIZIONE 2014

LIVE AT THE HOLLYWOOD BOWL (TERRY HUGHES)

MIGLIOR FILM MUSICALE 2014

20.000 DAYS ON EARTH (IAN FORSYTH E JANE POLLARD)

MIGLIOR EP ITALIA 2014

NON VENGO PIU' MAMMA (DIMARTINO)

MIGLIOR CD WORLD ESTERO: PREMIO SPECIALE 2014

ARTEMIS (MOUSSU T E LEI JOVENTS)



MIGLIOR CD DIALETTO ITALIA 2014

COSMOPOLITANA MAMA (FABIO MACAGNINO)
SONU (COSIMO PAPANDREA, MIMMO CAVALLARO E TARAN PROJECT)

MIGLIOR CD ITALIANO 2014

1. LAMENTARSI COME IPOTESI (PEPPE VOLTARELLI)
1. AL MONTE (MANNARINO)
2. L'ULTIMO DEI NOBRAINO (NOBRAINO)
3. AUSTRALE (UYUNI)

E POI:

4. L'APPARTENENZA (PIPPO POLLINA)
5. L'IMPROBABILE (BANDABARDO')
6. TRANCE 44 (APPALOOSA)
7. MANUALE DISTRUZIONE (LEVANTE)
8. SNOB (PAOLO CONTE)
9. RADIO PUNKREAS (PUNKREAS)
10. BEGGAR TIME (CHEAP WINE)
10. ae L'EQUAZIONE (ANTONIO MAGGIO)

MIGLIOR CD RAP E NEW SOUND ITALIA 2014

MUSEICA (CAPAREZZA)
L'ANTIDOTO (INOKI NESS)
RADICI (KENTO E THE WOODOO BROTHERS)
EXCOMMUNICATION (FIRST BLACK POPE)
MIGLIOR CARTONE ANIMATO ITALIA 2014

TORMENTI. FILM DISEGNATO (FILIBERTO SCARPELLI)

PREMIO SPECIALE CARTONE ANIMATO STORICO 2014

IL RACCONTO DEI RACCONTI (YURI NORSTEIN)

MIGLIOR CARTONE ANIMATO ESTERO 2014

1. SI ALZA IL VENTO (HAYAO MIYAZAKI)
2. MR. PEABODY E SHERMAN (BOB MINKOFF)
3. BIG HERO 6 (DON HALL E CHRIS WILLIAMS)
4. EPIC IL MONDO SEGRETO (CHRIS WEDGE)
5. BOXTROLL (GRAHAM ANNABLE E ANTHONY STACCHI)

MIGLIOR FILM PER RAGAZZI 2014

TEENEGE MUTANT NINJA TURTLES (JONATHAN LIEBESMAN)



MIGLIOR FILM COMMEDIA ITALIA 2014

1. LA MAFIA UCCIDE SOLO D'ESTATE (PIF)
1. ae SONG 'E NAPULE (MANETTI BROS)
2. IL PRETORE (GIULIO BASE)
2. ae ANNI FELICI (DANIELE LUCCHETTI)
3. L'ARBITRO (PAOLO ZUCCA)
4. ZORAN IL MIO NIPOTE SCEMO (MATTEO OLEOTTO)
5. SOGNI DI GLORIA (JOHN SNELLINBERG)
6. SOTTO UNA BUONA STELLA (CARLO VERDONE)
7. UN MATRIMONIO DA FAVOLA (CARLO VANZINA)

MIGLIOR FILM DRAMMATICO ITALIA 2014

1. ANIME NERE (FRANCESCO MUNZI)
2. LA MIA CLASSE (DANIELE GAGLIANONE)
3. LA VARIABILE UMANA (BRUNO OLIVIERI)

MIGLIOR FILM COMMEDIA ESTERO 2014

1. SUPERCONDRIACO. RIDERE FA BENE ALLA SALUTE (DANY BOOM)
1. ae 1.000.000 DI MODI PER MORIRE NEL WEST (SETH MACFARLANE)
1. ae TUTTO SUA MADRE (GUILLAUME GALLIENNE)
1. ae THE GRAND BUDAPEST HOTEL (WES ANDERSON)
2. SAVING MR BANKS (JOHN LEE HANCOCK)
3. A PROPOSITO DI DAVIES (JOEL E ETHAN COEN)
4. PHILOMENA (STEPHEN FREARS)
5. UOMINI DI PAROLA (FISHER STEVENS)
6. GAINSBOURG: VIE HEROIQUE (JOANN SFAR)
7. GIGOLO' PER CASO (JOHN TURTURRO)
8. BABYSITTING (BENAMOU E LACHEAU)








MIGLIOR FILM DRAMMATICO ESTERO 2014

1. DUE GIORNI, UNA NOTTE (JEAN-PIERRE ET LUC DARDENNE)
1. ae THE WOLF OF WALL STREET (MARTIN SCORSESE)
2. MUD (JEFF NICHOLS)
3. BOYHOOD (RICHARD LINKLATER)
3. ae THE TROLL HUNTER (ANDRE' OVREDAL)
4. NEBRASKA (ALEXANDER PAYNE)
5. IL SOSPETTO (THOMAS VINTERBERG)
6. NYMPHOMANIAC VOL. 1 E 2 (LARS VON TRIER)
7. LA NOTTE DEL GIUDIZIO/ THE PURGE: ANARCHY (JAMES DE MONACO)
8. AMERICAN HUSTLE. L'APPARENZA INGANNA (DAVID O. RUSSELL)
9. LOCKE (STEVEN KNIGHT)
10. 12 ANNI SCHIAVO (STEVE MCQUEEN)
11. MAPS TO THE STARS (DAVID CRONENBERG)
12. DALLAS BUYERS CLUB (JEAN-MARC VALLEE)
13. GOLTZIUS AND THE PELICAN (PETER GREENAWAY)
14. IL CACCIATORE DI GIGANTI (BRYAN SINGER)
15. VENERE IN PELLICCIA (ROMAN POLANSKY)
16. PASSION (BRIAN DE PALMA)
17. APES REVOLUTION. IL PIANETA DELLE SCIMMIE (MATT REEVES)
18. PRISONERS (DENIS VILLNEUVE)
18. ae SNOWPIERCER (BONG JOON-HO)
19. PROSSIMA FERMATA FRUITVALE STATION (RYAN COOGLER)
20. CAPTAIN PHILLIPS. ATTACCO IN MARE APERTO (PETER GREENGRASS)
21. FRANCES LA (NOAH BAUMBACH)
21. ae IL SUPERSTITE (PAUL WRIGHT)
22. IL GRANDE GATSBY (BUZ LUHRMANN)
22.ae DIVERGENT (NEIL BURGER)
23. IL CASO KERENES (CALIN PETER NETZER)
23. ae THE EDGE OF TOMORROW (DOUG LIMAN)
24. ALL IS LOST (J.C. CHANDOR)
24. ae I GUARDIANI DELLA GALASSIA (JAMES GUNN)
25. HUNGER GAMES LA RAGAZZA DI FUOCO (FRANCIS LAWRENCE)
25. ae I FIORI DELLA GUERRA (ZHANG YIMOU)
25. ae WE ARE WHAT WE ARE (JIM MICKLE)
25. ae BRICK MANSIONS (CAMILLE DELAMARRE)

MIGLIOR SERIE TV COMEDY ESTERO 2014

1. WILFRED stag 2 e 3 (DAVID ZUCKERMAN)
2. PARENTHOOD (NIC PIZZOLATTO)
2. ae MISFITS stag 5 (HOWARD OVERMAN)
3. AIUTAMI HOPE 4 (GREG GARCIA)
4. UNITED STATES OF TARA stag 3 (DIABLO CODY E STEVEN SPIELBERG)
5. THE MIDDLE (DEANN HELINE E EILEEN HEISLER)

MIGLIOR SERIE TV DRAMA ESTERO 2014

1. LES REVENANTS (FABRICE GOBERT)
2. MARVEL AGENTS OF SHIELD (WHEDON - WHEDON - TANCHAROEN)
2. ae HOMELAND stag 3 e 4 (GIDEON RAFF)
3. THE NEWSROOM (AARON SORKIN)
4. THE WALKING DEAD 4 (FRANK DARABONT)
5. UTOPIA (DENNIS KELLY)
6. LONGMIRE (HUNT BALDWIN E JOHN COVENY)
7. ae SALAMANDER (WARD HULSELMANS)
8. THE BLACKLIST (JON BOKENKAMP)
9. BEING HUMAN UK (TOBY WHITHOUSE)
9. PERSON OF INTEREST stag 3 (JONATHAN NOLAN)
10. HARD (CATHY VERNEY)
10. ae ORPHAN BLACK (JOHN FAWCETT E CLAIRE WELLAND)



MIGLIOR MINI SERIE TV ESTERO 2014

1. TRUE DETECTIVE (NIC PIZZOLATTO)
2. BLACK MIRROR 2 (VARI)
3. SHERLOCK stag 1, 2, 3 (STEVEN MOFFATT)
3. ae RED RIDING (DAVID PEACE)
4. ANGELS IN AMERICA (TONY KUSHNER)

CAPOLAVORO DEL 2014


TRUE DETECTIVE (NIC PIZZOLATTO)

LEZIONE DA ATENE


Con la vittoria di Syriza alle elezioni, la rinegoziazione del memorandum è ormai inevitabile. Si tratta di un notizia che evidenzia le molte fragilità del sistema federale europeo. Ma non è il rigore il vero problema dell’economia greca.
L’EUROPA AL BIVIO
Con la vittoria di Syriza si è aperto il fronte della rinegoziazione degli accordi stipulati con la Troika a seguito del fallimento della Grecia del 2010. Molti opinionisti e politici italiani (sia di destra che di sinistra) simpatizzano con Tsipras e ritengono che la sua vittoria possa portare buoni frutti anche per noi. Si tratta, tuttavia, di una strategia piena di rischi. In realtà la vittoria di Syriza è, piuttosto, una cattiva notizia, che fornisce un’ulteriore prova della fragilità del sistema federale europeo. Provo ad argomentare questa tesi nei seguenti quattro punti.
  • Il bail-out della Grecia avvenuto nel 2010 costituisce un precedente fondamentale per capire come funziona il sistema monetario e, più in generale, il nostro modello federale. In un sistema del genere le decisioni fiscali sono decentrate e, quindi, il costo del debito degli stati membri riflette rischi locali. Se le istituzioni centrali dichiarassero che nessuno stato può mai fallire, si determinerebbe un gigantesco problema di rischio morale (assenza di incentivi a controllare i conti pubblici) a cui la federazione non potrebbe sopravvivere. Se, d’altra parte, le garanzie sui debiti statali sono incomplete, si deve accettare che i debiti sovrani non si scambino alla pari, e che gli stati possano fallire. Il sistema monetario europeo si colloca in questo incerto crinale, in cui le garanzie europee esistono ma sono implicite e incomplete. È un problema che interessa molto l’Italia, data la dimensione del nostro debito e l’onere per interessi che grava sulle casse dello stato. Gli investitori vorrebbero capire: l’Europa lascerebbe fallire uno stato? E cosa farebbe in questo caso? In termini generali, un fallimento non è necessariamente un disastro se i costi che ne derivano possono essere contenuti. Gli Stati Uniti sono un esempio ambiguo. Il governo federale americano decise per il bail-out degli stati a fine Settecento ma li lasciò fallire a metà Ottocento senza eccessivi contraccolpi.
  • Il caso della Grecia è il primo esempio di fallimento coordinato nell’Eurozona. Le istituzioni internazionali hanno imposto un haircut del 50 per cento sul debito nei confronti dei privati, un allungamento delle scadenze e l’assorbimento della quasi totalità del debito presso il Fmi e il Fondo salva stati a tassi di estremo favore, condizionatamente all’adozione di misure di consolidamento fiscale. Il successo di questo esperimento dipende da due condizioni: che il governo greco rispetti gli impegni e che il programma di consolidamento non sia talmente oneroso da portare il paese a una nuova bancarotta. Se non si realizza la prima condizione abbiamo la dimostrazione “sul campo” che un bail-out compatibile con l’assenza di un rischio morale eccessivo è impossibile e, quindi, che l’Europa si trova di fronte a un bivio: convivere con il rischio morale o lasciare che gli interessi sui debiti sovrani riflettano interamente i rischi degli stati membri. Nel primo caso avremo, prima o poi, la dissoluzione dell’Unione, e nel secondo caso saremo continuamente soggetti a ondate speculative sui debiti sovrani.
  • Chi simpatizza con il programma di Syriza sostiene che gli accordi con la Troika non siano sostenibili per la Grecia. Il debito greco è, in effetti, molto elevato, ma se i creditori si limitassero ad accettare un contenimento del debito esistente, un’altra ristrutturazione non avrebbe alcuna giustificazione. Non è, infatti, il debito che frena la crescita di quel paese. Il bail-out del 2010 (e 2012) ha posto i titoli pubblici greci al riparo dalla speculazione e ridotto drasticamente il costo degli interessi che, secondo stime recenti, rappresenta un conto meno salato di quello pagato dal governo italiano, spagnolo e portoghese. Un’altra ristrutturazione del debito non equivale ad un classico problema di ridistribuzione delle risorse tra debitori e creditori, come si sente spesso dire in questi giorni. Il conto sarebbe pagato anche da paesi già fortemente indebitati (come l’Italia, la Spagna e il Portogallo) che stanno facendo rilevanti sacrifici per tenere sotto controllo il proprio debito.
  • Se un ulteriore bail-out della Grecia sembra incoerente con la costruzione europea, si può tuttavia porre il problema dei tempi e delle dimensioni del consolidamento fiscale. Questo è il secondo punto del programma di Syriza e raccoglie le simpatie del governo italiano e di altri partner europei. Il rigore fiscale non aiuta a superare le recessioni prolungate, ma questo non significa che la spesa in disavanzo sia sempre e comunque una via per la crescita. Nel caso della Grecia, questa politica creerebbe nuovo debito che il governo dovrebbe collocare sul mercato a tassi ben superiori a quelli che oggi gravano sul debito esistente. È noto che la spesa in disavanzo può essere utile in alcune circostanze e in alcuni paesi. Il problema principale è farlo in modo da non provocare un aumento eccessivo dei tassi d’interesse, che avrebbe l’effetto di spiazzare gli investimenti e quella crescita economica che si vorrebbe generare. I paesi che riescono a indebitarsi a tassi moderati sono quelli che dispongono di una ricchezza privata rilevante e che riescono a costruirsi nel tempo la reputazione di debitori virtuosi, capaci di contenere i disavanzi pubblici quando non fronteggiano una recessione. Inoltre, in assenza di una ripresa degli investimenti privati e della produttività, la maggiore spesa pubblica generata dal governo greco non farebbe che alimentare le importazioni e il disavanzo commerciale, che la Grecia è riuscita a contenere con grande fatica da poco tempo. I sacrifici dei cittadini greci di questi ultimi anni sarebbero completamente vanificati.
IL MALESSERE NON DERIVA DAL RIGORE
Con queste considerazioni non intendo sottovalutare i problemi sociali che derivano dalla crescita della povertà in Grecia, ma sarebbe più corretto e onesto da parte di Tsipras chiedere all’Europa un maggiore e straordinario aiuto per affrontare questo dramma sociale piuttosto che invocare le virtù delle politiche keynesiane. Il malessere sociale dei cittadini greci non deriva principalmente dalle politiche rigoriste imposte dalla Germania, ma dall’incapacità dei governi greci di combattere l’evasione fiscale e utilizzare in modo efficiente le risorse pubbliche. Il Pil della Grecia oggi non è inferiore a quello che essa aveva al momento di entrare nella zona euro e, quindi, alla maggiore povertà di oggi corrisponde la maggiore ricchezza di qualcuno. Siamo sicuri che una parte delle risorse per ridurre le disuguaglianze in Grecia non possano essere trovate anche all’interno del paese?
L’articolo è disponibile anche su www.tvsvizzera – radiomonteceneri

GIUSTIZIA CIVILE DA PAESE CIVILE



La lentezza e l’inefficienza della giustizia civile sono una palla al piede per la crescita della nostra economia. Un Dossier documenta la situazione e ripercorre quanto è stato fatto negli ultimi anni per accorciare i tempi dei processi. E quanto resta da fare.
La lentezza della giustizia civile è da tempo uno dei principali fardelli per la crescita della nostra economia. Un enforcement dei contratti modesto accresce il rischio paese, disincentiva gli investitori esteri a insediarsi in Italia, oltre che introdurre barriere all’ingresso di nuove imprese, a rendere più costoso o razionato il credito bancario.
Molti sono gli studi che abbiamo ospitato sul sito e che riproponiamo in questo dossier che ben spiegano i diversi e negativi effetti dell’inefficienza della macchina giudiziaria sul sistema economico di questo paese.
Le classifiche internazionali ci collocano in posizioni pessime nei ranking di confronto con gli altri paesi non solo avanzati, ma anche in via di sviluppo.
Molto però è stato fattto negli ultimi anni per aggredire questo problema e anche i primi effetti, seppur non visibili nelle classifiche internazionali si registrano nei dati.
Si è infatti intervenuto sulla geografia giudiziaria riducendone l’eccessiva dispersione sul territorio, che inficia la produttività degli uffici giudiziari. Tribunali troppo diffusi e piccoli infatti pregiudicano la specializzazione nell’attività dei magistrati , specializzazione che avrebbe invece un ruolo efficace e importante nella produttività degli uffici. Passi importanti nel senso di una maggiore specializzazione sono stati realizzati anche attraverso l’istituzione del tribunale delle imprese.
Anche la formula di remunerazione degli avvocati ha visto delle novità ed ora è costruita, rispetto al passato, in modo più coerente rispetto agli obiettivi di sveltimento del processo civile e di una maggiore trasparenza e concorrenza nel mercato delle professioni legali.
Negli ultimi anni si è molto puntato sul ruolo delle ADR (forme alternative di risoluzione delle Controversie) per un effetto deflattivo del contenzioso e nelle ultime novità introdotte da questo governo lo strumento è stato reso più attraente attraverso forme di premialità.
Altro protagonista importante delle azioni portate avanti negli ultimi anni è stata una progressiva maggiore informatizzazione del processo, che pure sta portando effetti positivi. Ultimo elemento in corso di potenziamento è l’estensione delle “buone pratiche” attuate nei tribunali più efficienti, in modo particolare quello di Torino, agli uffici giudiziari dell’intero territorio nazionale.
I primi risultati si osservano già e non sono modesti: tra il 2013 e il 2012 i tempi dei processi presso i tribunali si sono accorciati del 14 % e in generale il tasso di congestione dei tribunali, rappresentato dal numero delle pendenze, non solo si è arrestato, ma sta persino diminuendo.
Restano ancora problemi importanti su congestione e la lentezza delle corti di appello e lo smaltimento dell’arretrato anche presso i tribunali è un fardello pesantissimo al completo dispiegamento degli effetti delle molte riforme già introdotte.

GRECIA: DOMANDE E RISPOSTE


Sulla questione greca c’è una gran confusione. Anche perché molti intendono sfruttarla per finalità di dibattito politico interno o internazionale. È opportuno tentare di fare un po’ di chiarezza. Ecco alcuni fatti e rimandi a documenti che possono aiutare in questo senso.
Quanti soldi ha avuto la Grecia e a chi sono andati?
Complessivamente, attraverso l’Economic adjustment programme e il Second economic adjustment programme la Grecia ha ottenuto 248 miliardi di euro. Una cifra impressionante. Di questi, tuttavia, solo 15,3 sono serviti a finanziare il disavanzo primario e 11,7 altre spese del governo. Il resto è stato utilizzato per servire il debito pregresso e capitalizzare le banche greche dopo l’haircut del debito. In sostanza, con i prestiti si sono pagati i debitori.
Per saperne di più:
  1. Where did all the money go? - Macropolis.gr. Nell’articolo sono presenti collegamenti ai documenti ufficiali della Commissione europea, dell’Imf ecc.
  2. Financial assistence to Greece - Economic and financial affairs, European Commission. Nella pagina sono riportati i link a tutti i documenti ufficiali della Commissione Europea sull’assistenza alla Grecia. Nel dettaglio:
  3. Greece: Third Review Under the Stand-By Arrangement; Staff Report (2011) – Imf
  4. Hellenic statistical authority:
Chi ci ha messo i soldi?
Fondo monetario, Banca centrale, i paesi europei tramite prestiti bilaterali o tramite i vari fondi creati per sostenere i paesi in difficoltà. Se un paese ci guadagna o ci rimette per il prestito dipende dalla differenza tra gli interessi che deve pagare sul proprio debito e quelli pagati dalla Grecia. Questa ha ottenuto un trattamento di favore. Ad esempio, nel 2013, i ricavi nell’ambito del secondary market program delle banche centrali nazionali è stato trasferito su di un conto speciale alla Grecia. Un vantaggio molto forte che inizialmente i sottoscrittori di debiti greci, a cominciare dalla Bce, avevano ottenuto in termini di guadagni in conto capitale, visto che nel culmine della crisi, quando sono stati acquistati, i titoli greci avevano perso molto del proprio valore. Ma nel 2012 è stato deciso di devolvere i capital gains sui bond greci di Bce e banche centrali nazionali alla Grecia stessa. Questo include sia capital gains sia interessi.
  1. How to reduce the Greek debt burden? – Bruegel.org
  2. Greek choices after the elections – Bruegel.org
Come farà la Grecia a restituire prestiti e rientrare dal debito?
L’unico modo con cui un paese può restituire il proprio debito è tramite l’accumulo di sostanziali avanzi primari (entrate meno spese al netto degli interessi) per un consistente periodo di tempo. La Grecia ha ora raggiunto un surplus primario (circa 1,5 per cento del Pil) ma, per cominciare a restituire un debito nell’ordine del 180 per cento del Pil stesso, questo avanzo deve essere molto più consistente. Le stime variano, perché dipendono da ipotesi sulla crescita del reddito monetario, ma parrebbe necessario un surplus primario di almeno il 4,5 per cento del Pil per almeno tutto il decennio 2020-30. Il problema è che gli studi mostrano come surplus primari sopra il 4 per cento per più di un decennio sono estremamente rari.
  1. Financial assistence to Greece – Economic and financial affairs, European Commission.
    Nota: il Second economic adjustment programme fa esplicito riferimento al 4,5 per cento.
  2. The question hanging over Greek debt – dealbook.nytimes.org
  3. Greece: Request for Extended Arrangement Under the Extended Fund Facility; Staff Report (2012) – Imf.
  4. Can large primary surpluses solve Europe’s debt problem? – Voxeu.org.
  5. The Long haul debt sustainability analysis – Brugel
La Grecia può rifiutarsi di pagare debito e interessi?
Tra i fondi ottenuti finora dalla Grecia, il 23 per cento (58 miliardi suddivisi in due diversi programmi) è arrivato dall’Fmi. Non è neanche pensabile che questa quota di debiti non venga rimborsata; se la Grecia non pagasse il Fmi, perderebbe accesso al mercato dei capitali internazionali. Di fatto, ciò rappresenterebbe l’uscita del paese dall’euro e dai mercati internazionali. Ma circa il 77 per cento dei prestiti è arrivato dagli altri paesi europei (45 miliardi attraverso il Greek loan facility) o dal Fondo salva stati (Efsf, per un totale di 144 miliardi): su questa quota non ci sarebbe alcun problema se ci fosse per esempio un accordo politico di riduzione negli interessi o di condono del debito o di ulteriore allungamento dei termini. Oppure, semplicemente condizionando scadenze e interessi alla crescita del Pil monetario. Numerose proposte e studi sono già stati svolti in questo senso.
  1. The Greek debt trap: an escape plan – Brugel.org
  2. EFSF, Faq Si veda pagina 20.
  3. Greece and Europe dig in on bailout terms after Syriza Victory in Greek election – The Wall Street Journal
  4. Noonan sees scope for Greek debt cost cuts – Rté News
Che cosa è successo con la Troika? Gli interventi decisi hanno solo strozzato l’economia o si sono fatti anche progressi?
Non c’è dubbio che la Grecia, al momento della crisi, fosse in una situazione economica insostenibile, con deficit di bilancio e deficit commerciali che sfioravano il 15 per cento del Pil. In più, con un sistema pensionistico estremamente generoso e del tutto insostenibile per le sue finanze pubbliche. La cura è stata drastica, con una perdita cumulata di circa un quarto di Pil dal 2011 al 2014 e con una disoccupazione che ha raggiunto il 27 per cento (oltre il 50 per cento quella giovanile). Se oltre al risanamento del bilancio si siano raggiunti anche obiettivi di efficienza, i giudizi variano.
Dal 2010 è stato avviato l’Economic adjustment programme (Eap) volto a implementare le riforme strutturali necessarie per il raggiungimento degli obiettivi imposti dalla Troika (principalmente con lo scopo di favorire un consolidamento fiscale credibile e incentivare la crescita). Di seguito la lista delle riforme introdotte, completate o in avavzamento, tratte dall’Hellenic national reform programme 2011-2014:
Completate nel 2010:
    • Revisione tax system
    • Fiscal management e responsibility act
    • Reform of local public administration
    • Private and public sector pension reform: nel luglio 2010 il Parlamento ha approvato la legge 3863 che oltre ad aver sostituito un frammentato Sistema di previdenza sociale ha tagliato mediamente il 25 per cento del reddito pensionistico annuale
    • Labour market reform
    • Financial stability fund
    • Private insurance supervision to the Bank of Greece
    • Reconstructing of the Railway sector
    • Liberalisation of road freight transport
    • “fast-track” important investment
    • Horizontal legislation on the Services directive
    • Single payment authority for the wage bill in the public sector
    • Independence of the Hellenic statistical authority
    • Online publication of all decisions involving commitments of funds in the general government sector
    • New investment law
    • Liberalization of closed professions
    • Health care reform
    • Restructuring of the urban transport entity
    • Law on combating tax evasion and restructuring of the tax service
    • Establishment of a commitment registry for general government
In progress:
    • Simplification of the start-up of new businesses
    • Simplifying licensing procedures for technical professions, industrial activities and business parks
    • Single remuneration system for public sector employees
    • Restructuring plan for public enterprises
    • New law for the Hellenic competition authority
    • Privatisation plan
    • Liberalisation of the wholesale electricity market
    • Single public procurement authority
Dettagli delle sopracitate riforme sono presenti nei documenti dell’Hellenic national reform programme (c), (d), (e):
  1. http://blogs.lse.ac.uk/netuf/2014/07/22/the-state-of-welfare-in-greece-a-call-for-courageous-structural-reforms/
  2. http://www.oecd.org/eco/growth/49711014.pdf
  3. http://ec.europa.eu/europe2020/pdf/nd/nrp2013_greece_en.pdf
  4. http://ec.europa.eu/europe2020/pdf/csr2014/nrp2014_greece_en.pdf
  5. http://ec.europa.eu/europe2020/pdf/nrp/pdf