IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

mercoledì 29 aprile 2015

IL TERZO SINGOLO DI HELENA "SO, GOODBYE" E' UN GRANDE SUCCESSO. HCG PORTA UN PO' DI FORTUNA

HELENA: IL TERZO SINGOLO E' UN GRAN SUCCESSO

Vi avevamo promesso di tornare su questa giovane artista Calabrese, dalla voce angelica e profonda, che ammalia ed affascina chiunque ne entri in contatto.
Il mondo di Ilenia Filippo (in arte Helena) è fatto di sentimenti, colori e visioni che rievocano atmosfere fiabesche, straordinariamente interpretate dalla sua voce che riesce a spaccarti l’anima e  il cuore.
Il 17 Aprile 2015 è uscito “So, Goodbye” il terzo singolo della cantante Calabrese Ilenia Filippo, in arte Helèna.
Il pezzo, di genere electro-rock/indie rock , è stato scritto proprio da Ilenia, ed è stato composto e arrangiato dal fratello 17enne Diego Filippo.
Il videoclip edito su YouTube e sui digital stores vede, come i precedenti, la regia di Karim Daniele El Otmani (con Auriga Visual Production) il quale, insieme a Pierfrancesco, ne ha scritto anche la sceneggiatura.
Il tutto si sviluppa su strumenti e suoni ricercati, fra musica e parole e racconta di una situazione sentimentale tormentata che riacquista valore quando gli affetti tornano nella mente della protagonista (Ilenia), rimettendo chiarezza e facendola tornare dall'uomo che aveva bruscamente lasciato all'altare.
Questo avviene attraverso un viaggio, in un "mondo di pixel” in cui attraverso delle foto, si narrano svariati tipi di affetti e sentimenti.
Ilenia e il suo gruppo stanno portando avanti un progetto di totale autoproduzione, nonostante le difficoltà del caso.
Fortunatamente, grandi conferme sembrano arrivare e lasciano presagire percorsi in cui i ragazzi non saranno più soli, ma affiancati da grandi personalità del mondo della produzione musicale.
Non resta che augurare grandi e straordinari successi per questa band e questa artista che aggiunge prestigio non solo alla nostra terra di Calabria ma anche al panorama della musica Italiana, ancora desiderosa di riscoprire talenti nuovi e meritevoli.

Carmine Verduci


L'INTERVISTA DI GIAN LUCA VALENTINI A CARLO MODESTI PAUER E' STATA TRADOTTA IN TEDESCO SU DESCHNER.INFO

Gian Luca Valentini ringrazia sentitamente per l'onore di esser stato inserito sul sito di una delle menti più eccelse della storia dell'umanità.

Per sempre Deschner.

Ringrazia anche il Prof. Modesti Pauer per la pazienza e la cura nel rispondere alle domande.

La Redazione

http://deschner.info/de/downloads/modesti.pdf

L'ARTICOLO DI GIAN LUCA VALENTINI TRADOTTO IN TEDESCO SUL SITO DESCHNER.INFO

http://deschner.info/de/downloads/valentini.pdf

UNA LOTTA SENZA FINE: DI URI AVNERY

Cats in a Sack 

IT IS a rather disgusting spectacle.
The Israeli Right has won a crushing election victory. (On closer examination, the victory was not quite so crushing. Indeed, there was no victory at all. The crushing victory of Likud was achieved only at the expense of other rightist parties.)
The Rightist bloc together has not advanced at all. To form a majority coalition, it needs the party of Moshe Kahlon, the majority of whose voters are more leftist than rightist. Kahlon could easily have been persuaded to join a leftist coalition, if the leader of the Labor Party, Yitzhak Herzog, had been a more resolute personality.
Be that as it may, Binyamin Netanyahu is now busy trying to construct his government.
That's where the disgust comes in.
A FIGHT is going on. A fight of all against all. A fight without rules or limits.
Everyone wants to be a minister. Everybody in Likud and the other prospective coalition parties. Politicians galore.
And not just any minister. Ministries are not equal. Some are more prestigious, some less. One cannot compare the all-important Ministry of the Treasury (already promised to Kahlon) with the Ministry of the Environment, despised by each and all. Nor the Ministry of Education, with its thousands of employees (teachers and such) or the Ministry of Health (with its multitudes of doctors, nurses and what not) with the Ministry of Sports (hardly any employees).
There are several classes of ministries. At the top there are the Big Three – Defense, Treasury and Foreign Affairs. Defense is generally admired ("Our brave soldiers") and gets a huge share of the state budget. Everybody and his wife (as you say in Hebrew slang) wants to be Minister of Defense.
Defense officials despise Foreign Office officials, as does the entire country. The cocktail-sippers are not real he-men (nor she-women). Yet the post of Foreign Minister is hotly desirable. He or she travels around all the time, represents the state, is photographed with the world's great. Also, last but not least, a Foreign Minister cannot fail. If foreign relations go wrong, nobody accuses the Foreign Minister. If anyone at all, it's the Prime Minister who gets the blame.
ON THE morrow of an election, when the dust of battle clears, many dozens of politicians cast their eyes on the few ministries.
Each one of the leading candidates of the prospective coalition parties starts to send longing looks at the still empty chairs. One of the Big Three? If not, some of the desirable medium ministries? If not, at least one of the minor ones? Or at least Deputy Minister? The mouth waters.
Trouble is, Israeli law prescribes that the government can consist of no more than 18 ministries. No "ministers without portfolio". The number of deputy ministers is also severely restricted.
Who would pass such a stupid law? I think it was Yair Lapid who, in a moment of hubris, caused the law to be passed. It is, of course, vastly popular. It saves money. Each minister, even without a portfolio, is entitled to a minimal staff, an office, a car and a chauffeur. Compared to the price of a single fighter plane, that is nothing. But for the general public it is a symbol of wastefulness. So we have this law.
How do you fit 40 aspiring politicians into 18 ministries? You don't. Either you change the law, as many now demand, or you turn away many very angry politicians, at your own risk.
You can console some of them with minor jobs, such as chair(wo)man of a Knesset committee, or ambassador. Not the same, though.
ALL THIS is human, all too human. Politicians are human beings. Most of them at least.
So why am I so disgusted?
Perhaps I should explain.
In medieval times, when an army, mainly consisting of mercenaries, conquered a town, they sacked it. Burghers were killed, women raped, but most of all, property was stolen. In a modern democratic society, politicians should not do the same to the country that elected them.
A government ministry is not spoils. True, in the US there was a saying "to the victor, the spoils", and the winning party was expected to distribute all the government jobs in the country to its stooges. But that was long ago – last century.
A minister is in charge of some defined part of government activity. He or she makes important decisions that affect the lives of citizens. The public has the right to expect that all government offices and services be run the best way possible, by the most qualified people possible.
So why should a ministry – say the Ministry of the Environment – be run by a political nincompoop, who has no idea at all of the matter entrusted to him or her? Worse, by a political hack who doesn't give a damn, and who only wishes to pass the time without a glaring mishap, until some better ministry falls into his or her hands?
But Environment is a very important matter. It concerns the lives of people. Just now all Israel is excited over the suspicion that the many large chemical works located in the beautiful Haifa Bay area are responsible for the many cancer cases among the local children. And the minister? I don't even know who that is.
I REMEMBER a glaring example.
In 1999, Ehud Barak, then leader of the Labor Party, won a resounding election victory over Binyamin Netanyahu. When he published his list of ministers, there was an audible gasp.
With what looked like a sadistic streak, Barak appointed all the wrong people to all the wrong jobs. The gentle professor of history, Shlomo Ben-Ami, was appointed Minister of Police, where he failed miserably. Yossi Beilin, who considers himself an important statesman, was sent to the Ministry of Justice. And so on.
Now something similar may be happening. Likud's "Bogie" Ya'alon, generally considered a "bock" (from the German Bock, billy goat) will remain in office. No ruling party ever gives up the Ministry of Defense.
The choice of Kahlon as Minister of the Treasury may be sound - but it is imposed on Netanyahu, since without Kahlon he would have no government.
Avigdor Lieberman seems to have a kushan on the Foreign Ministry. (A kushan was a certificate of ownership in the good old days of the Ottoman Empire.) Though trounced by the voters in the election (his party lost most of its seats), Netanyahu insists on his remaining in his job, in which he was a catastrophe. Many foreign ministers around the world refused to meet him, considering him a near-fascist. He was proud of his friendship with Vladimir Putin, but just now Russia has promised to deliver its unsurpassed air-defense missiles to Iran, putting an end to Netanyahu's dreams of bombing Iran's nuclear sites.
This leaves nothing for Naftali Bennett, the far-right "natural ally" of Netanyahu, and at this moment the coalition builders are busy enlarging the Economy Ministry to console him. Several functions must be scraped together, whether that is useful or not.
What about the public good? Efficient government? Well…
THE ROOT of the malaise is the combination of two quite different talents in our democratic system – and not only ours.
Under this system, politicians become ministers. That seems quite natural. Actually, it is not.
Politicians are supposed to be highly motivated, highly intelligent, highly talented administrators. Actually, they are not.
Contrary to accepted wisdom, politics is a profession. It has been said that it is a profession for those who have no talents. But that is not entirely true. Politicians need certain talents, but these have nothing in common with those demanded from a department chief.
A politician must be able to listen for years to endless empty speeches by party hacks, take part in endless meetings without purpose, be a member of endless committees. They must be ready to flatter people they despise, attend weddings, bar-mitzvas and funerals, delivering a mind-numbing speech at each.
Then, after reaching the top, they are suddenly required to run the Ministry of Health, without any qualifications in this area at all. That's where the proverbial dog is buried.
In the UK, they found a solution. The ministry is actually run by the civil service. The minister, often an object of silent amusement, is only in charge of procuring budgets. See the hilarious BBC TV series "Yes, Minister".
A quite different system prevails in the US. The people elect a president, and he (all have been male so far) alone appoints the ministers who frequently are not politicians at all. So he can appoint experts with proven abilities.
In Israel we combine the worst of all systems. All ministers are party hacks. They bring with them their stooges, who man (or woman) the chief positions in the ministries.
One result of this system is that different ministries belong to different parties. This makes joint planning almost impossible – apart from the fact that Israelis in general are unable to plan anything. Indeed, we are very proud of our “ability to improvise".
When he was still Minister of Agriculture, Ariel Sharon once told me: "When I want to do something for which I need only my own ministry, I can do it. When I want to do something that needs the cooperation of several ministries, I can't do it."
IF YOU fill a sack with cats, you will be accused of cruelty to animals.
But what is that compared to filling 18 ministries with politicians?

I GIUDICI DI GERUSALEMME: DI URI AVNERY

"There Are Still Judges…" 


THIS WEEK I won a dubious distinction: a groundbreaking Supreme Court judgment has been named after me.

It is an honor I would have gladly dispensed with.
MY NAME appeared at the head of a list of applicants, associations and individuals, which asked the court to cancel a law enacted by the Knesset.
Israel has no written constitution. This unusual situation arose right from the beginning of the state because David Ben-Gurion, a fierce secularist, could not achieve a compromise with the orthodox parties, which insisted that the Torah already is a constitution.
So, instead of a constitution, we have a number of Basic Laws which cover only a part of the ground, and a mass of Supreme Court precedents. This court slowly arrogated to itself the right to abolish Laws enacted by the Knesset which contradict the nonexistent constitution.
STARTING FROM the last Knesset, extreme right-wing Likud Members have been competing with each other in their efforts to castrate the Supreme Court one way or another. Some would stuff the court with right-wing judges, others would radically limit its jurisdiction.
Things came to a head when a group of far-right Likud members launched a veritable avalanche of bills which were clearly unconstitutional. One of them, and the most dangerous one, was a law that forbade people to call for a boycott of the State of Israel and, in a sinister way, added the words "and of territories held by it".
This revealed the real aim of the operation. Some years before, our Gush Shalom peace organization had called on the public to boycott the products of the settlements in the occupied territories. We also published on our website a list of these products. Several other peace organizations joined the campaign.
Simultaneously, we tried to convince the European Union to do something similar. Israel's agreement with the EU, which exempts Israeli wares from customs, does not include the settlements. But the EU was used to closing its eyes. It took us a lot of time and effort to open them again. In recent years, the EU has excluded these goods. They have demanded that on all merchandise "made in Israel", the actual place of origin be stated. This week, 16 European foreign ministers called upon the EU foreign affairs chief to demand that all products from the settlements be clearly marked.
The law passed by the Knesset not only has criminal aspects, but also civil ones. Persons calling for a boycott could not only be sent to prison. They could also be ordered to pay huge damages without the plaintiff having to prove that any actual damage had been caused to him or her by the call.
Also, associations which receive government subsidies or other governmental assistance under existing laws would be deprived of them from then on, making their work for peace and social justice even more difficult.
WITHIN MINUTES after the enactment of this law, Gush Shalom and I personally submitted our applications to the Supreme Court. They had been prepared well in advance by advocate Gaby Lasky, a talented young lawyer and dedicated peace activist. My name was the first in the list of petitioners, and so the case is called: "Avnery v. the State of Israel".
The case laid out by Lasky was logical and sound. The right of free speech is not guaranteed in Israel by any specific law, but is derived from several Basic Laws. A boycott is a legitimate democratic action. Any individual can decide to buy or not to buy something. Indeed, Israel is full of boycotts. Shops selling non-kosher food, for example, are routinely boycotted by the religious, and posters calling for such boycotts of a specific shop are widely distributed in religious neighborhoods.
The new law does not prohibit boycotts in general. It singles out political boycotts of a certain kind. Yet political boycotts are commonplace in any democracy. They are part of the exercise of freedom of speech.
Indeed, the most famous modern boycott was launched by the Jewish community in the United States in 1933, after the Nazis came to power in Germany. In response, the Nazis called for a boycott of all Jewish enterprises in Germany. I remember the date, April 1, because my father did not allow me to go to school on that day (I was 9 years old and the only Jew in my school.)
Later, all progressive countries joined in a boycott of the racist regime in South Africa. That boycott played a large (though not decisive) role in bringing it down.
A law cannot generally compel a person to buy a normal commodity, nor can it generally forbid them to buy it. Even the framers of this new Israeli law understood this. Therefore, their law does not punish anybody for buying or not buying. It punishes those who call on others to abstain from buying.
Thus the law is clearly an attack on the freedom of speech and on non-violent democratic action. In short, it is a basically flawed anti-democratic law.
THE COURT which judged our case consisted of nine judges, almost the entire Supreme Court. Such a composition is very rare, and only summoned when a fateful decision has to be made.
The court was headed by its president, Judge Asher Gronis. That in itself was significant, since Gronis already left the court and went into compulsory retirement in January, when he reached the age of 70. When the seat became vacant, Gronis was already too old to become the court president. Under the then existing Israeli law, a Supreme Court judge cannot become the court's president when the time for his final retirement is too close. But the Likud was so eager to have him that a special enabling law was passed to allow him to become the president.
Moreover, a judge who has been on a case but did not finish his judgment in time before retiring, is given an extra three months to finish the job. It seems that even Gronis, the Likud's protégé, had qualms about this specific decision. He signed it literally at the very last moment – at 17.30 hours of the last day, just before Israel went into mourning at the start of Holocaust Day.
His signature was decisive. The court was split – 4 to 4 – between those who wanted to annul the law and those who wanted to uphold it. Gronis joined the pro-law section and the law was approved. It is now the Law of the Land.
One section of the original law was, unanimously, stricken from the text. The original text said that any person - i.e. settler – who claims that they have been harmed by the boycott, can claim unlimited indemnities from anyone who has called for this boycott, without having to prove that they were actually hurt. From now on, a claimant has to prove the damage.
At the public hearing of our case, we were asked by the judges if we would be satisfied if they strike out the words "territories held by Israel", thus leaving the boycott of the settlements intact. We answered that in principle we insist on annulling the entire law, but would welcome the striking out of these words. But in the final judgment, even this was not done.
This, by the way, creates an absurd situation. If a professor in Ariel University, deep in the occupied territories, claims that I have called to boycott him, he can sue me. Then my lawyer will try to prove that my call went quite unheeded and therefore caused no damage, while the professor will have to prove that my voice was so influential that multitudes were induced to boycott him.
YEARS AGO, when I was still Editor-in-Chief of Haolam Hazeh, the news-magazine, I decided to choose Aharon Barak as our Man of the Year.
When I interviewed him, he told me how his life was saved during the Holocaust. He was a child in the Kovno ghetto, when a Lithuanian farmer decided to smuggle him out. This simple man risked his own life and the lives of his family when he hid him under a load of potatoes to save his life.
In Israel, Barak rose to eminence as a jurist, and eventually became the president of the Supreme Court. He led a revolution called "Juristic Activism", asserting, among other things, that the Supreme Court is entitled to strike out any law that negates the (unwritten) Israeli constitution.
It is impossible to overrate the importance of this doctrine. Barak did for Israeli democracy perhaps more than any other person. His immediate successors – two women - abided by this rule. That's why the Likud was so eager to put Gronis in his place. Gronis' doctrine can be called "Juristic Passivism".
During my interview with him, Barak told me: "Look, the Supreme Court has no legions to enforce its decisions. It is entirely dependent on the attitude of the people. It can go no further than the people are ready to accept!"
I constantly remember this injunction. Therefore I was not too surprised by the judgment of the Supreme Court in the boycott case.
The Court was afraid. It's as simple as that. And as understandable.
The fight between the Supreme Court and the Likud's far-right is nearing a climax. The Likud has just won a decisive election victory. Its leaders are not hiding their intention to finally implement their sinister designs on the independence of the Court.
They want to allow politicians to dominate the appointment committee for Supreme Court judges and to abolish altogether the right of the court to annul unconstitutional laws enacted by the Knesset.
MENACHEM BEGIN used to quote the miller of Potsdam who, when involved with the King in a private dispute, exclaimed: "There are still judges in Berlin!"
Begin said: "There are still judges in Jerusalem!"
For how long?

UNITA' NAZIONALE: DI URI AVNERY

National Unity 


MY FIRST reaction after the election was: “Oh, no! Not a National Unity Government, please!
In my first article after the election, I devoted a large part to the danger of a "national unity" government, though at the time the possibility of such a government, based on Likud and the Labor Party, seemed very remote indeed.
But, looking at the figures, I had a gnawing suspicion: this looks like something that will end with a Likud-Labor combination.
Now, suddenly, this possibility has raised its head. Everybody is talking about it.
All my emotions rebel against this possibility. But I owe it to myself and my readers to examine this option dispassionately. Though pure logic is a rare commodity in politics, let's try to exercise it.
IS A "national unity government" good or bad for Israel?
Let's look at the numbers first.
To form a government in Israel, one needs at least 61 seats in the 120-seat Knesset. Likud (30) and Labor (24) have 54 between them. It can be assumed that Binyamin Netanyahu almost certainly wants to renew his party's historic alliance with the two orthodox factions, the Ashkenazi Torah Party (6) and the Oriental Shas (7) – together 67, quite enough for a stable government.
Netanyahu seems to be determined to add Moshe Kahlon's new party too (10), as a kind of subcontractor for the economy. Together an imposing 77.
Who would be left outside? First of all, the Joint Arab Party (13), whose new leader, Eyman Odeh, would automatically assume the title of "Leader of the Opposition" – a first for Israel. No Arab has ever held this title, with all its prestige and privileges.
Then there is Meretz (5), reduced to a small leftist voice. And then there are the two extreme rightist parties: the one of Naftali Bennett (reduced to 8) and the even smaller one of Avigdor Lieberman (now a mere 6).
Somewhere in between is the star of the previous elections, Yair Lapid, (now reduced to 11).
The initial prospect seemed to be a far rightist coalition, consisting of Likud, the two orthodox parties, the two far-rightist parties and Kahlon – altogether 67. (The orthodox refuse to sit with Lapid in the same government.)
These then, with minor variations, are the two options.
WHY DOES Netanyahu prefer – as it now seems – the National Unity option?
First of all, he detests his two co-rightists – Bennett and Lieberman. But you don't have to like someone in order to take them into your government.
A far more important reason is the growing fear of Israel's isolation in the world.
Netanyahu is now engaged in a ferocious fight against President Obama. He opposes the Iranian deal with everything he has. But this deal is also underwritten by the European Union, Germany, France, Russia and China. Netanyahu against the entire world.
Netanyahu has no illusions. There are hundreds of ways Obama and the European Union can punish Netanyahu. Israel is almost totally dependent on the US as far as weapons are concerned. It needs the US veto in the UN, and US subsidies also come in handy. The Israeli economy is also heavily dependent on European markets.
In this situation, it would be nice to have Isaac Herzog on board. He is the ultimate fig-leaf, a nice liberal leftist as foreign minister, son of a president, grandson of an Irish chief rabbi, well mannered, European looking, English speaking. He would pacify the fears of the world's foreign ministers, cushion Netanyahu's rough edges, prevent diplomatic crises.
Labor in the government would also block the deluge of anti-democratic bills which accumulated in the last Knesset. It would also halt the planned onslaught on the Supreme Court, Israel's last bastion against the barbarians. The leading group of Likud extremists make no secret of their intention to castrate the Court and to enact the bills they hold in store.
Labor might also mitigate the economic policies of Likud, popularly known as "swinish capitalism", which have made the poor poorer and the ultra-rich even ultra-richer. Housing might become affordable again, the decline of the health and education systems mighty be halted.
The prospect of becoming ministers again makes the mouths of some Labor functionaries water. One of them, Eytan Kabel, a close ally of Herzog, has already published a statement totally supporting Netanyahu's Iran policy, raising many knowing eyebrows.
The Labor Party has yet to take a critical position towards Netanyahu's Iranian stand. It only criticizes – halfheartedly, if not quarterheartedly – the Prime Minister's attacks on Obama.
ON THE other side, what's so wrong about a National Unity Government?
Well, first of all, it leaves the country without an effective opposition.
In order to function, democracy needs an opposition that develops alternative policies and provides a choice at the next elections. If all the major parties are in the government, what alternative forces and ideas can provide the necessary choice?
A cynic may remark here that the Labor Party was not much of an opposition anyway. It supported last year's superfluous Gaza War with all its atrocities. Its ally, Tzipi Livni, has dragged the Palestinian negotiations on and on without coming an inch nearer to peace. Labor's opposition to the rightist economic policies was feeble.
Truth is, Labor is not built for opposition. It was in power for 44 consecutive years (from 1933 to 1977, first in the Zionist Organization and then in the new state). To be "governmental" is deeply ingrained in its nature. Even under Likud governments, Labor was never a determined and effective opposition.
But for Leftists, the main objection to a Unity Government is exactly what may induce Netanyahu to install it: because it provides the big fig leaf.
Labor in the government will blunt all foreign criticism of Netanyahu's policies and actions. Israeli Leftists, who despairingly pray for foreign pressure on Israel, such as an all-inclusive boycott (BDS) and pro-Palestinian UN resolutions, will be disappointed. To get such a campaign moving, you need a far-right government in Jerusalem.
Under the National Unity umbrella, Netanyahu can continue to enlarge the settlements, sabotage the Palestinian Authority, conduct endless negotiations that lead nowhere, even make war from time to time.
After four such years, the Labor Party may cease to be an effective force in Israeli politics. Some might think that this is a good thing. With this degenerating force out of the way, a new generation of political activists may have a chance to eventually create a real opposition party.
PERHAPS THE decision on this will not be shaped in Jerusalem or Tel Aviv, but in Las Vegas.
I have a lurking suspicion that in reality Netanyahu takes his orders from Sheldon Adelson.
Adelson owns Netanyahu as much as he owns his casino in Macau or the US Republican party. If he wants to install a Republican president, in order to add the White House to his portfolio of assets, he needs to widen the chasm between the Obama administration and the Israeli government. This might cause US Jews to flock en masse to the Republican banner.
If this suspicion is true, Netanyahu will not really woo the Labor Party, but only use it as a trick to beat down the price his prospective far-right partners are demanding.
TWO JEWS are on a cruise.
In the middle of the night, one of them wakes the other: "Quick! Get up! The ship is sinking!"
The other only yawns. "What do you care? Is it your ship?

ABBIAMO DIMENTICATO SCIASCIA

Perché Sciascia è caduto nel dimenticatoio? di Aldo Giannuli (sito) AGORAVOX mercoledì 29 aprile 2015


A novembre scorso è caduto il 25° anniversario della morte di Leonardo Sciascia: pochissimi e freddi i ricordi, così come era stato 5 anni fa per il ventennale. Nelle librerie si fa fatica a trovare i suoi libri. Raro che il suo nome ricompaia in trasmissioni televisive o che siano dati i film tratti dalle sue opere.
In parte questo è da attribuire ai meccanismi perversi dell’industria culturale degli ultimi anni: un autore defunto ormai non interessa un editore, che, a meno che l’autore non sia nei testi scolastici, punta al “nuovo Manzoni” da lanciare ogni anno, e dal quale si spera il grande boom –sin che dura-.
E’ la logica con la quale una ventina di anni fa si affacciò un nuovo grande astro della nostra letteratura: Susanna Tamaro (sic!!). Mentre moltissimi autori di notevole livello del Novecento finiscono dimenticati: da Montale a Morselli, da Bacchelli a Moravia e Morante (ma in questo ultimo casi non è un danno) da Bufalino a Fortini, da Brancati a Volponi, da Calvino appunto a Sciascia.
C’è anche una precisa ragione di strategie editoriali: la Sellerio, ad esempio, attualmente si rivolge ai lettori con Camilleri, per cui Sciascia gli toglierebbe spazio. In fondo, se Camilleri è “il nuovo Sciascia” che ce ne facciamo di quello vecchio? Camilleri merita e molto, ma perché non rilanciare Sciascia con una promozione accoppiata? Quindi in parte questo è il tritacarne editoriale a produrlo. Ma nel caso di Sciascia c’è qualcosa di più preciso.
Si ricorderà che, nel 1987 Sciascia scrisse un famoso articolo: “I professionisti dell’antimafia”, che provocò una polemica furibonda, nella quale fu investito da dissensi ed autentici insulti, soprattutto da parte di Repubblica, ma anche di altre testate e difeso dal solo Corriere che aveva pubblicato il pezzo. La storia è oggi ricostruita puntualmente, anche sulla base di quattro lettere inedite di Sciascia, da Nico Perrone “La profezia di Sciascia” edizioni Archinto, Milano 2015, che ricorda come il titolo, per la verità, era ingannevole (non lo aveva scelto l’autore, ma era, come di consueto, un redazionale) mentre l’articolo si occupava solo marginalmente della nomina di Borsellino a capo della procura di Marsala, che fu il cuore della polemica. Come si ricorderà, nell’articolo, Sciascia esprimeva dissenso nei confronti del Csm che aveva preferito il meno anziano (professionalmente) Borsellino, a due suoi colleghi, sulla base di un diverso criterio, come la sua particolare competenza in materia di processi di Mafia (esperienza professionale che, invece, mancava agli altri due) e, anche se la Procura marsalese non di sola Mafia avrebbe dovuto occuparsi, questa era una scelta che il Csm poteva fare legittimamente, perché non c’era una norma che lo impedisse stabilendo come unico criterio l’anzianità, tanto è vero che gli altri due non proposero ricorso al Tar.
Ma, al vecchio gentiluomo garantista, questo parve una scelta discutibile e lo scrisse, magari con un certo candore (politicamente Sciascia, che era letterato finissimo, era un ingenuo), dato che, con ogni probabilità, il criterio dei processi di Mafia era solo il trasparente velo che copriva gli accordi di corrente ed il consueto mercato nel Csm. Anche se va detto che, nel merito, la scelta non era stata affatto infelice, perché la scelta era caduta su un magistrato di grande livello.
Peraltro, Sciascia non diceva nulla di negativo su Borsellino, faceva solo una questione di correttezza e, se vogliamo, di stile.
La reazione fu assolutamente spropositata e Sciascia aggredito in modo incivile, gli si diede persino del “quacquaraquà” e quasi del complice di Mafia. Sciascia ne fu colto di sorpresa, ma tanta ingiustificata violenza verbale (che, a distanza di 28 anni dovrebbe procurare qualche rossore a chi sostenne quella controversia usando certe parole) c’erano due cose che Sciascia non considerava.
La prima era il suo allontanamento dal Pci, che provocò una reazione di forte antipatia, anche da parte di chi lo aveva precedentemente sostenuto. Nel 1979 Sciascia disse che, nei giorni del rapimento di Moro, Berlinguer gli avrebbe confidato (non sappiamo con quali precise parole) di temere che dietro le Br ci fossero i cecoslovacchi (cosa peraltro scritta nell’immediatezza del fatto da “Op”), Berlinguer aveva dato querela, Sciascia aveva chiesto la testimonianza del suo amico Guttuso, che era presente al colloquio e che invece, da militante comunista, lo smentì. Seguì la rottura personale fra i due intellettuali siciliani, perché lo scrittore di Racalmuto ritenne che più forte della disciplina di partito avrebbe dovuto essere il senso dell’onore (dicevamo, appunto, che egli era un ingenuo). Poi, Sciascia accettò la candidatura dei radicali tanto per il Parlamento Nazionale quanto per quello europeo (1979) e proprio nel momento di massima acutezza dello scontro fra Pannella ed il Pci. La cosa venne considerata come un tradimento dai comunisti che lo avevano eletto consigliere comunale a Palermo quattro anni prima. Il rispetto laico dell’altrui dissenso non è mai stata la migliore qualità del Pci e non lo fu neanche in quella occasione.
Dunque, nella seconda metà degli anni ottanta, mentre il Pci affrontava la sua peggiore stagione, Repubblica, diretta da Scalfari, puntava le sue carte proprio sul Pci –che ci si augurava diventasse un partico liberale, come poi accadde effettivamente- nella sua battaglia contro Craxi ed Andreotti. E per la proprietà transitiva, Sciascia, “nemico” del Pci, lo divenne anche del giornale di piazza Indipendenza. E questo era il primo fattore che sfuggì all’autore di “A ciascuno il suo”; il secondo fu che non percepì la nascita di quella autentica sciagura nazionale che fu il “partito dei magistrati”. La cosa divenne evidente qualche anno dopo con “Mani pulite”, ma quando Sciascia scrisse quello sfortunato articolo, la convergenza della sinistra verso la magistratura era già iniziata, proprio sul terreno della Mafia e grazie alla figura atipica di Falcone, scambiata per emblematica dell’intera categoria che presentava (e presenta) ben altre caratteristiche. La posizione di Sciascia era nel merito non condivisibile (almeno per quel che mi riguarda), perché la nomina di Borsellino poteva benissimo andare, ma non c’è dubbio che avesse diritto di esprimere quel, peraltro garbato e limitatissimo dissenso.
Di colpo ci si dimenticò di quello che Sciascia aveva fatto per oltre un ventennio (a partire dal “Giorno della civetta”) per far capire all’Italia che la Mafia esisteva davvero, mentre ancora troppi giornali ed autorità di governo si affannavano a negarlo, come fosse fatta e come stesse cambiando. Sciascia e Pantaleone furono decisivi anche per sradicare l’idea che la Mafia fosse solo una manifestazione di arretratezza, che sarebbe stata debellata con la modernizzazione dell’Isola, perché si stava modernizzando anch’essa. Ci aveva dimostrato (con “Il contesto” e poi “Todo Modo”) come il potere stesso si stesse criminalizzando ed assumendo forme di tipo mafioso, come la Mafia stesse risalendo la penisola invadendola (con “La Palma va a Nord”, che riletto oggi ci appare una predizione straordinaria di quel che ora vediamo nei comuni del nord). Tutto questo non contò più nulla: la sofisticata scrittura neo illuminista e laica di Sciascia non era più adatta nell’epoca del populismo giudiziario. Ormai bisognava scegliere: o con i magistrati o contro ed a nessuno veniva in mente che magistrati e classe politica erano solo due facce della stessa medaglia, due pezzi della stessa classe dirigente che si stavano azzuffando per ragioni di potere. E l’immagine di Falcone, ormai assassinato dalla Mafia, era usata come simbolo improprio di una categoria assai lontana dalla sua tensione morale.
Tutto questo Perrone lo ricostruisce molto bene e con la sua consueta penna veloce e gradevole, ma credo servirà ad assai poco, perché il libro sta avendo vita grama e pochissime e striminzite recensioni. La damnatio memoriae di Sciascia persiste.
Per il pochissimo che può servire, ve lo segnalo.

IL MENEFREGHISMO DELL'ITALIA VERSO I MORTI COLPITI DA DRONI

Perché all’Italia non interessa degli italiani assassinati dai droni 


 
Vittime collaterali, inconsapevoli e innocenti, dell’ennesimo atto di una guerra unilaterale. Niente più eserciti contro eserciti, solo killer-robot contro uomini, donne, bambini. Il cooperante siciliano Giovanni Lo Porto, colpevolmente ignorato dalla politica con la P maiuscola, dalle istituzioni e dall’intero Parlamento italiano, è stato brutalmente assassinato in Pakistan in uno degli innumerevoli bombardamenti scatenati dagli stormi di droni Usa. “Si è trattato di un tragico e fatale errore dei nostri alleati americani, riconosciuto dal presidente Obama, ma la responsabilità della morte di Lo Porto e di un secondo ostaggio, lo statunitense Warren Weinstein, è integralmente dei terroristi, contro i quali confermiamo l’impegno dell’Italia”, il liquidatorio commento del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Nessuna colpa dunque per gli agenti Cia che hanno ordinato l’attacco, nessuna responsabilità politica per chi, a Washington - violando il diritto internazionale - ha promosso e legittimato l’uso dei droni, in un’escalation infernale verso la totale disumanizzazione dei conflitti.

I raid Usa contro le presunte postazioni delle milizie filo-al Qaida al confine con l’Afghanistan risalgono allo scorso mese di gennaio. Warren Weinstein, originario di Rockville, Maryland, direttore per il Pakistan della J. E. Austin Associates, era stato rapito a Lahore nell’agosto 2011, qualche giorno prima di rientrare negli Stati Uniti per la fine del contratto lavorativo con l’U.S. Agency for International Development. Giovanni Lo Porto era stato rapito invece nel gennaio 2012 a Multan, nella provincia centro-occidentale del Punjab, dove lavorava per la ong tedesca Welthungerhilfe” (Aiuto alla fame nel mondo), impegnata nella ricostruzione della regione colpita dalle inondazioni del 2011. Nel bombardamento in cui ha trovato la morte il cooperante siciliano, sarebbe rimasto ucciso anche un altro cittadino statunitense, Ahmed Farouq, ritenuto dalla Cia come uno dei maggiori leader di al Qaida in Pakistan. Pochi giorni dopo, sempre con un missile sganciato da un drone, è stato assassinato in Pakistan un terzo cittadino statunitense, Adm Gadahn, indicato come uno dei “portavoce ufficiali” di al Qaida. Secondo Washington, i militari Usa non erano a conoscenza dell’identità degli “obiettivi” spiati dai droni. “Sebbene Farouq e Ghadahn fossero membri di al Qaida, nessuno dei due è stato specificamente preso di mira, non avevamo informazioni che indicassero la loro presenza nei siti delle operazioni”, ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest. “L’autorizzazione al raid è stata data dopo centinaia di ore di sorveglianza; sulla base delle informazioni in nostro possesso, al momento dell’attacco nel compound controllato c’erano solo quattro militanti di al Qaeda, ma non ostaggi o civili pakistani”.

Il 20 gennaio 2015, una nota d’agenzia aveva rivelato che qualche giorno prima un drone Usa aveva attaccato un compound nell’area di Shahi Khel, nel Waziristan settentrionale, “causando la morte di almeno quattro persone”. La zona oggetto dei raid era già stata bombardata dai velivoli senza pilota statunitensi un anno prima; secondo Amnesty International, quegli attacchi nel Waziristan avevano causato la morte di “numerose persone non legate ad alcun tipo di attività terroristica”. Fonti dell’intelligence americana hanno confermato al New York Times che le operazioni dei droni-killer al confine tra il Pakistan e l’Afghanistan del gennaio 2015 rientravano nella categoria definita in ambito militare come signature strikes, cioè quei raid che vengono attuati sulla base non di informazioni certe sull’identità dei bersagli da colpire ma sulla base “del riscontro, attraverso attività di ricognizione ed intercettazione, di modelli di comportamento che vengono ritenuti conformi a quelli di una possibile organizzazione terroristica”. Cioè l’ordine a migliaia di chilometri di distanza di un omicidio extragiudiziale, già di per sé illegittimo e immorale, viene dato semplicemente sulla valutazione soggettiva di meri elementi “comportamentali” della vittima-target e non certo sulla raccolta di prove certe e inequivocabili sui suoi legami con il terrorismo internazionale.

In Pakistan i signature strikes della Cia (più di 400 solo nell’ultimo anno) hanno causato un numero impressionante di vittime tra la popolazione civile, tra i 556 e 1.128 morti secondo diverse ong internazionali, e ingentissimi danni ad abitazioni, scuole, ospedali. I droni hanno sganciato missili teleguidati contro feste religiose, banchetti nuziali e funerali, scambiando pacifici assembramenti di donne e bambini per campi d’addestramento delle milizie anti-governative. Le stragi hanno prodotto un forte risentimento tra la popolazione e le stesse autorità di governo pakistane. Già nell’ottobre 2012 l’allora ministro dell’Interno Rehman Malik aveva denunciato che appena un 20% delle persone uccise nei raid Usa erano militanti filotalebani o terroristi. Il 24 ottobre 2013, nel corso di un faccia a faccia con il presidente Obama, il primo ministro Nawaz Sharif aveva chiesto di porre fine agli attacchi di droni in territorio pakistano. Qualche tempo dopo Washington si era impegnata a sospendere gli attacchi nel 2014, comunque prima della data in cui si sarebbero dovute concludere le operazioni di guerra in Afghanistan.

Si scopre dal Wall Street Journal del 26 aprile che Barack Obama ha invece mentito deliberatamente al governo pakistano e all’opinione pubblica internazionale. Mentre infatti l’amministrazione Usa varava nel 2013 un regolamento più severo sull’impiego dei droni onde ridurre il rischio di vittime “non combattenti”, secondo il quotidiano economico “veniva approvata segretamente un’esenzione che ha concesso alla Cia più flessibilità in Pakistan rispetto che in altri paesi per attaccare militanti sospetti”. Sempre per il Wall Street Journal, “se l’esenzione non fosse stata in vigore per il Pakistan, alla Cia avrebbero potuto essere richieste più informazioni d’intelligence prima degli attacchi che hanno causato la morte di Warren Weinstein e Giovanni Lo Porto”.
Predator tricolore 
Il drone-killer protagonista delle sanguinose incursioni Usa nei principali scacchieri di guerra internazionali (oltre al Pakistan, l’Afghanistan, lo Yemen, la Somalia, la regione dei Grandi Laghi, il Mali, il Niger, la Libia, ecc.) è il Predator, armato con missili AGM-114 “Hellfire”, bombe a guida laser Gbu-12 “Paveway II” e Gbu-38 “Jdam” (Joint direct attack munition) a guida Gps. Nonostante sia dotato di sofisticatissime tecnologie di telerilevamento, il Predator non è in grado di distinguere i “combattenti” nemici dalla popolazione inerme. Pur essendo oggi tra i sistemi bellici più stigmatizzati dalle organizzazioni non governative umanitarie e dallo stesso Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, questi famigerati velivoli senza pilota sono ospitati dall’autunno del 2012 nella stazione aeronavale siciliana di Sigonella, sulla base di un’autorizzazione top secret del Ministero della difesa italiano che consente alle forze armate Usa di impiegarli nell’area nordafricana e nel Sahel.

Le forze armate italiane sono inoltre le prime in tutta Europa ad aver acquistato i Predatordall’industria statunitense “General Atomics”. Sino ad oggi questi droni sono privi d’armamento, ma si attende a breve l’autorizzazione del Congresso Usa per una loro conversione in velivoli-killer automatizzati. Il governo italiano ha pure candidato la base aerea di Amendola, Foggia, quale sede per la formazione dei militari europei nella gestione degli aerei senza pilota. Proprio ad Amendola, l’1 marzo 2002 è stato costituito il 28° Gruppo Velivoli Teleguidati per condurre le operazioni aeree con i Predator. Il battesimo di fuoco dei droni “italiani” avvenne in Iraq nel gennaio 2005, nell’ambito della missione “Antica Babilonia”. Nel maggio 2007 i Predator furono trasferiti pure nella base di Herat, sede del Comando regionale interforze per le operazioni in Afghanistan, dove hanno continuato ad operare ininterrottamente sino a qualche mese fa. Nel corso delle operazioni belliche contro la Libia di Gheddafi della primavera-estate 2011, i velivoli a pilotaggio remoto schierati ad Amendola ebbero un ruolo chiave nelle operazioni d’intelligence dell’Aeronautica italiana e dei partner della coalizione internazionale a guida Usa, volando complessivamente per più di 360 ore. Le ultime missioni all’estero risalgono allo scorso anno: due velivoli-spia sono stati schierati a Gibuti (Corno d’Africa), nell’ambito della missione antipirateria dell’Unione Europea “Atalanta”, mentre altri due Predator sono stati trasferiti nello scalo aereo di Kuwait City per operare a favore della coalizione internazionale anti-Isis in Iraq e Siria. Attualmente i velivoli senza pilota del 28° Gruppo di Amendola sono operativi in Kosovo a sostegno delle attività della forza militare internazionale a guida Nato (Kfor).

Per la loro flessibilità d’impiego, i Predator dell’Aeronautica italiana sono utilizzati pure in funzioni d’ordine pubblico, per il controllo delle frontiere e nelle controverse operazioni di “sorveglianza” delle imbarcazioni di migranti e richiedenti asilo nel Mediterraneo centrale (le ultime, in ordine cronologico, Mare Nostrum e Triton). L’“accordo tecnico” di cooperazione bilaterale Italia-Libia sottoscritto il 28 novembre 2013 dai ministri della difesa Mario Mauro e Abdullah Al-Thinni ha autorizzato l’impiego di mezzi aerei italiani a pilotaggio remoto in missioni a supporto delle autorità libiche per il “controllo” del confine meridionale del Paese. Grazie ai Predator, gli automezzi dei migranti possono essere intercettati quanto attraversano il Sahara, consentendo ai militari libici d’intervenire tempestivamente per detenerli in campi-lager o deportarli prima che essi possano raggiungere le città costiere. Nei giorni scorsi, tra le proposte più drastiche per “contenere” i flussi migratori nel Mediterraneo c’è stata quella dell’ex generale dell’Aeronautica Leonardo Tricarico, presidente della Fondazione ICSA: “impiegare i droni per distruggere i barconi nei porti libici”.

In Sicilia la capitale mondiale dei droni
Nel campo dei droni, l’Italia si è già conquistata una leadership in ambito internazionale. Nei piani delle forze armate Usa e Nato la base siciliana di Sigonella è stata prescelta infatti per fare da vera e propria capitale mondiale dei droni, cioè in centro d’eccellenza per il comando, il controllo, la manutenzione delle flotte di velivoli senza pilota chiamati a condurre i futuri conflitti globali. Oltre ai Predator, dall’ottobre 2010 Sigonella ospita anche tre o quattro aeromobili teleguidati da osservazione e sorveglianza RQ-4B Global Hawk dell’US Air Force. Lunghi 14,5 metri e con un’apertura alare di 40, questi droni possono volare in qualsiasi condizione meteorologica per 32 ore sino a 18,3 km d’altezza e a migliaia di km dalla loro base operativa. Alla iperdronizzazione delle guerre si prepara pure l’Alleanza Atlantica. Entro la fine del 2016 sarà pienamente operativo il programma denominato Alliance Ground Surveillance (AGS) che punta a potenziare le capacità d’intelligence, sorveglianza e riconoscimento della Nato. Il sistema AGS verterà su una componente aerea basata su cinque velivoli a controllo remoto “Global Hawk” versione Block 40, che saranno schierati anch’essi a Sigonella. L’AGS fornirà informazioni in tempo reale per compiti di vigilanza aria-terra a supporto dell’intero spettro delle operazioni nel Mediterraneo, nei Balcani, in Africa e in Medio oriente. Il nuovo sistema Nato potrà contare pure sul supporto dei velivoli senza pilota Sentinel in dotazione alle forze armate britanniche ed Heron R1 che la Francia ha prodotto congiuntamente ad Israele. Successivamente l’AGS s’interfaccerà con il programma d’intelligence Bams (Broad Maritime Area Surveillance) che la Marina militare Usa avvierà grazie all’acquisto dei nuovi pattugliatori marittimi P-8 Poseidon e dell’ultima generazione di droni-spia Triton della Northrop Grumman. Il 2 febbraio scorso, il Dipartimento della difesa ha chiesto al Congresso l’autorizzazione per l’anno fiscale 2016 a spendere 102.943.000 dollari per costruire nella base siciliana gli hangar e una serie di infrastrutture di supporto per i Triton e i Poseidon. Lungo 14,5 metri e con un’apertura alare di 39,9, il Triton potrà operare entro un raggio di 2.000 miglia nautiche dalla base di decollo, a un’altitudine massima di 18.288 metri e una velocità di crociera di 575 km/h. Il velivolo godrà di un’autonomia di volo tra le 24 e le 30 ore consecutive.

Come se ciò non bastasse, Sicilia e Sardegna sono state trasformate in poligoni dove sperimentare altri nuovi velivoli senza pilota d’attacco. Le società Piaggio Aereo Industries e Selex Es (Finmeccanica) utilizzano dal novembre 2013 la base del 37° Stormo dell’Aeronautica militare di Trapani Birgi per i test di volo del dimostratore P.1HH DEMO, l’aereo a pilotaggio remoto realizzato nell’ambito del programma denominato “HammerHead” (Squalo Martello). Con un’apertura alare di 15,5 metri, il drone può raggiungere la quota di 13.700 metri e permanere in volo per più di 16 ore. Il velivolo è stato dotato di torrette elettro-ottiche, visori a raggi infrarossi e radar “Seaspray 7300” che consentono d’individuare l’obiettivo, anche in movimento, fornendo le coordinate per l’attacco aereo o terrestre, o colpendolo direttamente con missili e bombe a guida di precisione (lo Squalo martello può trasportare sino a 500 kg di armamenti). I decolli e gli atterraggi a Trapani Birgi costituiscono un grosso pericolo per il traffico aereo passeggeri di quello che è oggi uno dei principali scali low cost europei e per le popolazioni delle vicine città di Trapani e Marsala. Il 19 marzo scorso si è pure sfiorata la tragedia: un prototipo dello Squalo martello è uscito fuori pista durante le prove di rullaggio, terminando la sua corsa nel prato circostante. L’aeroporto di Trapani è stato temporaneamente chiuso e il traffico civile è stato dirottato a Palermo - Punta Raisi.

A fine marzo, nella base aerea sarda di Decimomannu è giunto il primo prototipo di robot-killer volante nEUROn, l’aereo senza pilota da combattimento coprodotto da Italia, Francia, Svezia, Spagna, Svizzera e Grecia, per intraprendere una serie di test operativi nel grande poligono militare di Perdasdefogu (Ogliastra). Il nEUROn è dotato di materiali con accentuate caratteristiche stealth che gli consentiranno di penetrare nello spazio aereo nemico senza essere individuato. Il drone è più grande di un normale aeromobile a pilotaggio remoto e possiede capacità di carico, autonomia e capacità di volo quasi simili a quelle di un qualsiasi caccia pilotato. Con un costo unitario superiore ai 25 milioni di euro, il nEUROn è lungo 9,2 metri e ha un’apertura alare di 12,5 metri. Il velivolo può raggiungere la velocità di 980 chilometri l’ora e volare per più di otto ore consecutive. Opererà a tutti gli effetti per colpire e uccidere a distanza grazie agli ordigni di precisione per gli attacchi aria-suolo a guida laser da 250 kg. Il drone verrà controllato da terra attraverso un datalink ad alta capacità e standard Nato. “Tramite questo datalink vengono inviati al velivolo i dati della missione, da lì in poi sarà l’intelligenza artificiale del nEUROn ad intraprendere tutte le necessarie azioni che permetteranno il raggiungimento dell’obiettivo”, spiegano le aziende produttrici. “Non vi sarà quindi un controllo diretto e continuo da terra e questo permetterà di mantenere un quasi assoluto silenzio radio, necessario per evitare l’intercettazione”. Il drone avrà inoltre le capacità di controllare a distanza, in modo automatico, le operazioni dei cacciabombardieri di ultima generazione prodotti in Europa, come il “Rafale” e il JAS 39 “Gripen”, consentendo così ai piloti d’intraprendere diverse azioni di combattimento contemporaneamente. Ancora più dei Predator Usa e degli Squalo martello Piaggio (Emirati Arabi Uniti), i nEUROn assumeranno tutti i contorni dei famigerati “LAR” (Lethal Autonomous Robotics), i sistemi d’arma robotizzati che, una volta attivati, possono selezionare e colpire un obiettivo in piena autonomia, esautorando l’operatore umano da ogni intervento.

“Se utilizzati, i LAR possono avere conseguenze di enorme portata sui valori della società, soprattutto quelli riguardanti la protezione della vita, e sulla stabilità e la sicurezza internazionale”, ha denunciato il Consiglio per i Diritti Umani dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite in un rapporto speciale pubblicato il 9 aprile 2013. “Raccomandiamo agli Stati membri di stabilire una moratoria nazionale sulla sperimentazione, produzione, assemblaggio, trasferimento, acquisizione, installazione e uso dei Lethal Autonomous Robotics, perlomeno sino a quando non venga concordato a livello internazionale un quadro di riferimento giuridico sul loro futuro”, ha aggiunto il Consiglio D.U. dell’Onu. “Essi non possono essere programmati per rispettare le leggi umanitarie internazionali e gli standard di protezione della vita previsti dalle norme sui diritti umani. La loro installazione non comporta solo il potenziamento dei tipi di armi usate, ma anche un cambio nell’identità di quelli che li usano. Con i LAR, la distinzione tra armi e combattenti rischia di divenire indistinta”. Un accorato appello che Washington, Parigi, Tel Aviv, Londra, Roma e adesso pure Bruxelles non intendono per nulla ascoltare.
 
Foto: Flickr (Autore: Pascal)
AGORAVOX

DANNI COLLATERALI DELLA GUERRA AL TERRORISMO

I "danni collaterali" delle guerre al terrorismo? 1,3 milioni di morti

Dal 2001, all'indomani dell'11 settembre, non sono cessate le "guerre al terrorismo" lanciate dagli Stati Uniti, nell'entusiasmo crescente degli alleati europei. Risultato: il terrorimo jihadista non è mai stato così forte, mentre le cartine geografiche politiche di Africa e Medioriente si dissolvono in scenari confusi ovunque un intervento armato occidentale abbia avuto luogo. Una specie di Re Mida al contrario, che rovina tutto ciò che tocca. 
Su l'Humanité Marc de Miramon, lo scorso 24 aprile prova a fare un difficile bilancio delle perdite civili nei Paesi toccati dagli interventi di questi anni. Le cifre sono a dir poco agghiaccianti e probabilmente aiutano a capire i repentini successi e il sostegno popolare non indifferente al montare dell'integralismo islamico militante, a sua volta da sempre in rapporti non limpidi coi governi occidentali e i loro alleati, usato come clava contro il panarabismo laico, salvo poi piangere quando le bombe arrivano in casa...
Ma veniamo alle cifre, quali emerse dal rapporto- purtroppo poco conosciuto - elaborato dall'Associazione internazionale dei medici per la prevenzione della guerra nucleare (premio Nobel per la Pace nel 1985), insieme a quelle dei Medici per la responsabilità sociale e dei Medici per la sopravvivenza global. L'analisi parte dalla constatazione che l'unico conteggio di una certa precisione è quello dei caduti americani sugli scenari di guerra, come d'altronde già era stato per il Vietnam.
In Iraq, i caduti in conseguenza dei più di dieci anni di conflitto (con diversa intensità) sarebbero un milione: ben più dei 110.000 ammessi dallo spesso citato Iraq Body Count, basato sull'incrocio di rapporti giornalistici; più vicino ai 600mila secondo la rivista medica internazionale Lancet (corrispondenti al 2.5% della popolazione del Paese). A questi andrebbero aggiunti i 200mila morti dovuti alla prima Guerra del Golfo, mentre la forbice delle vittime del successivo embargo è molto alta, fra i 500mila e il milione e 700mila. 220mila sarebbero secondo lo studio i morti in Afghanisthan e 80mila in Pakistan (molti per attacchi di droni).
Si va così a formare un totale che tocca i tre milioni di morti. Gli ultimi anni aggiungono poi nuovi scenari di guerra, diretta o per procura, come Siria, Libia, Niger, Yemen, oltre alle campagne USA con l'utilizzo di droni, che avvengono fuori del diritto internazionale e di ogni trasparenza, rendendo praticamente impossibile un bilancio delle vittime - volute o "collaterali" - di tali attacchi, di cui si giovano, pare anche altri Paesi NATO.
AGORAVOX