IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

domenica 31 maggio 2015

L'INFLAZIONE SECONDO IL CORVACCIO


I COMMENTI DEL PROFESSOR ATTILIO FOLLIERO

1. Prof. Attilio Folliero  su "I ROSSOBRUNI": 

Mi permetto di intromettermi in questa discussione, prendendo posizione a favore del gruppo redazionale di Milano. Entrambi gli schieramenti (il gruppo di Milano e l'editore Zambon) pongono al centro l'antifascismo; ma l'antifascismo si squaglia come neve al sole se si promuovono alleanze con settori di chiara origine fascista, qual è la cosiddetta destra sociale o "rossobruni" in nome di una alleanza tattica antimperialista. L'editore porta come esempio storico il "Patto di Salerno" che è precisamente alla base di tutti gli inciuci italiani; e' stata una scelta scellerata da parte di una dirigenza di un partito (PCI) che gia' allora aveva rinunciato ai principi del marxismo ed alla lotta di classe, fondata su interessi inconciliabili fra le classi sociali. Affermare che è necessario trovare alleanze per vincere l'imperialismo, perche' l'imperialismo non lo vinceremo mai da soli, significa precisamente rinunciare ai principi del marxismo ed ella lotta di classe. Inoltre ciò denota la assoluta mancanza della consapevolezza della forza del proletariato. Il proletariato non ha necessità di allearsi con altri settori, piccoli borghesi perchè è la classe maggioritaria; nel mondo gia' nel 2013 il numero dei proletari ha superato i due miliardi; se a questi aggiungiamo il sottoproletariato, altri miliardi di esseri umani, emarginati (nel mondo ci sono almeno un miliardo di esseri umani che vivono con meno di un dollaro al giorno) si comprende la forza di questa classe. Quello che manca è un partito di classe, a livello internazionale, mondiale. Chi guarda solo all'orticello di casa (Italia o l'Europa, che con i suoi 500 milioni di abitanti non rappresenta che il 7% dell'umanità) si guarda intorno e vede pochi "comunisti" e pertanto deduce che e' necessario allearsi con altri settori, altre classi sociali per vincere l'imperialismo statunitense ... mostra tutta la sua miopia. Da un lato mostra la sua incapacità di analisi della realtà (che deve essere il mondo nella sua totalità e non l'orticello europeo che non conta piu' niente a livello globale) e dall'altro commette l'errore di schierarsi con chi nei fatti non è anticapitalista e antimperialista; il fascismo è espressione del capitalismo; è lo strumento a cui ricorre il capitale quando si vede in pericolo. La "democrazia borghese e rappresentativa" è il miglior involucro del capitale (vedasi Lenin), ma quando il capitale si vede in pericolo ricorre al fascismo, alla dittatura (vedasi la storia d'Italia e della Germania successiva alla rivoluzione sovietica). Chi propone al proletariato alleanze con classi che non sono contrarie al capitalismo (Patto di Salerno, Compromesso storico, politica della concertazione ...) non sta facendo altro che ingannarlo; lo sta portando al macello, alla sottomissione. 

2. Prof. Attilio Folliero su "COMPRASI F35": 

Italia suddita! 
Serva Italia! 


Da anni sono impegnato a "lottare" a fare chiarezza sui mercenari dei diritti umani. come HRW e Amnesty International.... Sul tema mi permetto di invitare a leggere due miei articoli: "I mercenari dei diritti umani", Url: ttp://umbvrei.blogspot.com/2008/09/i-mercenari-dei-diritti-umani.html; "Amnesty International e le presunte violazioni dei diritti umani in Venezuela", Url: http://umbvrei.blogspot.com/2015/03/amnesty-international-e-la-presunte.html 

LA MENZOGNA SULLA STORIA: DI URI AVNERY

The Map on the Wall 


A FORMER cabinet minister, an intelligent person (nonetheless) asked me the other day: "Let's assume that your plan is realized. A Palestinian state will come into being side by side with Israel. Even some kind of federation. Then, in a few years, a violently anti-Israel party will come to power there and annul all the treaties. What then?"

My simple answer was: "Israel will always be powerful enough to forestall any threat."
That is true, but that is not the real answer. The real answer lies in the lessons of history.
HISTORY SHOWS us that there are (at least) two kinds of peace agreements. One kind, the stupid one, is based on power. The other, the intelligent, is based on common interest.
The most notorious of the first kind is the Treaty of Versailles that followed World War I.
It was signed four years before I was born, but as a child I was an eye-witness to its results.
It was a "dictated" peace. After four years of fighting, with millions of victims, the victors wanted to inflict the maximum of damage on the vanquished.
Large parts of Germany were separated from the Fatherland and turned over to the victors East and West. Huge indemnities were levied on Germany, which was already totally exhausted by the war.
Perhaps worst of all was the "war guilt" clause. The origins of the war were manifold and complicated. A Serbian patriot killed the Austrian heir to the throne. Austria answered with a harsh ultimatum. The Russian Czarist Empire, which saw itself as the protector of all Slavs, declared a general mobilization to frighten the Austrians off. The Russians were allied with the French. To prevent an invasion from both sides, the Germans, who allied to the Austrians, invaded France. The idea was to knock the French out before the cumbersome Russian mobilization was completed. Fearing a German victory, Great Britain rushed to the aid of the French.
Complicated? Indeed. But the victors compelled the Germans to sign a clause that indicted them as solely responsible for the outbreak of the war.
WHEN I went to school in Germany, there hung before my eyes a map of Germany. It showed the present borders of the Reich (as it was still called), and around it a prominent red line that showed the prewar borders.
This map hung in every class in every school in Germany. From earliest childhood on, every German boy and girl was daily reminded of the great injustice done to the Fatherland, when large chunks were torn from it.
Worse, every German child was taught that his or her father had fought valiantly for four whole years against a vastly superior enemy and surrendered only from sheer exhaustion. Germany had played only a minor role in the events that led to the war, yet the whole blame for the war was laid on it. So were huge "reparations" that ruined the German economy.
The humiliation of signing such an unjust treaty was a permanent sting, and became the battle-cry of Adolf Hitler's new National-Socialist party. The politicians who had signed the document were assassinated.
History has blamed the leaders of the victorious allies for their stupidity in dictating these terms, especially after the far-sighted American president, Woodrow Wilson, had warned against it.
Probably they had no choice. The terrible war had bred intense hatred, and peoples were thirsting for revenge. They paid for it dearly when Germany, under the leadership of Hitler, started World War II.
THE OPPOSITE example is provided by the Peace of Vienna of 1815, almost a hundred years earlier.
Napoleon's troops had overrun large parts of Europe. Unlike Hitler's Germany, Napoleon's France brought with it a civilizing message, but its troops also committed many atrocities. When France was exhausted and broke down, the victorious allies could easily have imposed on it the same punitive and humiliating terms imposed by their successors a century later. They did not.
Instead of treating France as a vanquished foe, they invited it to the table. Napoleon's ex-foreign minister, Charles-Maurice de Talleyrand, was welcomed as one of the leaders to shape the future of Europe.
The leading spirit of the Congress of Vienna was Klemens von Metternich, ably assisted by the British Lord Castlereagh. France was allowed to recuperate within a short time.
One of the great admirers of Metternich and his colleagues is Henry Kissinger. Unfortunately he did the opposite when he himself became the US Foreign Minister.
The "Concert of Nations" created by the Peace of Vienna established a solid system that kept Europe peaceful for almost a hundred years, with a few exceptions (like the Franco-Prussian war of 1870). The spirit of its founders shines today as an example of wisdom.
WORLD WAR II, the most terrible of all, could have ended with a second Versailles treaty. It did not.
After Germany's Unconditional Surrender, no peace treaty was signed at all. After the awful atrocities of the Nazis, no generous treaty was possible. Germany was divided, but instead of paying huge indemnities, it – incredibly – received huge sums of money from the victors, so it could rebuild itself in record time. It did lose a lot of territory, but a few decades later Germany became the leading power in a united Europe. Any major war in Europe is now unthinkable.
Winston Churchill and his partners had obviously learned the lesson of Versailles. They disproved the popular saying that nobody learns anything from history.
Even the new State of Israel behaved with a lot of wisdom – as far as Germany was concerned. The chimnies of Auschwitz had hardly stopped smoking when Israel, under the leadership of David Ben-Gurion, signed a treaty with Germany. Sadly, Ben-Gurion did not display the same wisdom facing the Arab world.
There was the moment of Oslo, when everything was possible. Martin Buber once told me: "There is a right moment for a historic act. The moment before it is wrong. The moment after it is wrong. But for one moment it is right." Unfortunately, Yitzhak Rabin did not recognize that. I doubt if he knew much about world history.
WHAT IS the lesson? Kissinger put it well in one of his books, before he became a war criminal.
It is this: Peace will hold only if all sides profit from it. Peace will not hold if one major side is left out.
At the moment of victory, the victor believes that his power is eternal. He can impose his terms and humiliate the enemy. But history shows that power changes, the strong of today may be the weak of tomorrow. The weak may become strong and take revenge.
That is the lesson Israel should absorb. Today we are strong, and the Arab world is in shambles. It will not always be so.
A peace treaty with Palestine and the Arab world will hold if it is wise and generous. Wise enough so the Palestinian people, or at least a great majority, will come to the conclusion that it is both worthwhile and honorable to keep it.
It is always good to have a strong army. Just in case. But history shows that it is neither strong armies nor an abundance of weapons that guarantees peace. It is the goodwill of all sides, based on self-interest.
And the wisdom of politicians – a rare ingredient, indeed.

LA DESTRA FRANCESE ORA SI CHIAMA LES REPUBLICAINS

Francia: la destra cambia nome e diventa Les Republicains

  •  
  •  Redazione Contropiano

Francia: la destra cambia nome e diventa Les Republicains
L’Unione per un movimento popolare (Ump), il maggiore partito di centro destra francese, ha ufficialmente cambiato nome. Dopo due giorni di assemblea nazionale, i conservatori francesi hanno approvato con l’83 per cento di voti la proposta dell’ex presidente Nicolas Sarkozy di chiamare il partito Les Républicains, in un’operazione di rilancio in vista delle presidenziali del 2017.
Tuttavia il nuovo nome scelto dalla direzione del partito ha sollevato alcune polemiche nel paese, perché i francesi si riferiscono alla loro nazione come alla “repubblica”, e i leader socialisti in particolare, ma non solo, hanno accusato i conservatori di volersi appropriare di una parola che fa parte del linguaggio comune e del patrimonio simbolico di tutti i francesi. Alcuni hanno portato il caso in tribunale, ma la scorsa settimana la sentenza della corte ha dato ragione a Nicolas Sarkozy. Tuttavia il verdetto definitivo potrebbe arrivare tra un anno e cambiare le carte in tavola.
“Vorrei chiedere alla sinistra che ci vuole negare la possibilità di usare questo nome, che cosa ha fatto per la repubblica?”, ha detto Sarkozy dal palco, salutando i membri del congresso del suo partito. Sarkozy è tornato alla guida dell’Ump sei mesi fa e ha annunciato la sua volontà di ricandidarsi alle elezioni del 2017 dopo il buon risultato delle recenti elezioni amministrative.
Il partito sceglierà chi sarà il suo candidato il prossimo anno e Sarkozy dovrà vedersela con due avversari: l’ex primo ministro François Fillon e un altro ex primo ministro, Alain Juppé.

IL FILOSOFO DA TORTE IN FACCIA

Belgio. Torta in faccia a Bernard Henry Levy, il filosofo della guerra

Belgio. Torta in faccia a Bernard Henry Levy, il filosofo della guerra
Dire se l'è meritata è poco. A Namur il noto filosofo francese Bernard Henry Levy, l'uomo che ha invocato e sostenuto tutte le guerre di questi ultimi venti anni (dalla Jugoslavia all'Iraq, da Gaza all'Ucraina) in nome della supremazia dell'occidente, è stato contestato da una ventina di persone davanti alla chiesa di Saint Loup a Namur dove doveva partecipare ad una discussione con Jan Fabr. Il filofoso della guerra, nonostante le sue guardie del corpo,  è stato raggiunto da una torta in faccia ed ha gridato: "Basta sono stufo". Troverà sicuramente spazio e coccole sulle pagine del Corriere della Sera. Guarda il video

LA CAZZATA DEL TFR IN BUSTA PAGA

Tfr in busta paga. Un flop che fa sperare In evidenza

Tfr in busta paga. Un flop che fa sperare
Se bisogna farsi i conti in tasca, i lavoratori di questo paese mantengono ancora un briciolo di freddezza e consapevolezza. E' il primo pensiero che viene in testa davanti alla notizia che il numero di persone che hanno chiesto di ricevere direttamente in busta paga la quota di accantonamento per il tfr (la "liquidazione" che verrà corrisposta al momento del pensionamento o del licenziamento) è ben poca cosa.
Era una delle non molte misure che Renzi, o meglio lo staff che lo dirige, avevano escogitato per mettere subito un po' di soldi in tasca ai lavoratori dipendenti e dar loro quindi l'impressione che il governo faceva "aumentare i salari". Come per gli 80 euro, insomma, anche se quella piccola cifra - come quest'ultima - veniva immediatamente recuperata con gli interessi da una lunghissima serie di aumenti (prelievi Irpef regionali o comunali, ecc).
L'operazione Tfr in busta paga al momento ha raccolto l'adesione di meno dello 0,1% dei lavoratori: il calcolo arriva dalla Fondazione consulenti del lavoro. Su circa un milione di retribuzioni esaminate solo 567 dipendenti hanno chiesto all'azienda l'anticipo. E dire che la norma è entrata in vigore ad aprile, dando questa facoltà e bloccandola per almeno tre anni.

Era una norma con molti trucchi. Il principale lo abbiamo già detto (prendi subito pochi soldi che ti saranno utili più in là tutti insieme), perché sono sempre gli stessi soldi tuoi  e non un aumento del reddito. Il secondo era anche più sottile e meno visibile, per chi non è molto esperto di contabilità. Il prelievo fiscale sull'anticipo è infatti a tassazione ordinaria; quindi è conveniente solo per le fasce più basse di reddito, e nemmeno tanto, perché anche quei pochi spiccioli in più rischiano di farti "salire nello scaglione successivo", e quindi di subire una tassazione Irpef molto più pesante in percentuale.
La norma propagandata insomma come "più soldi in busta paga" è in realtà - come sempre, con Renzi - una fregatura per toglierti ancora una fetta di reddito. Solo che nello scambio tra più spiccioli subito, ma anche più tassazione subito, poteva passare inosservata. Così non è stato e quasi tutti (meno dello 0,1%) l'hanno capito.
Quei pochi spiccioli individuali valgono infatti, sul complesso dei lavoratori dipendenti italiani circa 20 miliardi l'anno. Si comprende perciò facilmente come anche un modesto aumento della tassazione individuale possa far confluire dalle tasche dei lavoratori a quella dello Stato cifre considerevoli; alcuni miliardi.
Il governo-truffatore ci aveva sperato proprio tanto. Nella relazione tecnica della legge stabilità il governo aveva ipotizzato che a regime, la norma potesse interessare circa il 40-50% dei lavoratori destinatari dell'operazione. Proprio in questi giorni - spiegano i consulenti - ''sono partite le elaborazioni degli stipendi di maggio 2015 da parte dei Consulenti del Lavoro su 7 milioni di dipendenti e oltre 1 milione di aziende. In questa prima fase sono stati analizzati i dati delle grandi aziende (che mediamente occupano più di 500 dipendenti) e nei prossimi giorni l'analisi si sposterà sulle micro imprese. Dopo questa prima fase di elaborazione di quasi un milione di stipendi il risultato sulla liquidazione in busta paga del Tfr riguarda solo 567 lavoratori, ossia circa lo 0,05%''.
Il 25% dei pochissimi richiedenti ha redditi fino a 20.000 euro, il 50% fino a 30.000 euro mentre appena il 6,25% lo ha chiesto avendo redditi superiori a 40.000 euro annui. Solo il 10% di coloro che hanno chiesto l'anticipo ha tolto il Tfr da un fondo pensione. Niente da dire: siamo tutti capaci di fare due conti, anche chi probabilmente ha più bisogno anche di pochi spiccioli in più ogni giorno.
Da un'intervista a un campione significativo di coloro che hanno deciso di non chiedere l'anticipo emerge che la decisione è stata dettata prevalentemente dalla penalizzazione fiscale (il 60% ha risposto che ha deciso di non chiederlo perchè la tassazione ordinaria è troppo penalizzante). Il 16% considera sbagliato togliere il Tfr dal fondo pensione mentre il 20% non ha ancora valutato adeguatamente.
"I consulenti del lavoro all'indomani dell'approvazione dell'operazione 'Tfr in busta paga' - afferma la presidente del Consiglio nazionale, Marina Calderone - avevano preventivato una scarsa adesione. Oggi ne abbiamo la conferma è il dato non ci stupisce. Questo insuccesso e' l'ennesima dimostrazione che la politica ha spesso la percezione delle esigenze del mondo del lavoro ma non è in stretto contatto con chi parla tutti i giorni con lavoratori e imprese''.
I consulenti del lavoro, va sottolineato, condividevano appieno la logica del governo; semplicemente erano poco fiduziosi nella "struttura tecnica" del provvedimento, specie per quanto riguarda la maggiore tassazione al salire dello stipendio. E infatti si mettono a disposizione del governo steso per "consulenze" più esperte. NOi invitiamo dunque a diffidarne...
In conclusione. Il flop testimonia di una consapevolezza dei propri interessi che può anche far ben sperare sul piano conflittuale. Ora si tratta di dar corpo, anima, organizzazione adeguata a questa embrionale consapevolezza di "indipendenza" - fondata su interessi concreti, non su opinioni labili - per farla diventare opposizione vincente.

TI CONTROLLO CON IL CALCIO

coppa
rebelion.org
La nascita del calcio moderno è strettamente legato ala nascita dello stato parlamentare borghese ed ai primi passi del sistema economico capitalista alla fine del XVII secolo e inizi del XVIII in Inghilterra. In questo modo, la configurazione delle regole di questo sport ed il consenso che ne deriva, sono il risultato della filosofia propria del sistema appena creato, dove si incontrano diversi gruppi politici per competere al potere parlamentare sottoscrivendo delle regole concrete sotto la supervisione di un giudice.


Gli artefici di questa trasposizione di valori sono stati gli studiosi degli elitisti della ‘public shcools’ britannici, che diedero all’ attuale ‘re degli sport’ la forma che ha oggi all’adottare regole comuni per poter competere a livello nazionale tra le squadre legate ai propri centri educativi.
Ma fu solo grazie alla classe operaia britannica che il calcio si professionalizzò e si estese, arrivando a tutte le colonie e porti con presenza britannica nel XIX secolo.  La rapida espansione si deve, tra le altre cose, a la scarsità di mezzi che richiedeva la dinamica del gioco, dove solo serviva un pallone (o qualcosa che possa sembrare sferico) e alcune delimitazioni che facessero le veci della porta.

Una religione mediatizzata
Attualmente questo fenomeno genera potenti comunità vertebrate da sentimenti identitari collettivi che gestano intorno a diversi clubs del mondo, riaffermandosi in ogni partita attraverso una serie di azioni di massa che possono essere ben classificati come riti sociali. Diversi autori fanno notare il parallelismo dei luoghi comuni che condividono il calcio e i riti religiosi.
Partendo dagli studi realizzati da Émile Durkheim sulle religioni primitive agli inizi del XX secolo, si intende che la ragion d’essere delle diverse religioni, presenti in tutte le civiltà conosciute, è quella di giustificare la forma sociale della quale a sua volta ne è il risultato. Tutti i riti religiosi compiono in questo modo una funzione unificante della comunità che li praticano. Questi riti solitamente consistono in atti di comunione congiunta dei suoi membri con entità sovra-terrene., che costituiscono in fine una specie di omaggio e riaffermazione della propria comunità e della propria struttura sociale.
In coincidenza con le rivoluzioni liberali, dove si elimina la grazia di Dio come giustificazione principale del potere, cominciò in occidente una progressiva, anche se limitata, perdita di autorità politica del cristianesimo, sostituita da diverse forme di culto “laico” della società. Uno di questi è il fenomeno sociale del calcio.
Durante il rito calcistico, le tifoserie realizzano un atto di comunione quasi religioso, esprimendo devozione nei confronti del proprio club durante la stagione di calcio ordinaria e alla propria nazione quando gioca la formazione dei rispettivi paesi. Sia in un caso che nell’altro, gli individui approcciano con l’ideale che li unisce affidandosi in questo modo alla comunità alla quale appartengono.
Sono diversi gli elementi condivisi dai riti religiosi e calcistici, dove la comunità rafforza e riafferma il sentimento che si ha della stessa. In ogni culto religioso è necessario, in primo luogo, separare gli atti sacri dai profani, configurando un calendario liturgico per la quotidianità dei fedeli. I fine settimana sono i giorni eletti sia per andare a messa che generalmente per andare allo stadio.
In secondo luogo, la rottura con la vita profana deve estendersi anche nella sua dimensione spaziale. Una cerimonia religiosa può essere svolta solo in spazi sacri e appositamente preparati per questa. Attualmente, i tempi del calcio emergono solenni nelle città simbolizzandone l’importanza politica ed economica, così come la grandezza dello stesso club.  Al loro interno, il terreno di gioco, così come il presbiterio cattolico, si investe come spazio sacro che può essere calpestato unicamente dagli ufficianti del rito, in questo caso i giocatori e l’arbitro. Questo spazio viene sottomesso a particolari attenzioni che lo rendono degno dell’importanza dell’atto: prato curato, pulito e adeguatamente annaffiato.
In terzo luogo, in tutti gli atti religiosi hanno luogo una serie di di azioni più o meno collettive e ripetitive, dove i fedeli esprimono la propria devozione verso l’istanza adorata.  Alzare le braccia, agitare le sciarpe, alzarsi dalle sedie o intonare canti sono espressioni collettive di venerazione verso il club e che rispecchiano una significativa somiglianza da quelle realizzate dai e dalle fedeli verso le rispettive divinità nei loro rispettivi templi.
Tutte le comunità religiose devono avere dei riferimenti storici che servano da esempio ai suoi integranti. La leggenda e il mito attorno a determinati giocatori per un club assomigliano alla tradizionale santificazione cristiana di personaggi storici. I santi costituiscono in questo modo autentici esempi di attuazione e di servizio verso la comunità religiosa, essendo stati canonizzati dalla realizzazione di determinati atti o gesta che contribuirono all’espansione del cristianesimo nel mondo.
Nel caso del calcio, i tifosi delle squadre ricordano giocatori emblematici le cui gesta sul terreno di gioco sono state determinanti nel conseguimento di titoli e glorie che ingrandirono il club. Il caso di Diego Armando Maradona è un chiaro esempio del vincolo esistente tra idolatria religiosa e calcistica: intorno a lui si formò la Chiesa maradoniana in Argentina, un culto di stampo parodico ma che comprende sentimenti reali verso la figura del calciatore. A Napoli fu santificato extra-ufficialmente dai tifosi del club.

Competitività, consumo e successo sociale
Come si può vedere, i legami tra rito religioso e rito sportivo sono noti. Durante la stagione di calcio prende inizio un culto dedicato alla competizione per il successo professionale (legato al successo sociale) che governa la società contemporanea basata sull'economia di mercato. Ma il calcio nella società attuale non è l'unico spazio di aggregazione collettiva che risponde a queste funzioni di coesione. Il modo in cui le persone consumano quasi tutti gli altri tipi di spettacoli, come il cinema, la musica e la televisione, si avvicinano in gran misura al culto religioso. Un esempio sono le diverse comunità di appassionati (fanatici) creati attorno a prodotti culturali generati dalle industrie dello spettacolo, dove gli integranti mostrano simboli identificativi incorporate in oggetti di merchandising di uso quotidiano o  realizzano autentiche mostre di devozione accudendo a cerimonie collettive come concerti , film, o il consumo simultaneo di capitoli di serie televisive.
In ognuno di questi campi è un luogo comune l’opera di santificazione delle figure più importanti, condotta dai mass media. Anche se gli antichi santi erano usati come esempi di comportamento ascetico, le celebrità moderne sono santificati esattamente per l'opposto, essendo esempi di opulenza e di comportamenti sociali legati al consumo, che costituiscono il carburante di un sistema sociale basato sulla sovrapproduzione.

In questo aspetto, sono disposte intorno al calcio autentici modelli di uomo per la classe operaia, soprattutto perché la maggior parte dei calciatori provengono dai settori più umili della società e hanno raggiunto la fama e il successo solitamente per competenze sul campo e per la dedizione. E ' particolarmente significativo che l’ industria mediatica dedichi tale privilegio all’unico posto che il sistema economico capitalista offre in cui la classe sociale non determina il successo nella carriera.
I mass media portano a termine questo lavoro di glorificazione di campioni, che investiti come modelli autentici della vita nella società dei consumi, come esempi di virilità, di auto-superamento e lavoro.
Dal settore della pubblicità ai telegiornali, ci vengono continuamente mostrate le gesta di questi superuomini in campo e, ogni volta di più, le telecamere si introducono nella loro vita quotidiana per mostrare l'opulenza in cui vivono, le donne bellissime che hanno o la nuova auto che hanno acquisito. Il telespettatore medio della classe operaia vedrà così che un suo simile è arrivato alla cima del successo sociale con i propri mezzi, essendo egli stesso l'unico responsabile delle loro condizioni socioeconomiche
Il mito attualmente generato da giornalisti sportivi e aziende pubblicitarie intorno al calciatore Cristiano Ronaldo è il miglior esempio di questa strategia mediatica. Il marchio sportivo Nike sfrutta da anni la sua immagine come modello di mascolinità e professionalità. "Le mie aspettative sono meglio delle tue" è stato lo slogan lanciato dal brand nel 2009. Una gigantesca immagine del giocatore esultando per un gol con il torso nudo appariva praticamente in ogni fermata metropolitana di Madrid, ricordando ai milioni di lavoratori che usano  i mezzi pubblici come siano ancora lontani dal successo sociale e professionale. Il consumo diventa quindi l'unico modo possibile per emulare il superuomo che non sono stati in grado di essere.
Il prato politicizzato
Ma quello di cui abbiamo parlato è solo uno degli aspetti attraverso i quali il calcio diviene uno spazio per la disputa politica per il potere e il controllo sociale. È necessario ricordare che il calcio costituisce un'allegoria del combattimento in cui due comunità perfettamente identificate si affrontano attraverso il gioco, che permette di svolgersi senza rischiare l'integrità fisica dei partecipanti. Nella dimensione di fenomeno di massa, questo sport canalizza impulsi aggressivi della società attraverso l'elemento mimetico che costituisce il gioco competitivo su prato, essendo un luogo ideale per soddisfare le pretese di accrescere il potere così come riaffermazioni dell’autorità stabilita.

Il fascista Benito Mussolini è stato tra i primi leader politici a vedere nel calcio un importante strumento di propaganda. Dedicò grandi sforzi per costruire stadi monumentali e organizzare grandi eventi sportivi, al fine di dimostrare la potenza della nuova Italia.

Attualmente, questa strategia è un modello di base della politica globale, che si reggono su simili pretese imperialiste. Basta notare il modo in cui gli stati nazionali scaricano sul prato il loro orgoglio nazionale, o il modo in cui competono in precedenza per ospitare i mondiali, mostrando il loro livello organizzativo e il loro potenziale di sviluppo per il gli investimenti stranieri. Si producono violenti sgomberi di gente povera nei centri delle città, o ingenti investimenti di capitale pubblico nella costruzione di infrastrutture che daranno enormi profitti alle elite economiche locali e straniere.

In questi campionati, il calcio funziona come un elemento di coesione. Nel caso della Spagna, dopo l'esito della Coppa del Mondo in Sud Africa 2010 non passò molto tempo prima di sentire dai mass media allegorie riguardo il gran potere che potrebbe avere una Spagna unita nel campo della politica globale, essendo l’unione un requisito vincolante per uscire il prima possibile dalla crisi economica. Il complesso da impero smarrito che costituisce il nazionalismo spagnolo viene riflesso dai media col trionfo della selezione, rafforzando il senso di identità nazionale calmando a sua volta il clima socio-politico". Si nota un gran contrasto dalla saturazione mediatica dei mondiali del 2010 con il relativo silenzio dei media dopo che gli spagnoli vennero eliminati nel 2014 in Brasile.

Attraverso l’armamentario multimediale creato intorno ai trionfi della squadra nazionale, viene generato nella classe operaia una sorta di illusione collettiva di partecipazione allo stato-nazione, come sostituto. In ogni canale televisivo si creano talk show e programmi sportivi condotti da "esperti" che esaltano gli eroi del paese, plasmando uno spirito nazionale che integra i lavoratori, i datori di lavoro, e le istituzioni politiche. Grazie alla facilità che offre nel generare identità collettive, il calcio è un richiamo di massa senza eguali riproducendo le strutture di potere sociali e le diverse tensioni insite in loro.

Il calcio e la sessualità
Il calcio rappresenta uno dei grandi bastioni intoccabili di dominio maschile nella sua dimensione più tradizionale. Le glorie calcistiche sono sistematicamente negate alle donne anche se hanno sempre maggiore presenza negli stadi. Esse sono una minoranza, come gli omosessuali, condannate al silenzio più completo. L’associazione tra la virilità e la competizione attraverso il contatto fisico, che è la spina dorsale del culto di calcio, è logica conseguenza del contesto  filosofico morale-borghese in cui è stato sviluppato questo sport.
Come in ogni altro sport, viene eseguita la discriminazione delle donne a praticare insieme agli uomini, alludendo a ragioni di stampo biologistico. Senza entrare nel merito di una discussione di questo tipo, è sufficiente ricordare che il calcio è uno sport in cui le capacità fisiche si compensano con le capacità tecniche, l'intelligenza del giocatore o la giocatrice, la strategia e la coesione della squadra. Altrimenti sarebbe stato impensabile, per esempio, che una squadra come la squadra spagnola, composta per lo più di giocatori più bassi e relativamente sottili, conquistasse il titolo mondiale nel 2010, rispetto a squadre in gara come il camerun o la costa d’avorio che non hanno nanche raggiunto la seconda fase del torneo.

Argomenti di stampo evoluzionista prevalgono rispetto le teorie sociali nello spiegare perché le donne giocano a calcio peggio degli uomini e non sono degne di competere con loro. Sicuramente pensare al fatto che le donne fin dalla nascita partano da una posizione chiaramente svantaggiosa per questo sport (e praticamente qualsiasi altro) rispetto agli uomini a causa della costruzione sociale rigida che coinvolge ruoli di genere nei quali socializzano è più assurdo che pensare che le donne giocano a calcio perché Madre Natura (paradossalmente) così volle.

D'altra parte, il culto all’ ideale maschile su cui regge lo spettacolo calcistico comporta una sorta di divieto tacito sulla pratica a quegli individui la cui identità sessuale è percepita come una minaccia per i fondamenti della mascolinità tradizionale venerati in questo sport. Non è un caso che ci siano attualmente solo due giocatori professionisti attivi apertamente gay, Anton Hysén svedese e l’americano Robbie Rogers, entrambi giocano attualmente in USA. I casi più noti sono diventati pubblici dopo il loro ritiro, evidenziando l'incompatibilità della loro identità sessuale con la loro carriera.

Interpretando così, ogni partita di calcio professionale come una cerimonia quasi religiosa in cui la società realizza un culto abitudinario dei valori di competitività e mascolinità che governano il sistema socio-politico dominante, si capisce la difficoltà di un calciatore gay di affermarsi come elemento dissonante in un ambiente così mediatico, in cui sarà sottoposto ad un inevitabile giudizio dalla massa. Eppure, a poco a poco cresce il divario della FIFA grazie al coraggio dei giocatori stessi, che silenziosamente lottano per la loro libertà sessuale auspicando lo sviluppo di ulteriori iniziative che promuovono la normalizzazione dell'omosessualità nello sport. Tuttavia, questo è solo l'inizio di un percorso faticoso che comporta la necessità di ripensare i pilastri culturali su cui questo fenomeno di massa si basa.
16.12.2014
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di TORITO

PATTUGLIE NON ACROBATICHE

Tortoreto: scontro tra due aerei della pattuglia acrobatica. Caduti in mare FOTO

TORTORETO- Due aerei della pattuglia acrobatica che si stava esibendo prima delle Frecce Tricolori si sono scontrati nel cielo di Tortoreto precipitando in mare. Si tratta di due velivoli monoposto a elica. L’esibizione precedeva quelle delle Frecce Tricolori prevista per oggi 31 maggio alle 17 ad Alba Adriatica.
Un pilota ha effettuato l’ammaraggio e si è salvato. Ancora non si hanno notizie sull’altro pilota.
  • incidente frecce twitter 4

LA SINTETIZZAZIONE DEGLI OPPIACEI

Oppiacei da lieviti come per la birra

Sintetizzare oppiacei utilizzando i lieviti e un semplice kit. Ecco la strada della biologia sintetica per produrre composti di importanza medica, anche se non mancano i rischi. 
di Federico Baglioni  AGORAVOX
Produrre oppiacei e altri medicinali in modo semplice ed economico con un semplice kit, come quello che si usa per fare la birra in casa. Non si tratta di fantascienza, ma di una delle opportunità della biologia sintetica. In particolare un team di ricercatori dell’Università della California a Berkeley e della Concordia University a Montreal è riuscito a far produrre a lieviti ingegnerizzati la reticulina, un importante intermedio per la produzione di oppiacei. I risultati sono stati pubblicati sull’edizione on line di “Nature Chemical Biology”
Da tempo si parla della biologia sintetica, di possibili scenari apocalittici o di opportunità che sono almeno per oggi quasi un’utopia. Uno dei campi di maggior interesse riguarda la possibilità di far produrre a microrganismi alcuni composti utili per la salute umana, possibile alternativa all’estrazione dei principi attivi dalle piante.
Pensiamo per esempio alla morfina e alla sua produzione a partire dal papavero. Conoscendo la molecola che vogliamo ottenere è possibile ricostruire la via metabolica necessaria per la sua sintesi. La seconda parte delle reazioni necessarie era già nota, mentre ancora non si conoscevano i primi passaggi. Su questo si sono concentrati alcuni ricercatori che, dopo anni di lavoro, sono riusciti a ricostruire le reazioni per ottenere la reticulina, uno degli alcaloidi maggiormente presenti nell’oppio, precursore proprio della morfina e di altri oppiacei.
Il risultato più importante dei ricercatori? La messa a punto di un sistema per indurre il comune lievito della birra (Saccharomyces cerevisiae) a produrre la reticulina con un semplice kit. In altre parole, ora che la ricetta è stata trovata sarà possibile integrare un complesso macchinario di produzione di un composto dall’alto valore aggiunto in un sistema di coltivazione molto semplice che ha essenzialmente bisogno di zucchero come nutrimento.
Si tratta di lieviti OGM, in sostanza, che producono una sostanza di nostro interesse come se fosse birra fatta “in casa”. Certo non mancano questioni di natura etica e legale. Questioni che gli autori dello studio si sono posti fin da subito contattando esperti di sanità pubblica e politica della tecnologia e che, secondo un articolo di commento su “Nature”, riguardano innanzitutto la ridefinizione del quadro normativo e misure tecniche per prevenire l’uso illecito: per esempio i lieviti potrebbero essere progettati per vivere solo con un nutriente supplementare e si potrebbero effettuare appositi screening di DNA per definire quali sequenze sono utilizzabili per la produzione di morfina e altri oppiacei.
Va detto che questa strategia potrebbe essere un mezzo anch’esso per contrastare la produzione illegale di stupefacenti, anche se la prospettiva più interessante di questo studio è che è possibile indurre microganismi facili da coltivare a produrre non solo morfina e altri oppiacei, ma tantissimi altri farmaci e composti per terapie sempre più innovative, con costiproduttivi si spera sempre minori.
Crediti immagine: Sgt Pete Thibodeau, Wikimedia Commons

L'AUSTRIA LASCIA L'EUROPA?

AUSTRIA FUORI DALL’EUROPA: BUM!

AUSTRIA FUORI DALL’EUROPA: BUM!
maggio 29
15:012015
Fare il blogger dentro Matrix è strano (dovreste provare a passare dall’altra parte, sul serio). Il problema è che se le notizie, anche quelle con le implicazioni più devastanti vengono nascoste dai media mainstream allora fai fatica a credere che siano vere.
Ieri ho ricevuto una mail da Joe Black in cui mi si chiedevano numi su una “piccolissima” questione scovata da Maurizio Blondet l’8 Maggio 2015 (e siccome c’è grossa crisi e ho poco lavoro…. non avevo avuto tempo di leggerla)  su un sito Francese ovvero, daEffedieffetenetevi forte:
L’Austria voterà l’uscita dalla UE
Eppure, segni del risveglio popolare, di fine della passività, si notano. A volte senza far rumore. Il 7 gennaio 2015, un progetto di iniziativa popolare (Volksbegehren) sulla uscita dalla UE è stato accettato dal ministero austriaco dell’Interno. Anche se questa speciale forma di democrazia diretta è prevista dalla legge fondamentale austriaca, non è stato facile: la prima raccolta di firme (diecimila) è stata ritenuta ininfluente dalla Corte costituzionale. Una seconda raccolta, con firme raddoppiate, non ha potuto più essere gettata nel cestino. Sicché, tra il 24 giugno e il primo luglio prossimo, per otto giorni, tutti gli austriaci potranno iscriversi sulle liste ufficiali del loro comune per esprimere ufficialmente, con la loro firma, la loro volontà di uscire dalla UE.
Qui sotto, un estratto del testo ufficiale dei promotori dell’uscita dalla UE:
• Solo l’uscita dalla UE ci permetterà di sfuggire ai famigerati accordi transatlantici di libero scambio tra UE ed Usa (TTIP) e Canada (CETA).
• L’Austria recupera una parte minima dei miliardi di euro annuali che servono alla ‘promozione’ della UE. Per questi pagamenti annuali, noi siamo contributori netti da venti anni.
• L’Austria non ha nemmeno il ‘diritto’ alla co-decisione sull’utilizzo di questi fondi.
• A conti fatti, l’appartenenza alla UE dopo 20 anni è un affare in perdita per l’Austria, ha condotto a diminuzioni delle prestazioni sociali e degli investimenti pubblici in favore della popolazione.
• Se esce dalla UE, l’Austria non economizzerà solo i pagamenti annuali in qualità di contributore, ma anche i diversi «fondi di salvataggio per l’euro».
• Le obbligazioni di deposito (che valgono miliardi di euro) per il Meccanismo europeo di stabilità e le enormi garanzie per il Fondo europeo di stabilità finanziaria (EFSF) sarebbero cancellate.
• L’Austria potrebbe reintrodurre la sua moneta e condurre una politica monetaria che serva anzitutto alla sua economia nazionale.
Ed ecco la conclusione del testo:
«Vogliamo di nuovo vivere in un Paese libero e neutrale senza essere una ‘colonia’ di Bruxelles e di Washington. Non vogliamo essere trascinati in conflitti all’estero che non ci riguardano affatto e sono un vero pericolo per la pace. Fermiamo subito queste pretese, altrimenti sarà troppo tardi».
È una comunicazione per una cittadinanza matura, istruita e consapevole — tre caratteri che sfuggono all’italiota. Tuttavia, ai nostri oppressori converrà ricordare il detto di John F. Kennedy: «A forza di soffocare le rivoluzioni pacifiche, si rendono inevitabili le rivoluzioni violente».
Bum!
Francamente appena ho letto l’articolo del Direttore ho pensato che avesse preso un granchio. Ma come, gli Austriaci saranno chiamati a votare sull’Europa e nessuno ne sa niente, ne in Italia ne a cercare in italiano e in inglese su Google o altri motori di ricerca?
Fortunatamente un tedesco molto rudimentale lo conosco (cioè sto ritagliando francobolli di tempo per studiarlo, in Svizzera è molto utile) e dunque ho trovato la notizia, segnatevi questo link:
Ovvero il sito del comitato promotore dell’Iniziativa Popolare che impegna il Parlamento Austriaco a discutere una legge per l’Uscita dell’Austria dall’Europa.
Si tratta di un Volksbegehren ovvero di una procedura costituzionale austriaca che se ho capito bene funziona così: (e qui amici miei chiedo il vostro aiuto, cercate tutte le notizie utili sull’argomento e postatele nei commenti per favore).
  1. Un gruppo di cittadini austriaci raccoglie un certo numero di firme per proporre una iniziativa popolare e sottopone il quesito al Ministro degli Interni e alla  Corte Costituzionale Austriaca, il quesito viene vagliato nella sua ammissibilità costituzionale e nella sua rilevanza per i cittadini (numero di firme, 20.000 in questo caso)
  2. Se il quesito passa al vaglio della Corte Costituzionale viene stabilito un periodo di 8 giorni in cui i cittadini austriaci (anche all’estero) possono andare presso comuni e ambasciate a registrarsi e firmare in favore dell’iniziativa popolare.
  3. Se vengono raggiunte le 100.000 firme (su 8,47 milioni di cittadini) allora l’iniziativa popolare è valida
  4. Il Parlamento a questo punto deve discutere della iniziativa popolare nella forma di una proposta di legge in via prioritaria. Cioè a differenza della RIDICOLA iniziativa popolare (fascio-comunista) itaGliana in questo caso il Parlamento Austrico DEVE almeno discuterne (e in seduta pubblica).
Purtroppo la democrazia diretta austriaca non è forte e compiuta come quella svizzera e dunque le Iniziative Popolari (Volksbegehren) non hanno una forza di legge che impegna il parlmento a eseguirle.
da Wikipedia sulle procedure democratiche in Austria

DIRECT DEMOCRACY

Austria’s legal system distinguished between three different instruments of direct democracyreferenda(Volksabstimmungen), popular initiatives(Volksbegehren) andnational opinion polls(Volksbefragungen).[10]
A referendum on a bill is to be held if a majority of the National Council’s members demand it or by a resolution of the President, which has to be counter-signed by all members of government. Also, substantial changes to the constitution always require a referendum, while changes to parts of the constitution only require a referendum if at least one third of the members of the National Council or if the Federal Council demands it. The result of a referendum is binding and the bill in question is not passed into law if a majority votes against it. Until now there have been two referenda in Austria, the most recent being on its entry into the European Union.[11]
Popular initiatives can start a legislative process: if a popular initiative is signed by at least 100,000 registered voters, the National Council has to consider it. It takes precedence over all other matters on the National Council’s agenda.[12] As of 2010, 32 initiatives have taken place since their introduction in 1963.[10]
National opinion polls or consultative referenda are held, unlike referenda, before the National Council passes a law. Its results are not legally binding and as of the date of writing, no national opinion poll has occurred.[13]
Concludo dicendovi una cosetta: conosco gli Austrici, li conosco molto bene per questioni che riguardano le mie origini familiari, e credetemi, sono il popolo europeo con lo spirito più libero (e libertario) che esista. Non a caso hanno (ancora, e dovranno lottare per mantenerlo) scritto nella loro costituzione il diritto al segreto bancario. Sotto traccia e nemmeno troppo in Austria sta divampando un odio viscerale verso le ingerenze europee, Haider non fu un “incidente della storia” e mi aspetto che dall’Austria e dai suoi cittadini esploda la critica più radicale e vincente alle urne verso Euro e Europa. Non dalla socialista Francia (ma come vi è venuto in mente?) o dalla opportunista Inghilerra . Proprio dall’Austria di cui nessuno parla. Scommettiamo?
p.s. la NOTIZIA è che la Corte costituzionale Austriaca  HA FATTO PASSARE IL QUESITO!  Incredibile che la questione sia sotto una gigantesca cappa di silenzio europoide.


Aggiornamento: Grazie ad un mio amico austriaco, mk, ho ricevuto qualche informazione in più sul valore delle consultazioni popolari in Austria
La consultazione popolare a livello nazionale (Volksbefragung) – non binding, è una “raccomandazione” al parlamento
Referendum (Vokksabstimmung) – Vincolante !
Petizione Popolare (Volksbegheren) – Vincola il parlamento a discutere di un disegno di legge in proposito con massima priorità o in alternativa (per iniziativa del parlamento) proporre un Referendum vincolante sul quesito.
(nota di fk: tra il 24 giugno e il 1 Luglio si svolgerà questo tipo di consultazione (Volksbegheren: Petizione Popolare) su una proposta di legge per l’uscita dell’Austria dall’Europa. Attenzione NON solo dall’Euro ma proprio dall’Unione Europea. Che io sappia è la prima proposta in questo senso fatta a norma costituzionale da un paese dell’Eurozona)
In questo caso si parla di Petizione Popolare (Volksbegheren). Se la petizione raggiunge 100.000 adesioni nella settimana allora vincola il parlamento a proporre e discutere immediatamente (prioritariamente rispetto ad ogni altra legge), un disegno di legge che implementi le richieste della petizione popolare. Ovviamente il parlamento può anche rigettare.
Mi pare che sia un meccanismo simile alle “leggi di iniziativa popolare” in Italia ? Con la differenza che in Austria non possono essere insabbiate.
(nota di fk: la differenza fra le “leggi di iniziativa popolare” e i “Volksbegheren” sta nel fatto che questi ultimi vincolano il Parlamento a discutere in via assolutamente prioritaria la legge in questione ed eventualmente a rimandare il quesito al popolo sotto forma di un referendum vincolante. Non conosco abbastanza bene la politica austriaca per prevedere cosa accadrà. Di certo però la questione dell’uscita dell’Austria dall’Unione Europea, se verranno raggiunte le 100.000 firme o molte di più, diventerà un argomento mainstream con conseguenze politiche e partiti che dovranno schierarsi sull’argomento)
p.s. questa notizia, comprensibilmente non è ancora riuscita a diventare mainstream nonostante le oltre 2200 condivisioni su facebook. Credo valga la pena che venga fatto un ulteriore sforzo di condivisione sui social. Grazie in anticipo per la vostra preziosa collaboraziose.


MAESTRA GONFIATA DI BOTTE DAL PAPA' DEL BAMBINO ABUSATO

Giochi sessuali all’asilo: e il papà picchia la maestra

Giochi sessuali all’asilo: e il papà picchia la maestra
maggio 30
08:322015
Treviso, 29 mag – A seguito di alcuni sospetti diabusi sessuali, maturati nel tempo e avvenuti presumibilmente tramite alcuni “giochi”, nella scuola in cui è iscritta la figlia, un padre ha deciso di farsi giustizia da solo recandosi presso l’asilo e picchiando la maestra sessantenne. Lei, stesa a quanto pare da un pugno sul volto, è stata trasportata con l’ambulanza all’ospedale di Treviso e poi dimessa riportando un sopracciglio escoriato.
Il fatto è accaduto ieri a Treviso e ci sono ancora poche informazioni in merito. Sembra che dietro l’aggressione del genitore ci siano motivazioni profonde che riguarderebbero presunti abusi sessuali degli insegnanti ai danni dei bambini: nello specifico, secondo le “voci” che si rincorrono da ieri, pare che alla base ci sia stato l’ennesimo gioco a sfondo sessualegli insegnanti avrebbero invitato i piccoli a spogliarsi completamente per mettere a confronto le differenze sessuali tra maschi e femmine. A confermare i sospetti ci sono alcune denunce fatte ai carabinieri  da alcuni genitori e altrettante contro denunce degli insegnanti per calunnie e diffamazione. I genitori degli altri bambini, dopo la giornata di ieri si sono schierati in due opposte fazioni: una solidale con il papà della bimba, un 26enne della zona, l’altra a difesa delle maestre e del loro operato.Una mamma ieri, a seguito di una riunione con maestre e dirigente scolastico, ha affermato: «Abbiamo denunciato che le maestre abusano dei minori e fanno dei giochi di natura sessuale. Questo è un asilo non un luogo per film porno. Mia figlia mi ha raccontato che la facevano spogliare, poi si facevano toccare a vicenda e non dico altro. La bimba è choccata. Dicevano che non c’era nulla di male: era il “gioco del pisellino” o “il gioco della patatina“. E ottenevano il silenzio dei bambini con una caramellina dicendo: “zitti è un segreto non deve saperlo né mamma, né papà”». Alcuni genitori hanno anche fatto presente che i propri figliavrebbero improvvisamente ricominciato a fare la pipì a letto. E non solo, altri bambini avrebbero raccontato di essere stati toccati mentre erano al bagno.
Anche il sindaco di Treviso Giovanni Manildo si è espresso sull’accaduto: «Pensiamo al benessere dei bambini, ho avuto la più ampia rassicurazione dal dirigente scolastico che sarà riservata la massima attenzione alla vicenda». I carabinieri invitano al silenzio e come fa sapere un ufficiale: «Ci stiamo attivando quanto più possibile per chiarire i termini della questione. Servono tutte le cautele del caso». I genitori “colpevolisti” hanno deciso di non mandare momentaneamente a scuola i propri figli e annunciano un sit-in di protesta di fronte all’asilo.
Marta Stentella