IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

sabato 20 febbraio 2016

IL CARDINALE AUSTRALIANO CHE DEI BIMBI AMA L'ANO

Cardinale George Pell Coinvolto In Un’inchiesta Per Abuso Sui Minori In Australia

Il Cardinale George Pell ha fortemente negato le accuse di coinvolgimento negli abusi sessuali su minori, che lo avrebbero interessato ai tempi in cui si trovava nella diocesi di Ballarat, in Australia, dicendo che sono prive di fondamento e assolutamente false. Ma d’altra parte le notizie trapelate dai fascicoli delle indagini della Polizia dello Stato di Vittoria informano che l’uomo del Vaticano è sotto inchiesta per “reati multipli“.
La polizia di Vittoria ha rifiutato di commentare un eventuale coinvolgimento dello stesso cardinale George Pell, attualmente in carica in qualità di capo della segreteria del Vaticano per l’economia, cercando di mantenere delle riserve sul caso ancora in via di svolgimento.
Pell, dopo la diffusione della notizia, ha chiesto che la polizia apra un’inchiesta pubblica, sostenendo che le informazioni sulle indagini sono trapelate al solo scopo di danneggiare egli stesso, l’Arcidiocesi di Mellbourne in cui ha prestato servizio per molti anni e lo stesso Vaticano in cui adesso ricopre una delle più alte cariche.
Nel dossier compilato dagli investigatori australiani si trovano diverse accuse a carico del Cardinale GeorgePell, il quale avrebbe commesso diversi “reati” quando era ancora un prete a Ballarat negli anni 60, e in seguito quando divenne un sottoposto dell’arcivescovo di Melbourne. Tra i vari reati a carico del Capo della segreteria del Vaticano vi è anche quello di abuso di minori
La polizia di Vittoria ha rifiutato di rispondere a tutte le domande fatta dalla stampa sull’indagine, che ha avuto inizio l’anno precedente.
Non possiamo rilasciare commenti sulle indagini su tutti gli individui,” ha detto un portavoce della polizia di Vittoria, liquidando la questione delicata sia per la polizia che per la stessa Chiesa Cattolica.
Le accuse sono state “chiaramente progettate per fare il massimo danno al cardinale e la chiesa cattolica e minare il lavoro della commissione reale,” ha dichiarato un portavoce del Vaticano.
La questione resta molto intricata: la verità è che intanto il cardinale George Pell è stato chiamato dalla Commissione Reale australiana e dovrà testimoniare in un processo il prossimo 29 febbraio. Ma le ragioni della sua testimonianza sembrano legati a capi d’accusa che non lo riguardano direttamente, per dei reati verificatisi mentre era ancora al servizio dell’Arcidiocesi Melbourne.
Il capo della segreteria del Vaticano farà la sua testimonianza tramite video, poiché i suoi medici hanno informato che le condizioni di salute attuali non gli permettono di affrontare il lungo viaggio per l’Australia.
http://www.graffitiblog.it/cardinale-george-pell-coinvolto-in-uninchiesta-per-abuso-sui-minori-in-australia342/

Nessun commento:

Posta un commento