IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

giovedì 18 febbraio 2016

TURCHIA, LA GUERRA IN CASA


  •  
  •  Enrico Campofreda
  •  CONTROPIANO 
Turchia, la guerra in casa
Ankara colpita come in guerra: esplode un’auto bomba e in ventotto, fra militari e civili, finiscono a pezzi e bruciati vivi. Una scia di fuoco che abbaglia la notte nel cuore teoricamente più controllato della città: vicino al quartier generale dell’esercito, dov’era in corso un vertice, e al Parlamento. Tutto ciò inquieta gli stessi fedelissimi d’un regime che da mesi non può più parlare di prosperità, intrappolato com’è in vari intricatissimi fronti. L’attacco si diversifica da quelli già vissuti sempre nella capitale turca e a Suruç per potenza e modalità. Quegli obiettivi erano diversi: pacifisti, oppositori, attivisti kurdi. Allora si parlò di Isis e di Servizi come possibili esecutori di offese portate in terra turca, rivolte comunque agli antagonisti del governo. Ieri la morte ha raggiunto l’apparato erdoğaniano della forza, finora bersagliato in patria solo dalla guerriglia kurda del Pkk. Il presidente, che definisce il conflitto da lui stesso scatenato entro i confini nazionali come lotta al terrorismo, pur se massacra le popolazioni civili del sud-est, ha ribadito che il sacrificio dei soldati non piegherà l’impegno delle Istituzioni contro chi attenta alla sicurezza.Ma al di là delle dichiarazioni ufficiali e delle visite estere, bloccate per sé e il premier Davutoğlu, è innegabile che Erdoğan veda  trasformarsi questioni bollenti in problemi militari su troppi terreni. E un conto è dar fondo al nazionalismo più becero per compattare l’elettorato alle urne, più complesso diventa convincerlo della giustezza dei troppi conflitti su ogni terreno inseguiti dalla sua smania di supremazia. La deflagrazione di ieri sembra già avere una matrice: secondo il governo l’ordigno-viaggiante lanciato sul convoglio militare era guidato da un kurdo-siriano, militante dell’Ypg. Questo avrebbero accertato le perizie, prelevando le impronte digitali d’un corpo comunque deflagrato e carbonizzato. Le impronte di riferimento erano state memorizzate al momento dell’ingresso del cittadino che risultava rifugiato. Versione di comodo? Può darsi. Altre ipotesi fanno pensare ai movimenti presenti sul fronte meridionale del confine siriano, dove combattono jihadisti di varia natura e lealisti di Asad con l’appoggio di Hezbollah, aviazione russa e i guerriglieri kurdi delle Ypg, recentemente vicini a questa componente.
La bomba potrebbe anche essere un avvertimento jihadista a un Paese doppiogiochista oppure una ferita che agenti, magari pasdaran o d’altra sponda, portano in casa del borioso giocatore di un’area in disfacimento.  Quando si parla di autobomba, al di là delle capacità tecniche per attivarla, non si ha mai l’evidenza immediata della matrice. Questa arriva dopo un po’, quando altre situazioni si dipanano. Certo il primo pensiero va al possibile dichiarato intervento di terra prospettato dalla Turchia sul fronte dell’accesissimo confine verso la cittadina di Azaz che può finire sotto il controllo delle truppe di Asad, lì impegnate assieme a reparti kurdi del Pyd. Quest’ultimi ricevono la visite dell’aviazione di Ankara con frequenza molto superiore, anzi quasi completa (dati di osservatori internazionali parlano dell’80% di bombardamenti turchi sulle zone controllate dai kurdi e solo il 20% rivolto ai territori sotto la giurisdizione del Daesh). Poi ci sono i missili riversati sui civili, ospedalizzati compresi, su cui tutti (russi, americani, lealisti siriani, turchi) si palleggiano la responsabilità. E questa è la guerra che nessuno vuol vedere. Però esiste

Nessun commento:

Posta un commento