IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

lunedì 30 maggio 2016

DI NUOVO LA LUCE DOPO L'OSCURAMENTO

RIECCOCI

LA VORAGINE DI FIRENZE: DI ALDO ARPE


IL CENTRO BARCOLLA: DI URI AVNERY

The Center Doesn't Hold 

"THE BEST lack all convictions, while the worst / Are full of passionate intensity!"
Is there a better description of what is happening in Israel now?
Yet these words were written, almost a hundred years ago, by the Irish poet W. B. Yeats.
YEATS WAS writing shortly after the terrible slaughter and destruction of World War I. He believed that the world was coming to an end, and expected the second coming of the Messiah.
As part of the chaos, he foresaw in the same poem that "the center cannot hold". I believe he took this metaphor from the battlefields of former ages, when the opposing armies were arrayed in two lines facing each other, with the main force in the center, and the two flanks protecting it.
In a classic battle, each side tried to destroy one of the flanks of the enemy in order to encircle the center and attack it. As long as the center held, the battle was undecided.
In Israel, as in most modern democracies, the center is composed of two or more establishment parties, slightly left and slightly right. The leftist is the classic Labor party, now hiding behind the name "Zionist Camp" (which automatically excludes the Arab minority, some 20% of the electorate.) The rightist is the Likud, the present incarnation of the old "Revisionist" party founded nearly a hundred years ago by Vladimir Jabotinsky, a liberal nationalist, in the Italian Risorgimento style.
This was the Israeli center, supported by some conjuncture-born parties.
It ruled Israel since the day of its founding. One party constituted the government, the other acted as the loyal opposition, and they swapped roles every few years, as they should in a decent democracy.
On the 'flanks" there were the Arab Parties (now united under duress), the small but principled Meretz on the left, and several religious and proto-Fascist parties on the right.
It was a "normal" set-up, like that in many other democratic countries.
No more.
ON THE center-left, a mood of resignation and defeat prevails. The old party has fallen into the hands of a number of political dwarfs, whose quarrels among themselves obliterate all its other functions.
The present leader, Yitzhak Herzog, the scion of a good family, carries by law the glorious title of "Leader of the Opposition", but doesn't even know what opposition is. Some call his party "Likud 2". On all the vital subjects – such as peace with the Palestinian people and the Arab world, social justice, human rights, democracy, separation between state and religion, corruption – the party is mute. For all practical purposes, it is moribund or worse.
"The best lack all conviction," as Yeats lamented. The best elements of Israeli society are dispirited, defeated, mute.
On the center-right, the picture is even worse, and much more dangerous. The Likud, once a liberal, democratic right-wing party, has fallen victim to a hostile takeover. Its extremist wing has pushed everyone else out, and now dominates the party completely. In the sense of the same metaphor, the right flank has taken over the center.
"The worst are full of intensity". These rightist radicals are now in full cry. They enact atrocious laws in the Knesset. They back and encourage detestable acts by policemen and soldiers. They try to undermine the Supreme Court and the Army Command. They are intent on building more and bigger settlements. These dangerous barbarians are indeed "full of intensity".
The addition of Avigdor Lieberman to the government completes the frightening picture. Even the former Prime Minister, Ehud Barak, a measured politician, publicly announced that this government includes fascist elements.
WHY HAS this happened? What is the root cause?
The usual answer is "the people have moved to the right". But that explains nothing. Why have they moved rightward? Why?
Some seek the explanation in the demographic schism in the Israeli Jewish community. Jews whose families come from Islamic countries (called Mizrahim) tend to vote for the Likud, Jews whose families come from Europe (Ashkenazim) tend to the left.
That does not explain Lieberman, whose party consists of immigrants from the former Soviet Union, about a million and a half, generally called "Russians". Why are so many of them extreme rightists, racists and Arab-haters?
A class by themselves are young leftists, who refuse to support any party. Instead, they turn towards non-party activism, regularly founding new groups for civil rights and peace. They support the Palestinians in the occupied territories, fight for the "purity of our arms" in the army, and do wonderful work for similar causes.
There are dozens, perhaps hundreds of such associations, many of them supported by foreign funds, which do wonderful work. But they abhor the political arena, would not join any party, much less unite for this purpose.
I believe that this phenomenon comes close to the explanation of the trend. More and more people, especially young ones, turn their back on "politics" – by which they mean party politics – altogether. They do not "lack all convictions", but believe that the political parties lack all honest convictions and they want nothing to do with them.
They don't see that political parties are a necessary instrument for achieving change in a democracy. They see them as groups of corrupt hypocrites, lacking real convictions, and don't want to be seen in such company.
THUS WE come to an astonishing fact: developments in Israel resemble processes in many other countries, which have nothing to do with our specific problems.
A few days ago there were elections for the presidency of Austria. Until now, the Austrian presidency, a ceremonial office as in Israel, passed between the two main parties. This time something unprecedented happened: the two final candidates came from the extreme right and the Greens. The voters just eliminated all the candidates from the central establishment. Worse, the near-fascist candidate only lost by a tiny margin.
Austria? A country which enthusiastically welcomed (the Austrian) Adolf Hitler only 80 years ago, and suffered the full consequences?
The only explanation is that Austrians, like Israelis, are fed up with the established parties. The two nations, of equal size, which have nothing else in common, feel the same.
In France, the far-right anti-establishment politician Marine Le Pen is celebrating. In Spain, Holland and some of the Scandinavian states anti-establishment parties are winning.
In the UK, the mother of democracy, the public is about to vote for or against the Brexit, a cause identified with the establishment. To leave the European Union looks (to me, at least) totally irrational. Yet the chance of it happening seems real.
BUT WHY speak only about smaller countries? What about the lone superpower, the United States of America?
For months now, the world public has been watching with growing amazement the incredible ascent of Donald Trump. From day to day, the drama, which started as a comedy, becomes more frightening.
What, for god's sake, has happened to this great nation? How can millions and millions flock to the banner of a loud-mouthed, vulgar, ignorant candidate, whose main – and perhaps only – asset is his distance from all political parties? How could he overcome, actually destroy, the Grand Old Party, a part of American history?
On the other side there is Bernie Sanders, a much more appealing character, but one also detested by his own party, with an agenda that is quite remote from that of the majority of Americans.
There is only one similarity between the two: they loathe their parties and their parties loathe them.
THIS SEEMS to have become a world-wide pattern. All over South America, not so long ago a bulwark of the left, leftist parties are thrown out, and rightist figures take over.
Considering that this is happening at the same time in dozens of countries, large and small, which have absolutely nothing else in common - different problems, different issues, different situations – this is nothing short of amazing.
For me, this is a riddle. Every few decades, new ideas come up and infect a large part of humanity. Democracy, liberalism, anarchism, social-democracy, communism, fascism, democracy again, and now this kind of chaos, mostly radical right-wing, are world-wide trends. They don't yet have a name.
I am sure that many people, Marxists and others, have a ready-made explanation. I am not convinced by any. I am just baffled.
COMING BACK to us poor Israelis: I just published in Haaretza practical plan to stem the deluge and push it back.
I am still committed to optimism.

IL SACERDOTE DI POTENZA ADESCA SU FB

Sesso con un minore di 14 anni adescato su FB: a processo un sacerdote di Potenza

C’è anche don Antonio Calderaro (di 49 anni), tra le quattro persone rinviate oggi a giudizio dal gup di Potenza con l’accusa di aver fatto sesso con minorenni, adescati su Facebook.
L’inchiesta della Procura del di Potenza sull’adescamento di minori, attraverso i social network, poi pagati per consumare atti sessuali, ha portato al rinvio a giudizio anche di un sacerdote, il 49enne Antonio Calderaro, già finito agli arresti domiciliari (e poi sospeso ‘a divinis’ dal vescovo della Diocesi potentina di Tursi-Lagonegro) il 21 aprile 2015. La prima udienza – sono stati rinviati a giudizio anche Rizwan Muhammad, Giancarmelo Varasano e Vincenzo Casanova – si terrà a Matera il prossimo 13 luglio. Per altri quattro indagati – Gino Montinari, Tommaso Tullo, Umberto Sorrentino e Attilio Dalessandro – giudicati con il rito abbreviato, sono state disposte pene comprese tra i due anni e due mesi e due anni e otto mesi, e sono state riconosciute le attenuanti generiche.
Stando agli accertamenti delle forze dell’ordine (i carabinieri della compagnia di Policoro, Matera) gli incontri sessuali sarebbero avvenuti nei pressi dei lidi di Rotondella e Nova Siri (Matera), sulla costa ionica lucana, fra il 2012 e il 2013. Gli investigatori hanno stabilito che in almeno un’occasione il minore coinvolto aveva meno di 14 anni: le indagini sono scattate proprio in seguito alla denuncia della sorella maggiorenne della presunta vittima, insospettita e preoccupata dagli incontri del fratello con persone adulte conosciute sui social network. Per quanto riguardata il sacerdote, immediatamente dopo l’esecuzione delle misure cautelari, il vescovo della diocesi di don Calderaro – parroco della chiesa di San Giuseppe a San Costantino di Rivello (Potenza) – aveva deciso lo sospensione dell’uomo di chiesa, esonerandolo anche dalle funzioni e da ogni altra attività sacerdotale.
www.fanpage.it/sesso-con-un-minore-di-14-anni-adescato-su-fb-a-processo-un-sacerdote-di-potenza/

LA CALABRIA MALEDETTA IN MANO ALLA CHIESA

OPPIDO MAMERTINA : UN RAGAZZO DENUNCIA DON ANTONELLO TROPEA. CHIESTI 6 ANNI DI RECLUSIONE.

La notizia fece scalpore non solo per i reati contestati al sacerdote ma anche per delle intercettazioni telefoniche, dove emergerebbe anche il comportamento assunto dal vescovo della Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi, monsignor Francesco Milito, che, consigliava a don Antonello “di evitare di parlare con i Carabinieri di queste cose e, in generale, con nessun appartenente alle forze dell’ordine.
Inizia tutto con un controllo occasionale della Polizia di Stato che, in una zona buia dell’area industriale di Gioia Tauro, il 16 marzo scorso, trova a bordo di un’autovettura, il prete Antonio Tropea, 44enne, e un minorenne. In uno zaino, gel lubrificante, salviettine imbevute, fazzoletti e un rotolo di carta. Nel corso del controllo il minorenne racconterà di aver conosciuto il prete tramite un’applicazione del proprio smartphone, Grinder. Il sacerdote si sarebbe presentato come un ricercatore scientifico, fornendo solo un nome di battesimo, Nicola. Lo stesso ragazzo dichiarerà di aver concordato con l’uomo un incontro su What’s-app e di aver ricevuto da lui un compenso di 20 euro per un rapporto sessuale orale consumato in macchina poco prima che i poliziotti li controllassero.
Ieri mattina nelle aule del tribunale Reggino è stata svolta l’udienza in cui gli avvocati difensori del sacerdote , i legali Andrea e Giuseppe Alvaro, sono intervenuti per la richiesta di assolvere Don Tropea da tutti i reati che gli vengono contestati. Una sentenza molto attesa in tutta la piana di Gioia Tauro scossa dalle vicende che hanno riguardato un “insospettabile” e molto amato dalle parrocchie in cui aveva prestato servizio.

IL PHISHING DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA

L’ultima truffa: falsa mail della Procura minaccia l’arresto per riciclaggio

Ennesimo caso di 'phishing' che minaccia i nostri dati personali

I casi di ‘phishing‘ – tecniche grazie alle quali vengono installati dei malware nel computer infettato in grado di rubare i dati personali – sono in continua e preoccupante crescita; l’ultima truffa di questo tipo è una falsa email proveniente dalla Procura della Repubblica, che preannuncia problemi fiscali e di riciclaggio arrivando anche a minacciare di arresto.
Il testo della lettera può trarre in inganno, all’interno è riportato il simbolo della Repubblica italiana. Segue questo testo: “La presente per comunicarle che il suo patrimonio immobiliare, così come il suo conto corrente bancario, verranno posti in arresto con l’accusa di mancato pagamento delle imposte e concorso in riciclaggio di denaro, ad effetto della causa numero…”.Il mittente poi avverte: “In caso di sentenza di condanna, le verrà confiscata ogni proprietà e rischia una condanna fino a 15 anni di reclusione”. Qui di seguito l’esempio pubblicato dal sito Blitzquotidiano.
arresto
Si tratta come detto dell’ennesimo tentativo di scoprire i dati personali dell’utente, installando un virus sul computer tramite il link in allegato.
Il tentativo in truffa è molto grave dato che fa leva sulla importanza che l’utente potrebbe dare alla presunta email istituzionale. Se si riceve un messaggio simile – segnala l’associazione Aduc – oltre a segnalarlo alla Polizia Postale, è fondamentale non inserire dati personali e/o relativi ai propri mezzi di pagamento, non rispondere alla mail e non aprire in nessun caso l’allegato, vero e proprio ‘detonatore’ del virus. Comunicazioni di questo tipo, ricorda Aduc, non avvengono mai via semplice e mail.

SISAL DIVENTA CVC CAPITAL

Giochi, Sisal sarà acquistata dal fondo Cvc Capital per 1 miliardo di euro

Giochi, Sisal sarà acquistata dal fondo Cvc Capital per 1 miliardo di euro
Economia

L'accordo è stato trovato con gli attuali proprietari della società, i fondi gestiti da Apax Partners, Permira e Clessidra. L'acquirente, che detiene la maggioranza della Formula Uno, in passato ha acquisito e poi ceduto quote di Cerved e Seat Pagine Gialle
I fondi Cvc Capital Partners, con sede in Lussemburgo, hanno concordato l’acquisizione del 100% del capitale dell’operatore per giochi e servizi di pagamento Sisal Group. L’accordo è stato trovato con gli attuali proprietari della società, i fondi gestiti da Apax PartnersPermira e Clessidra. L’operazione, il cui perfezionamento è atteso entro fine settembre, ha un valore di impresa pari a 1 miliardo di euro.
Cvc Capital è una società finanziaria britannica, ma con base in Lussemburgo, specializzata nei settori di private equity e hedge funds. Cvc, che detiene la maggioranza della Formula One Group, la società che gestisce il circo della Formula Uno, non è certo una sconosciuta nel panorama finanziario italiano. Nel 2013 ha acquisito il controllo di Cerved pagando 1,13 miliardi, per poi rivendere le quote nel giro di poco più di due anni. Nel 1997 e nel 2003 ha fatto parte delle cordate che, a più riprese, hanno prima acquisito e poi ceduto il controllo di Seat Pagine Gialle. A livello internazionale, Cvc Capital ha già fatto il suo ingresso nel settore delle scommesse, grazie agli investimenti compiuti in Sky Bet(Regno Unito), Tipico (Germania) così come al precedente investimento in William Hill.
E ora la società si appresta a mettere le mani su Sisal: fondata nel 1946, l’azienda è stata la prima società italiana attiva nel settore del gaming come concessionario dello Stato. Nel territorio italiano può contare su una rete di 45mila punti vendita e offre al pubblico oltre 500 servizi di pagamento. Sisal dà lavoro a circa 2mila persone.

TRAPANI MASSONA

Massoneria, a Trapani 500 iscritti in 19 logge: “Potere parallelo in grado di inquinare la gestione della cosa pubblica”

Massoneria, a Trapani 500 iscritti in 19 logge: “Potere parallelo in grado di inquinare la gestione della cosa pubblica”
Mafie

Il dossier frutto di un'inchiesta coordinata dal pm Viola. Sei gruppi solo a Castelvetrano, paese del latitante Messina Denaro. Tra gli iscritti dirigenti pubblici, amministratori locali, uomini delle forze dell'ordine, banchieri. "Lecito chiedersi fino a che punto l'attività di enti pubblici non sia subdolamente pilotata dall’influenza di poteri occulti". I precedenti storici dei rapporti tra "grembiulini" e Cosa nostra
Quasi cinquecento iscritti tra banchieri, funzionari pubblici, imprenditori, politici locali, suddivisi in 19 logge: sei sono attive soltanto a Castelvetrano, la città di Matteo Messina Denaro, l’ultima primula rossa di Cosa nostra. Sono i numeri aggiornati della massoneria in provincia di Trapani, la città dei misteri che ha da sempre avuto un rapporto particolare con compassi e grembiulini. Numeri che arrivano dall’ultima indagine coordinata dal procuratore Marcello Viola e che si sono tradotti in un dettagliato dossier finito sui tavoli della prefettura. Il risultato delle indagini parla chiaro: nel trapanese i “fratelli muratori” sono 460, un piccolo esercito composto da dirigenti di enti pubblici, delle forze dell’ordine, da imprenditoriprofessionisti e amministratori locali, tutti legati dal vincolo massonico. Dati rilevanti in una provincia che conta 400mila abitanti, ed per questo motivo che nel dossier, pubblicato da Repubblica, gli investigatori scrivono: “Appare lecito chiedersi fino a che punto la quotidiana e multiforme attività di enti pubblici non sia subdolamente pilotata dall’influenza di poteri occulti assai più penetranti della purtroppo diffusa logica clientelare, della dilagante corruzione o ancora delle ben note pressioni intimidatorie di chiara matrice mafiosa”. Come dire: a cosa servono 19 logge attive nel regno dell’ultimo boss stragista ancora in libertà, dove la parola massoneria ha spesso fatto da schermo per intrecci e connessioni indicibili?“Le clamorose vicende politico giudiziarie di risonanza nazionale e locale – continuano infatti gli inquirenti – non sembrano avere ancora ingenerato il diffuso convincimento che in seno a logge massoniche, soprattutto se occulte o deviate, possa annidarsi un vero e proprio potere parallelo in grado di inquinare l’attività amministrativa e la gestione della cosa pubblica costituendo una temibile turbativa per le istituzioni e la collettività”. Il riferimento è per il blitz andato in onda nel gennaio del 1986 nelle stanze del circolo Scontrino a Trapani: quel giorno il capo della squadra mobile Saverio Montalbano scoprì che dietro il paravento dell’esclusiva associazione culturale si nascondeva l’attività di sette logge massoniche con trecento fratelli muratori: una delle logge, la Iside 2, risultò poi essere completamente segreta, così come in segreto si erano iscritti i suoi cento “incappucciati”. Erano gli anni in cui a Trapani veniva ambientata la prima serie della Piovra, tra gli iscritti al circolo Scontrino spiccavano i nomi di politici di peso, come quello dell’ex potentissimo ministro della Dc Calogero Mannino, mentre la loggia coperta Iside 2 accoglieva tra i suoi membri anche sanguinari boss mafiosi come Mariano Agate, Natale L’Ala, Natale Rimi, Mariano Asaro, Gioacchino Calabro, più Pino Mandalari, considerato il commercialista di Totò Riina. Padrini di Cosa nostra ma anche dirigenti delle forze dell’ordine, altissimi funzionari di importanti ministeri e persino esponenti del clero: tutti seduti fianco a fianco in nome di una inconfessabile unità d’intenti. Sarà per questo che poco dopo il suo blitz, Montalbano verrà inspiegabilmente trasferito, mentre trent’anni dopo la musica nella provincia più occidentale della Sicilia non sembra essere cambiata.
Per capirlo basta sovrapporre il dossier sulla massoneria ai particolari emersi da alcune recenti indagini. Come per esempio quella a carico di Francesco Miccichè, l’ex vescovo di Trapani cacciato nel 2011 da Papa Ratzinger, finito sotto inchiesta per truffa, appropriazione indebita e stalking. All’inizio l’ex presule si era difeso dalle accuse tirando in ballo le sue posizioni pubbliche contro la massoneria: adesso, però, ci sarebbe una una nuova pista d’indagine che punta a fare luce sulla costruzione di una chiesa affidata senza appalto alla ditta di alcuni massoni. L’ombra del compasso si scorge anche nell’ultima inchiesta che ha fatto aprire le porte del carcere per Pasquale Perricone, l’ex vicesindaco di Alcamoindicato come “vicino” alla famiglia mafiosa dei Melodia, considerato dalla procura al vertice di un “comitato d’affari” che gestiva ogni business pubblico e privato della zona: tra gli arrestati nella stessa operazione c’è anche Emanuele Asta, dirigente regionale che sarebbe iscritto alla loggia Myrhiam.
Una loggia con lo stesso nome, tra l’altro, compare nelle turbolenti vicende che hanno portato alle dimissioni di Sebastiano Bonventre, eletto dal Pd sindaco di Alcamo nel 2012. Quel turno elettorale è costato all’ex senatore del Pd Nino Papania una condanna a otto mesi in primo grado per voto di scambio, mentre Bonventre ha deciso di dimettersi da sindaco negli stessi giorni in cui sui giornali locali cominciavano a circolare alcune fotografie che dimostrerebbero il suo grado di gran maestro venerabile della loggia Myrhiam 225. Dal blitz al centro Scontrino, insomma, saranno pure passati trent’anni, ma a Trapani, evidentemente, c’è ancora tanta voglia di massoneria.

IL CALCIO STRAFATTO DEL MEAZZA

http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/meazza-cocaina-e-coltelli-assalto-dei-vicere-della-sud/

IN ITALIA CI VOGLIONO LE CONOSCENZE

Lavoro, Isfol: “Un italiano su tre trova un posto grazie a parenti e amici. Solo il 3% con i centri per l’impiego”

Lavoro, Isfol: “Un italiano su tre trova un posto grazie a parenti e amici. Solo il 3% con i centri per l’impiego”
Lavoro & Precari

I dati emergono dal rapporto Isfol-Plus 2014. La tendenza, secondo il commissario dell'istituto Stefano Sacchi, "va a scapito del merito e riduce le opportunità di ascesa delle fasce più deboli". Il 20% degli occupati ha ottenuto un impiego consegnando curriculum e il 10% attraverso un concorso pubblico
Per trovare un lavoro in Italia si chiede a parenti e amiciCentri per l’impiego e agenzie private, invece, hanno un ruolo decisamente marginale. Un occupato su tre dichiara di aver ottenuto il proprio impiego grazie all’intervento diretto delle reti informali di familiari e conoscenti. Il quadro emerge dai dati Isfol-Plus 2014 resi noti in un research paper appena pubblicato.
Mentre gli italiani si affidano alle conoscenze per trovare un impiego, i servizi per il lavoro svolgono un ruolo molto contenuto di intermediazione diretta, cioè un assist per trovare lavoro. Solo il 3,4% degli occupati, infatti, ha ottenuto un’occupazione attraverso i centri per l’impiego (Cpi) e il 5,6% mediante le agenzie di lavoro interinale. Il rapporto fornisce anche i numeri dell’intermediazione indiretta, cioè i canali con cui si cerca, senza necessariamente trovare, un impiego. Anche in questo caso, dominano le conoscenze di parenti e amici: tali reti vengono coinvolte nel 60% dei casi. Su questo fronte, la funzione di Cpi e agenzie si dimostra più rilevante: tra gli occupati, il 33% si è avvalso degli operatori pubblici mentre cercava lavoro e il 30% ha avuto il supporto delle agenzie.“L’Italia continua ad essere un paese -ha dichiarato il commissario straordinario dell’Isfol, Stefano Sacchi- dove per trovare lavoro conta moltissimo la rete di conoscenze che un individuo può mettere in campo. I dati che presentiamo dimostrano come le chance occupazionali e di carriera delle persone siano fortemente condizionate dalla famiglia di origine, dall’appartenenza a determinati ambienti. Questo va a scapito del merito e riduce le opportunità di ascesa delle fasce più deboli del mercato del lavoro, che solo in misura molto ridotta ottengono aiuto dai servizi per l’impiego, pubblici o privati che siano”.
A fronte di questa debolezza dei servizi per il lavoro, anche il canale dell’autocandidatura, ovvero proporre il proprio curriculum vitae alle imprese, viene largamente utilizzato: per il 58% degli occupati è stato di aiuto nella fase di ricerca e per il 20% ha permesso in via diretta un’assunzione. I contatti nell’ambito lavorativo e la lettura di offerte su stampa sono stati un canale di intermediazione indiretta rispettivamente per il 44% e il 36% dei lavoratori e un canale di intermediazione diretta per il 10% e il 2,6%.  Infine, il 9% degli occupati afferma di aver trovato lavoro avviando un’attività autonoma e il 10% partecipando a un concorso pubblico.

OLTRE QUELLA DEI MARO' LE PORCHERIE DI FINMECCANICA IN INDIA

Finmeccanica, l’India annulla tutte le gare vinte. “Il gruppo verso la black list a causa delle inchieste per tangenti”

Finmeccanica, l’India annulla tutte le gare vinte. “Il gruppo verso la black list a causa delle inchieste per tangenti”
Lobby

Il ministro della Difesa di Nuova Delhi ha annunciato che il procedimento nei confronti dell'azienda della difesa e dell'aerospazio e delle sue controllate è già avviato. Motivazione ufficiale: le indagini sulle presunte mazzette per gli elicotteri Agusta Westland. L'ex amministratore delegato Orsi è stato condannato a 4 anni in appello per corruzione internazionale e false fatturazioni
A due giorni dal ritorno in Italia del marò Salvatore Girone, l’India ha deciso di cancellare tutti i bandi di gara vinti da Finmeccanica, oggi Finmeccanica-Leonardo, per equipaggiamenti destinati alla Difesa. Questo perché il gruppo italiano guidato da Mauro Moretti finirà a breve nella black list di New Delhi. Il motivo ufficiale sono le indagini per le presunte tangenti relative a un appalto da 560 milioni di euro per la fornitura di 12 elicotteri Agusta Westland. Nelle ore successive alla decisione della Corte Suprema di rimpatriare il fuciliere di Marinail ministero della Difesa di Nuova Delhi aveva annullato un mega-contratto da 300 milioni di dollari con l’azienda per la fornitura di siluri per i sottomarini indiani.
“Il processo per la blacklist è già iniziato”, ha detto il ministro indiano della DifesaManohar Parrikar, in un’intervista all’agenzia stampa nazionale Pti. Aggiungendo che non vi saranno più nuove transazioni con Finmeccanica e sue sussidiarie fino a quando resterà nella lista nera. “Dovunque c’è una intenzione di acquisizione da parte di Finmeccanica e delle sue sussidiarie – ha chiarito il ministro – le corrispondenti Richieste di presentare una proposta (Rfp) da parte dell’India saranno revocate. Su questo sono molto chiaro”. Per quanto riguarda “contratti già eseguiti, la manutenzione annuale e l’importazione di pezzi di ricambioverrà permessa là dove sarà assolutamente essenziale“, ha affermato Parrikar, sottolineando che in questi casi la sicurezzanazionale “non può essere compromessa”. Quindi, “solo le nuove acquisizioni saranno bloccate”. Alla domanda sul futuro dei progetti dove Finmeccanica giocava un ruolo cruciale, Parrikar ha risposto: “C’è un solo prodotto in tutto il mondo? Ci saranno sempre i prodotti delle aziende russeamericane e altri ancora. Potrebbero essere solo un po’ più costosi e difficili da ottenere”.In ballo, come spiega il Times of India, c’è una serie di commesse tutt’altro che irrilevanti. Per esempio alcune piattaforme navali della Marina indiana in costruzione, come quattro cacciatorpedinieri e sette fregate, sono progettati per essere armati con il cannone da 127 millimetri Otomelara, società del gruppo Finmeccanica. Il cannone doveva essere introdotto anche nelle scuole di formazione della Marina militare. L’esercito era anche in trattativa per acquistare missili terra-aria a corto raggio dal consorzio europeo Mbda, di cui Finmeccanica ha una partecipazione. Sul tavolo c’era anche una collaborazione tra l’azienda statale Bharat Dynamics e Finmeccanica per la produzione di protezioni anti-siluro. La controllata Selex Es è coinvolta nella fornitura di radar di sorveglianza aerea per una portaerei in costruzione.
Nell’ambito dell’inchiesta sulle tangenti, l’ex amministratore delegato Giuseppe Orsi è stato condannato in appello a 4 anni e mezzo di reclusione per corruzione internazionale e false fatturazioni per avere portato avanti “attività di depistaggio allo scopo di sottrarsi al processo” e “un’intensa ed estesa attività d’inquinamento probatorio“. Bruno Spagnolini, ex ad di Agusta Westland, è stato invece condannato a 4 anni di reclusione per corruzione internazionale e false fatturazioni.

STORICA SENTENZA IN ARGENTINA

Piano Condor: storica sentenza in Argentina contro gli aguzzini

2874 visualizzazioni
pianocondor
Un tribunale di Buenos Aires ha inflitto ieri pene comprese tra gli 8 e i 25 anni di reclusione a 15 dei 17 imputati, giudicati colpevoli di aver messo in atto un piano concordato tra le dittature del Sud America per sopprimere gli oppositori. Al momento della lettura della sentenza, durata più di un’ora, l’aula del tribunale era gremita di sopravvissuti alle torture e di familiari delle vittime, molti arrivati anche da altri Paesi latinoamericani. Quando i giudici hanno finito di leggere, il pubblico ha urlato «Presente!».
Si tratta di una sentenza storica. Per la prima volta il verdetto di un tribunale certifica l’esistenza del piano Condor, il progetto criminale messo in atto negli anni settanta nei Paesi del Cono Sur per eliminare fisicamente e con ferocia chiunque si opponesse al fascismo come sistema politico e al neo-liberismo come dogma economico. “Mai prima ci furono condanne così nette e quindi non importa che molti degli imputati siano morti nel frattempo”, afferma alle agenzie di stampa Nora Cortinas, 88 anni, madre de Plaza de Mayo linea fundadora, che dal 30 aprile del ’77 non ha saputo più nulla di suo figlio Carlos Gustavo, inghiottito dal regime militare argentino. 

A Buenos Aires, Nora con tanti altri familiari di desaparecidos e associazioni per i diritti umani, ha ascoltato in un’aula silenziosa il lungo elenco dei nomi dei 15 condannati e i reati commessi: gli ex ufficiali Santiago Riveros, Manuel Cordero Piacentini e l’agente della Side Miguel Ángel Furci a 25 anni di prigione, e l’ultimo capo della giunta militare argentina, di origine italiana, Reynaldo Bignone, a 20 anni di carcere. Venticinque anni anche per l’ex colonnello uruguayano Manuel Cordero, responsabile, tra l’altro, della sparizione di Maria Claudia Garcia, nuora incinta del poeta argentino Juan Gelman, che ha cercato instancabilmente sua nipote, strappata al seno della vera madre rapita, torturata e uccisa e cresciuta da un militare e da sua moglie. 


“E’ il primo uruguayano condannato per la vicenda di mia mamma, per me è molto significativo”, ha detto a caldo Macarena Gelmans. La sentenza sul Piano Condor è “molto importante per sottolineare che prima del Mercosur economico c’è stato un Mercosur del terrore. La rete repressiva tentava di non lasciare opportunità a quelli che volevano opporsi al terrorismo di Stato”, spiega il ministro plenipotenziario all’ambasciata argentina a Roma, Carlos Cherniak, il quale ritiene che questo verdetto possa costituire un “punto di riferimento per la memoria di quegli anni in tutta la regione, anche in quei Paesi che non hanno potuto fare giustizia”. 

Furci, l’unico imputato presente in aula al momento della lettura della sentenza, è stato dichiarato colpevole di 67 sequestri di persona e 62 casi di tortura, per le azioni commesse nella prigione illegale chiamata «Automotores Orletti».  Sono stati invece assolti gli ex direttori del liceo militare General Espejo de Mendoza, Carlos Horacio Tragant e Juan Avelino Rodríguez. 

La Corte ha proceduto per reati specifici verso persone specifiche che vanno dalla privazione della libertà alle torture ma la novità è che i giudici hanno condannato la maggior parte degli imputati per “associazione illecita nell’ambito del Plan Condor che è consistito materialmente – ha letto il giudice – nel reato di privazione della libertà commesso” da parte militari che hanno abusato della loro funzione e “reiterato” l’orribile crimine di aver fatto sparire, torturare e uccidere decine e decine di persone tra Argentina, Cile, Uruguay, Paraguay, Bolivia, Brasile, Perù. 
CONTINUA QUI:

UN OUTSIDER ALLA CASA BIANCA

http://contropiano.org/news/cultura-news/2016/05/30/bernie-sanders-un-outsider-alla-casa-bianca-079801

CINA VS USA

zerohedge.com

It is no secret that the relationship between the United States and China has been strained for quite some time
Earlier this month when the US sailed its guided missile destroyer the USS William P. Lawrence within 12 nautical miles of Chinese-occupied Fiery Cross Reef, it ended in China scrambling of two fighter jets and three warships to shadow the destroyer and convince it to leave the area.

The US admitted that it sailed the USS William P. Lawrence by the disputed island in order to "challenge excessive maritime claims" made by China. 
In turn, China had this to say about the US effort: "This action by the U.S. side threatened China's sovereignty and security interests, endangered the staff and facilities on the reef, and damaged regional peace and stability.

As the US meddles in the South China Sea disputes, China has been increasingly vocal about its displeasure, and that came out very directly in recent comments made on Thursday.
The United Nations is getting ready to rule on a maritime dispute between China and the Philippines, and in discussing that potential ruling Yang Yujun, spokesman for the Ministry of National Defense (MND) said at a briefing that US involvement in these types of disputes is the greatest threat to the region.
On Thursday, China said that it would not recognize the UN verdict on the issue, unless China’s claims are honored.

“No matter what kind of ruling the Court makes, China will not accept nor recognize the adjudication,” Yang Yujun, spokesman for the Ministry of National Defense (MND) said at a briefing. “This is China’s right conferred by the international laws. By doing so we are actually abiding by and observing the international laws.”

The tension is being exacerbated even further by a continuously growing American presence in the region, whose many allies also lay claims to the islands. China has called the US involvement in the dispute the “greatest” threat to the region.

Certain countries outside the region frequently show its military strength in the South China Sea area and this is actually the greatest threat to peace and stability in the region. We urge them to stop stirring up a storm in a teapot and stop sowing seeds of discord so as to maintain peace and stability in the South China Sea, which conforms to the common interests of all parties,” Yang said.
Yang went on to say that "in essence, the root cause for security hazards and potential accidents in the air and at sea between China and the US is the long term, large-scale and frequent close-in reconnaissance activities against China by the US military vessels and aircraft."
The statement made by Yang sums up perfectly what we have been saying for quite some time now. The more the US provokes China, and Russia for that matter, the likelihood of international incident increases. Of course, maybe that's what the United States has been after all along.

IL DOTTORE DI LAMPEDUSA

Il dottore e la bambina

ARTICOLOTRE
pietro bartolo-L.M.– Il suo nome è Pietro Bartolo e di professione fa il medico: c'è chi lo chiama "l'angelo della speranza", chi "l'angelo dei bambini", ma è meglio noto come il dottore dell’isola di Lampedusa. 
Agli onori della cronaca per aver curato con amore e professionalità una piccola nigeriana di nove mesi sbarcata sull’isola da sola dopo aver perso durante la traversata la madre, morta a causa delle ustioni.
Di migranti ne ha visti e curati un numero imprecisato
"Non ho mai tenuto la contabilità perché per me sono tutte persone e non numeri, ma mi dicono più di 250 mila in 25 anni. Dal primo sbarco di tre tunisini su una barchetta ai settemila che nel 2011, in una sola settimana, nell'anno della Primavera araba, invasero Lampedusa. Erano molti di più della popolazione dell'isola. I lampedusani aprirono le loro case, diedero loro vestiti, cibo, letti, affetto. In quell'occasione Lampedusa mostrò a tutto il mondo il suo cuore grande".
Responsabile dal 1993 del presidio sanitario e del poliambulatorio di Lampedusa dell’ASP di Palermo, Pietro Bartolo è il fulcro della prima assistenza ai migranti in arrivo sull'isola da ormai 25 anni. 
Ancora una volta ha denunciato però, le condizioni in cui è costretto a operare ogni giorno, con l’ausilio di un solo medico, un’ambulanza e un infermiere. Mentre di sanitari ne occorrerebbero almeno una decina tra infettivologi, psicologi e paramedici.
" Perché purtroppo, queste sono persone che arrivano, dal punto di vista psicologico anche devastate perché c’è gente che è stata torturata, gente che è stata seviziata, gente che è stata violentata. Pensiamo che la maggior parte delle donne che arrivano -quasi tutte- sono donne gravide perché sono state violentate, soprattutto in Libia dove permangono per un anno e forse a volte anche di più e là ovviamente succede quello che mi raccontano”.

LA FRANCIA CONTRO LA LEGGE EL KHOMRI

7782DI JACQUES SAPIR
russeurope.hypotheses.org
La Francia sta attraversando la più grave crisi sociale dal 1995, quando un movimento sociale si formò contro le riforme di Alain Juppé, il primo ministro dell'epoca. Tuttavia, non si tratta di una riedizione di quel movimento. Si tratta, infatti, del primo movimento sociale contro l'Unione Europea e le sue regole, benché nemmeno i suoi fautori ed autori ne hanno ancora preso chiaramente coscienza. Che la cosa si sarebbe verificata e sarebbe esplosa un giorno o l'altro era nell'aria. Yannis Varoufakis ne aveva dato anticipazione nel luglio scorso (1).
Parlando delle condizioni imposte dal ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schäuble, Varoufakis diceva questo: “Mi spiegò (Schäuble) esplicitamente che la Grexit, l'uscita della Grecia, gli conferiva un enorme potere di negoziazione, specie nei confronti della Francia, con lo scopo di imporre a Parigi ciò a cui essa si opponeva. Qual era la questione? Spostare il potere di bilancio da Parigi a Bruxelles (2)”. In altri termini, il piano di Schäuble dell'inizio dell'estate del 2015 non aveva come scopo prioritario la Grecia, bensì di far capitolare la Francia, attraverso la Grecia, affinché accettasse di trasferire la totalità del suo potere di bilancio e di smantellare le sue regole sociali per compiacere una potenza straniera. Schäuble, infine, voleva porre sotto tutela la Francia, approfittando della crisi greca. Bisogna prenderne coscienza. Di fatto, questo movimento sociale ha posto direttamente la questione della sovranità nazionale. Il sostegno, certamente moderato, datogli da Marine Le Pen è un segno assai significativo.

Valls, l'ostinato
Il primo ministro, tuttavia, non vuole cedere. Anzi, si scatena, così come la stampa ai suoi ordini, contro la CGT. La CGT non è l'unica forza sociale del movimento. La presenza di FO, SUD e di altri sindacati di categoria è notevole. Ne è testimonianza la foto che ritrae Martinez (CGT) e Mailly (FO) spalla a spalla nella manifestazione di giovedì 26. Si stanno dicendo, quindi, tante bugie con lo scopo di far rinascere un sentimento anticomunista. Ma il tempo per queste cose è passato. Il primo ministro e la stampa ai suoi ordini definiscono gli scioperi che toccano le raffinerie forme di “terrorismo sociale”. Questo è un insulto alle vittime del terrorismo nel mondo, ma di ciò il primo ministro non ha cura. Inoltre, il discorso tenuto oggi da Manuel Valls è in piena contraddizione con quello tenuto nel 2010, quando le manifestazioni e i blocchi delle raffinerie erano state scatenate dalle leggi del governo Fillon. É il gioco delle parti, ma c'è una specie di schizofrenia nel discorso del primo ministro.
Ciò che è grave è che oggi questo governo, con la sua azione – come la gestione esclusivamente poliziesca del movimento o l'uso abusivo dell'articolo 49.3 per consentire il passaggio della legge “El Khomri” – e con il suo linguaggio, sta creando un clima da guerra civile in Francia. Le ferite inferte ai manifestanti, con due liceali che hanno perduto un occhio a causa dei colpi di flashball, o l'inqualificabile attacco ad un veicolo della polizia, che avrebbe potuto fare due vittime, ne sono la testimonianza. Erano circa trentanni che non avevamo visione di un tale livello di violenza. L'aggravante sta nel fatto che è il governo a farlo o ad autorizzarlo, perché si capisce che i poliziotti non agiscono senza ordini, visto che viviamo nello stato d'urgenza. Questo comportamento è assolutamente irresponsabile e costituisce una minaccia concreta alla pace civile. Bisogna, dunque, capire le ragioni di questa ostinazione. Questa ragione è l'euro, dapprima per scelta di Hollande, adesso per convincimento di Manuel Valls. La scelta per l'euro si è materializzata all'inizio del quinquennato con la ratifica del TSCG negoziato da Nicolas Sarkozy. Fu chiaro, in quel momento, che questo governo e questo presidente avrebbero affondato un giorno il paese. Perché Hollande non è semplicemente e spesso inadeguato e ridicolo al contempo. Egli rappresenta oggigiorno gli interessi della UE contro i lavoratori francesi. Da questo punto di vista Jean-Luc Mélenchon ha avuto ragione quando ha ricordato, giovedì sera alla trasmissione Des paroles et des actes che gli stati sono gli unici a poterci difendere dall'UE.

Il ruolo dell'UE e dell'euro
Si tratta di una verità largamente rivelata da numerose dichiarazioni dei dirigenti dell'UE, malgrado questo governo lo neghi categoricamente. La legge El Khomri ci è imposta da Bruxelles (4). In effetti questa legge è l'applicazione fedele della “strategia di Lisbona” e dei “Grandi Orientamenti di Politica Economica” che sono elaborati dalla direzione generale degli affari economici della Commissione Europea (5). Coralie Delaume, in un eccellente articolo apparso su Le Figaro, lo dice chiaramente (6). Di fatto, i GOPE, la cui esistenza è stabilita nei trattati, e il “programma nazionale di riforme” prescrivono a numerosi stati – e da molto tempo – l'adozione di politiche di bilancio maltusiane e moderazione salariale. Questo ci da la misura del punto al quale giungono l'UE e l'Eurogruppo nell'imporre il loro stile di governance in un quadro di disciplina ferrea (7). É per questo che il governo non vuole e non può ritornare sulle sue decisioni. É per questo che tanto Manuel Valls che François Hollande danno prova di fermezza. Questa fermezza, che sarebbe ammirevole in altre circostanze, diventa odiosa quando si tratta di imporre ad un popolo delle misure decise oltre la sovranità nazionale. In tal modo, Valls e Hollande sono alla stregua di agenti dello straniero.
In qualche modo siamo “riscattati” o sottomessi ad un tributo da parte dell'Unione europea, cosa del tutto evidente visto che non siamo più sovrani. Sappiamo bene, a tal proposito, quale sia la prima conseguenza della perdita della sovranità: sacrificare delle vittime. Lo stiamo costatando in modo chiaro in Grecia. D'altronde, il commissario europeo, Pierre Moscovici, insiste sulla necessità di adottare un punto di vista europeo nel valutare questa legge (8). É d'altra parte inevitabile che, non potendo svalutare la moneta, la Francia possa recuperare competitività solo con una corsa alla riduzione dei salari. Riduzione dei salari e delle prestazioni sociali. Ci chiedono di ristabilire la draconiana “disciplina di fabbrica”. Questo significa ricondurre tutti i negoziati nel quadro degli “accordi d'impresa” a detrimento degli accordi di settore e nazionali. Il risultato di questa riforma è il drammatico indebolimento dei salariati nei confronti dei datori di lavoro. Questa è la filosofia profonda della legge, espressa all'articolo 2, la quale conduce al totale ribaltamento delle norme del Codice del Lavoro (...)

La violenza nei rapporti sociali
Torniamo ai metodi impiegati dagli oppositori. Sappiamo che questo argomento entusiasma alquanto i giornalisti (…) Giammai, però, abbiamo sentito una parola sui metodi e le pratiche dei datori di lavoro e dei sostenitori di questa legge. Perché ci sarebbe molto da dire a proposito del ricorso all'articolo 49-3 e del licenziamento della giornalista Aude Lancelin, che ha pubblicamente sostenuto il movimento sociale (10). Torniamo, d'accordo, alla questione degli scioperi e dei blocchi. C'è un conflitto. Ciò è del tutto evidente. Questo conflitto contrappone il governo, sostenuto da gran parte della classe politica di sinistra e di destra e la quasi totalità degli editori, alla maggioranza della popolazione, dato che i sondaggi danno gli elettori contrari alla legge in una percentuale tra il 70 ed il 74 per cento (11). Ciò non fa che richiamare alla nostra memoria il referendum sulla costituzione europea del 2005. Poiché il governo sapeva di non avere la maggioranza (ndt. nel paese) ha deciso di prendersi la responsabilità di attivare la procedura dell'articolo 49,3 della Costituzione, che è un sistema per aggirare il parlamento (ndt. La procedura in questione corrisponde alla nostra “questione di fiducia” con la non indifferente differenza che l'Assemblea Nazionale non è chiamata a votare la fiducia ma a non votare la sfiducia. In tal modo, se non ci sono le condizioni per sfiduciare il governo, il disegno di legge non è nemmeno discusso in aula) (12). Date le condizioni, è inevitabile e legittimo adottare forme estreme di lotta contro misure contenute in una legge imposta da stranieri a dispetto delle regole della democrazia. Questa legittima difesa sociale è dunque giusta. Questa lotta serve a creare una posizione di forza, un'espressione che spaventa, ma che si impone perché il nostro non è un mondo di “orsetti del cuore” come pensa Emmanuelle Cosse. Non può farsi una buona trattativa se non si ha una posizione di forza.

Ci vuole coerenza
C'è dunque molta ipocrisia nelle condanne ai blocchi espresse dai deputati dell'opposizione sovranista, tra i primi ad indignarsi contro le misure europee e la perdita della sovranità nazionale, ma che sono dispiaciuti quando i lavoratori passano concretamente all'azione contro tali misure. Sbagliano le loro battaglie. Il movimento contro la legge El Khomri è un movimento per la sovranità, contro l'UE e l'euro. La coerenza che dobbiamo esigere da tutti i sovranisti è che lo sostengano, benché possano avere riserve circa alcuni dei suoi metodi. La Francia è oggi minacciata dalla testardaggine di un governo diretto da una potenza straniera e che, per non dispiacere a suoi veri mentori, è pronto ad annegare il paese in una guerra civile e dall'incoerenza di certi sovranisti. Perché, bisogna ripeterlo ancora, i nostri avversari, quelli di Bruxelles e di Francoforte, quelli che cercano d'imporre in Francia quello che hanno già imposto alla Grecia, alla Spagna e all'Italia, loro sì che sono coerenti.

Jacques Sapir
Fonte: http://russeurope.hypotheses.org
Link: http://russeurope.hypotheses.org/category/thematiques/geopolitique
27.05.2016

Scelto e Tradotto www.comedonchisciotte.org da Nicola Palilla

NOTE

[1]Voir Sapir J., «Varoufakis et le plan B», note publiée surRussEurope le 3 août 2015,https://russeurope.hypotheses.org/4177
[2]Voir http://www.omfif.org/media/1122791/omfif-telephone-conversation-between-yanis-varoufakis-norman-lamont-and-david-marsh-16-july-2015.pdf
[3] http://carnetsdesperances.fr/2016/05/25/la-france-exasperee/
[4]Voir http://www.lefigaro.fr/vox/politique/2016/05/17/31001-20160517ARTFIG00137-ce-que-la-loi-el-khomri-doit-a-l-union-europeenne.php
[5] Voir le «Rapport pour la France» établi en février 2016 par les services de la commission européenne, pp. 82 et ssq.http://ec.europa.eu/europe2020/pdf/csr2016/cr2016_france_fr.pdf
[6]http://www.lefigaro.fr/vox/politique/2016/05/26/31001-20160526ARTFIG00104-l-union-europeenne-assume-la-loi-el-khomri-c-est-elle.php
[7]Voir Sapir J., «Euro et gouvernance», note publié surRussEuropele 6 avril 2015,https://russeurope.hypotheses.org/4840
[8]http://www.20minutes.fr/economie/1847339-20160518-pierre-moscovici-renoncer-loi-travail-lourde-erreur
[9]https://fr.sputniknews.com/radio_sapir/201603301023812199-droit-travail-el-khomri/
[10]https://blogs.mediapart.fr/christian-salmon/blog/250516/petition-contre-une-presse-aux-ordres-du-pouvoir
[11]http://leplus.nouvelobs.com/contribution/1512903-les-francais-hostiles-a-la-loi-el-khomri-le-peuple-a-ete-et-reste-tres-mal-informe.html
[12]Voir Sapir J., «Nous y voilà (49-3)» note publiée sur le carnetRussEuropele 11 mai 2016,https://russeurope.hypotheses.org/4941