IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 28 aprile 2017

Beyoncé & Kendrick Lamar Freedom Live BET Awards 2016

TOMTOMROCK: JESUS AND MARY CHAIN

http://www.tomtomrock.it/review/recensione-the-jesus-and-mary-chain-damage-and-joy/

"Grazie HCG e TTR per avermi fatto conoscere questo gruppo. Ho 22 anni e mi piace il genere ottanta ...", Luana P.

"TomTomRock sempre avanti! Grande riscoperta! ..." Giuliana R.

"Che bel cd!" Luca S.

"I finally fall in love with them! ... " Andy W.

"Really cool!" Lucien G.

"Lo ascolto e ora? Lo riascolto! Grazie TTR ..." Nero Da Vola

"Luccicante!" Stefania M.

"Vado a comprarlo!" Renata N.

"TTR e HCG perché non vi mettete assieme?" Silvana N.

"Che bei ricordi. Un ritorno con stile!" Nino D.

"Gian Luca, perché dici che scrivi così e così?" Stella M.

"Un cd pieno di chicche! Da mangiare tutto e rimangiare!" Delizia Pura

"Che bell'articolo!" Rita O.

"Ma l'hai scritto tu?" Mia madre

"TTR il sito di musica numero 1! Grazie ad HCG, un bel blog!" Siria D.

"Daje!" Giorgio B.

"Mi è piaciuta molto Los Feliz. Confermo, Gian Luca è la più bella! Grazie di avermi fatto riscoprire un gruppo che già amavo e che davo per finito." Silvia G.

"'Sti cazzi! Bel cd!" Rosalba B.

"JaMC, a parte il nome, dei grandi!" Loris B.

"Wonderful!" Harry Bellafonte

"I fratelli che si odiano e che creano genialità semplici. Ottimo!" Nadia Comaneci

"Grande TTR!!!" Sante C.

"Welcome to the fab eighties!" John R.

"Super!" Lidia T.

"HCG è un grande blog!" (non firmato, sarà qualche parente o amico)

"TTR number 1!" (sarà qualche parente o amico? :-) )

"TTR e HCG mi fanno vivere meglio con la musica che ci propongono. Livelli altissimi. Grandi JaMC, grande Lamar e mettete i Gorillaz! Grazie di tutto." Too Wong Foo

"JaMC un marchio indelebile. Grazie HCG." Nelson Mandala

"Ricco di sorprese!" Luisella F.

"TomTomRock propone sempre il meglio." Coniglietto Fragile

"Ancora, ancora, ancora JaMC!" Sammy

"TTR, HCG me lo regalate che non ho soldi?" Donald Trumpoline

"Bellissimo articolo!" Gerry A.

Grazie a tutti e tutte

Gian Luca e HCG e TTR

Rostam - Gwan (Official Video)

Cashmere Cat - 9 (After Coachella) ft. MØ, SOPHIE

DJ Khaled - I'm the One ft. Justin Bieber, Quavo, Chance the Rapper, Lil...

Karriem Riggins - Bahia Dreamin'

Baustelle - Il Vangelo di Giovanni (Official Video)

Sir Sly - High

Onyx - Hustlin Hours ft MakemPay (Prod by Snowgoons) SHORT MOVIE

Goldfrapp - Systemagic (Official Video)

Lusine - Just A Cloud

Fazerdaze - Lucky Girl (Official Video)

IL MACRON ISRAELIANO: DI URI AVNERY

The Israeli Macron 

A DEEP sigh of relief, coming straight from the heart.
When I was 10 years old, my family fled from Nazi Germany. We were fearful that the Gestapo was after us. When we approached the French border, our fear was acute. Then our train crossed the bridge that separated Germany from France, and we heaved a deep sigh of relief.
It was almost the same sigh. France has again sent a message of freedom.
Emmanuel Macron (Emmanuel is a Hebrew name, meaning "God is with us") has won the first round, and there is a strong possibility that he will win the second round, too.
This is not just a French affair. It concerns all mankind.
FIRST OF all, it has broken a spell.
After the Brexit vote and the election of Donald Trump, there arose the myth that a dark, ultra right-wing, fascist or near-fascist wave is bound to submerge the democratic world. It's a decree of fate. Force majeure.
First Marine Le Pen. Then that obnoxious Dutchman. Then Eastern European rightists. They will crush democracy everywhere. Nothing to be done about it.
And here comes somebody that nobody has ever heard of, and breaks the spell. He has shown that decent people can come together and change the course of history.
That is a message significant not just for France, but for everybody. Even for us in Israel.
IT IS not yet finished. The second round is still before us.
Looking at the map of the first round, the picture is disturbing enough. Le Pen has conquered a large part of France, the north and almost all the east. The disaster may still be looming.
Facing this possibility, almost all the other candidates have thrown their weight behind Macron. It is the decent thing to do. Especially noble for competing candidates, who cannot be expected to like him.
The one exception is the far-left candidate, Jean-Luc Melenchon, who was supported by the Communists. For him, Le Pen and Macron are the same. For people with a memory for history, this sounds ominous.
In 1933, the German Communists attacked the Socialists more than they attacked Hitler. In some large strikes, the communist "Red Front" even cooperated with Hitler's storm-troopers. Their theory was that both Hitler and the Socialists were capitalist stooges. Also, they were sure that the ridiculous Hitler would disappear after some months in power, freeing the way for the World Revolution.
They had ample time to repent their folly, when they sat together with the socialists in the Nazi concentration camps.
The French communists of that time learned the lesson. Three years later they formed a united front with the French socialists, and the Jewish socialist Leon Blum was elected Prime Minister.
By now, this lesson seems to have been forgotten.
However, at this moment, the victory of Macron seems fairly assured. Inshallah, as our Arab friends say.
THE MOST interesting aspect of the French election, like the American one and even the British referendum, is the end of the parties.
For centuries, political parties have dominated the public arena. The political party was the essential component of political life. Likeminded people set up a political association, published a program, elected a leader and took part in elections.
Alas, no more.
Television has changed all this.
TV is a very powerful, but also very limited, medium. It shows people. Actually, it shows mostly heads. It is most effective when it shows a head talking to the viewer.
TV does not show parties. It can talk about parties, but not really show them.
It is even worse at presenting party programs. Somebody can read them out on television, but that is boring. Few viewers really listen to them.
The practical upshot is that in modern politics, the leader becomes more and more important, and the party and its program less and less. I am not saying anything new, all this has been said many times before. But this year the process dominated the results.
The brexit result crossed party lines. The Labor party, a powerful presence for generations, seems to be breaking up.
Donald Trump officially represented the Republican Party, but did he? Seems the party loathes him, his hold on it is in practice a hostile takeover. It was Trump that was elected, not the party or a non-existent program.
These were extraordinary events. But the French elections took place in an ordinary, traditional framework. The result was that all traditional parties were destroyed, that all programs were blown away by the wind. What emerged was a person, practically without a party and without a program, with almost no political experience. He looks good on TV, he sounds good on TV, he was a good receptacle for votes that were primarily cast to stop the fascists.
That is a lesson not only for France, but for all democratic countries.
IT IS a lesson for Israel, too. A very important one.
We have already seen the beginning of this process. We now have a number of non-parties, with non-programs, which have gained a firm foothold in the Knesset.
For example, the party of the present Minister of Defense, Avigdor Lieberman. An immigrant from Moldova, he set up a "party" which appealed to immigrants from the Soviet Union. A party without internal elections, where all candidates are chosen by the leader and changed at (his) whim, without a real program, only a strong fascistic whiff. He is his sole spokesman on TV. He started with a strong anti-religious message, aimed at "Russian" voters, but is slowly turning around. No one among his people dares to raise questions.
Much the same situation prevails in the "party" of Ya'ir Lapid. The son of a TV personality with near-fascist views, he is a good-looking, smooth-talking fellow, totally devoid of ideas, who is now beating Netanyahu in the polls. No program, just a party that is his personal instrument. He alone appoints all candidates. He alone appears on TV. He, too, started as anti-religious and is turning around. (You cannot attain power in Israel without the religious parties, unless you are ready – God forbid – to cooperate with the Arab parties.)
Moshe Kahlon, a former Likudnik of North African descent, has lately set up a personal outfit, no real party, no real program. He, too, appoints all candidates on his list. He is now Minister of Finance.
The Labor party, which was once an all-powerful force that dominated the political scene for 44 consecutive years - before the state was born and after – is now a pitiful ruin, much like its French counterpart. Its leader, Yitzhak Herzog, is interchangeable with Francois Hollande.
And then there is the supreme master of TV, Binyamin Netanyahu, intellectually hollow, with ever changing hair-color, for and against the two-state solution, for and against everything else.
WHAT CAN we learn from the French?
Not to despair, when it looks as though we are on the way to disaster. To escape from fatalism and into optimism. Optimism and action.
Out of nowhere a new person can appear. On the ruins of the established parties, a new political force can arise, discarding the old language of left and right, speaking a new language of peace and social justice.
Hey you, out there! What are you waiting for? The country is waiting for you!

LA BRIGATA EBRAICA

Home / Attualità / Brigata ebraica: quella confusione cercata tra giorno della memoria e festa della liberazione

Brigata ebraica: quella confusione cercata tra giorno della memoria e festa della liberazione

FONTE SENZASOSTE.IT
Il nostro approfondimento sulle polemiche del 25 aprile e sul fatto curioso che una brigata dell’esercito inglese, i cui membri dopo la guerra si sono trasferiti principalmente in Israele, provi a dettare platealmente la linea storiografica delle commemorazioni delle associazioni antifasciste italiane.
Un episodio meno conosciuto della vita di Alfred Hitchcock racconta del suo impegno come regista nel montaggio del materiale filmato dai campi di sterminio. Hitchcock, come poi ricorderà successivamente nella storica intervista fattagli da Truffaut, doveva usare tutta la propria capacità nel difficile processo di montaggio cinematografico per un documentario del genere. Un prodotto che sarebbe stato la prova incontrovertibile che il filmato era autentico, che i campi di sterminio erano veri, che le strazianti scene filmate non erano una montatura, che la portata dell’evento era apocalittica. Naturalmente Hitchcock non pensava al suo presente, in cui era ormai ben chiaro cosa fosse accaduto, ma alle generazioni future. Generazioni che avrebbero dovuto capire l’incontrovertibilità dei fatti narrati e del messaggio che contenevano nel documentario: attenzione a tutto ciò che, agendo similmente, può riprodurre genocidi come quelli vissuti negli anni ’40. Insomma, una attenzione ai fatti, più che alle narrazioni, a tutela, oltre che delle generazioni future, della memoria del popolo ebraico colpito con una violenza di una ferocia ossessiva e paranoica su larga scala, inedita e inimmaginabile, fino a quel momento, persino nel secolo delle grandi guerre di massa.
Con il passare dei decenni, le fonti sia documentarie che testimoniali sui campi di sterminio si sono moltiplicate. Si è anche moltiplicata la letteratura negazionista ma, nonostante le pretese di riscrivere la storia, si tratta di un fenomeno regolarmente rimasto ai margini. Anche il revisionismo, di ogni genere, non riesce a ribaltare l’incontrovertibile verità arrivata fino a giorni nostri: dalla conferenza di Wansee del ’42, nella quale fu decisa la “soluzione finale del problema ebraico” da parte delle autorità naziste al gennaio del ’45, quando l’armata rossa liberò Auschwitz, vi fu, da parte dell’allora governo tedesco, una sistematica sovrapposizione tra genocidio e sterminio per  popoli (ebrei, rom), fasce di popolazione (omosessuali, disabili), oppositori politici.
Nella nostra epoca, e soprattutto nel nostro paese, il problemi nell’uso pubblico della storia, che resta comunque un diritto, nascono da un altro tipo di sterminio. Quello degli storici che non riescono a riprodursi, tanto meno in rapporto alle necessità di una società che di uso pubblico della storia ci vive, grazie al taglio brutale, operato sistematicamente nel tempo dai governi di centrosinistra e di centrodestra, ai fondi e alle cattedre di tutte le scienze umane. Tutto sacrificato sull’altare dell’inutile santuario chiamato finanza e, qui, speriamo che le generazioni successive non vivano questo genere di sacrifici. Gli storici hanno, infatti, il pregio di immettere fatti nella discussione pubblica. Un lavoro alla Hitchcock, utile per far disperdere mitologie e narrazioni velenose. Un lavoro che la nostra società ritiene improduttivo, ed è una cecità che fa danni. L’altro sterminio, conseguenza di quello degli storici ma anche delle mutazioni antropologiche e tecnologiche intervenute nella società, è quello di buona parte della memoria collettiva. In una società in cui il massimo arco temporale della memoria condivisa sembra toccare i cinque anni, il genocidio di Auschwitz, la seconda guerra mondiale, la Liberazione  stanno sul terreno dei temi lunari, sideralmente lontani. Forse oggi l’unico vero fatto storico condiviso da tutte le generazioni di italiani, è la vittoria al mundial del 1982. Molto più di quello del 2006 a riprova che nella memoria collettiva, anche oggi, conta più l’aspetto simbolico che la vicinanza temporale. E se  il ‘900  nella memoria di oggi non conta il problema non è la lontananza: vuol dire che i simboli che porta, e il modo con i quali vengono rappresentati, stanno in una dimensione di debolezza.
Nonostante lo sterminio degli storici, la disabitudine all’uso sistematico dei fatti nell’uso pubblico della storia, il forte indebolimento della memoria collettiva ciò che è accaduto prima e dopo la seconda guerra mondiale, nella vita politica istituzionale, continua a contare. Per due motivi. Il primo è che il potere istituzionale continua a riprodursi tramite riti a contenuto storico. Su come avvengono questi riti, come naturale in questo genere di riproduzioni, si giocano i posizionamenti delle cordate di potere al suo interno. Il secondo è che, essendo il potere istituzionale un potere pubblico, questi riti vengono riprodotti dai media per un processo di legittimazione delle istituzioni nei confronti della società. E’ così possibile, e nel nostro paese accade da anni, un processo simile e differente, assieme, a quanto descritto classicamente da Orwell con il celeberrimo “chi governa il passato governa il presente”. Perchè, da una parte, nessun cerimoniere del passato, volente o nolente, governa l’idea di presente dell’intera società. Quest’ultima ormai è così acentrica e differenziata, rispetto ai tempi di Orwell, da rendere impossibile un governo del suo senso della storia. Non solo perchè la durata media del senso collettivo della storia sta, probabilmente, in cinque anni. Ma anche perchè ci sono settori di società in cui la storia dell’evoluzione delle birrerie, o del cloud computing, o del design dei cellulari prima e degli smartphone poi, oppure quella delle battaglie un pò storiche un pò sportive tra campanili, assume sempre maggior valore simbolico di qualsiasi lettura degli eventi politici, e di costume, che vanno dal 1938 al 1948 (dalle leggi razziali all’entrata in vigore della costituzione repubblicana). Dall’altra parte, invece, la legge di Orwell “chi governa il passato governa il presente” vale per le reti di potere istituzionale. Chi, in quei circuiti, fa valere la propria versione della storia è in grado di condizionare i riti con i quali il potere isituzionale si riproduce (che sono storici e legate al ricordo di determinati eventi). E’, in ultima istanza, in grado quindi di far valere le proprie cordate di potere. Ecco qui il contesto nel quale si inquadra la vicenda della brigata ebraica. Vicenda differente, nonostante le motivazioni ufficiali, dalla necessità di tutela della memoria del genocidio degli ebrei. Vicenda che si inquadra,  piuttosto, nelle  mutazioni della memoria collettiva e dell’autoreferenzialità rituale delle istituzioni.
La brigata ebraica e noi
Senza entrare in una serie di dettagli storiografici, la brigata ebraica è stato un corpo dell’esercito inglese durante la seconda guerra mondiale (Jewish Infantry Brigade Group) inquadrato in diversi battaglioni e compagnie. Assorbendo gli ex soldati del “reggimento di Palestina” e costituendo, anche, oltre al nome Jewish Brigade, anche due compagnie dal nome “Palestina” (la 643 e la 178). Costruita nel settembre 1944, e composta di circa 5000 volontari, la brigata ebraica si vede intitolata a Ravenna una lapide ricordo dei morti, in tutto 45, durante la campagna di liberazione dell’Italia a cui ha partecipato.
Ad essere pignoli, e spesso coincide con essere stupidi, si tratta di una brigata inquadrata nell’esercito inglese e suona un pò strano che, chi ne detiene la memoria, si immetta direttamente in discussioni sulla linea e sulle cerimonie dei partigiani italiani. Anche perchè i partigiani italiani non entrano nel merito, nel metodo, e nella costruzione simbolica delle commemorazioni dell’esercito inglese nè dei corpi di volontari dell’attuale stato di Israele. Ma non vogliamo essere pignoli, per non rischiare la malattia dell’animo chiamata stupidità, ed evitiamo di evidenziare troppo il fatto che è curioso che una brigata dell’esercito inglese, i cui membri dopo la guerra si sono trasferiti principalmente in Israele, provi a dettare platealmente la linea storiografica delle commemorazioni  delle associazioni antifasciste italiane. E poi fa seriamente piacere che gli ebrei cittadini del nostro paese, e in generale la cultura israelitica in lingua italiana, siano interessati, con il loro contributo di memoria della partecipazione militare attiva, anche alla promozione della cultura della resistenza. Solo che, in questo modo, non ci siamo proprio. Anzi, si finisce, paradossalmente, per promuovere proprio quel modo revisionista di fare storia che è dannoso per le società civili. Finendo anche per inflazionare proprio i valori che si vogliono promuovere.
La promozione dei valori della brigata ebraica in Italia, legandoli alle cerimonie della resistenza, è storia recente. Recente quanto l’invito, per associazioni o esponenti palestinesi, a partecipare a iniziative o celebrazioni riguardanti la resistenza. Qui è inutile girarci attorno: il conflitto sulla legittimità o meno di esponenti pubblici palestinesi, tipico della vita pubblica dello stato di Israele, è stato esportato, consapevolmente, anche in Italia. E sul terreno delle celebrazioni della resistenza. Eppure l’Italia è un paese che, comunque, ha sempre riconosciuto sia i palestinesi che gli israeliani. Quest’opera di esportazione di conflitti presenti nello stato di Israele è stata fatta in uno dei modi, diciamo, non migliori: creando le condizioni per una delegittimazione di iniziative legate alla memoria della resistenza o della stessa Anpi. Perchè per delegittimare i palestinesi, uno degli obiettivi delle cerimonie della Brigata ebraica, si è finito per delegittimare associazioni antifasciste italiane. Usando una autorità morale e mediatica per dare l’impressione che l’Anpi venisse meno ad uno spirito universalistico di riconoscimento di diritti di tutti. Non solo, sempre per quanto riguarda la Brigata ebraica (intesa come comitato che ne governa la memoria) si è finiti per legittimare correnti di partito che la costituzione, nata dalla resistenza, la volevano stravolgere in senso autoritario. E che sono stati sonoramente sconfitte al referendum popolare del dicembre 2016. Una operazione di delegittimazione, delle organizzazioni antifasciste, e di delegitimazione, di un revisionismo autoritario compiuta, oggettivamente, tramite le iniziative della brigata ebraica che non fanno oggettivamente bene a questo paese.
Ma poi, diciamocelo fino in fondo, quale tipo di memoria storica si vuol promuovere? Non abbiamo visto un atto o letta una parola, dagli esponenti di questa operazione culturale, che si sia levata contro lo sterminio finanziario degli storici nelle università e negli istituti di ricerca di questo paese. Eppure questa è la precondizione per la diffusione di una cultura della registrazione dei fatti, quel tipo di cultura che permise agli Hictchcock il montaggio di un filmato che, incontrovertibilmente, dimostrava l’esistenza dei campi di sterminio e dello scempio epocale li’ commesso. Ma Hitchcock, in questo senso, era ottimista. Pensava che le generazioni a venire avrebbero curato la storia, le fonti storiografiche, la cura documentaria, la spiegazione a partire proprio da queste fonti. Invece, nonostante l’esplosione, tramite digitalizzazione, delle fonti a disposizione del pubblico gli storici, utili analisti e divulgatori di questo materiale, sono stati finanziariamente sterminati. Non solo in questo paese. Ma questo non pare interessare, visto che non ne hanno mai parlato, a operazioni culturali come quelle della brigata ebraica. E anche la demolizione della memoria collettiva, la sua profonda mutazione, trova, in questo genere di promozione culturale, un inutile canale di sfogo nella dimensione dell’obbligo scolastico. Tanto che la stragrande maggioranza dei ventenni-trentenni di oggi, di quelli che hanno la memoria collettiva corta e sono più attenti alle polemiche sui social media, è stata spesso prima, a scuola e sulle questioni della memoria, oggetto di una paludata propaganda istituzionale del tutto inefficace .
Se la parola “risiera” alla stragrande maggioranza dei giovani purtroppo richiama a una serie di ristoranti in tutta la penisola, e non al campo di concentramento di San Sabba, la responsabilità sta anche in tanta pedagogia dello sterminio paludata, e poco attenta ai nuovi linguaggi, della quale iniziative come la brigata ebraica fanno parte. Resta, in questo caso ben praticata, l’occupazione dello spazio simbolico e rituale del 25 aprile da parte di chi governa le cerimonie della brigata ebraica. E sul palco delle autorità, nelle  cerimonie istituzionali ufficiali, la vigenza della legge di Orwell “chi governa il passato governa il presente” significa stare in alto del ranking della politica che conta. Per cui le cerimonie della Brigata ebraica si disinteressano dello sterminio finanziario degli storici, sono inefficaci, quando non nulle, sul piano dell’impatto sulla memoria collettiva ma, in compenso, producono verità da governare sul palco delle istituzioni, per stare in alto nel ranking della politica. Perchè, come ormai è chiaro,  in quei circuiti, chi fa valere la propria versione della storia è in grado di condizionare i riti con i quali il potere isituzionale si riproduce. E la propria versione, spiace dirlo, è quella che serve a creare una seria, perniciosa confusione tra il giorno della memoria e il 25 aprile. Confusione tanto più esercitata quest’anno quando lo stesso Presidente della Repubblica si è intrattenuto più sui temi dello sterminio di massa che della liberazione (considerando che era il 25 aprile). Confusione, riflesso di rapporti di potere mutati anche rispetto a pochi anni fa, che rischia di far scomparire la peculiarità del 25 aprile che è un evento che non commemora tanto uno sterminio ma l’introduzione del pluralismo politico nel nostro paese. Nelle ricorrenze c’è sempre un’ecologia da rispettare: indebolendo la ricorrenza della Liberazione, e dell’istituzione del pluralismo politico, resta la sola dimensione del lutto. La storia non  rivela più il lieto fine, non quello dei film ma di un processo storico che vuol insegnare al presente. Si perde così l’insegnamento di Hitchcock sulla capacità di rappresentare i fatti, del resto il racconto collettivo della storia fattuale ha ceduto il passo a quello istituzionale del lutto, e quel segnale di possibilità realizzata di riscatto che contiene il 25 aprile. In poche parole si stravolge ciò che quel periodo chiedeva, alle generazioni successive, per essere trasmesso: attenzione ai fatti piuttosto che alla retorica, memoria collettiva piuttosto che cerimonie ufficiali, pluralismo culturale, per rappresentare al meglio le reti di vicende che hanno composto la seconda guerra mondiale, piuttosto che insistenza su un solo aspetto per quanto dolorissimo. Oltretutto, quando si segue la regola Orwell di  governare il passato per stare nelle reti di potere nel presente, si crea quell’effetto di monopolio della verità che non è salutare per nessun tipo di democrazia.
Se si guarda a quanto detto dalla sottosegretario Boschi sul palco della commemorazione del 25 aprile, quello dove era presente la Brigata ebraica, il discorso è chiaro. La sottosegretario ha detto testualmente “qui c’è la verità qui ci sono i veri partigiani”. Insomma, si vuol creare, con questa vicenda, il classico monopolio del vero, e chi detiene la verità detiene potere, che vuol legittimare il ceto dirigente che governa questo monopolio come il punto più alto del ranking politico.
In questa confusione, di date e di ruoli sociali, esce però la differenza tra il metodo Hitchcock e l’autoritarismo della verità . La democrazia, e la libertà, non esistono se qualcuno ha il monopolio della verità sui di fatti storici e quindi, in ultima istanza, sulla politica. La democrazia si difende, sconfiggendo il revisionismo e le pulsioni autoritarie, quando un’intera società ha linguaggi e strumenti a disposizione per capire e rappresentare i fatti. Trovando un Hicthcock che esalta questi strumenti. Altrimenti, nonostante si legittimi attraverso la commemorazione eventi della storia democratica di questo paese, riproduce l’effetto Orwell di una società passiva, senza strumenti, che accetta ciò che è vero solo quando qualcuno ha il potere di dirlo. In apposite cerimonie ufficiali. Esattamente il contrario dell’insegnamento del ’45. E le parole, offensive, rivolte ai critici di cerimonie come quelle della Brigata Ebraica (ci riferiamo all’accusa di antisemitismo, spesso abusata e offensiva se rivolta a dei democratici) non spostano di un millimetro il problema. Siamo di fronte a cerimoniali che servono per il posizionamento nei riti di potere istituzionale, non hanno impatto nè per la ricerca nè per la società e creano quell’effetto “monopolio della verità” che poco ha a che vedere con lo sviluppo di un tessuto culturale democratico del paese.,
E’ evidente che va ristabilita la pluralità e l’ecologia della differenza delle feste e delle ricorrenze. La vivacità del pluralismo è uno strumento utile in una società indifferente. Ma con una cultura delle sinistre sempre sulla difensiva, mai innovativa nei linguaggi e nella coltivazione dell’immaginario, balcanizzata dai protagonismi, è difficile si possa fare qualche passo in avanti.
Certo, se un domani, nelle cerimonie ufficiali, l’Europa in tv sarà rappresentata come sostanzialmente libera grazie allo stato di Israele, La liberazione di Auschwitz impossibile senza l’esistenza degli americani e Moshe Dayan celebrato come colui che ha impedito uno sbarco di massa dell’integralismo islamico non ci sarebbe niente a sorridere. Sarebbe il nostro mondo in cui  un altro tipo di revisionismo si sarebbe fatto prima verità storica , poi rito istituzionale e infine un qualcosa di seriamente autoritario.
Fonte: www.senzasoste.it
Link: http://www.senzasoste.it/brigata-ebraica-quella-confusione-cercata-giorno-della-memoria-festa-della-liberazione/
27.04.2017

POVIA E GALLONI

Home / Attualità / Cosa c’entra Povia con Nino Galloni ?
Il cantautore Giuseppe Povia

Cosa c’entra Povia con Nino Galloni ?

DI FABIO CONDITI
comedonchisciotte.org
Quando abbiamo deciso di organizzare a Modena il 29 aprile 2017 un evento mediatico-spettacolare per parlare di sovranità monetaria, mi sono imbattuto in questo breve video che documenta l’incontro sul palco tra Povia e Nino Galloni, e sono stato folgorato dall’idea di creare le condizioni perché ci fosse un seguito concreto a questo incontro.

La competenza e l’esperienza di Nino Galloni la conosciamo tutti e la sua frase “svegliamoci prima che sia troppo tardi” è per tutti una esortazione a scuoterci dal nostro torpore e finalmente muoverci per dare il nostro personale ed importante contributo al cambiamento dell’attuale sistema economico e monetario.
In uno dei suoi primi libri, circa 25 anni fa, Nino già parlava di “economia monetaria”dicendo : “L’economia monetaria vera e propria è il sistema limitato non dalle disponibilità di terreni, materie prime o mezzi monetari, ma dalla disponibilità delle risorse umane; vale a dire che esso può svilupparsi fino al limite dato dalla valorizzazione del lavoro“.
Una moneta non più legata all’oro, se utilizzata correttamente dalla classe politica, può creare sviluppo economico valorizzando le risorse umane e permettendo il raggiungimento del benessere di tutti i cittadini
In realtà, stiamo assistendo all’esatto contrario : l’economia monetaria è diventata finanziaria, producendo un aumento esponenziale delle disuguaglianze, della povertà e della disoccupazione.
Questo perchè la sovranità monetaria è uno dei temi più controversi e contrastati che esistano al mondo, a causa degli enormi interessi che nasconde.
Hanno cercato in tutti i modi di eliminare questa potenzialità dalla discussione politica ed economica, in accordo con il famoso detto padronale : “Non far sapere al contadino quanto è buono il formaggio con le pere”.
Tanto per chiarire ai più sprovveduti, noi siamo i contadini, mentre lo Stato è il formaggio e la sovranità monetaria è rappresentata dalle pere.
Ci hanno martellato per anni e convinto che lo Stato che utilizzi la propria sovranità monetaria è male, e deve essere assolutamente evitata questa sventura.
Il motivo è semplice : c’è qualcun’altro che sta utilizzando “il formaggio con le pere”, cioè lo Stato e la sua sovranità monetaria, e non vuole che noi scopriamo quant’è buono per l’economia reale e per la nostra vita.
Purtroppo da tantissimi anni ripetono come un mantra lo stesso concetto su giornali, libri, radio e televisioni : lo Stato non deve assolutamente creare denaro, altrimenti aumenta l’inflazione, la corruzione e arrivano anche le cavallette di biblica memoria.
Questa idea si è ormai radicata nella mente di tutti gli italiani, per cui smontarla non è facile, ci stiamo provando da anni ed i risultati sono sempre sicuramente inferiori alle nostre aspettative ed ai nostri sforzi.
I motivi sono sostanzialmente due.
Prima di tutto le persone hanno la percezione che i soldi siano creati dalle istituzioni, qualcuno pensa sia lo Stato mentre altri immaginano sia la Banca Centrale Europea a farlo.
Poi gli fai vedere una tabella della Banca Centrale Europea, dove il denaro creato dallo Stato è lo 0,3% del totale e quello creato dalla BCE è il 3%, poi gli chiedi :
“Da dove viene il 97% percento che troviamo nei depositi delle banche ?”
A questo punto il panico, io che ormai ho fatto più di 100 incontri in tutta Italia, vi posso assicurare che lo spettacolo è vedere le facce delle persone quando gli mostri queste tabelle, un misto di incredulità e smarrimento, perché non sanno proprio da dove possa venire tutto quel denaro … letteralmente dal nulla, creato dalle banche attraverso i prestiti !
Ma tutto questo è niente rispetto a quando poi gli spiego che i soldi nei loro conti correnti bancari, sono di proprietà della banca. A quel punto cadono nello sconforto.
E’ in quel momento che capisco il genio di Povia, perché ascoltando le sue canzoni anche lui affronta questioni tremende che getterebbero nello sconforto chiunque, ma lo fa con allegria e le persone assimilano quei concetti … divertendosi.
Pensate alla sua straordinaria canzone su “Chi comanda il mondo” :

Scoprire che c’è un sistema economico e finanziario che controlla il mondo e costringe tutti a subite politiche di austerity e sacrifici che non sarebbero necessari, getterebbe nello sconforto chiunque.
Ma se lo canta Povia, le persone, me compreso, lo accettano più facilmente. E soprattutto fa venire la voglia di ribellarsi.
Questa è la forza ed il coraggio di questo cantautore straordinario, che è riuscito a tradurre in musica concetti che fino ad oggi erano solo per addetti ai lavori, comunicati in modo noioso ed incomprensibili per la maggior parte delle persone.
Unendo due modi di comunicare, le canzoni e gli interventi tecnici, cercheremo di aumentare al consapevolezza delle persone sull’importanza della sovranità monetaria per l’economia di una nazione, nella speranza di convincere tutti a mobilitarsi per generare un vero cambiamento.
Per questo motivo la componente più importante dello spettacolo sarà il pubblico, che spero interverrà numeroso per discutere insieme di economia e moneta, nella speranza di far comprendere come questi argomenti sono fondamentali per le nostre vite e condizionano il benessere di tutti noi.
Noi ci rivolgiamo a chi non è soddisfatto di come vanno le cose.
A chi pensa che esista un modo migliore di far funzionare l’economia.
A tutti quelli che hanno deciso di fare qualcosa per cambiare il mondo.
Venite a trovarci, passeremo uno splendido pomeriggio insieme, a parlare di cosa possiamo fare per migliorare il futuro nostro e dei nostri figli.

Chi è interessato all’evento, può venire alle ore 16,00 del 29 aprile 2017 al Teatro Sacro Cuore di Modena, l’ingresso è libero e gratuito e potete anche prenotare i posti inviando una mail con il numero dei partecipanti a moneta.positiva@gmail.com.
Insieme alla “strana coppia” Povia e Nino Galloni, ci saranno anche Marco Cattaneo, ideatore dei Certificati di Credito Fiscali, e Giovanni Zibordi, lo scopritore della capacità infinita delle Banche Centrali, di creare denaro e comprare debito degli Stati per annullarlo.
Ci sarà probabilmente anche una nuova televisione a riprenderci, la SOS Television che ringraziamo, la quale riprenderà lo spettacolo per mandarlo in onda sul suo canale 230 nel mese di maggio.
Io come Presidente dell’Associazione Moneta Positiva spiegherò i nostri obiettivi e quale sarà la nostra attività per riformare il sistema monetario e farlo funzionare meglio di oggi.
Spero con il contributo di tutti voi.
Ma se vogliamo davvero il cambiamento, dobbiamo prima di tutto cambiare noi stessi.
Perchè “Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini consapevoli e risoluti possa cambiare il mondo. In realtà sono stati sempre e solo loro a cambiarlo” (Margaret Mead).
E per cambiare il mondo, la moneta deve essere di proprietà dei cittadini e libera dal debito.

Fabio Conditi
Fonte: www.comedonchisciotte.org
28.04.2017
Presidente dell’Associazione Moneta Positiva

EPATITE C: IL SUPERFARMACO DISPONIBILE

Epatite C, in Italia arriva il nuovo super farmaco contro tutti i tipi

Epatite C, in Italia arriva il nuovo super farmaco contro tutti i tipi
Epatite C, in Italia arriva il nuovo super farmaco contro tutti i tipi
ROMA – E’ disponibile in Italia il nuovo farmaco per trattare tutti i genotipi dell’epatite C. Ne dà notizia l’Agenzia italiana del farmaco: a seguito dell’esito positivo della trattativa con l’azienda produttrice GileadSciences  è stata pubblicata oggi in Gazzetta Ufficiale la determina dell’Aifa che autorizza l’ammissione alla rimborsabilità del medicinale Epclusa (che combina i principi attivi sofosbuvir e velpatasvir). Il Servizio Sanitario Nazionale rende così disponibile un’ulteriore scelta terapeutica per il trattamento dei pazienti affetti da Epatite C cronica.
In tutto in Italia negli ultimi due anni sono stati trattati 73 mila pazienti, ricorda Massimiliano Conforti, vice presidente dell’associazione Epac, e si stima che possano essere trattate altre 250 mila persone. Ora con un superfarmaco che colpisce tutte le diverse facce che può assumere il virus nell’organismo umano, si allarga così la possibilità di cura a persone che fino ad ora erano tagliate fuori dal trattamento e di poter così guarire completamente dalla malattia.
L’accordo raggiunto su Epclusa, rileva l’Aifa, “da un lato consente di abbattere i costi e dall’altro, grazie ai nuovi criteri di trattamento individuati e presentati da Aifa nelle scorse settimane, segna un passo particolarmente significativo nell’attuazione e nella sostenibilità economica del piano di eradicazione dell’epatite C”.
In sostanza dal prezzo di 16.600 euro si sarebbe arrivati a stabilire un prezzo del 50% ma grazie ad un accordo sulla base del volume utilizzato, il prezzo dovrebbe scendere attorno al 20%, una spesa per il servizio sanitario nazionale di circa 4 mila euro a paziente.
“Siamo soddisfatti dell’esito della trattativa. Epclusa va ad aggiungersi alle altre molecole già disponibili nel nostro paese per il trattamento dell’Epatite C (DAKLINZA, HARVONI, OLYSIO, SOVALDI, VIEKIRAX, EXVIERA, ZEPATIER). Questo significa che i pazienti italiani hanno adesso a disposizione tutti gli strumenti terapeutici esistenti sul mercato”, ha detto il Direttore Generale di Aifa, Mario Melazzini che ora auspica che l’ingresso di nuove molecole contribuisca all’ulteriore abbattimento dei costi dei farmaci e stimoli la concorrenza, ”strumento indispensabile perché il mercato si arricchisca di prodotti innovativi a un prezzo sempre più basso, consentendo la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale”.
”I trattamenti a base di sofosbuvir di Gilead sono sostenibili per il Servizio Sanitario Nazionale e rappresentano un’innovazione senza precedenti, combinando un’ottima efficacia (eliminazione del virus) ad una maggiore praticità (regimi di cura più brevi) e a una buona tollerabilità”, spiega anche l’azienda.
In due anni di disponibilità del primo regime a base di sofosbuvir, oltre un milione di persone con epatite C sono state trattate nel mondo. “Siamo lieti di proseguire la nostra partnership con Aifa e il Ministero della Salute per continuare nel percorso verso l’eradicazione del virus in Italia”, ha commentato Bob Roosjen, Direttore Generale Gilead Italia.

3 CAFFE' AL GIORNO TOLGONO IL CANCRO ALLA PROSTATA

SALUTE

Cancro alla prostata: 3 tazzine di caffè al giorno riducono il rischio del 50%

Cancro alla prostata: 3 tazzine di caffè al giorno riducono il rischio del 50%
Cancro alla prostata: 3 tazzine di caffè al giorno riducono il rischio del 50%
ROMA – Dal caffè protezione contro il cancro della prostata: una ricerca condotta dall’IRCCS Neuromed di Pozzilli in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e l’IRCCS Istituto Dermopatico dell’Immacolata di Roma su 7000 italiani, unita a studi in laboratorio, mostra che il rischio di tumore si riduce di oltre il 50% in chi beve tre tazzine di caffè al giorno. Sarebbe la caffeina la diretta responsabile degli effetti protettivi. Condotto da George Pounis di Neuromed, lo studio è stato pubblicato sulla rivista International Journal of Cancer.
Alcuni studi recenti avevano suggerito un effetto protettivo della bevanda. In questo nuovo lavoro sono stati seguiti nel tempo i partecipanti allo studio epidemiologico Moli-sani. “Analizzando le abitudini relative al consumo di caffè – spiega Pounis – e i casi di cancro alla prostata registrati nel corso del tempo, abbiamo potuto evidenziare una netta riduzione di rischio, il 53%, in chi ne beveva più di tre tazzine al giorno”.
Poi i ricercatori hanno testato l’azione di estratti di caffè (contenenti o meno caffeina) su cellule tumorali prostatiche in provetta. Solo gli estratti con caffeina hanno mostrato la capacità di ridurre significativamente la crescita delle cellule cancerose e la loro capacità di formare metastasi; un effetto che in larga parte scompare con il decaffeinato. Ciò suggerisce che l’effetto benefico è molto probabilmente dovuto proprio alla caffeina, più che alle numerose altre sostanze contenute nel caffè.
“Dobbiamo tenere presente – commenta Licia Iacoviello, capo del Laboratorio di Epidemiologia Molecolare e Nutrizionale – che lo studio riguarda una popolazione del Molise, che quindi beve caffè rigorosamente preparato all’italiana, cioè con alta pressione, temperatura dell’acqua molto elevata e senza l’uso di filtri. Questo metodo, diverso da quelli seguiti in altre aree del mondo, potrebbe determinare una maggiore concentrazione di sostanze bioattive. Sarà molto interessante approfondire questo aspetto. Il caffè è parte integrante dello stile alimentare italiano, che non è fatto solo di singoli cibi, ma anche del particolare modo di prepararli”.

QUESTA E' LA BRITISH AIRWAYS, MESSRS!

Passeggero malato in aereo, steward lo legano al posto e scherniscono: “Puoi defecare lì”

Passeggero malato in aereo, steward lo legano al posto: "Puoi defecare lì"
Passeggero malato in aereo, steward lo legano al posto: “Puoi defecare lì”
LONDRA – Un passeggero malato di cancro e diabete ha chiesto di potersi alzare e poter andare in prima classe. Una richiesta di aiuto a cui gli steward della British Airways hanno risposto legandolo al suo posto nel viaggio di 14 ore da Londra a Kingston, in Giamaica, e schernendolo: “Puoi anche defecare lì“. Il viaggio in aereo per Kwame Bantu, 65 anni, si è trasformato in un vero e proprio incubo: si è ritrovato con mani e polsi legati alla poltrona e ha denunciato l’accaduto: “Mi hanno trattato come uno schiavo”.
Tutto per Bantu è iniziato quando ha chiesto agli steward di essere spostato in un posto più comodo o almeno di potersi alzare per sgranchirsi le gambe. L’anziano giamaicano soffre di cancro e diabete e non sta bene, ma la risposta dell’equipaggio non è stata quella che si attendeva. Biagio Chiariello su Fanpage scrive che il personale ha iniziato a schernirlo e non contento lo ha legato alla poltrona:
“E,
“E, stando sempre al suo racconto, per accertarsi che non si muovesse da lì, gli hanno bloccato con dei lacci mani e piedi. “Stavo solo cercando di avere un po’ di spazio per allungare la gamba”, ha detto al Daily Mail. “Ma nessuno mi ha aiutato. Hanno rifiutato di ascoltarmi, nonostante dicessi loro che ero malato e stavo male. Sono stato trattato come uno schiavo” dice l’anziano. “Gli steward si sono comportati in modo disumano. E quando ha chiesto di poter andare in bagno, gli hanno risposto che poteva fare i suoi bisogni lì, sulla poltrona” spiega ancora il 65enne.
Il racconto dell’uomo è stato confermato da Joy Stoney, un’imprenditrice dello Yorkshire, che avrebbe anche cercato di aiutare Kwame: “Gli hanno letteralmente detto che poteva defecare al suo posto”. Secondo la donna, 40enne, il personale di volo avrebbe “trascinato l’uomo per il collo” dopo averlo irriso dicendogli: “Sai quanto costa un biglietto di prima classe?”. La compagnia, la British Airways, ha aperto un’indagine sull’accaduto ma intanto si è difesa: “Bantu ha opposto resistenza, urlando contro l’equipaggio e gli altri passeggeri”.