IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

lunedì 21 agosto 2017

Wolf Alice - Don't Delete the Kisses

P!nk - What About Us (Official Video)

Vinnie Paz feat. Eamon "The Ghost I Used to Be" - Official Video

Chelsea Wolfe - 16 Psyche (Official Video)

Miley Cyrus - Younger Now (Official Video)

Alice Glass - Without Love (Official Video)

Slack Jaw - Ellen Page & Emma Portner

JAIN Performing Her Afro-French Pop Jams 'Come' and 'Makeba' Live | See....

Son Lux - Dangerous (Official Video)

L'UOVO DI COLOMBO: DI URI AVNERY

The Egg of Columbus 


I DON'T know when the wheel was invented, or who invented it.
I DON'T know when the wheel was invented, or who invented it.
However, I have no doubt that it was invented again and again, with many happy inventors sharing the glory.
The same is true for the Israeli-Palestinian Confederation. From time to time it appears in public as a brand-new idea, with another group of inventors proudly presenting it to the public.
This just shows that you cannot suppress a good idea. It appears again and again. During the last few weeks, it has appeared in several articles, presented by new inventors.
Every time it happens, I would take off my hat, if I had one. As Europeans used to do when they met a lady or an old acquaintance.
ACTUALLY, the United Nations Partition Plan adopted by the General Assembly on November 29, 1947 (Resolution 181) already proposed a kind of confederation, though without using the term. It said that the two new states that it created – one Arab, one Jewish, with Jerusalem as a separate unit - would be united in an "economic union".
A few days later, the "war of 1948" broke out. It was a bitter and cruel war, and when it ended in early 1949, nothing of the UN resolution remained. There were still some desultory negotiations, but they petered out.
The war had created "facts on the ground" – Israel controlled vastly more territory than was allotted to it, Jordan and Egypt had taken over what was left. Palestine had ceased to exist, the very name erased from the map, with half the Palestinian people evicted from their homes.
Immediately after the war, I tried to set up a group of young Jews, Muslims and Druze to propagate the setting up of a Palestinian state next to the new State of Israel. This initiative led nowhere. In 1954, when some Palestinians in the West Bank revolted against their Jordanian masters, I published a call for the Israeli government to support the creation of a Palestinian state. It was ignored.
It was three years later that the idea of an Israeli-Palestinian federation first took on a serious form. The 1956 Israeli attack on Egypt, in collusion with France and the UK, aroused the disgust of many Israelis. In the middle of the war, I got a phone call from Nathan Yellin-Mor. He proposed that we do something about it.
Yellin-Mor had been the political leader of Lehi (alias the Stern Gang) the most extreme of the three underground organizations that fought against British rule. I was the owner and editor-in-chief of a popular news magazine.
We set up a group called Semitic Action. As a first step, we decided to compose a document. Not one of those flimsy political programs that are published today and forgotten tomorrow, but a serious plan for the total overhaul of the State of Israel. It took us more than a year.
We were some 20 people, most of them prominent in their field, and met at least once a week for our deliberations. We divided the subjects among us. The subject of peace with the Arabs fell to me.
THE BASIS of the new creed was that we Israelis are a new nation – not outside the Jewish people but a part of it, much like Australia was a new nation within the Anglo-Saxon community. A new nation created by its geo-political situation, climate, culture and traditions.
(This idea itself was not quite new. In the early 1940s, a handful of poets and writers, nicknamed the Canaanites, had proposed something similar, but denied any connection with the world Jewish people and also denied the existence of the Arab nation or nations.)
In our view, the new "Hebrew" nation was a part of the "Semitic Region" and therefore a natural ally of the Arab nations. (We categorically refused to call it "Middle East", an Eurocentric, imperialist term.)
In a dozen detailed paragraphs we outlined the structure of a federation that would consist of the two sovereign states of Israel and Palestine and be in charge of their joint economic and other interests. Citizens of either of the two states would travel freely in the other one, but not be allowed to settle there.
We foresaw that this federation would in due course become part of a wider confederation of all the countries of the Semitic region in Asia and Africa.
Other chapters dealt with the total separation between state and religion, free immigration, relations with the Jewish communities around the world and a social-democratic economy.
The document, called "The Hebrew Manifesto", was published before the State of Israel was ten years old.
CHRISTOPHER COLUMBUS, the man who "discovered" America, was asked how to make an egg stand up. He knocked the end of the egg on the table and lo and behold – it stood.
Since then, the "Egg of Columbus" has become proverbial in many languages, including Hebrew. The idea of a federation in Palestine is such an egg. It combines two principles: that there would be one country between the Mediterranean Sea and the Jordan River, and that both Israelis and Palestinians would live in their own independent state.
The "Whole of Eretz Israel" and the "Whole of Palestine" are right-wing slogans. The "Two-state Solution" belongs to the Left.
In this debate, "federation" and "confederation" are often used interchangeably. And indeed, no one quite knows the difference.
It is generally agreed that in a federation, the central authority has more powers, while in a "confederation" more powers are vested in the component units. But that is a vague distinction.
The American civil war was fought between the Southern "confederacy" which wanted to retain the rights of the component states in many fields, (with the fields tended by slaves), and the federation of the North, which wanted the central government to retain most of the important powers.
The world is full of federations and confederations. The United States, the Russian Federation, the Confederation Suisse, the United Kingdom, the Bundesrepublik Deutschland (official translation: Federal Republic of Germany) and so on.
There are no two among them which resemble each other completely. States are as different from each other as human beings. Each state is the product of its geography, the special character of its peoples, its history, its wars, loves and hatreds.
Members of a federation do not have to love each other. Last week, in a bizarre way, the American civil war was fought again in a Southern city, at the foot of the statue of a Southern general. Bavarians have no great love for the "Prussians" of the north, Many Scots would love to get rid of the bloody English, as would many Quebecois from Canada. But common interests are strong, and very often they prevail.
When it is not a marriage of love, it is at least a marriage of convenience.
Technical advances and the demands of the modern economy drive the world together into larger and larger units. The much-maligned "globalization" is a global necessity. People who today wave the "Bonnie Blue Flag" or the Swastika are ridiculous.
One day in the future people will pity them as people today pity the Luddites, who smashed the machines at the beginning of the industrial era.
BACK TO us.
The idea of a federation or confederation of Israel/Palestine may sound simple, but it is not. There are many obstacles.
First of all, there is the vast difference in the living standards of the two peoples. It would necessitate massive help from the rich world for the Palestinians.
The historical hate between the two peoples, not since 1967, not since 1948, but right from the beginning in 1882, must be overcome. This is not the job of politicians, but of writers and poets, historians and philosophers, musicians and dancers.
This looks like a daunting mission, but I am deeply convinced that it is easier than it looks. In Israeli hospitals (doctors and nurses), in universities (professors and students), and, naturally, in joint peace demonstrations, bridges between the two peoples are already in place.
The very fact that the federation idea crops up again and again shows its necessity. The groups of activists who are bringing it up now were not yet born when we first proposed the idea – yet their message sounds new and fresh.
May their cause prosper.

TECH-GLEBA 2

Home / Attualità / TECH-GLEBA ANCHE PER TE, BISTURIMAN, MEDICO. (noi civili ammalati crepiamo, punto.)

TECH-GLEBA ANCHE PER TE, BISTURIMAN, MEDICO. (noi civili ammalati crepiamo, punto.)

paolobarnard.info
Sorridi chirurgo, sorridi medico, si chiamano: Freenome, Cloud Medx, Zebra, Enlitic, Two&AR, Babylon, ICarbonX, Atomwise, Deep Genomics, BenevolentAI, Lunit
Sono le principali Start-Up di Artificial Intelligence (A.I) che oggi stanno viaggiando nell’iperspazio del tuo futuro. E il tuo futuro, bisturiman, o medico, sarà in queste fasi:
Fase Iniziale: Elettrizzante entusiasmo, senso di potere, perché i nuovi giocattoli da sala operatoria o da diagnosi che BIG-TECH & A.I. (di JP Morgan o Goldman, o Accenture o BoC) ti metteranno in mano saranno fighi da matti. Ti sentirai bisturiman, medico da Star Trek.
Fase Media: Smarrimento, perché sti nuovi giocattoli A.I. diventeranno così ‘foxy’ che sarai in seria difficoltà a stargli al passo. Inoltre pochi uomini sul pianeta avranno in mano le chiavi con cui farli funzionare, quindi sarete loro servi – tu, l’amministrazione sanitaria e il tuo Stato – e i giocattoli stessi cominceranno, più spesso che no, a dirti di levarti dalle balle perché sei solo un impiccio in sala operatoria, o in corsia.
Fase Finale: I giocattoli di A.I. ti daranno il benservito, bisturiman, dottori, e tutto ciò a cui sarete relegati, ma forse neppure quello, sarà di tradurre all’ammalato quello che le macchine hanno diagnosticato, deciso, fatto e programmato senza vostro appello.
Tradotto in una serie d’immagini di mimica, queste tre fasi saranno: dapprima ti fregherai le mani eccitato/a; poi ti diventeranno sudaticce; poi te le metterai dietro la schiena e passeggerai per i corridoi dei reparti come un/una pirla, ricordando con nostalgia il caro vecchio amico bisturi, i ferristi, e quelle specie di stampe medievali che una volta si chiamavano lastre, ecografie, ecoendo, TAC, MRI, e la vostra capacità, perduta, di interpretarli.
Ma badate bene dottori – e alcuni di voi queste cose le sanno… booo non so quanti… ma io informo il pubblico – qui non mi sto trastullando con futurismo d’intrattenimento, ma con ciò che non solo arriverà su scala inimmaginabile, ma è già accaduto da un pezzo, almeno nella fase iniziale.
Nel maggio del 2016, nel Sheikh Zayed Institute for Pediatric Surgical Innovation a Washington D.C., il vostro ‘collega’ Smart Tissue Autonomous Robot ha ricucito l’intestino di un maiale usando la sua vista e A.I., lo ha fatto a tempo da record e soprattutto con un risultato molto migliore di un’equipe di chirurghi umani a cui era stato assegnato lo stesso compito in contemporanea. Ops! Specifico che questa macchina è ancora un’iniziale idea di un robot in grado di operare in totale assenza di supervisione umana, ma dimostra cosa arriverà. Cosa AR-RI-VE-RA’, e non fra 370 anni. Leggete sotto. Tenete a mente, scettici dottori, che non è passato molto tempo dalle ridicole auto della Ford anni ’30 a quelle che oggi si parcheggiano, o addirittura si guidano, da sole. THINK.
Un altro esempio a dir poco stupefacente, e di nuovo già fra noi, è del maggio scorso. All’Università dello Utah, USA, un robot è riuscito a tagliare un cranio a una velocità 50 volte superiore a quella della mano umana. Ma non solo: il robot è in grado di ridurre i rischi d’infezione, permette al taglio di stare aperto molto di meno riducendo quindi anche la durata dell’anestesia, due fattori che riducono moltissimo i rischi di errore umano e di mortalità del paziente. Il software di questo robot recepisce ed esegue il percorso ottimale del taglio, sapendo evitare vene, arterie, nervi e altre zone di rischio passando a meno di 1 millimetro da loro senza possibilità d’errore. SENZA POSSIBILITA’ D’ERRORE*.
* noi miserabili umani non abbiamo la più pallida idea di quante sono le volte che il ‘Professore’ ci dice “Eh, purtroppo è morto sotto ai ferri… complicazioni…“, quando invece è stato un errore umano. Ne so, ne so tanto.
Un gigantesco studio condotto niente meno che dalle università di Oxford e Yale e pubblicato a inizio estate, ci dice che con tutta probabilità entro l’anno 2053 i robot chirurgici di A.I. elimineranno del tutto i colleghi umani in sala operatoria (nota a latere: lo stesso studio prevede che ogni singolo lavoro sarà automatizzato entro 120 anni, incluso il medico, l’oncologo ecc…).
Bello è? Ma aspettate, cari bisturimen, medici e lettori, purtroppo.
Google, cari dottori, nel colossale business della Salute ci ha già messo la mente di… del solito Sergey Brin e del suo esercito di Visual Abstraction people. E quando Brin pensa… ciao ciao. E’ nata la Google Deepmind Health Project, che porterà gli indispensabili dati clinici della scienza medica in cervelli quantistici che elaboreranno per ogni paziente trilioni di dati incrociati nell’arco di un milli secondo. Oggi Deepmind Health Project è appena nata, e già fa il lavoro di 1.000 clinici messi assieme su un singolo caso di malattia, e lo fa nell’arco di 4-6 minuti.
Per la gente: Nella Medicina, quando un ammalato si presenta, la cosa fondamentale è una diagnosi di partenza al massimo della precisione, e questa la si ottiene solo incrociando i dati clinici dei casi precedenti di tutta la Storia della Medicina moderna per arrivare il più vicino possibile all’ipotesi giusta. Pensate voi cittadini che vi presentate al medico del Pronto Soccorso o al ‘Professore’ con un serio problema, quanti dati incrociati possono elaborare le loro menti, o quelle dei loro aiuti in confronto al Deepmind Health Project… Una cosa ridicola, soprattutto quando l’analisi dati sarà poi nei software quantistici sempre di Google-Alphabet et altri. E ripeto: i dati clinici incrociati sono tutto per la diagnosi migliore e le successive cure.
Fra 30 anni, con un tumore osseo, da chi sceglierete di andare? Dall’umano o dalla A.I. che fa milioni di volte meglio il lavoro dell’umano e in un millesimo del tempo? E tu, il clinico/medico che farai?…Ecco cosa farai, sotto lo sguardo sprezzante di Sergey Brin o di Podesta, o di Chow (i Guru della A.I.): “Mani dietro la schiena e passeggerai per i corridoi dei reparti come un pirla, ricordando con nostalgia quelle specie di stampe medievali che una volta si chiamavano lastre, ecografie, TAC, MRI”.
Ah, dimenticavo: Google ha anche messo in piedi il progetto Verily con Alphabet che sarà la più immensa libreria di dati genetici della Storia, e anche questa è fondamentale per curare, sorry.
Ma ora picchio più forte, dottori:
David Lindsay era ancora uno specializzando quando comprese che la radioterapia veniva somministrata con un scarsissimo background di dati oncologici globali, che se invece fosse esistito e fosse stato prontamente disponibile agli oncologi, essi avrebbero potuto disegnare la radioterapia addosso al singolo ammalato così come un sarto gli disegna addosso una singola gamba di pantalone. Si trattava letteralmente di prendere il singolo ammalato e di incrociarlo con i dati di tutte le radioterapie fatte al mondo da sempre per quella patologia e che fossero disponibili in rete, mica poco. Lindsay lo sa fare. La start-up che lui ha fondato si chiama Oncora Medical, mette A.I. in radioterapia incrociata coi colossali data-base di Deepmind di Google, e per questo si è presa in un pomeriggio quasi 2 milioni di dollari di fondi dagli investitori. Dagli investitori, bisturiman, medici, non dimenticate sta parola per dopo.
E questa? Pensate a un sistema di A.I. che usa dei biosensori per monitorare il cittadino al fine di capire con anni o mesi di anticipo se avrà bisogno di essere ricoverato per una patologia, o no, cioè se la patologia sarà più semplicemente medicata a casa o meno. La start-up che già ha questa tecnologia pronta si chiama Sentrian, si è beccata 12 milioni di dollari dagli investitori in un pomeriggio, e vi saranno A.I. softwares che monitoriranno la popolazione soprattutto anziana 24/24, 365/365, in collaborazione con la sopraccitata Google Deepmind Health Project. Questo permetterà al signor Giacomo di 82 anni di sapere se fra 5 mesi avrà un’angina che richiede solo un farmaco oppure un vero ricovero… (forse lo permetterà a Bill Gates, visto ciò che poi specifico alla fine del pezzo).
E se un tizio, metti un certo Jonathan Rothberg, ti facesse arrivare in ospedale una MRI o un ecografo grande come un telefonino ma che, grazie ai soliti 100 milioni di dollari messi dagli investitori, trasmettono al medico un’immagine in 3D con una definizione cento volte quella di oggi di quello che accade dentro al corpo di un ammalato? Bello, ma già esiste, e usa come quasi sempre la tecnologia digitale Deep Learning di quel solito Google-Alphabet. Ma cari dottor/essa, qui saranno i cervelloni degli ultrasuoni a tenere il timone… voi magari, dopo eh?… Lasciateci lavorare dottori, fatevi un caffè, sù, poi vi raccontiamo… diranno quei cervelli. E non sono scherzi. Già esiste.
Comincio ad abbreviare, perché poveri bisturimen, poveri dott/esse, mi sa che cominciate a sentirvi male, soprattutto se leggerete poi il peggio sotto.
Analisi dei tessuti patologici. Bè poche cose sono purtroppo più fondamentali, nella Medicina, di questo campo. Chi fa ricerca su farmaci per curare patologie, ha specialisti che analizzano migliaia di tessuti umani e pezzi operatori, e dal loro lavoro dipendono i seguenti esisti per l’ammalato/a: 1) vai a far jogging 2) bè, vai a casa e poi ci rivediamo per la cura x-y-z, oppure, purtroppo 3) vai a casa e scrivi il testamento, ma fai veloce. Oggi una start-up di San Francisco che si chiama 3-SCAN fornisce microscopi in A.I. robotizzati per esaminare tessuti in… meno di 24 ore. Attenti, perché lo stesso processo richiederebbe al ricercatore umano della Novartis, della Glaxo, o di Harvard esattamente più di un anno.
Ho amici radiologi, una è una deliziosa quanto bella quanto preparata amica, Elena. Elena, ascolta Barnard, pensa a trovarti un altro lavoro, davvero. Sempre grazie al caro Deep Learnig di Google, oggi Elitic può esaminare una TAC/MRI in un… dieci millesimo del tempo che richiederebbe un radiologo umano, ma non solo: Elitic, messo a raffronto con tre super Top radiologi britannici, ha avuto un margine d’errore nel diagnosticare finti tumori benigni (in realtà maligni) dello 0%, contro il 7% di errori di quei Top radiologi. Ops!
Il meraviglioso futuro della TECH-MEDICINE, eh?
Sticazzi. 
Queste sono tecnologie salva umanità che saranno TUTTE private, con prezzi inimmaginabili, visto che (ricordate dottori?) GLI INVESTITORI CHE CI  HANNO MESSO I MILIARDI DI DOLLARI COMPLESSIVI NELLA MEDICINA DEL VICINO FUTURO VORRANNO 10 VOLTE IL R.O.E. (R.O.E. = RETURN ON EQUITIES, cioè guadagno sull’investimento)
E poi col potere di ste macchine di A.I., Deep Learning, Deep Genomics, Deep mind, ecc. voi clinici e dottori e bisturimen, come da stime di Oxford e Yale, sarete a spasso entro il 2053, o al meglio sarete 4 gatti con ruoli accessori in ogni ospedale del mondo ricco.
Poi peggio, ma peggio. La salute e la Medicina nascono da un poveraccio oggi ridotto a una barzelletta che si chiamava Ippocrate. L’idea era di esercitare un mestiere, che non avrete più, dove l’umano si dedicava all’umano in un rapporto che DEVE ESSERE UMANO, PERCHE’ QUANDO SAI CHE IN POCHI MESI DIRAI ADDIO A MOGLIE, FIGLI, MARITO, PADRE, MADRE, A TUTTO CIO’ CHE HAI AMATO E FATTO – TU DEVI AVERE UN UMANO CHE TI TRATTA UMANAMENTE, SI’, ANCHE TU PRIMARIO, CHIRURGO, CHE TI SCOPRI CON UN MELANOMA INCURABILE, ANCHE TU BISTURIMAN LO VORRAI…
… allora questa doveva essere la Medicina. Al suo posto è già arrivata, e arriverà come uno Tsunami, la TECH-GLEBA di noi ammalati, di voi medici sani o ammalati, dove non esisterà nulla se non A.I. e… il R.O.E.
CIOE’, come già spiegato, IL PROFITTO SULL’INVESTIMENTO DELL’INVESTITORE CHE HA MESSO MILIONI in Google Deepmind Health Project, Oncora Medical, Sentiran, Rothberg, 3-SCAN, Elitic, Freenome, Cloud Medx, Zebra, Two&AR, Babylon, ICarbonX, Atomwise, Deep Genomics, BenevolentAI, Lunit.
Ma ancora peggio, cari lettori e lettrici stolti che perdete la testa dietro la manovrina di Gentiloni sul cuneo fiscale di agosto, o le tangenti denunciate sul Fatto Quotidiano… idioti eterni…
Vivere o morire 5 o 20 anni prima, vivere sani o vivere da vegetali, perché tutto quanto scritto sopra non esisterà mai nell’ospedale di Treviso o di Teramo, non è poco, no, non è poco.
Allora voi, dovete sapere chi sono i clienti e sponsor del massimo esperto mondiale di TECH-MEDICINE e di tutte le MERAVIGLIE PER LA SALUTE DESCRITTE SOPRA, eccoli:
Accenture, Bank of America, Bain&CO, Booz Allen Hamilton, Dell, Deloitte, Deutsche Bank, Fidelity, Goldman Sachs, JP Morgan, KPMG, McKinsey & Co, Qualcomm, Sequoia Capital, UBS, Bank of China e relative start-ups, e il Pentagono. 
A quanto si venderanno all’ospedale di Teramo, cioè assessorato alla sanità Regione Abruzzo? Eh?
Non continuo, perché chi a questo punto, chirurgo/a, medico, cittadino, ammalato, non ha compreso, bè… si uccida, no davvero. La domanda rimanente è:
Queste astronavi di Star Trek sono DI CERTO il futuro della salute, e costano TRILIONI GLOBALMENTE IN BREVETTI PRIVATI DAI COSTI SEMPRE PIU’ STELLARI, ok?
Ma se Bruxelles e la Merkel dicono a Gentiloni che dobbiamo
TAGLIARE LA SPESA PUBBLICA
TAGLIARE LA SPESA PUBBLICA
TAGLIARE LA SPESA PUBBLICA
TAGLIARE LA SPESA PUBBLICA,
come…         ????
(non continuo, sarebbe umiliante per l’intelletto di un gatto).

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1851
20.08.2017

CON LE MANI ALZATE!

Home / Attualità / Nessuno doveva sopravvivere (VIDEO)

Nessuno doveva sopravvivere (VIDEO)

DI MAURIZIO BLONDET
maurizioblondet.it
Era disarmato, aveva le mani alzate, urlava no. Non  opponeva resistenza. L’uccisione non sembrava affatto necessaria.  Ma evidentemente questi terroristi devono sempre morire. La  loro sopravivenza non è contemplata.  ” (Alba Giusi)

Il video è stato pubblicato da El Pais e mostra l’uccisione del  “quinto terrorista” a Cambrils.
Altri amici mi mandano questo: i vu’cumprà che di solito occupano lo spazio pedonale alla Rambla, quel giorno erano scomparsi prima.



Maurizio  Blondet
Fonte: www.maurizioblondet.it
Link: http://www.maurizioblondet.it/nessuno-doveva-sopravvivere/
21.08.2017

USA: REGENI FU UCCISO PER ORDINI DALL'ALTO

Regeni, gli Usa: “L’ordine di colpirlo arrivò dall’alto” – La Stampa

lastampa.it – Regeni, gli Usa: “L’ordine di colpirlo arrivò dall’alto”. Fonti di Washington: l’Egitto voleva dare una lezione agli stranieri ma con l’omicidio la situazione è crollata. E insistono: Roma sapeva – paolo mastrolilli, inviato a new york
«Giulio Regeni è stato ucciso dai servizi di sicurezza egiziani, o da gruppi affiliati. Questo è un fatto di cui il governo americano è assolutamente sicuro, e ne possiede le prove.
Vista la stretta collaborazione tra i nostri apparati di intelligence e i vostri, sarei molto sorpreso se non avessimo informato i colleghi italiani di quanto sapevamo».
 La fonte che fa questa rivelazione a La Stampa ha lavorato per l’amministrazione Usa, e parla per conoscenza diretta dei fatti.
Ha letto la ricostruzione dell’omicidio del ricercatore italiano fatta di recente dal New York Times, e l’articolo che il nostro giornale aveva pubblicato nell’aprile del 2016, riguardo il contrasto avvenuto su questo caso tra il segretario di Stato Kerry e il ministro degli Esteri egiziano Shoukry.
Quindi ha deciso di spiegare quanto conosce, nell’interesse della verità e della giustizia: «Posso confermare quegli eventi, e chiarirli».
La nostra fonte sostiene che l’ordine di colpire Regeni «era venuto dall’alto». Non pensa che il presidente al Sisi avesse chiesto il suo omicidio, ma aveva espresso con chiarezza la volontà di dare un esempio agli stranieri.
A quel punto «i gorilla dei servizi di sicurezza hanno preso in mano la situazione, facendola sfuggire a qualunque controllo».
Hanno spinto l’esempio oltre la stessa volontà di al Sisi, torturando e uccidendo il ricercatore italiano. Una volta scoppiato lo scandalo, però, le massime autorità egiziane hanno deciso di gestire la crisi negando tutto, invece di fare chiarezza e punire i colpevoli.
Una seconda fonte del settore d’intelligence è convinta che Regeni sia stato vittima di una «turf war» fra gli apparati egiziani, in sostanza una guerra interna tra i vari servizi di sicurezza. In questo quadro, la morte di Giulio è stata usata da qualcuno per «scoring points», cioè segnare punti a danno dei suoi avversari.
Al Sisi voleva dare una lezione, e l’arresto del ricercatore italiano rientrava in questo obiettivo. Invece il suo omicidio, e poi l’abbandono del cadavere in strada allo scopo evidente di farlo ritrovare, sono serviti ai responsabili per rendere pubblica la sua tragedia e farne ricadere la colpa sui rivali.
Il governo degli Stati Uniti aveva ottenuto le prove “humint” di questa verità, cioè intelligence umana. In altre parole, rivelazioni ricevute da informatori interni agli apparati egiziani, considerati credibili e affidabili.
La fonte però non esclude che esistano anche conferme “sigint”, cioè la signal intelligence che si raccoglie con le intercettazioni: «Non abbiamo la foto dei colpevoli, ma sappiamo che sono stati i servizi di sicurezza o i loro affiliati.
In Egitto ci sono diversi apparati che si occupano di questo settore, e per simili operazioni possono fare ricorso a gruppi esterni, perché non sono direttamente riconducibili alle strutture ufficiali».
La seconda fonte non ha la prova diretta che queste informazioni furono passate al governo italiano, ma pensa che ciò sia avvenuto: «Sarei molto sorpreso se i nostri servizi di intelligence, vista la stretta collaborazione che hanno con i colleghi italiani, non avessero comunicato a Roma quanto sapevano su un caso così delicato». Questa posizione è condivisa da fonti della Farnesina.
Di sicuro l’allora segretario di Stato Kerry era a conoscenza dei dettagli, e li rinfacciò direttamente al collega egiziano Sameh Shoukry, durante un incontro molto teso avvenuto nell’aprile del 2016, a margine del vertice nucleare che gli Usa avevano ospitato a Washington.
Il capo della diplomazia americana disse al collega che il caso Regeni era diventato una seria complicazione nei rapporti bilaterali, perché gli Stati Uniti non potevano accettare che i civili di paesi alleati fossero trattati in questa maniera.
Davanti alle obiezioni e le smentite di Shoukry, Kerry aveva risposto che l’intelligence americana aveva le prove inconfutabili della responsabilità dei servizi egiziani nell’uccisione di Giulio.
Quindi aveva detto che l’unica soluzione accettabile per gli Usa era l’arresto e la punizione dei colpevoli.
Questo non è mai accaduto, ma le fonti americane restano convinte che gli egiziani possano farlo: «Se si è trattato di elementi affiliati ai servizi, è più difficile risalire ai loro nomi.
La verità però non è emersa, finora, solo perché il governo del Cairo non ha voluto».

FIGLIA MIA NON AVERE PAURA DEL MONDO

Cara figlia che vai a Parigi per l’Erasmus continua a non avere paura del mondo – Repubblica.it

repubblica.it/politica – Cara figlia che vai a Parigi per l’Erasmus continua a non avere paura del mondo. Da padre, sognavo questo giorno: il coronamento delle tue fatiche universitarie, il tuo biglietto d’ingresso nella grande Madre Europa senza frontiere  – di MASSIMO GIANNINI
Ci siamo: la valigia è pronta. Manca giusto il beauty, con i tuoi mascara e i tuoi rossetti. Il volo è domani da Fiumicino: EasyJet con destinazione Parigi.
Da padre, sognavo questo giorno: il coronamento delle tue fatiche universitarie, il tuo biglietto d’ingresso nella grande Madre Europa senza frontiere, che cresce e istruisce i suoi figli ai valori eterni dei Lumi: libertà, uguaglianza, fraternità.
Ma c’è una cosa che non avevo previsto, prima della strage delle Ramblas: c’è inquietudine, in questa vigilia del tuo primo Erasmus. Vai sei mesi a studiare a Science Politique.
E dentro di noi ci sentiamo come se invece tu stessi partendo per un fronte militare, esposto alla minaccia di un “nemico” invisibile e irriducibile.
Le parole d’ordine che ripetiamo in queste ore sono sempre le stesse. Le nostre democrazie sono più forti. Stiamo distruggendo i tagliagole del Califfo Nero negli avamposti dove la guerra si combatte sul serio, da Mosul ad Aleppo.
E le cellule impazzite dell’Isis, così come i terroristi in franchising arruolati su Internet o i disperati kamikaze fai-da-te, non cambieranno il nostro stile di vita.
Continueremo a viaggiare e a studiare, a uscire la sera e ad ascoltare concerti, a mangiare nei ristoranti e a bere nei bar, a visitare musei e a fare shopping.
Perché noi siamo tutto questo, perché questa è la straordinaria “normalità occidentale” che abbiamo conquistato e che abbiamo insegnato a voi, i nostri ragazzi.
Ti ho sempre detto: qualunque cosa accada, continua a essere cittadina del mondo, nessun criminale fondamentalista, abusando del nome di Allah, potrà farti cambiare idea. Possiamo gridarlo in piazza, nelle 35 lingue parlate da tutte le vittime della mattanza di Barcellona: non ho paura, no fear, no tiengo miedo, no tinc por.
Ma dentro di noi, purtroppo, sappiamo che non è così. Io ho paura, mentre osservo già pronto all’ingresso di casa il bagaglio che ti accompagnerà nella Villa Lumière.
Pensando ai tanti padri che soffrono la mia stessa ansia, mi chiedo: posso fermarti, mentre ti accingi a prendere in mano il tuo destino e a condividerlo con quelli della tua generazione, abituata molto più della mia a mettersi in gioco valicando confini e buttando giù muri?
Mi sfiora la tentazione di dirti «resta qui, è più sicuro». Dall’Apocalisse dell’11 settembre 2001, sotto i colpi degli assassini di Daesh sono “cadute” New York e Londra, Bruxelles e Parigi, Berlino e Manchester, Madrid e Barcellona, Stoccolma e Turku. L’Italia è stata risparmiata.
Il perché resta un virtuoso mistero. Si dice: la nostra intelligence è la migliore, la mafia e la camorra controllano il territorio. In realtà io ho sempre pensato che questo Paese è una perfetta “base logistica” per trafficare in uomini e armi utili a organizzare attentati altrove.
Gli strateghi del terrore non hanno interesse ad “esporsi” qui. E dunque dovrei dirti: sì, resta a Roma perché è meno rischiosa di Parigi.
Poi ragiono, e mi rendo conto che anche questa certezza non c’è più. Non tanto per le minacce islamiste sulla chat di Telegram («ora tocca all’Italia»). Non solo perché anche nelle nostre città tutto sta cambiando (la polizia di Roma già invita a «evitare gli assembramenti della movida»).
Il “nuovo” terrorismo dei lupi solitari, ai quali basta un’automobile per fare una strage, sfugge a ogni previsione e quindi a ogni prevenzione. Non c’è Grande Vecchio che possa dirigerli, da una grotta di Raqqa o una madrassa di Riyad.
Quindi il mio “consiglio” non serve. Fermarti è una sciocchezza. Ma se parti, da cosa dovrai guardarti, nella metropoli dell’assimilazionismo e delle banlieue?
Dovrei dirti «guardati dai ragazzi come te», perché questa è la tragica novità rivelata dal sangue versato sulle Ramblas.
Stavolta gli attentatori non sono consumati professionisti della jihad e dell’odio anti-occidentale, già inutilmente noti alle “intelligence”, né vittime inferocite della ghettizzazione razziale e dell’esclusione sociale. Hanno le facce giovani e sorridenti della Generazione Jihad, uguale e contraria alla nostra Generazione Erasmus.
I “ragazzi di Ripoll” che hanno annientato quindici vite sul marciapiede più multietnico di Spagna studiavano in buone scuole e con ottimi voti, come i nostri. Giocavano nelle squadre di calcetto del loro paese, come i nostri. Tifavano il Marsiglia, come i nostri tifano la Juventus. Si guadagnavano qualche soldo come babysitter o baristi, come i nostri.
È la loro “normalità”, e stavolta è sorprendentemente simile alla nostra. E allora, come possiamo disarmare questi “bravi ragazzi” del ceto medio, che non incubano la loro rabbia nelle periferie degradate?
Come li riconoscerai, figlia mia, tra le migliaia di ragazzi che come te frequenteranno i corsi a Rue de l’Université, a due passi dalla Sorbonne? Un altro “consiglio” inutile, che tengo per me.
Ne resta un altro, l’ultimo. Chissà quanti “Bar le Tabloid” o “le Carillon” frequenterai, nelle tue serate libere a Montmartre o al Quartiere Latino. Chissà in quanti “Bataclan” ascolterai la musica.
Dovrai stare attenta agli zaini che ti gireranno intorno, e che per alcuni ragazzi non servono più per portare un panino, una birra o una felpa, ma l’esplosivo “madre di Satana” o il machete?
E ancora: chissà quante volte passeggerai, per gli Champs Elysées o per le vie del Trocadero. Dovrai stare attenta ai furgoni che solcano il pavé, e che per alcuni giovani non servono più per consegnare le baguette o gli smartphone, ma per seminare morte tra gli “infedeli”?
Mentre lo penso, mi rendo conto che anche questo “consiglio” non ha senso. Ti risparmio anche questo. Ma allora cosa resta, all’istinto di protezione di un genitore verso un’altra ragazza italiana che va incontro al suo domani?
Resta la paura, appunto. Ma anche una speranza. Voi figli, che camminate liberi e apparentemente fragili per le strade del mondo, che fate i camerieri a Piccadilly o gli ingegneri a Wolsburg, saprete come vincere una “guerra” che non avete dichiarato. E saprete difendere l’Occidente molto meglio di come abbiamo fatto noi padri.

IL PAPA COMMISSARIA IL DON PROVOLO

Inchiesta sugli abusi,il Papa commissaria il Don Provolo

Nominato il vescovo ausiliario di La Plata, in Argentina. Decine di casi emersi all’istituto di Mendoza con l’arresto del religioso veronese.
Il Papa commissaria la congregazione del Don Provolo, la cui casa madre si trova a Verona.
Il vescovo ausiliare di La Plata, in Argentina, monsignor Alberto Bochatey, è stato infatti nominato «commissario apostolico» per tutte le comunità della congregazione religiosa che gestisce anche l’istituto di Mendoza, al centro da mesi di una clamorosa inchiesta su decine di casi di abusi sessuali ai danni di almeno 22 bambini sordomuti.
Le indagini hanno portato all’arresto di due religiosi, uno dei quali è il veronese don Nicola Corradi, di 83 anni, da tempo nel paese sudamericano, di una suora e di alcuni collaboratori laici dell’istituto. Il vescovo,dopo aver invitato alla cautela sulle indagini in corso, ha annunciato che sei fatti saranno accertati dalla magistratura, la Chiesa sarà «implacabile». Aggiungendo: «Qui nessuno potrà scappare». Ad adottare il provvedimento è stata la Congregazione vaticana per gli istituti di vita consacrata, ma è evidente che una tale decisione non può non aver avuto il placet di papa Bergoglio che nei giorni scorsi aveva chiesto pubblicamente perdono alle vittime della «mostruosità della pedofilia».
Monsignor Bochatey, si legge nella nota della Nunziatura di Buenos Aires, è stato designato «commissario apostolico ad nutum Sancta Sedis per tutte le comunità e i membri della Compagnia di Maria per l’educazione dei sordomuti». La congregazione venne fondata nel 1839 a Verona da don Antonio Provolo, di cui è stata avviata la causa di beatificazione e aprì le sue prime sedi in Argentina nel 1914, a La Plata e a Mendoza.
Sono almeno 27 le denunce nei confronti dei sacerdoti Nicola Corradi, al centro anche di sospetti casi di pedofilia avvenuti a Verona a partire dagli anni’50, e Horacio Corbacho, di 55 anni, della suora Kosaka Kumiko, accusata di aver favorito gli abusi «scegliendo»le vittime tra i bambini più indifesi e i tre impiegati dell’istituto José Luis Ojeda, Jorge Bordòn e Armando Gomez. «L’incarico di commissario», si legge nella nota vaticana, «implica l’attribuzione a monsignor Bochatey di tutte le competenze di governo dell’istituto religioso in questione».
Con questa mossa, in pratica, il Vaticano ha sollevato dal loro incarico tutti gli attuali superiori della congregazione. La sede dell’istituto di Lujan de Cuyo, a Mandoza, è chiuso e sotto sequestro da sette mesi. E mentre, da Verona, la congregazione ne reclama la restituzione, le autorità giudiziarie di Mendoza intendono trasformarlo in un «museo dell’orrore».
Alberto German Bochatey, di 62 anni, religioso agostiniano, ha studiato filosofia in Spagna e teologia a Roma, Specializzato in bioetica, ha fondato la Federazione latinoamericana che riunisce le istituzioni che si occupano di tale materia. Docente di teologia morale, il vescovo ausiliare di La Plata è anche consulente della Congregazione per la cause dei santi. In una intervista a Mdz Radio, monsignor Bochatey ha dichiarato che il suo maggior interesse è «che si sappia la verità» definendo «un disastro» ciò che è successo al Provolo.
La sua missione,ha aggiunto, è farsi carico della congregazione, perché, «da parte dei superiori non c’è stata conduzione adeguata». Il commissario apostolico ha anche fatto sapere, secondo quanto riporta Mdz Online, di voler verificare se ci siano stati trasferimenti da Verona all’Argentina di preti sospettati di pedofilia per sottrarli alla giustizia. In vista del processo, gli avvocati di una parte delle vittime hanno chiesto al pubblico ministero Gustavo Stroppiana di poter citare come testimoni oltre duecento ex alunni del Provolo. Intanto, uno solo degli imputati, il laico Jorge Bordòn, ha accettato di sottomettersi all’esame del Dna. Sia Corradi, arrestato lo scorso novembre e tuttora agli arresti domiciliari, che Corbacho si sono invece opposti all’esame. •E.S.