IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 30 giugno 2017

Radiohead - Karma Police (Glastonbury 2017)

Foo Fighters - Everlong (Glastonbury 2017)

Dua Lipa - Lost In Your Light (Glastonbury session)

Forth Wanderers - Know Better

Jimmy Eat World - Get Right (Official Video)

Rihanna - Black Butterflies ft. Priscilla Renea (Lyric Video)

2 Chainz - Sleep When U Die

Wale - My Love (feat. Major Lazer, WizKid, and Dua Lipa) [OFFICIAL LYRIC...

Arcade Fire - Signs of Life (Official Video)

LO STRANO CASO DI BASHAR AL-ASSAD: DI URI AVNERY

The Bizarre Case of Bashar 

CONAN DOYLE, the creator of the legendary Sherlock Holmes, would have titled his story about this incident "The Bizarre Case of Bashar al-Assad".
And bizarre it is.
It concerns the evil deeds of Bashar al-Assad, the Syrian dictator, who bombed his own people with Sarin, a nerve gas, causing gruesome deaths of the victims.
Like everybody else around the world, I heard about the foul deed a few hours after it happened. Like everybody else, I was shocked. And yet…
AND YET, I am a professional investigative journalist. For 40 years of my life I was the editor-in-chief of an investigative weekly magazine, which exposed nearly all of Israel's major scandals during those years. I have never lost a major libel suit, indeed I have rarely been sued at all. I am mentioning this not to boast, but to lend some authority to what I am going to say.
In my time I have decided to publish thousands of investigative articles, including some which concerned the most important people in Israel. Less well known is that I have also decided not to publish many hundreds of others, which I found lacked the necessary credibility.
How did I decide? Well, first of all I asked for proof. Where is the evidence? Who are the witnesses? Is there written documentation?
But there was always something which cannot be defined. Beyond witnesses and documents there is something inside the mind of an editor which tells him or her: wait, something wrong here. Something missing. Something that doesn't rhyme.
It is a feeling. Call it an inner voice. A kind of intuition. A warning that tells you, the minute you hear about the case for the first time: Beware. Check it again and again.
This is what happened to me when I first heard that, on April 4, Bashar al-Assad had bombed Khan Sheikhoun with nerve gas.
My inner voice whispered: wait. Something wrong. Something smells fishy.
FIRST OF ALL, it was too quick. Just a few hours after the event, everybody knew it was Bashar who did it.
Of course, it was Bashar! No need for proof. No need to waste time checking. Who else but Bashar?
Well, there are plenty of other candidates. The war in Syria is not two-sided. Not even three- or four-sided. It is almost impossible to count the sides.
There is Bashar, the dictator, and his close allies: the Islamic Republic of Iran and the Party of God (Hizb-Allah) in Lebanon, both Shiite. There is Russia, closely supporting. There is the US, the far-away enemy, which supports half a dozen (who is counting?) local militias. There are the Kurdish militias, And there is, of course, Daesh (or ISIS, or ISIL or IS), the Islamic State of Iraq and al-Sham (Al-Sham is the Arabic name for Greater Syria.)
This is not a neat war of one coalition against another. Everybody is fighting with everybody else against everybody else. Americans and Russians with Bashar against Daesh. Americans and Kurds against Bashar and the Russians. The "rebel" militias against each other and against Bashar and Iran. And so on. (Somewhere there is Israel, too, but hush.)
So in this bizarre battlefield, how could anyone tell within minutes of the gas attack that it was Bashar who did it?
Political logic did not point that way. Lately, Bashar has been winning. He had no reason at all to do something that would embarrass his allies, especially the Russians.
THE FIRST question Sherlock Holmes would ask is: What is the motive? Who has something to gain?
Bashar had no motive at all. He could only lose by gas-bombing his citizens.
Unless, of course, he is crazy. And nothing indicates that he is. On the contrary, he seems to be in full control of his senses. Even more normal than Donald Trump.
I don't like dictators. I don't like Bashar al-Assad, a dictator and the son of a dictator. (Assad, by the way, means lion.) But I understand why he is there.
Until long after World War I, Lebanon was a part of the Syrian state. Both countries are a hotchpotch of sects and peoples. In Lebanon there are Christian Maronites, Melkite Greeks, Greek Catholics, Roman Catholics, Druze, Sunni Muslims, Shiite Muslims and diverse others. The Jews have mostly left.
All these exist in Syria, too, with the addition of the Kurds and the Alawites, the followers of Ali, who may be Muslims or not (depends who is talking). Syria is also divided by the towns which hate each other: Damascus, the political and religious capital and Aleppo, the economic capital, with several cities – Homs, Hama, Latakia - in between. Most of the country is desert.
After many civil wars, the two countries found two different solutions. In Lebanon, they agreed a national covenant, according to which the president is always a Maronite, the prime minister always a Sunni Muslim, the commander of the army always a Druze and the speaker of the Parliament, a powerless job, always a Shiite. (Until Hizballah, the Shiites were on the lowest rung of the ladder.)
In Syria, a much more violent place, they found a different solution: a kind of agreed-on dictatorship. The dictator was chosen from among one of the least powerful sects: the Alawis. (Bible-lovers will be reminded that when the Israelites chose their first King, they took Saul, a member of the smallest tribe.)
That's why Bashar continues to rule. The different sects and localities are afraid of each other. They need the dictator.
WHAT DOES Donald Trump know about these intricacies? Well, nothing.
He was deeply shocked by the pictures of the victims of the gas attack. Women! Children! Beautiful Babies! So he decided on the spot to punish Bashar by bombing one of his airfields.
After making the decision, he called in his generals. They feebly objected. They knew that Bashar was not involved. In spite of being enemies, the American and Russian air forces work in Syria in close cooperation (another bizarre detail) in order to avoid incidents and start World War III. So they know about every mission. The Syrian air-force is part of this arrangement.
The generals seem to be the only half-way normal people around Trump, but Trump refused to listen. So they launched their missiles to destroy a Syrian airfield.
America was enthusiastic. All the important anti-Trump newspapers, led by the New York Times and the Washington Post, hastened to express their admiration for his genius.
In comes Seymour Hersh, a world-renowned investigative reporter, the man who exposed the American massacres in Vietnam and the American torture chambers in Iraq. He investigated the incident in depth and found that there is absolutely no evidence and almost no possibility that Bashar used nerve gas in Khan Sheikhoun.
What happened next? Something incredible: all the renowned US newspapers, including the New York Times and The New Yorker, refused to publish. So did the prestigious London Review of Books. In the end, he found a refuge in the German Welt am Sonntag.
For me, that is the real story. One would like to believe that the world – and especially the "Western World" - is full of honest newspapers, which investigate thoroughly and publish the truth. That is not so. Sure, they probably do not consciously lie. But they are unconscious prisoners of lies.
Some weeks after the incident an Israeli radio station interviewed me on the phone. The interviewer, a right-wing journalist, asked me about Bashar's dastardly use of gas against his own citizens. I answered that I had seen no evidence of his responsibility.
The interviewer was audibly shocked. He speedily changed the subject. But his tone of voice betrayed his thoughts: "I always knew that Avnery was a bit crazy, but now he is completely off his rocker."
Unlike the good old Sherlock, I don't know who did it. Perhaps Bashar, after all. I only know that there is absolutely no evidence for that.

LA MONETA PARALLELA

Home / Attualità / Il Tramonto dell’Uscita dall’Euro e l’inizio di una Moneta Parallela (e la BCE come “bad bank”)

Il Tramonto dell’Uscita dall’Euro e l’inizio di una Moneta Parallela (e la BCE come “bad bank”)

cobraf.com
Ieri il capo gruppo alla Camera della Lega, Giorgetti, a una domanda esplicita di Antonio Polito (in questo video di Radio Radicale, dal minuto 57) vicedirettore del Corriere della Sera, sulla posizione della Lega sull’uscita dell’Italia dall’euro, ha detto che la proposta della Lega non è uscire dall’Euro, ma rinegoziare i trattati.
[Polito] voi pensate che l’Italia debba uscire dalla moneta unica?”
.[Giorgetti]“Noi pensiamo che i Trattati debbano essere rivisti perché la datazione dei Trattati spesso li rende inattuali. Anche le stesse regole di Maastricht sono state disegnate e scritte in una realtà quella degli inizi degli anni 90 che non è più credibile e realistica.Faccio peraltro notare che le politiche di maggior successo oggi in Europa sono quelle della Banca Centrale Europea che agisce notoriamente al margine di quel che gli consentono i Trattati. Tutti quanti chiudiamo gli occhi e consentiamo a Draghi di fare delle cose che teoricamente un’interpretazione in senso stretto dei Trattati non gli consentirebbe di fare.Questo è la conferma che i Trattati quando sono stati scritti avevano in mente degli scenari che non sono più quelli attuali. Quindi la nostra proposta, la nostra proposta politica è quella di rinegoziare i Trattati, di ritrattare i trattati, compresi anche quello evidentemente di Maastricht, alla luce delle situazioni attuali.Ci rendiamo perfettamente conto anche noi che la proposta dell’uscita dall’euro è una proposta -diciamo così- shock.Semplicemente ritengo che sia lo strumento per fare capire quella che noi invece riteniamo essere una proposta realistica ….”
Questo ragionamento è assolutamente corretto.
Anche nel 2012-2013, quando ancora non c’era il QE di Draghi che ha creato 2mila miliardi, il ritorno secco alla Lira non era la soluzione più realiistica e tanto meno ora che la BCE ha espanso il suo bilancio fino al 39% del PIL dell’Eurozona (4,200 miliardi che ha ora la BCE sono il 39% del PIL eurozoona).
Come nota giustamente Giorgetti, il cuore del problema sono le migliaia di miliardi che le Banche Centrali hanno creato, elettronicamente, negli ultimi anni, operando ai margini e in pratica scavalcando abilmente i vincoli dei “trattati” (UE) al finanziamento pubblico. E’ raro che un politico italiano inizi un suo discorso sull’economia parlando dei soldi che stampa la Banca Centrale, un argomento scabroso che di solito rimane fuori dalla conversazioni educate. Bravo Giorgetti. In aggiunta, andrebbe notato che anche Bankitalia ha espanso il suo bilancio (stampato elettronicamente miliardi di euro) e di 190 miliardi di euro circa negli ultimi due anni. Per cui potresti dire, se sommi quanto ha Bankitalia con quanto ha la BCE e prendi la quota italiana sul totale BCE (il 17%), che ci sono 1,500 miliardi di euro che sono stati creati solo per l’Italia.
Qui vedi anche graficamente questa montagna di denaro che è stato creato dal 2012, che tuttora viene creato al ritmo di 60 miliardi al mese e che viene impiegato non solo per rifinanziare a tasso di -0,5% le Banche e a comprare titoli di stato che rendono quasi zero o meno di zero, ma persino per finanziare le multinazionali. Di questi miliardi 104 infatti finora sono andati, direttamente e indirettamente, a comprare debito emesso da Enel,Siemens,ABB, Bayer,EDF… .e persino ABV che è la multinazionale brasiliana della birra.
Di questi 1,500 miliardi circa che le Banche Centrale (BCE e Bankitalia) hanno a bilancio per l’Italia, le imprese e le famiglie italiane hanno visto però solo dei riflessi indiretti: il ribasso dei tassi (ad es sui mutui), ii) una svalutazione dell’euro, iii) l’effetto ricchezza per chi detiene titoli e azioni (che si sono apprezzati). Volendo fare un esempio pratico del punto iii), chi avesse comprato BTP a 10 anni cinque anni fa oggi aveva guadagnato tra cedole e soprattutto apprezzamento circa un 50% oggi. Se avevi un milione di euro e cinque anni fa lo investivi invece in un impresa oggi sei fortunato se puoi ancora contare su un valore simile. Se compravi titoli di stato, senza rischio e senza fatica alcuna, avevi oggi un milione e mezzo di euro.. Lasciar soffocare di tasse le imprese e le famiglie, lesinare i soldi per la ricostruzione dal terremoto e arricchire chi detiene ricchezza finanziaria liquida (senza produrre niente) è una ricetta sudamericana. In Asia dirigono il denaro verso deficit pubblici con cui tengono basse le tasse e spendono per infrastrutture.
Detto questo, la politica della BCE ha avuto successo lo stesso rispetto allo stato di coma in cui versava nel 2012 l’economia dell’eurozona. Svalutare il cambio, ridurre i tassi di mercato e far aumentare la ricchezza finanziaria (ma anche il debito), ha funzionato nel riportar su l’economia europea. Non ha ridotto veramente la disoccupazione e non ha fatto recuperare neanche metà di quello che si è perso come aziende, investimenti, produzione (e nascite) in Italia, ma tiene a galla ora l’economia europea e la maggioranza della gente si accontenta ora di questo.
Giorgetti fa quindi benissimo a centrare il suo discorso su questo, sull’enorme creazione di denaro da parte delle Banche Centrali e il fatto che è stato qualcosa che non era previsto da nessun trattato e anzi (come lamentano spesso i tedeschi) va contro lo spiriito dei dannati trattati che proibiscono il finanziamento con creazione di moneta del debito pubblico. Ad esempio la BCE non compra obbligazioni o cartolarizzazioni di crediti di Banche europee, ma compra obbligazioni persino da conglomerati della birra brasiliani, con presenza in europa. E alcune di queste emissioni non sono AA, ma di qualità medio bassa. ” (qui lo nota oggi anche l’editor di economia di “Die Welt”)

Questo è in contrasto coi “Trattati”, ma dato che non era esplicitamente vietato, Commissione UE, BCE e governi si sono tacitamente accordati alla fine per farlo passare perchè l’alternativa era la disintegrazione dell’Euro. Devi quindi insistere sul fatto che: a) i trattati UE sono stati re-interpretati e aggirati b) si è creata (stampata elettronicamente) moneta come e più di prima dell’Euro.
Devi spostare la discussione su quello che è il cuore del problema, il potere di creare denaro, da parte di chi e a favore di chi. Il tasso di cambio tra la valuta dell’Italia e quella della Germania è una questione rilevante, ma secondaria rispetto al creare migliaia di miliardi e distribuirli. Creare 1,000, 2,000, poi 3,000 miliardi di euro e usarli a propria discrezione da parte dei banchieri centrali è il problema vero dell’eurozona (e in realtà anche in USA e nel resto del mondo sviluppato)..
Facciamo un esempio attuale. La BCE potrebbe, utilizzando meno dell’1% del denaro che ha creato, ad esempio comprare al loro valore attuale nei bilanci delle banche i crediti marci di MPS e le due Banche Venete e poi tenerseli per anni, fino a quando non li rivenda magari guadagnandoci pure (come è successo con analoghi acquisti di debito di banche in USA e UK dal 2008). Questa non è un idea bizzarra, ma è il modo normale con cui inglesi e americani hanno risolto la crisi bancaria, che era dieci volte maggiore presso di loro che non da noi, tra il 2008 e il 2010. E grazie a questa politica di usare in pratica la Banca Centrale come “Bad Bank” dei crediti incagliati delle loro banche hanno evitato poi la recessione continua che ha affllitto l’Italia dal 2009. Non ci dovrebbe poi essere bisogno di ricordare che questo è il sistema con cui in Cina e Giapppne risolvono le loro crisi bancarie.
In questo modo, utilizzando il potere che è stato conferito alla Banca Centrale di creare denaro, risolveresti il problema delle banche italiane di oggi, senza trascinare in una tortuosa e lenta agonia per anni le banche in crisi, le quali a sua volta poi trascinano con loro le imprese a cui hanno dato affidamenti e affossano così l’economia come è successo in Italia. Bisogna però prima togliere il velo che offusca agli occhi del pubblico quello che succede. In pratica la BCE agisce già come “bad bank”, ma preferisce comprare obbligazioni di multinazionali anche americane piuttosto che, usando 20 dei 3,000 miliardi di euro che ha creato complessivamente, liberare le banche italiane dei crediti che le incagliano.
(Va ribadito che se Bankitalia e la BCE comprano i crediti incagliati al valore che le banche oggi stimano nei loro bilanci queste ovviamente hanno delle perdite e vanno ricapitalizzate, ma intanto hai risolto metà del problema perchè hai trovato la “Bad Bank”, che è appunto la BCE)
Giorgetti per la Lega quindi fa bene a parlare di rinegoziare i trattati sulla base del fatto che la BCE e Bankitalia hanno creato una massa enorma di denaro che NON era prevista da alcun trattato e che anzi è stata creata scavalcandoli abilmente. Quello che manca però al discorso è una proposta pratica autonoma che l’italia possa usare anche come strumento di pressione, perchè l’esperienza del governo ultimo di centro-destra mostra che la BCE può giocare degli scherzi ai governi che si ribellino. Usare come dice Giorgetti il ritorno alla Lira come arma di pressione è velleitario, perchè non ha innanzitutto il consenso nel paese, tutti i sondaggi indicano che un 60% degli italiani preferisce evitare il ritorno alla Lira e in tutti questi le % non sono mai arrivate al 50%. Cioè se vuoi avere un arma di pressione non può essere qualcosa di vago che agiti, ma in cui poi non credi fino in fondo neanche tu e su cui soprattutto la maggioranza del paese non ti segue.
La strategia più pratica sarebbe creare 100 miliardi di Crediti Fiscali utilizzando un approccio simile a quello della BCE, cioè facendo qualcosa ai margini dei Trattati, che non è previsto e che forse contraddice lo spirito dei Trattati UE, ma che non è neanche in contrasto dal punto di vista legale e formale. Che è precisamente quello che hanno fatto alla BCE quando hanno comprato oltre 2mila mliardi di debito pubblico (per non parlare anche dei ridicoli acquisti di debito di multinazionali)
Dopo la sconfitta della LePen e ora appunto questa presa di posizione nella Lega (nonchè l’abbandono del referendum sull’euro del M5S) hai il “tramonto dell’uscita dall’Euro” (secca, con ritorno immediato alla Lira e conversione forzosa). L’Italia ha bisogno però di qualcosa di concreto e praticabile e non solo di osservazioni critiche all’operato della BCE e di parlare di revisione dei trattati, che è qualcosa che fanno ormai quasi i tutti i politici. Quello che dice Giorgetti è corretto, ma non è assolutamente sufficiente perchè come tutti sappiamo la Germania non ti da retta se ti limiti solamente a fare dichiarazioni e prese di posizione.
Occorre invece un piano pratico per creare denaro all’interno dell’economia italiana, qualcosa che si possa adottare in modo autonomo da parte dell’Italia, se necessario, senza chiedere permesso alla UE. Questa proposta si giustifica dal punto di vista economico come equivalente e parallelo a quello che hanno fatto le Banche Centrali. La differenza è che i 4,200 miliardi del bilancio della BCE (che nel 2008 era di 1,200 miliardi) e i 720 miliardi del bilancio di Bankitalia (che 2 anni fa erano 190 miliardi di meno) vengono usati solo per le banche, gli investitori finanziari e le multinazionali. Occorre che una frazione di questo denaro che viene creato vada a ridurre le tasse alle imprese e ai lavoratori. Il modo più semplice sarebbe, in teoria, come dice Giorgetti rinegoziare i famigerati “trattati” ammettendo che la Banca Centrale ha monetizzato 2mila miliardi di debito pubblico e quindi un deficit pubblico più ampio non è un problema. Visto che però tutti sappiamo che in pratica non ci sarà il consenso della Germania, bisogna avere pronto un proprio piano equivalente, in cui lo Stato italiano emette per suo conto Crediti Fiscali che funzionano come una moneta parallela solo in Italia.

Giovanni Zibordi
Fonte: http://cobraf.com
Link: http://cobraf.com/forum/forum/italia-268/topic/partiti-e-politici-in-economia-20786/?post=1054850#1054850
23.06.2017

IL NASONE

Home / Attualità / E bravo ministro Nasone!

E bravo ministro Nasone!

DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.it
Come mi piace il ministro Gianluca Galletti: mi piace soprattutto per la sua competenza e per la sua statura istituzionale. Per cercarlo su Google ho fatto fatica: continuavano a propormi solo galletti amburghesi: vuoi comprare galletti amburghesi? Fissa il prezzo su…compra, qui, galletti amburghesi congelati…tutta la fragranza…garantito…
Non sapevo che esistesse anche un ministro Galletti, un ministro del governo Gentiloni, ex Renzi, ex UDC, ex Casa delle Libertà, ex nuclearista convinto (anche nel proprio giardino! tuonava…) ex assessore del sindaco Guazzaloca (cdx) di Bologna, convinto assertore della difesa della famiglia, attivo partecipante al “Family Day”, ecc, ecc, ecc…
E’ il tipico politico della nostra era, come ritmava Fossati in La mia banda suona il rock: “oggi, fare tutto è un’esigenza”. Insomma, ha fatto carriera semplicemente perché è il commercialista di Casini.
Così, si fa anche il ministro dell’Ambiente, con sublimi competenze che gli derivano dall’aver spulciato, per anni, bilanci e bilanci. Buoni, truccati, da truccare, santissimi, maleodoranti e pizzineschi.
Quando l’Ambiente non dorme e da segno di sé – ancora Fossati…”Panama, che non dà segno di sé” – fra una piñacolada e un piatto di tortellini, si deve inventare qualcosa perché c’è la siccità. Ovviamente, tipi come il nostro bel Galletto non credono un acca del mutamento climatico: non perché se ne siano fatti un’opinione, ondeggiando fra i sostenitori della teoria antropica e, all’opposto, quelli della teoria dei cicli climatici naturali…no…semplicemente, non ne sa proprio niente!
Proprio mentre è al telefono con Pierferdinando – Ehi, Pier, devi mandarmi il bilancio della tua fondazione, altrimenti come faccio a farti avere lo sgravio fiscale? Quand, mercul d’sira? An pos brisa…go da andar a Mirandola, por la festa dal m’lon…eh, cusa vol c’at diga…ben, alora fem Giobia…as fem du turtein d’la Cesira? Va be, a Giobia d’sira… – mentre squilla l’altra linea, quella pubblica.
E un giornalista dei “nostri” – an pos brisa dirg ad no, ciao Pier, a Giobia – che gli chiede cosa farà il governo per ovviare alla siccità. Lì per lì, gli viene da dire: cosa vuole che ne sappia io?!? Poi, si ricorda d’essere il Ministro dell’Ambiente, quello con la “A” maiuscola.
Prende tempo: un attimo…mi chiamano sull’altra linea…soldi da dare agli agricoltori non ce ne sono, Sioux che facciano la danza della pioggia non ne conosco…e poi è meglio di no, che quando l’acqua arriva ne arriva sempre troppa (eh, non conoscere a fondo cosa vuol dire mutamento climatico N.d. A.)…insomma…chiama la moglie: “come si chiamano le fontane di Roma?”
“Nasoni, Gianluca, ma dai, come fai a non saperlo…”
Ma s’a vot ch’al sapia mi…pronto, eccomi, mi scusi…
“Chiuderemo i Nasoni…le fontane di Roma…sa, per via del Lago di Bracciano, delle sorgenti…metta giù due righe, tanto non possiamo far niente con la Merkel, figuriamoci con Giove Pluvio! Arrivederci, la saluto.” A l’è pront da magner?
Nell’Italietta post berlusconiana e post renziana, ci scusiamo coi lettori: non riusciamo ad inventare nulla, nessun complotto…c’è solo da ridere…
A parte, Ministro Nas…pardon, Galletti, che basterebbero dei semplici rubinetti col pulsante a tempo (magari dietro la colonnina, per non rovinare l’estetica)…ma lei si rende conto che è andato a scomodare una pulce quando in casa è entrato un elefante?
Se, invece, vuole saperne qualcosa di più mi limito a copiarle una soluzione (per carità: una delle molte: ci sono i dissalatori ad energia solare, il recupero delle acque reflue dei depuratori, l’irrigazione a goccia, ecc )…solo che è un po’ datata…la pubblicai il 4 Aprile del 2008…ma non si preoccupi, è attualissima! Tanto, non avete fatto niente!
Le ragioni dell’acqua (estratto)
Tre semplici chiuse
Il dimenticato “pianeta acqua” è dunque composito ed insostituibile: dalla tazza di tè alla centrale idroelettrica, dal pomodoro alla tintura dei tessuti. Cosa possiamo fare? Precisiamo che – a parte tanta aria fritta – non si sta facendo nulla. Allora, cosa si potrebbe fare? I grandi laghi prealpini hanno dei livelli minimi e massimi: secondo il Limno – la Banca dati dei laghi italiani – il Lago Maggiore ha addirittura un’escursione di circa 3,2 metri dal livello di massimo invaso al minimo, quello di Como di circa un metro e pressappoco 2 metri il Garda. Ci sono, poi, altri laghi minori.
In Primavera, i laghi raggiungono alti livelli con le piene primaverili e lo scioglimento delle nevi, ma tutta quell’acqua se ne va con il finire della Primavera, e in Estate – quando servirebbe – sono già ai livelli minimi. Basterebbero tre chiuse, tre sole chiuse che permettessero di mantenere i laghi agli alti livelli primaverili, per rilasciare poi lentamente l’acqua durante l’estate e utilizzarla per gli usi irrigui. Inoltre, mantenere su livelli costanti i laghi creerebbe meno problemi alla navigazione interna. Costo? Pochi milioni di euro (recuperati ampiamente, se ci fossero anche tre turbine idroelettriche a valle delle chiuse). Non miliardi come il Ponte sullo Stretto di Messina o per le banche venete.
Quanta acqua si riuscirebbe a trattenere in quel modo? Circa 1 miliardo e mezzo di metri cubi d’acqua. A quanto ammonta la portata del Po nella stagione di magra? Secondo il Consorzio Navigare sul Po, a circa 420 m3/s: con quell’acqua sarebbe possibile raddoppiare la portata del Po per un periodo pari a circa 41 giorni, ossia proprio nei momenti più acuti della siccità. Dalla gestione delle risorse idriche, quindi, dobbiamo passare a quella del sistema acqua: sembra un cavillo, ma è una distinzione profonda e di merito. La gestione del sistema acqua non consente solo d’avere più acqua quando serve, ma anche ad evitare le rovinose alluvioni dell’Autunno.
La gestione delle acque dolci
In Italia, non esiste il concetto di gestione delle acque dolci: nei paesi dell’Europa Centrale, le merci viaggiano per il 30% su fiumi e canali, da noi meno dell’1%. Il “pianeta acqua” incrocia anche il mondo del trasporto, e dove lo fa i risparmi sono evidenti: in Germania il passaggio delle merci dalla produzione alla distribuzione costa circa il 2% in meno che in Italia, proprio l’aggravio che comprende il trasporto.
L’UE, nel suo libro bianco La politica europea dei trasporti fino al 2010: il momento delle scelte ricordava che il bacino del Po è sotto-utilizzato per le sue potenzialità di trasporto, ed era disposta a finanziare fino al 50% della fase di progetto e fino al 10% delle opere per rendere navigabile il Po, dal Delta a Piacenza con diramazione verso Milano. I costi? Il Consorzio Navigare sul Po li stimò nel 2000 in circa 400 miliardi di vecchie lire: circa 200 milioni di euro che, con il contributo europeo, si sarebbero ridotti probabilmente a 100.
Inoltre, risistemando i fiumi, s’otterrebbero fondi attivi dalle cadute d’acqua (un tempo, le utilizzavano i mulini ad acqua): la Russia è il primo Paese al mondo per lo sfruttamento delle cadute d’acqua delle chiuse.
Qualcuno ne ha sentito parlare? Si è fatto qualcosa? Purtroppo, manca in Italia una visione politica che sia vicina alle necessità del Paese, che guardi alla soluzione dei problemi senza verificare, prima, se “tangenziale” fa rima con “tangente”. Sorella acqua è d’animo gentile e ci sta mandando innumerevoli segnali: la stiamo sottovalutando, ingiuriando, violentando. Non sia mai che passi ai fatti.
Non m’era mai capitato di ri-pubblicare un articolo e di trovarlo così attuale. Per chi volesse legger l’articolo integralmente, l’indirizzo è: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=18621
At salùt, Nason! Dighal a la festa dal m’lon: anche par far i m’lon ag vol d’laqua…

Carlo Bertani
Fonte: http://carlobertani.blogspot.it
Link: http://carlobertani.blogspot.it/2017/06/e-bravo-ministro-nasone.html
29.06.2017

IL PROCESSO A PELL PORTERA' LA CHIESA IN TRIBUNALE

Il processo che rischia di trascinare sul banco degli imputati l’intera Chiesa

La vicenda del cardinale Pell, incriminato per abusi sessuali, e le politiche incompiute in difesa dei minori

Con perfetta sincronia da sceneggiatura e montaggio alternato, tipica di un thriller hollywoodiano, mentre il cardinale George Pell faceva ingresso in sala stampa e prendeva posto al microfono, trafitto dai flash dei fotografi, a pochi metri gli altoparlanti della piazza diffondevano a tutto volume l’Alleluia diHaendel, offrendo una improbabile colonna sonora e dando voce, involontariamente ma verosimilmente, a un mal celato entusiasmo di curia, che trasuda sul volto accaldato di non pochi porporati, per la caduta del gigante australe.
Poi qualcuno deve essersi accorto della gaffe e lo speaker, in attesa dell’arrivo di Bergoglio per la celebrazione dei Santi Pietro e Paolo, è passato sobriamente alla recita dei misteri del rosario: comunque gloriosi.
Benvenuti sul set della Vatileaks infinita, dove la realtà supera da tempo qualunque immaginazione, tra un pontefice dimissionario e un successore rivoluzionario.
Alle 9,30, quando è cominciata la liturgia, l’afa stringeva già in una morsa la città dei papi, sotto la cappa di un cielo plumbeo: atmosfera pesante, non solo meteorologica, in grado d’infondere un presagio vagamente luciferino nei retro-pensieri delle menti più facilmente impressionabili.
“Portae inferi non prevalebunt”, ha subito intonato la Schola Cantorum, a mo’ di esorcismo rassicurante. Né l’adagio evangelico, tuttavia, né la lontananza di Melbourne, situata notoriamente, materialmente all’altro capo del mondo, fugavano la sensazione che a trovarsi sul banco degli imputati, dal 18 luglio, data d’inizio del processo, sarà l’intera Chiesa, sotto il tiro e i riflettori del media system anglosassone, in un colossale regolamento dei conti, dagli esiti esponenziali e imprevedibili. Con speciale riguardo all’impianto della Commissione Pontificia per la Tutela dei Minori, dopo la defenestrazione, in un caso, e defezione, nell’altro, delle due figure più simboliche, abusate in gioventù entrambe: l’inglese Peters Saunders, posto “in aspettativa” per avere chiesto le dimissioni di Pell; e la irlandese Mary Collins, che ha compiuto al contrario un passo indietro, rassegnata e indignata, dopo l’impatto, frustrante, con il muro di gomma della Congregazione per la Dottrina della Fede.
In “aspettativa” è da oggi anche Pell, il quale vede ampliarsi, nell’Orbe, l’outback e terra bruciata delle critiche nei suoi confronti, mentre si è progressivamente ristretto, in Urbe, l’ambito di prerogative un tempo amplissime.
A seguito del Motu Proprio Fidelis Dispensator et Prudens, il “canguro” aveva in effetti beneficiato nel febbraio del 2014 di un balzo istituzionale senza precedenti, ottenendo di rapportarsi direttamente al Papa e collocandosi de facto sullo stesso piano del Segretario di Stato: al punto che in termini del diritto costituzionale comparato si potrebbe parlare di un regime, unico al mondo, con due primi ministri.
Da quel momento Pell è assurto al rango di nemico pubblico, riuscendo nell’impresa di compattare contro di sé le diverse correnti ecclesiali. E ingaggiando altresì, su terreni scivolosissimi, una serie di duelli personali: con il cardinale Francesco Coccopalmerio, giurista meneghino, artefice degli statuti dei nuovi organismi e abile ad imbrigliarlo come un Gulliver a Lilliput, in un groviglio estenuante di lacci e laccioli. Con il “socialdemocratico” Reinhard Marx, Coordinatore del Consiglio per l’Economia, solerte a sventare in extremis sul tavolo del Pontefice il suo tentativo di costituire una SICAV, società d’investimento a capitale variabile con sede in Lussemburgo, ravvisandovi lo start della deriva verso forme di speculazione finanziaria, notoriamente aborrite da Bergoglio. Con il Cardinale Parolin e il suo vice, arcivescovo Angelo Becciu, che hanno sospeso il diktat con cui lo zar (altro soprannome di Pell) autorizzava PricewaterhouseCoopers, proprio consulente strategico, ad accedere no-limit ai bilanci di 120 enti vaticani.
E infine con il bertoniano, poi bergogliano, Domenico Calcagno, presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica, spogliato dapprima e quindi reintegrato, con il Motu Proprio del 4 luglio 2016, nella gestione del patrimonio immobiliare. Un provvedimento che ha ridimensionato George Pell da ministro “con” a senza “portafoglio”. Retrocedendo il “ranger” dal posto del guidatore a quello di controllore, sull’autobus delle finanze papali, e proclamando la summa divisio tra vigilanza e amministrazione.
E’ stato proprio nei confronti dell’APSA che il cardinale, 90 chili di stazza per un metro e novanta di altezza, figlio del campione australiano dei pesi massimi, ha menato a vuoto, in maggio, l’ultimo fendente: sottoscrivendo una lettera congiunta con il Revisore Generale, Libero Milone, nel frattempo dimissionario (dimissionato?) e denunciando l’ennesima, presunta invasione di campo.
“Sono innocente, considero l’idea stessa di abuso sessuale un crimine orribile. La notizia delle accuse ha rafforzato la mia determinazione e il processo giudiziario mi darà l’opportunità di difendere il mio nome e tornare al mio lavoro a Roma”.
Dal Colle Vaticano, che in questi anni ha sovente trasformato in un ring e in cui non prenderà più parte a cerimonie sino a quando la sua posizione non sarà chiarita, il “peso massimo” della Chiesa si accinge adesso a montare sulla pedana più ostica, sebbene casalinga, della sua vita. Dove in palio c’è la corona dell’onore. Mentre su di lui, nell’attesa del verdetto, grava come un countdown la formula di rito, che marca di provvisorietà, e precarietà, il prosieguo del suo mandato. Riservando al Papa, in ogni momento, e a seconda degli eventi, la facoltà di procedere ad altra designazione: “Donec aliter provideatur”.
http://www.huffingtonpost.it/2017/06/29/il-processo-che-rischia-di-trascinare-sul-banco-degli-imputati-l_a_23008562/

LE FORZE DELL'ORDINE HANNO L'OBBLIGO DI NON LASCIARE FUGGIRE PELL

Il cardinale Pell incriminato per pedofilia: “Torno in Australia a difendermi”

Il cardinale, accusato di “gravi abusi sessuali”, dichiara alla stampa la sua innocenza: “le accuse sono false, considero l’idea stessa di abuso sessuale un crimine orribile”

Tempesta in Vaticano dopo la notizia che il cardinale australiano George Pell, ex arcivescovo di Melbourne e poi di Sydney e dal 2014 prefetto degli Affari economici del Vaticano, è stato incriminato per gravi reati sessuali su minori.
La polizia australiana dello Stato di Victoria ha reso noto che il cardinale Pell “deve fronteggiare diverse accuse e contestazioni multiple”, precisando che nell’inchiesta sono state seguite le stesse procedure che vengono adottate nei casi di reati sessuali storici e che il cardinale “è stato trattato come ogni altro indagato”.
L’alto prelato 76enne è stato chiamato a comparire in tribunale a Melbourne il prossimo 18 luglio. Secondo indiscrezioni di stampa, tra le accuse ci sarebbe anche quella di stupro. A un incontro con i giornalisti, il portavoce della Santa Sede Greg Burke ha letto una nota in cui si dichiara che la Santa Sede ha «appreso con rincrescimento» la notizia del rinvio a giudizio in Australia del cardinale Pell per “imputazioni riferibili a fatti accaduti alcuni decenni orsono” e ha inoltre dichiarato che “il Santo Padre, informato di ciò dallo stesso cardinale Pell, gli ha concesso un periodo di congedo” e che inoltre Papa Francesco “ha potuto apprezzare l’onestà del cardinale Pell durante i tre anni di lavoro nella Curia Romana, gli è grato per la collaborazione e, in particolare, per l’energico impegno a favore delle riforme nel settore economico e amministrativo e l’attiva partecipazione nel Consiglio dei Cardinali”.

Lo stesso cardinale Pell ha poi incontrato la stampa e si è difeso dalle accuse: “Guardo al giorno in cui mi potrò difendere davanti alla corte. Sono innocente, le accuse sono false e considero l’idea stessa di abuso sessuale un crimine orribile”, sono le parole pronunciate dal cardinale, che poi continua: “Ho informato regolarmente il Santo Padre” ha precisato il porporato “in questi lunghi mesi e in numerose occasioni e abbiamo parlato della possibilità che io prenda un periodo di congedo per difendermi”.
Ha aggiunto di essere “molto grato al Santo Padre” per la concessione del congedo che gli permette di tornare in Australia. “Sono sempre stato totalmente coerente e chiaro nel mio respingimento totale di queste accuse. Le notizie di queste accuse” ha poi concluso Pell che non ha voluto rispondere alle domande dei giornalisti “rafforzano la mia risolutezza e le procedure del tribunale mi offrono ora la possibilità di difendere il mio nome”.
http://espresso.repubblica.it/attualita/2017/06/29/news/il-cardinale-pell-incriminato-per-pedofilia-torno-in-australia-a-difendermi-1.305293?ref=fbpe

LA DIMOSTRAZIONE CHE LA CHIESA HA UCCISO LA ORLANDI

Caso Orlandi, dal Vaticano la risposta alla mamma di Emanuela: “Non c’è nessun dossier segreto

Monsignor Angelo Becciu, sostituto alla segreteria Vaticana, risponde alla lettera che Maria Pezzano Orlandi gli ha scritto attraverso le pagine del Corriere della Sera: “La signora Orlandi è una madre con il cuore spezzato, sono pronto a riceverla”. In Vaticano? Non esiste nessun dossier segreto”.
“Non c’è alcun dossier su Emanuela Orlandi in Vaticano”. Così, monsignor Angelo Becciu, risponde alla lettera che Maria Pezzano Orlandi gli ha scritto attraverso le pagine del Corriere della Sera. La mamma della quindicenne cittadina vaticana scomparsa a Roma 34 anni fa aveva espresso la sua amarezza per le parole con cui il  segretario di Stato della Santa Sede ha commentato la richiesta di accesso agli atti presentata dai legali degli Orlandi circa la documentazione custodita in Vaticano sul caso, della quale sarebbe emersa l’esistenza nel corso del processo Vatileaks: “Per noi il caso è chiuso”, aveva detto. “Non è un caso chiuso, è mia figlia” aveva risposto la signora Orlandi dalle colonne del giornale. Oggi Becciu fa chiarezza sull’esistenza di un dossier vaticano sul caso e su quelle parole.
Dichiarando ai giornalisti che ‘il caso era chiuso’ non intendevo spegnere le legittime speranze di una mamma che da 34 anni spera di poter ritrovare la figlia. Rispondevo a una precisa domanda che i cronisti mi avevano posto chiedendomi se ci fossero delle novità sulla vicenda di Emanuela. Quella mattina avevo dato una rapida scorsa ai giornali. Un articolo faceva cenno a una petizione per poter visionare il presunto dossier che sarebbe custodito in Vaticano sulla scomparsa della figlia. Volevo ripetere quello che era stato detto tante altre volte, che non c’era alcun presunto dossier.
La Signora Orlandi è una madre con il cuore spezzato. Un dolore più grande forse non c’è o comunque è difficile da immaginare. Se sapessi che un incontro potrebbe anche per un po’ alleviare tanto soffrire, sappia che sono qui, pronto a riceverla. In passato, alcuni mesi fa, mi sono attivato perché incontrasse il Santo Padre, non potrei non confermarle che la mia porta per lei rimane sempre aperta.
Emanuela Orlandi è scomparsa da Roma il 22 giugno del 1983, dopo una lezione di musica a Sant’Apollinare. A lungo si è indagato sul presunto rapimento della ragazza, ma senza imboccare mai una pista che portasse al ritrovamento della ragazza, o, come invoca la famiglia, a quello delle sue spoglie. Scandalo suscitarono le dichiarazioni di padre Gabriele Amorth, uno dei più noti preti esorcisti del mondo, che, in una intervista rilasciata a La Stampa nel 2012, ipotizzava che la ragazzina fosse finita in un’orgia di pedofili in Vaticano, dove, dopo essere stata sottoposta a sevizie, presumibilmente di carattere sessuale, sarebbe rimasta uccisa.
http://www.fanpage.it/caso-orlandi-dal-vaticano-la-risposta-alla-mamma-di-emanuela-non-c-e-nessun-dossier-segreto/

I PICCIOTTI DI FIDUCIA DI PORCOPAPPA

Pedofilia: papa Francesco e i suoi (improbabili) uomini di fiducia

Di Federico Tulli
E così, mentre tutta la stampa e i politici esaltano un capo di Stato straniero per aver puntato l’indice contro le “pensioni d’oro” che lo Stato italiano elargisce sulla base di leggi italiane – facendo finta di non sapere che lo stesso Stato italiano paga profumate pensioni, per dirne una, ai cappellani militari che rispondono agli ordini di quel capo di Stato straniero -, accade che il numero tre dello Stato straniero, guidato dal capo in questione e chiamato da costui a dirigere il superministero più importante: quello della Trasparenza economica e finanziaria, confermi di non essere la persona più adatta a ricoprire un ruolo tanto delicato finendo in grossi guai per questioni di pedofilia. Su Left lo avevamo anticipato oltre un anno fa (vedi il numero 10 del 5 marzo 2016) ma facciamo qualche nome, ché magari qualcuno un po’ distratto non ha capito di chi stiamo parlando.
Lo Stato straniero è il Vaticano, il capo è papa Francesco, il presunto pedofilo superministro dell’Economia della Santa sede è il cardinale australiano George Pell.
La notizia è arrivata in Italia questa notte: Pell è stato incriminato in patria per tre casi di violenza su minori. La notifica di reato – riferisce la radio nazionale Abc – è stata recapitata a Melbourne ai suoi rappresentanti legali dalla polizia dello Stato di Victoria mercoledì 28 mattina. L’alto prelato che fa parte dei cosiddetti C9, i Consiglio dei nove cardinali di fiducia di papa Bergoglio, è stato subito messo in aspettativa dal pontefice per potersi recare in Australia e difendersi personalmente dalle gravi accuse che si sommano a quelle di aver protetto dei preti pedofili e insabbiato decine di casi quando era arcivescovo di Melbourne.
A questo punto è doveroso tornare a marzo del 2016. Precisamente a quando l’esaltatissima – sempre dai politici e dalla stampa nostrana – Pontificia commissione per la protezione dei minori insediata da papa Francesco nel 2014, ha espulso uno dei due componenti laici, l’avvocato inglese Peter Saunders. Come raccontammo su Left, la defenestrazione di Saunders andava messa in relazione alle sue accuse contro il card. George Pell di avere ignorato e coperto per decenni abusi compiuti da oltre 280 sacerdoti. Affermazioni che il superministro dell’Economia di Bergoglio, già arcivescovo di Melbourne e di Sydney, ha sempre respinto senza però riuscire a evitare di deporre dal 28 febbraio 2016 di fronte alla commissione governativa australiana sui crimini pedofili. Tre mesi dopo il cardinalissimo è finito sotto inchiesta per violenze da lui stesso compiute. E ora la notifica di reato.
«Non sono qui per difendere l’indifendibile» aveva detto mons. Pell a Roma ammettendo che la Chiesa ha commesso «errori enormi» consentendo l’abuso di migliaia e migliaia di bambini: troppe denunce arrivate da fonti credibili sono state spesso respinte «in scandalose circostanze» ha osservato il cardinale tentando di smarcarsi. Una linea coerente con la posizione della Pontificia commissione schierata contro i vescovi (Conferenza episcopale italiana compresa) che nelle loro linee guida anti pedofilia non prevedono l’obbligo di denuncia laddove non è imposta dalle leggi “laiche”. «Abbiamo tutti la responsabilità morale ed etica di denunciare gli abusi presunti alle autorità civili» ha ricordato il cardinale O’Malley, capo della commissione. Una responsabilità che però di fatto non sfiora la Santa Sede e chi la guida (sempre quello che critica le pensioni d’oro).
Papa Francesco «non ha fatto nulla per mettere fine agli abusi di matrice clericale sui bambini» disse Peter Saunders alla Bbc poco dopo essere stato espulso dalla Commissione, definendo «oltraggiosa» la nomina dell’amico personale di Bergoglio, mons. Juan de la Cruz Barros Madrid a vescovo di Osorno in Cile sebbene fosse sospettato di aver protetto padre Karadima, un potentissimo sacerdote condannato per pedofilia nel 2011.
Ma non c’è solo questo a mettere in contraddizione la realtà dei fatti con le parole, i proclami, gli avvertimenti e gli annunci di “tolleranza zero” contro la pedofilia che papa Francesco lancia in continuazione appena si trova un microfono davanti.
Va ricordato infatti che tra il 2004 e il 2013 la Chiesa ha espulso 848 sacerdoti responsabili di abusi. Lo dissero con orgoglio nel 2014 i nunzi di papa Francesco a due commissioni Onu (quella per la tutela dell’infanzia e quella contro la tortura). Bene, anzi, male. Per alcuni di questi pedofili la dimissione dallo stato clericale è arrivata SOLO dopo una condanna penale “laica” (come per esempio è accaduto di recente a don Inzoli, alto esponente di Comunione e Liberazione e fondatore del Banco alimentare). Per altri invece si è espresso solo il tribunale ecclesiastico. Era il 2014, dove sono oggi questi pedofili ignoti alla giustizia “terrena”? Non si sa. Come si chiamano? Quanti sono? Non si sa. Gli emissari del papa si rifiutarono di fornire queste notizie agli investigatori dell’Onu che anche per questo hanno accusato la Santa Sede di aver «regolarmente messo al di sopra dell’interesse dei bambini la tutela della reputazione della Chiesa e la protezione dei responsabili». Il monito delle Nazioni Unite ha spinto per caso papa Bergoglio a imporre un cambio di rotta mediante la segnalazione obbligatoria alle autorità civili? La risposta è sempre no. A proposito di pedofilia, come nel caso di George Pell, il superministro della trasparenza, i fatti e la… trasparenza in Vaticano stanno sempre a zero. Mentre la tolleranza viaggia a vele spiegate, o meglio in business class verso Melbourne.

INCREDIBILE VERGOGNA MONDIALE: SOLO 4 ANNI E 9 MESI A DON INZOLI! INCREDIBILE!

Pedofilia, 4 anni e 9 mesi a don Inzoli

(ANSA) – CREMONA, 29 GIU – Don Mauro Inzoli è stato condannato dal tribunale di Cremona a 4 anni e 9 mesi per abusi sessuali ai danni di cinque ragazzi, il più piccolo di 12 anni e il più grande di 16 al momento dei fatti. Alle cinque vittime il sacerdote, che per trent’anni è stato a capo di Cl a Cremona, aveva già risarcito il danno: 25mila euro a testa. Il procuratore Roberto Di Martino del Tribunale di Cremona aveva chiesto la condanna a sei anni di reclusione. Nella richiesta il procuratore aveva tenuto conto dello sconto di un terzo di pena previsto per il rito abbreviato e dell’attenuante relativa ai risarcimenti. Don Inzoli è stato condannato a 4 anni e 9 mesi, oltre al divieto di avvicinarsi a luoghi frequentati da minori.
http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2016/06/29/pedofilia-4-anni-e-9-mesi-a-don-inzoli_c4dd6f74-7e6a-4036-9050-1173b2a78afb.html

VETERINARI CONTRO ALLEVAMENTI INTENSIVI

veterinari
 | 

VETERINARI SCHIERATI CONTRO I MALTRATTAMENTI DEGLI ANIMALI NEGLI ALLEVAMENTI: È LA PRIMA VOLTA IN EUROPA

Una svolta epocale che sicuramente è destinata a fare molto rumore in tutta Europa. Un gruppo di 70 veterinari, in prevalenza olandesi, hanno firmato una lettera in cui chiedono, una volta per tutte, la fine dei maltrattamenti degli animali negli allevamenti e nei macelli. Il gruppo di firmatari si chiama The Caring Vetse ha avuto un ampio seguito specialmente sui media olandesi. Il grido di protesta è estremamente efficace perché lanciato da veterinari che lavorano a diretto contatto con le aziende e che sottolineano come il sistema di cui fanno parte non funzioni.

LE RICHIESTE DEI VETERINARI SU ALLEVAMENTI INTENSIVI

Le loro richieste sono semplici e dirette. Non accettano che, ormai, la loro professione si sia allontanata sempre di più dalla fondamentale attività di garantire il benessere animale e punti sempre di più a garantire lo status quo dei grandi allevamenti intensivi, in nome di più alti interessi economici. La loro lettera è stata diffusa in Italia dalla dottoressa Elena Nalon, medico veterinario anche lei, dottore di ricerca e specialista del college europeo di benessere animale, etica e legislazione, responsabile dei programmi sul benessere degli animali di allevamento per Eurogroup for Animals.
«Il modello predominante di produzione di prodotti di origine animale in grandi quantità a basso costo – scrivono i veterinari – non ha cagionato solamente gravi problemi ambientali ma costituisce una minaccia per il benessere animale». Nella lettera vengono citate alcune pratiche censurabili come la debeccazione delle galline, l’isolamento in cui sono ridotte alcune scrofe, la separazione dei vitelli da latte dalle loro madri e l’asportazione delle corna a vitelli e agnelli, l’utilizzo di anidride carbonica per stordire i maiali.Sotto la lente d’ingrandimento critica dei veterinari, poi, ci sono anche le condizioni di trasporto degli animali stessi: «Un veterinario deve emettere un certificato sanitario per ciascun trasporto. Tuttavia, nessun animale può essere così tanto in salute da trascorrere un’intera giornata in un camion o in una nave sovraffollata con pessimi impianti per l’abbeveraggio, spesso sotto il sole cocente o in condizioni di freddo estremo, talvolta anche in avanzato stato di gravidanza – denunciano nella loro lettera -. Questi sono alcuni esempi di prassi che noi veterinari e le nostre associazioni professionali agevoliamo. Talvolta con le nostre firme, molto spesso con il nostro silenzio».

LETTERA VETERINARI OLANDESI, LA REAZIONE DEL CIWF ITALIA

Il documento viene definito epocale da Annamaria Pisapia, direttrice CIWF Italia Onlus, la maggiore organizzazione per il benessere degli animali da allevamento. «Per la prima volta – dice la Pisapia – un gruppo consistente di veterinari mette nero su bianco una condanna senza appello del metodo di allevamento intensivo come totalmente lesivo del benessere degli animali, e stigmatizza la compiacenza o la mancanza di azione di propri stessi colleghi al riguardo».
Inoltre, la direttrice di CIWF Italia invita i veterinari del nostro Paese a sottoscrivere l’appello fatto dai loro colleghi olandesi: «In Spagna lo hanno già fatto, gli italiani invece che faranno? Noi li invitiamo a prendere una posizione pubblica a riguardo. È tempo che anche loro scendano in campo: li stiamo aspettando».