“Se tutti gli agricoltori utilizzassero questo sistema di irrigazione “a goccia”, il problema della siccità sarebbe, almeno per qualche anno, risolto”. Marco Bertotto è il presidente del Consorzio Irriguo Angiono Foglietti che insieme alla Cooperativa Dora Baltea, al Consorzio Ceralicolo Capac e a Confcooperative Fedagri Piemonte, da un paio di anni ha portato in Piemonte il sistema di irrigazione “a goccia” prendendo spunto dalle tecniche utilizzate in Israele. “Il sistema di irrigazione è fermo al 1500 nella nostra regione, pertanto abbiamo sentito la necessità di provare ad innovare per renderlo più sostenibile”. La sperimentazione è partita un paio di anni fa su un campo di 30 ettari della Cooperativa Bora Baltea in Piemonte e ha portato ad un risparmio certificato del 60% dell’acqua e a una gestione più sostenibile dei fertilizzanti: “Grazie a questo sistema utilizziamo la giusta quantità d’acqua e di fertilizzante che serve alla pianta ottenendo un prodotto che è migliore” racconta il presidente della cooperativa Dora baltea Renato Chiadò Puli. La sfida sarà quella di replicare questo modello su una superficie più ampia, 300 ettari.